25 settembre 2013

Lavaredo! (3)

Schermata 2013 09 26 alle 00 07 15

Qui la prima parte e qui la seconda. 
Si è fatta una certa ora e la mia escursione si prende una pausa.  Scendo di poche decine di metri rispetto al Rifugio Locatelli e vado verso i laghi dei Piani, proprio ai piedi del Monte Paterno.

DSC 2068

Conosco questi laghi, perché li avevo già fotografati nel 2006 quando ero stato qui. Sono affascinanti perché affondano nell'erba folta e sono circondati da prati e cime stupende. Insomma, anche qui è un piccolo paradiso. 

DSC 2080

Guardate i colori della montagna, del prato e del cielo che si specchiano nell'acqua 

DSC 2083

Trovo un bel pezzo di praticello con pendenza verso il sole e mi accomodo mollando il macigno di oltre 20 kg sull'erba. 

DSC 2093

Mi stravacco ad ammirare quello che mi circonda. La fretta non so neppure cosa sia. 

DSC 2094

Dopo un pochino di riposo, sfodero il mio borsone del cibo. Stavolta è proprio tanto, perché contiene pranzo, cena e colazione per domani, più eventuali spuntini o crisi di sete. 

DSC 2095

Comincio con pane fresco e speck acquistato in Val Pusteria questa mattina. 

DSC 2096

Poi una mela autoctona. 

DSC 2098

E infine un dolcetto per concludere in bellezza. 

DSC 2099

La Torre di Toblin, nome vagamente Hobbit, veglia su di me alla mia sinistra. 

DSC 2100

Le nuvole alte che stanno ancora passando sopra le Tre cime di Lavaredo, stanno lasciando sgombra questa vasta zona. Spero che per il tramonto il cielo si liberi completamente. Faccio ancora qualche scatto a questi meravigliosi laghetti. 

DSC 2106

Quello è il Locatelli. 

DSC 2122

La trasparenza dell'acqua. 

DSC 2113

DSC 2121

La delicatezza di questi bellissimi ciuffi di bianco. 

DSC 2116

Chissà a che fiore appartengono...

DSC 2117

Anche se l'estate è appena terminata, qualche fiore ancora c'è. 

DSC 2132

E' tempo di tornare verso il Locatelli. Devo entrare e capire in che condizioni dormirò stanotte. Ecco di nuovo il Paterno. 

DSC 2150

Un Hobbit dorme su un pietrine sotto la Torre di Toblin. 

DSC 2151

Un ultimo sguardo ai laghi dei Piani. 

DSC 2154

Poi arrivo nei pressi del Locatelli, dove c'è una bella chiesetta. 

DSC 2155

Il Locatelli non conosce crisi ed è bello pieno. 

DSC 2156

Entro. 

DSC 2158

Ecco le porte secondarie del rifugio. Gulp!

DSC 2159

Parlo con i titolari, riesco a pagare subito il pernottamento (20 euro) in modo da essere libero di spostarmi come voglio, visto che non cenerò ne farò colazione qui. Poi mi faccio spiegare dov'è il mio posto letto. E' al terzo e ultimo piano, dentro una stanzetta.

DSC 2174

Per salire ai piani, occorre togliersi gli scarponi e indossare delle abbastanza ridicole scopiazzature di crocs dai colori improponibili, perlomeno per omaccioni di montagna. 

DSC 2161

Ma dico, la dignità dove la mettiamo? Prendo un paio di ciabatte gialle e salgo. 

DSC 2168

Per arrivare al mio posto letto dovrò attraversare uno stanzone con dentro una ventina di posti letto.

DSC 2164

Ora non c'è nessuno. Entro nella mia stanzetta. Mia per modo di dire: ci sono altri 10 posti letto qui dentro. E non sarà più grande di 20 mq. Individuo il mio letto, che per fortuna è sopra e attaccato alla finestra. Ci stendo sopra il sacco a pelo e mi guardo intorno. 

DSC 2167

Questa notte dovrò tornare qui, magari quando gli altri già dormiranno e dovrò fare meno rumore possibile per infilarmi a letto. Stessa cosa la mattina seguente, quando il programma prevede che esca dal rifugio alle 5. 

DSC 2165

Ora è tempo di uscire e tornare alle mie Cime di Lavaredo. 

DSC 2170

E la fortuna vuole che il cielo sia tornato completamente sereno. Evviva!!

DSC 2177

In ogni caso le Cime, ora come ora, sono poco fotografabili, perché completamente in ombra. 

DSC 2176

Questa è la sfiga di queste meravigliose guglie piatte. Sono rivolte completamente a nord e beccano il sole solo al tramonto e pochissimo all'alba. Ora è tempo di trovare la giusta posizione per le foto del tramonto. Nell'immagine qui sotto potete vedere il Locatelli dove sono ora, circondato di arancio, e in rosso la zona dove avevo immaginato fosse meglio appostarsi per fotografare le Tre Cime al tramonto. La direzione del sole a quell'ora è grosso modo quella indicata dalla freccia rossa. 

