24 settembre 2013

Lavaredo! (2)

DSC 2223

Qui la prima parte.
Ora che ho trovato una soddisfacente posizione per fotografare l'alba di domani, mi dirigo verso la forcella Lavaredo, che si trova alla destra delle Cime di Lavaredo, guardando da sud. 

DSC 1918

La mia prossima meta è il Rifugio Locatelli dove dormirò questa notte e che dista a circa 30-40 minuti da qui. Sul mio cammino incontro due piccoli laghetti. Scoprirò poi che questa zona ne è particolarmente ricca. 

DSC 1928

Magari sfrutterò i laghetti anche domani mattina con le luci dell'alba. Vedremo. 

DSC 1935

Ora c'è da prestare attenzione alle Tre cime, perché stiamo per scoprire il loro lato più conosciuto. 

DSC 1936

Infatti, mano a mano che percorreremo la strada sterrata che porta alla Forcella Lavaredo, le Cime riveleranno le loro imponenti pareti nord. Una più bella dell'altra. 

DSC 1939

Per arrivare alla forcella la strada sale leggermente, ma stiamo sempre parlando di una difficoltà ridicola, praticamente nulla. 

DSC 1940

DSC 1941

Guardate le Cime…. Iniziano quasi a fare soggezione. 

DSC 1946

Guardate l'imponenza rispetto all'insignificante uomo. 

DSC 1948

Mi faccio attrarre dalle loro rughe. 

DSC 1950

DSC 1951

DSC 1952

DSC 1953

Manca poco allo scollinamento. 

DSC 1956

Siete pronti??? Che ci sarà dall'altra parte? E il solito giochino della sorpresa quando si scollina in montagna. In ogni caso, qui tira un vento mica da ridere...

DSC 1960

Eccoci qui! Da sinistra si può riconoscere la Croda Rossa, il Monte Rudo, la Torre di Toblin, ecc… Piccolo piccolo, si vede anche sulla destra il Rifugio Locatelli. 

Schermata 2013 09 24 alle 18 48 15

Ecco le Tre Cime di Lavaredo viste di fianco. 

DSC 1972

Salgo verso la loro base. 

DSC 1973

Ci sono rocciatori intenti a salire. Da qui vedo bene l'intera forcella Lavaredo e sullo sfondo il Monte paterno (a sinistra) e la Croda Passaporto (a destra). 

Schermata 2013 09 24 alle 19 01 31

La Croda Rossa. Meravigliosa. Prima o poi avvicinerò anche lei. 

DSC 1979

E' tempo di dirigersi verso il Rifugio Locatelli. 

DSC 1985

Per farlo, percorro sempre la strada sterrata che circonda le Cime di Lavaredo e che ora corre proprio sotto il Monte Paterno. 

DSC 1991

Questa è la strada che mi attende ora. Potete vedere il rifugio Lavaredo circondato in verde e il rifugio Locatelli circondato in Rosso. In blu il sentiero che sto percorrendo.

Schermata 2013 09 24 alle 22 09 18

Nel frattempo le Cime alle mie spalle, si rivelano!

DSC 1997

Invece di stare sul sentiero principale, faccio un sentiero parallelo ma un po' più alto e quindi più panoramico. 

DSC 1995

La gente intorno a me è sempre molta. 

DSC 2003

Il Locatelli si avvicina. 

DSC 2021

Questo è il territorio ai piedi delle Cime di Lavaredo sul lato nord. Come vedete, anche qui esiste un profondo avvallamento che impedisce di spostarsi liberamente davanti alle Cime. Questo vuol dire che anche per attendere il tramonto, ci sarà da ragionare per bene. 

Panoramica Lavaredo Nord

Proseguo sul mio sentiero in quota. Passo un ponticello. 

DSC 2031

DSC 2032

DSC 2035

DSC 2036

Una delle tante grotte scavate dai soldati cento anni fa. 

DSC 2038

DSC 2039

DSC 2043

DSC 2053

Ma eccomi al grande rifugio Locatelli, a 2405 metri d'altezza. 

DSC 2056

Qui dormirò questa notte, dopo aver prenotato alcuni giorni fa. Trovare posto non è stato semplice. Il rifugio è molto frequentato e il 29 settembre chiuderà per il periodo invernale. 

DSC 2057

Questa è la visione delle Cime di Lavaredo dal Rifugio Locatelli. Nel frattempo in quella direzione sono comparse diverse nuvole guasta feste. 

DSC 2058

Questa invece è la webcam che trasmette queste immagini sul web. E' installata nella piccola casetta a fianco al rifugio. 

DSC 2059

E' quasi ora di mangiare e visto che non mi va di stare in mezzo alla folla, vado a cercarmi un posticino verso i laghi dei Piani che sono proprio sotto il rifugio. Eccoli lì!

DSC 2063

A presto per la continuazione del racconto. 
Scusate i tempi di attesa un po' lunghi, ma ho avuto dei problemi tecnici con il software che utilizzo per pubblicare i posts. Forse lo avrete anche notato: alcune immagini venivano rovinate dalla compressione anomala del jpeg. Spero di risolvere in fretta.  

 

Pin It

1 commento:

maria rosa ha detto...

la prima parte mi aveva lasciato un po' ....... la seconda mi lascia SENZA PAROLE!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...