12 agosto 2011

Il giro del lago di Braies (parte 2)

DSC 9340

Ripartiamo con l'escursione al lago di Braies. Qui trovate la prima parte. 
Sono sul sentiero nel lato sinistro del lago che a quest'ora della mattina è ancora completamente in ombra. Mi sto dirigendo nella parte terminale del lago per poi decidere che direzione prendere.

DSC 9185

Alcune nuvole di passaggio movimentano la luce del paesaggio. Il lago in un attimo si fa scuro e minaccioso. Il bosco che lo circonda, diventa buio.

DSC 9189

Ma poi il sole torna a splendere.

DSC 9198

Il sentiero che si era alzato rispetto al lago di alcune decine di metri, ora ridiscende gradatamente.

DSC 9202

Alcune inquadrature mi ricordano la Sardegna.

DSC 9205

Mi allontano sempre più dall'Hotel e dalla chiesetta adiacente.

DSC 9211

DSC 9195

DSC 9214

DSC 9215

E sono sempre più vicino alla paretona della Croda del Bec

DSC 9216

Giungo sulle rive del lago dalla parte opposta rispetto a dove sono partito.

DSC 9224

Ecco l'acqua vista da vicino.

DSC 9225

Puccio la mano. Confermo: è gelida!

DSC 9235

Ecco l'hotel a più di un km da me.

DSC 9233

DSC 9254

Che magnifici colori!

DSC 9256

DSC 9258

DSC 9268

DSC 9269

Beh, se non fosse così fredda, un pensierino ce lo avrei fatto… E invece decido di iniziare a sudare veramente. Fino ad ora abbiamo scherzato, ma da questo momento si imbocca un vero sentiero di montagna, e non uno qualsiasi, bensì il sentiero n.1, l'alta via delle Dolomiti. DSC 9289

Decido infatti di dirigermi verso il Rifugio Biella, che è 827 metri più in sù di dove sono ora. A casa arrivano notizie rassicuranti dal punto di vista parto, e quindi decido di salire.

DSC 9271

Il sentiero è assolato e non troppo difficoltoso. In pratica si cammina su un letto asciutto di un torrente.

DSC 9273

Il lago alle mie spalle si allontana sempre più.

DSC 9274

Ora ho la Croda del Bec proprio a fianco.

DSC 9284

Il sentiero sale tra pini mughi e larici. Il posto è magnifico e la giornata si sta scaldando rapidamente.

DSC 9285

Ecco la croce della cima della Croda. Un giorno ci arriverò, lo prometto. Ma non oggi.

DSC 9286

DSC 9290

Le fioriture nei prati sono ancora abbondanti, anche se le genziane, le mie preferite, sono già sfiorite.

DSC 9288

Il lago di Braies e il suo splendido color smeraldo.

DSC 9280

Sono diretto verso una zona chiamata Forno.

DSC 9292

Alla mia sinistra vedo bellissime conformazioni rocciose.

DSC 9295

DSC 9294

Spesso mi ritrovo a paragonare le montagne alle sculture che riempiono i musei di mezzo mondo, con la differenza che qui nessun uomo ha deciso nulla.

DSC 9293

Incredibile ma vero, trovo ancora dei rododendri in fiore. Solitamente sfioriscono a fine maggio, metà giugno. Evidentemente da queste parti ha fatto particolarmente freddo.

DSC 9303

Ecco la gola dove dovrò passare. Il sentiero da qui in avanti diventa molto più ripido. Sono all'incirca a 1700 metri d'altezza.

DSC 9304

DSC 9306

DSC 9305

E questa è la visione del lago da dove sono ora.

DSC 9309

Di fianco a me scorre un ruscello, uno dei tanti che alimenta il lago di Braies.

DSC 9315

Ci siamo quasi, manca poco al raggiungimento della sella.

DSC 9316

Eccoci. Qui il sentiero si divide in due: dritto si va alla malga Cavallo, mentre l'Alta via delle Dolomiti prosegue in alto verso il rifugio Biella.

DSC 9318

DSC 9319

Siamo a 1830 metri. Salgo verso il rifugio. Il sentiero si inerpica all'interno di un leggero bosco di larici. Il posto è incantevole.

DSC 9320

Starei qui ore ad ammirare ogni scorcio intorno a me, a godere della pace che si respira in questi luoghi, a riempirmi dei profumi e dei suoni che sa regalarti un posto come questo.

DSC 9321

Arrivo ad un grande pianoro.

DSC 9325

Ecco il prossimo pezzo di sentiero che dovrò fare. Poi ci sarà da aggirare quel grande roccione e poi salire ancora.

DSC 9327

Il lago dietro di me non c'è più.

DSC 9330

In compenso di sotto vedo alcune mucche al pascolo, vicino ad un piccolo specchio d'acqua: è il laghetto del Giovo.

DSC 9332

In questo punto ho girato un piccolo video per farvi sentire i rumori del luogo. Immaginate di essere lì anche voi.

Proseguo sul sentiero.

DSC 9335

Ora ci sarà da superare una piccola goletta. In alcuni punti ci sono le catene per sicurezza, ma è assolutamente semplice e non pericoloso.