Schermata 2013 09 25 alle 23 06 21

Mi incammino col mio zaino leggermente meno pesante (per aver mangiato un po' e per aver lasciato il sacco a pelo al rifugio), lungo il sentiero 102. 

DSC 2179

In pratica proseguo il giro delle Cime di Lavaredo che un po' tutti fanno. 

DSC 2180

Qui affronto il pezzo più spaccagambe di tutto il giro. Si tratta di una ripida discesa seguita subito da una salita molto tosta. 

DSC 2190

Qua sotto le Cime non si vedono quasi più. 

DSC 2192

Il Paterno invece, è sempre in vista dietro di me. 

DSC 2193

Si risale per la lunga salitazza. 

DSC 2194

Ora cammino sul sentiero quasi in piano e alla mia sinistra le Cime di Lavaredo sono quasi frontali. 

DSC 2199

Osservo meglio le punte sommitali delle due grandi pale. 

DSC 2205

DSC 2206

Anche in questo pianoro trovo due laghetti che non posso non includere nei miei scatti. 

DSC 2210

Come avrete notato, mi sono molto spostato verso ovest per vedere come inquadrare il gruppo montuoso all'ora del tramonto. Ne approfitto ora che si vedono bene, per farvi conoscere i nomi delle tre cime una per una. Osserviamo la foto qui sotto e partiamo da là in fondo. La cima più a sinistra si chiama Cima Piccola, ed è alta 2857 metri. Al centro c'è la Cima più alta con i suoi 2999 metri e si chiama Cima Grande. Qui sulla destra, c'è la terza cima, che è più bassa della centrale di pochissimi metri, solo 26, e misura 2973 metri. Il suo nome è Cima Ovest. L'altro pezzo di roccia che vedete spostato tutto a destra, non è una quarta cima di Lavaredo dimenticata, ma si chiama Sasso di Landro. 

DSC 2228

Da quaggiù vedo una fune tesa tra le guglie della Cima Grande. Ed in effetti, qualcuno vestito di rosso sta attraversando sospeso!

DSC 2231

Mentre osservo, tiro fuori il mio iPhone dal marsupio e vedo che non c'è campo per chiamare. Non una novità, visto che in tutta la giornata ho attraversato pochissime zone in cui il cellulare prendeva. Una volta scollinato alla Forcella Lavaredo questa mattina, non ho più visto segnale se non una tacca qualche volta. Al Rifugio Locatelli Sono riuscito a chiamare miracolosamente mia mamma per avvisarla che era tutto ok. Ora che vedo che anche qui dove sono ora non potrò chiamare, prendo la decisione di tornare indietro verso il Locatelli. Eccolo laggiù in fondo, piccolo piccolo. 

DSC 2225

Il motivo per cui lo faccio sono sostanzialmente due: Il primo è che siccome l'idea è quella di attendere il tramonto e non solo quello (comparsa della luna alle 20.08 e stelle in cielo a tarda sera), questo significa che nessuno dei miei a casa mi sentirà fino almeno a mezzanotte passata. Il secondo motivo è che mi ritroverò a fare più di un'ora di strada al buio (anche se con me ho le pile) con il rischio di arrivare molto tardi al rifugio. 

DSC 2236

Quindi mi metto in marcia e rifaccio la strada appena percorsa, sparandomi di nuovo salitona e discesona. 

DSC 2241

Ecco di nuovo le Cime di Lavaredo, ancora completamente in ombra. Sono le 17.42 e i sentieri si stanno svuotando rapidamente. 

DSC 2245

Rieccomi al Locatelli. 

DSC 2251

Vedo almeno 6 fotografi piazzati proprio davanti al Locatelli per fotografare il tramonto sulle Cime. Io invece decido di spostarmi di 300 metri verso ovest in modo da avere una inquadratura più selvaggia. Prendo un sentiero semplice e mi incammino. Mancano meno di 20 minuti al tramonto.

DSC 2254

Decido che questa posizione può andare. Ho davanti dei bei prati, ma anche delle rocce e una visuale completa. Non sono proprio frontale alle Cime, ma fa lo stesso. 

DSC 2256

Ecco la situazione dall'alto. Io sono dove c'è la x, e la freccia indica la direzione del sole prima della scomparsa del sole all'orizzonte. 

Schermata 2013 09 25 alle 23 49 20

Non resta che attendere e vedere che succede a livello cromatico. Sarà un tramonto soddisfacente?

DSC 2258

Lo vedremo nella prossima puntata! A presto. 

Pin It

3 commenti:

Calimera ha detto...

ciao momo, attendo con curiosità le foto della via lattea dal momento che, anche quest'anno, non sono riuscita ad andarci per fare foto in notturna :)
La pianta con quei buffi pennacchi bianchi invece, si chiama erioforo

Oscar ha detto...

Ero li' con te. Certo che hai trovato proprio un tempo splendido. Hai pianificato decisamente bene. Incredibile la fune tesa tra i pennacchi e visibile nella foto 2231. Ciao

Momo ha detto...

Calimera, grazie per il nome del fiore coi pennacchi! :-)
Oscar, ti ringrazio per i tuoi bei commenti, sia questo che l'altro. La prossima volta vieni anche tu veramente! Eh?

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...