26 settembre 2013

Lavaredo! (4)

DSC 2558

Qui la prima parte, qui la seconda, qui la terza. 
Sono le 18.40 e sono in attesa del tramonto sulle Tre cime di Lavaredo nei pressi del Rifugio Locatelli.  

DSC 2273

Alla mia destra, il Monte Paterno è già invece ampiamente scaldato dai bassi raggi del sole, proprio perché le sue pareti volgono a ovest. 

DSC 2266

Nell'attesa ne approfitto per fare un ritratto fotografico distintamente alle Tre cime. Ecco la Cima Piccola. 

DSC 2275

Cima Grande. 

DSC 2277

E Cima Ovest. 

DSC 2276

Nel frattempo, la temperatura sta letteralmente precipitando. Mi infilo i guanti, la giacca e lo scaldacollo. A tratti mi sento nei campi di grano de "Il Gladiatore". Il sole scalda tutto col suo colore ambrato, il silenzio accentua questo momento magico. Sono solo con la natura. 

DSC 2292

Mi sdraio per terra e scatto. 

DSC 2291

Il sole è quasi scomparso alla mia vista. 

DSC 2305

Ma non sulle Cime. 

DSC 2310

La Torre di Toblin dietro di me, da spettacolo. 

DSC 2307

DSC 2308

Le Tre Cime di Lavaredo arrivano al loro massimo potenziale "tramontistico", parola che non esiste ma che rende bene l'idea. 

DSC 2335

Una bella panoramica scattata alle 19 in punto. Il Paterno sulla sinistra, le Tre Cime di fronte. 

Schermata 2013 09 26 alle 19 09 48

Prima di sparire il sole mi regala delicate sfumature di luce. 

DSC 2361

DSC 2370

Poi arriva l'oscurità e con essa un gelo che non mi aspettavo. Alla fine di tutto ciò ho una certezza: preferisco nettamente i tramonti dolomitici invernali. Molto più suggestivi, ricchi di colore e di phatos. Mi dirigo verso il Locatelli, perché ora c'è in programma una cena solitaria all'aperto con vista sulle Cime. 

DSC 2402

Penso non mi sia mai capitato di stare ancora camminando a 2400 metri sui sentieri mentre cala la notte. E' una strana sensazione. 

DSC 2404

Il rifugio si è svuotato, sono rimasti solo gli escursionisti che si fermeranno per la notte ma sono rintanati dentro al calduccio. Non so che temperatura ci sia, ma presumo viaggi intorno ai 4-5 gradi. 

DSC 2408

Io con calma, apparecchio la mia tavola fuori dal rifugio e mangio i miei ottimi tramezzini, preparati dalla Moma. 

DSC 2410

Da dove sono vedo il Paterno con le sue bellissime punte aguzze. 

DSC 2411

E le tre Cime che si apprestano ad andare a dormire. 

DSC 2413

Ormai del sole non rimane che un timido rossore all'orizzonte. Ci vediamo domani mattina bello! Dall'altra parte della terra!

DSC 2415

Mentre mangio vedo comparire la prima stella. E' Venere che è luminosa come un faro. 

DSC 2428

Finisco di mangiare e inizio la sessione notturna di fotografia. Alle mie spalle un gruppetto di alpinisti sta scendendo da un sentiero aiutato dalle frontali (le lampade che si fissano in fronte). 

DSC 2436

Io sono a meno di 50 metri dal rifugio, in una zona dove le luci che filtrano dalle finestre non mi diano fastidio. Il freddo è magicamente scomparso. Sarà che sono tutto preso da quello che sto facendo? Dal fatto che ho davanti a me una notte stellata fantastica e che tra poco vedrò sorgere la luna? Può essere. 

DSC 2437

Mi allontano ancora un po' dal rifugio. Mi aiuto con la pila che mi sono portato da casa, anche se dopo un po' i miei occhi si sono abituati alla luce fioca della notte e ci vedo abbastanza bene anche senza aiuto. 

DSC 2442

In cielo iniziano a comparire migliaia di stelle. Dietro di me individuo il grande carro. 

DSC 2453

 Alle 20.41, fa il suo ingresso miss Luna! Sorge proprio a lato del Locatelli e illumina tutto a  giorno. 

DSC 2458

La notte, nonostante l'arrivo della luna, inizia a dare i suoi frutti. I tre spettri di Lavaredo incorniciano un accenno di Via Lattea. 

DSC 2461

Inizio a fare esperimenti fotografici. Allungo i tempi di scatto fino a oltre i 30 secondi a 1600 ISO. Il risultato è la zona illuminata a giorno dalla Luna. Laggiù vedo la Croda Rossa anche se a occhio nudo non vedo proprio nulla. 

DSC 2464

Faccio un po' lo scemo con la pila. 

DSC 2471

DSC 2498

Poi torno serio per immortalare questa coperta di stelle. 

DSC 2478

Provo ad immortalarmi ma non è semplice stare fermo 20 secondi. 

DSC 2494

Starei qui tutta la notte ma ora devo rientrare perché ho assoluta necessità di ricaricare il mio iPhone che 30 minuti fa era al 39%. Sono stato bravo a conservare la batteria per tutto il giorno dalle 9 di questa mattina fino ad ora. Ma se voglio andar via tranquillo anche domani, ho bisogno di collegare l'iPhone ad una presa di corrente per almeno un'ora. Entro nel rifugio. 

DSC 2508

Ci sono ancora persone ai tavoli che chiacchierano ma c'è aria di smobilitazione. Mi avvicino al bancone e chiedo di poter collegare l'iPhone ad una presa della corrente (via mail mi era stato detto che sarebbe stato possibile farlo). La tipa mi dice che tra 10 minuti si spegne tutto perché staccano il generatore.  … Mi cascano le braccia. Prendo l'iPhone dal marsupio per vedere quanta carica mi rimane e con orrore scopro che si è spento. Evidentemente il freddo l'ha messo ko mangiandosi il 39% di carica che era rimasta. 
Sono nella cacca, perché non so come svegliarmi domani mattina e non so come chiamare a casa. Non mi rimane che togliermi gli scarponi e salire a dormire. Sono le 22.01.
Arrivo nello stanzone grande e trovo tutto spento. Qui dormono già tutti e io sono completamente vestito, con uno zainone enorme da sistemare e non vedo nulla perché l'iPhone è morto.
Come finirà questa nottata?

A presto per l'ultima puntata.  

 

Pin It

5 commenti:

luci ha detto...

Questa parola la uso spesso per Oscar ma oggi è tutta per te: SPEECHLESS !
ciao Luci

Momo ha detto...

Luci, grazie infinite! Pensa che io non sono molto soddisfatto del risultato. E la colpa è solo mia e del mio polarizzatore da 29 euro! Sgrunt.

Anonimo ha detto...

vai momo..bellissimo post..
non vedo l'ora di leggere come va a finire...
ciao
max bdg

Anonimo ha detto...

Incredibili foto davvero!!!vivo i tuoi post come se stessi seguendo una serie televisiva di cui non vedi l'ora di sapere il finale....
E ammetto...anche con un pò di invidia!!!davvero bravo!!!
Matteo(legnano) ;)

Oscar ha detto...

Le tue foto sono una vera gioia per i nostri occhi e il tuo racconto è molto coinvolgente e ci fa sentire vicino a te. Conosco le sensazioni che hai provato in quanto so che la voglia di descrivere cio' che stai vedendo annulla la sensazione di fame, freddo o altro che il corpo ti trasmette. L'adrenalina è forte. Bravo davvero. Ciao Momo

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...