13 agosto 2011

Il giro del lago di Braies (parte 3)

DSC 9464
Qui la prima parte. Qui la seconda.

Dopo aver mangiato, rigorosamente senza scarponi e stravaccato sull'erba, ho meditato sul da farsi. Ma siccome erano già le 13, c'era ben poco da meditare. Avevo promesso che sarei rientrato a casa intorno alle 17.30, e con due ore di cammino ancora da fare e due ore di macchina da percorrere, era già l'ora di rientrare. Però quei tizi piccoli piccoli che vedevo col mio teleobiettivo sul sentiero per la vetta della Croda dal Bec, mi facevano un'invidia...

DSC 9355

Mi decido e riparto. Destinazione: lago di Braies. Si torna a casa.

DSC 9358

Il pezzetto di sentiero con catene visto dall'alto.

DSC 9359

Bellissima quest'immagine. Sembra che il sentiero finisca in cielo. Conoscete un'immagine che trasmetta più pace di questa? Forse chi soffre di vertigini non la pensa proprio così.

DSC 9360

Per chi come me va in montagna a fotografare, il ritorno costituisce sempre una seconda chance per rifotografare cose o paesaggi che all'andata non ci avevano soddisfatto o ritenevamo non attraenti. Senza contare che il sole, spostandosi fa mutare moltissimo ogni cosa. E' il caso di questo vecchissimo ed enorme tronco morto di larice che all'andata era completamente in ombra.

DSC 9368

DSC 9363

Riecco spuntare il lago. Intravedo già delle barchette che navigano sullo specchio d'acqua. Devono essere arrivate le ondate di turisti giornalieri.

DSC 9366

Ora è decisamente più difficile fotografare la Croda. Ho il sole quasi contro.

DSC 9375

Questo è il vallone opposto a quello che ho fatto per salire stamattina. Volendo si può fare il giro della Croda dal Bec e sbucare proprio lì sulla sinistra. Ci vorranno sicuramente 7-8 ore di cammino in tutto.

DSC 9376

DSC 9377

Sono le 14 e non sono sicuramente più da solo. Decine e decine di escursionisti salgono sui sentieri e stazionano nelle sponde del lago. Vedendomi scendere, tutti mi chiedono quanto tempo occorra per raggiungere il rifugio Biella. Da qui saran sicuramente due ore. Senza scoraggiarsi, si incamminano. La giornata è ancora lunga e il tempo è buono, però se devo dare un consiglio, per mete così, è meglio partire la mattina presto, e non incamminarsi alle 2 del pomeriggio.

DSC 9378

Dopo 10 minuti sono al mare. Ci sono pure due piccioncini che prendono il sole.

DSC 9384

Inizio a percorrere la sponda del lago opposta a quella di questa mattina. I colori incantano.

DSC 9408

DSC 9406

Però le sponde del lago sono diventate un mezzo carnaio.

DSC 9412

DSC 9413

Qualche temerario prova pure a pucciare i piedi.

DSC 9415

DSC 9416

Io filo via. Imbocco il sentiero che riporta all'albergo.

DSC 9417

DSC 9418

Da qui si vede perfettamente la gola in cui mi sono infilato stamattina. E' quella là in fondo.

DSC 9426

ecco le tipiche barchette in legno che sono a disposizione dei turisti. Il noleggio al molo costa 10 euro per 30 minuti, 15 per un'ora.

DSC 9429

DSC 9428

Il sentiero è molto affollato.

DSC 9431

DSC 9435

La zona dell'albergo lo è ancora di più.

DSC 9441

Che contrasto, eh!

DSC 9442

Sti fotografi, sono ovunque!

DSC 9444

Ad un certo punto, avvisto un pazzo. Con una muta, sta attraversando il lago a nuoto!

DSC 9446

DSC 9448

Ecco il pontile da cui è partito.

DSC 9452

Questo cane invece, ce l'aveva con i pesci e continuava ad abbaiargli contro.

DSC 9455

Mancano gli ombrelloni e i marocchini e poi siamo a Riccione.

DSC 9456

Arrivo alla chiesetta, un vero gioiellino!

DSC 9462

DSC 9465

Questi sono gli esatti luoghi usati moltissime volte nelle riprese della fiction "Un passo dal cielo"

DSC 9466

DSC 9467

DSC 9468

DSC 9469

Eccomi all'albergo storico.

DSC 9471

DSC 9477

Faccio un ultimo giretto al molo delle barche.

DSC 9483

DSC 9485

DSC 9487

Appena salito, e già caduto. Per fortuna non in acqua. Cominciamo bene!

DSC 9490

Sembra che le barche volino per aria.

DSC 9492

un ultima foto al lago. Come vedete la situazione luce, era molto meglio questa mattina, con il sole che illuminava in modo molto molto diverso la Croda dal Bec.

DSC 9503

Ecco la luce della mattina. Qui si comprende perfettamente ciò che vi ho detto riguardo le diverse situazioni di luce in montagna durante l'arco della giornata che, come vedete, mutano completamente.

DSC 9142

Saluto il lago di Braies e mi dirigo verso la macchina. la tranquillità di questa mattina è decisamente sparita.

DSC 9505

DSC 9504

I parcheggi sono strapieni. Ricordatevi, in montagna la regola "il mattino ha l'oro in bocca" è legge!

DSC 9506

Ecco il percorso completo che ho fatto, quasi 10 km:


Itinerario ciclabile 1185783 - powered by Wandermap

 

Alla prossima escursione, qui su Squarciomomo.

Pin It

2 commenti:

Elisamu ha detto...

Oltre alla fiction è interessante il fatto che quella era una delle residenze dell'imperatrice Sissi. L'idea mette n po' di malinconia.

Anonimo ha detto...

Elisamu: Sissi è morta prima della costruzione dell'albergo, già anziana. A quale residenza ti riferisci? Sissi no mi risulta sia mai stata sul lago di Braies.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...