DSC 9336

Questa inquadratura è micidiale. Fa impressione eh! Sembra che io e chi sta salendo con me, sia diretto dritto in cielo. Se però guardate meglio, scorgerete una terza persona sulla sinistra che prosegue sul sentiero in zona totalmente sicura.

DSC 9340

Nessun grande pericolo quindi, anzi… Spesso in montagna l'apparenza inganna.

DSC 9342

DSC 9343

Qui intorno le rocce sembrano di cartapesta. L'erosione ha lavorato moltissimo, non c'è che dire.

DSC 9338

DSC 9341

Eccomi sbucato fuori dalla goletta. Davanti a me compare all'improvviso il Monte Muro. Ora sono a 2186 metri, e rispetto al lago di Braies sono salito di 660 metri.

DSC 9345

Se non ci fossero problemi di tempo proseguirei verso il Rifugio Biella (altri 40 minuti circa) e poi verso la cima della Croda dal Bec (altra oretta). Ma decido invece di fermarmi qui in questi magnifici prati assolati e silenziosi, e gustare il mio mega panino allo speck.

DSC 9346

Questo angolino direi che è perfetto, non c'è anima viva.

DSC 9349

Anche qui le rocce di cartapesta!

DSC 9351

DSC 9350

Ma ci sono anche le Arniche che mi fanno compagnia.

DSC 9352

Ecco il mio pasto. Ho una fame da lupissimi! Mangerò il panino per primo, poi passerò al krapfen e al passato di mela. Durante la discesa sgagnerò il cioccolato. Il laughen lo conserverò per le emergenze.

DSC 9354

Termina qui la seconda parte del racconto.
Qui la terza parte.

Pin It

7 commenti:

Zion ha detto...

momo, è assurdo. io ho *fatto* lo stesso sentiero che hai fatto tu, e me ne ero completamente scordata!!! Credo fosse il 2002. Avevo uno zaino di 21kg sulle spalle, pioveva che iddio la mandava. Ha piovuto tutto, tutto il tempo. Le catene erano una vera sicurezza, perchè le rocce erano scivolose. Ricordo che c'era anche un gradone alto quando il mio petto che ho dovuto affrontare con questo ingombro pesantissimo.
E' stato un incubo.
Quando, tre giorni dopo, ha cominciato a NEVICARE (in agosto), ho rinunciato a continuare. Non ero attrezzata per la neve.

Purtroppo non ho apprezzato niente di quel tentativo di vacanza, ma ero evidentemente troppo equipaggiata (ma l'idea era di stare una settimana a camminare) e ogni sentiero sotto l'acqua scrosciante era una pena.

Era l'unica vacanza che ho fatto in 2 anni, e l'ho finita a letto sotto le coperte di casa mia a Milano...incavolata nera...

:D

Elisamu ha detto...

CHe luoghi meravigliosi, alcune foto sono inconfondibili e mi pare di tornare lì.

Come ci si sente a essere in dirittura d'arrivo (sempre che non sia già arrivata).
Non ti preoccupare se dovesse tardare, vuol dire che sta comoda nel suo nido e del resto, mangia dorme e viene cullata tutto il giorno... Attendiamo tutti un bel post da cellulare :)

Angelwings ha detto...

Che spettacolo, quasi come essere lì. Che nostalgia, anche.
Già ti immagino con la Momina, dapprima a "zainetto" a fare insieme a voi le escursioni :))

Momo ha detto...

Zion, mannaggia che esperienza! Io sono molto attento nello scegliere il momento e i modi giusti per fare un escursione. Penso che esperienze come la tua, possano addirittura portarti ad odiare la montagna solo perchè presa in un momento non favorevole. E' fondamentale scoprire un luogo nuovo con tutte le condizioni favorevoli, anche le più piccole. Meteo buono, temperatura piacevole, assenza di vento, equipaggiamento giusto, buon'umore, compagnia giusta, ecc... Tutto concorre a far si che quel giorno possa rimanere un ricordo stupendo, oppure una esperienza da dimenticare.

Elisamu, leggiti il post che ho appena pubblicato!

Angels, hehe, anche io non vedo l'ora di portarla a visitare questi posti incantati. La vedo già con i suoi scarponcini e lo zainetto rosa.

megad ha detto...

Bellissimi! Vi pensiamo intensamente qui dall'altra parte delle alpi. Non ti preoccupare assolutamente del ritardo, anzi, permette alla mamma di riposarsi ma vedrai che presto proverai quest'emozione immensa.
Le rocce di cartapesta hanno un nome: "rocce carrate" oppure karren e rillen (dal tedesco, in geologia si dice proprio così...d'altronde buona parte della geologia dolomitica è stata scritta dagli austriaci!) e sono frutto dell'acqua che forma dei canalini di erosione sul calcare.
A strapresto
Dia, Ale e Eli

Momo ha detto...

Megad!!! Ciao! grazie dei vostri pensieri e grazie per la piccola lezione di geologia! Ogni tanto mentre sono in passeggiata, ti penso e mi dico: ecco qui Diana saprebbe dirmi che cosa sto guardando. A quando un'escursione a tre? Eh si perchè voglio anche Zeit con noi! Ciao!

Anonimo ha detto...

I rododendri sfioriscono a fine maggio? Ma quando mai!!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...