11 agosto 2011

Il giro del lago di Braies (parte 1)

DSC 9400

Arriva il tanto atteso fotoracconto dell'escursione fatta ieri al lago di Braies. Ho scattato un totale di 380 immagini in un ambiente favoloso. Avrete spesso la sensazione di un perfetto mix tra gli elementi del mare e quelli dell'alta montagna. Questa meraviglia naturale, dominata in tutto e per tutto dalla Croda del Bec, è veramente un gioiello che va visto almeno una volta in estate e una in inverno, ne vale la pena. Le condizioni di luce dal punto di vista fotografico erano complicate. Il lago si trova in una conca e spesso si ha a che fare con fortissime differenze di illuminazione che mettono in crisi qualsiasi macchina fotografica. Bisogna esser bravi a scegliere bene l'inquadratura e ad equilibrare le cose. E se proprio non ci si riesce, c'è Photoshop che potrà schiarire alcune zone. Ora si parte con il racconto.
Sono le 6.35 quando esco di casa. Il cielo è completamente terso ma ci sono 5 gradi! Ecco il mio paesello ancora addormentato. Là in fondo, le Pale di San Martino.

DSC 9105

Entro in autostrada e la percorro fino all'uscita di Bressanone.

DSC 9106

DSC 9108

Poi mi infilo nella statale 49 che percorre la Val Pusteria. Un bel giro dell'Oca per giungere in zona Braies, perché come vedete, il Parco naturale di Fanes-Sennes-Braies, è molto vasto (il più grande dell'Alto Adige), e rende accessibile il lago solo arrivandoci dall'alto. In alternativa sarei dovuto passare per la Val Badia, ma in termini di tempo ci avrei impiegato 30 minuti in più.

Schermata 08 2455785 alle 14 40 07

In Val pusteria (che conosco poco), ho notato, questo rudere di una vecchia fortezza,

DSC 9110

molti paesi immersi nel verde e nella pace assoluta e tanti pratoni soleggiati

DSC 9117

DSC 9112

Dopo essermi fermato ad acquistare un fantastico panino con speck nella panetteria di Ferrara (nulla c'entra con la città degli Estensi), sono arrivato in prossimità di Braies. Me ne sono reso conto perché dalla strada ho subito riconosciut la Croda del Bec. DSC 9119

Dopo aver parcheggiato in uno dei 3 parcheggi a pagamento (dai 4 ai 5 euro), ho fatto solo 200 metri a piedi prima di arrivare nei pressi del lago.

DSC 9122

Davanti a me, come a nascondere ad occhi indiscreti la visione del lago, si ergeva l'hotel Pragserwildsee, mastodontica struttura che però ben si armonizza col paesaggio circostante. Quest'albergo è veramente storico: pensate, è stato costruito nel 1899 ed è stato teatro di uno degli ultimi episodi della seconda guerra mondiale. Aggiro l'albergo e mi avvicino alle sponde del lago. Qui siamo a circa 1520 metri d'altezza e infatti alle 9 di mattina la temperatura è ancora piuttosto freddina (9 gradi).

DSC 9123

Questa è la prima immagine che ho del lago di Braies. Questo stupendo specchio d'acqua è lungo 1,2 km e largo al massimo 400 metri ed è uno dei laghi più profondi della zona: ben 36 metri di quota massima. Le sue acque sono abbastanza inavvicinabili dal punto di vista balneazione, infatti la temperatura si aggira intorno ai 18° in estate, figurarsi nelle altre stagioni.

DSC 9125

Questo è il famoso pontile per il noleggio delle barche. Famoso perché si è visto tantissime volte nella serie TV "Un passo dal cielo" con Terence Hill girata qui nell'aprile del 2010. Il pontile era lo studio e la casa del forestale Pietro, interpretato appunto da Terence Hill.

DSC 9127

Tutta la serie è stata girata interamente qui, dentro il capanno delle barche, nell'Hotel Pragseerwildsee, e a San Candido. Ecco di cosa parlo:

Nella primavera del 2012 dovrebbero iniziare le riprese della seconda serie che sarà ambientata sempre qui. Ma continuiamo con il mio racconto. La visione migliore del lago è sicuramente quella di partenza, con la maestosità della Croda del Bec a fare da sfondo a questo bellissimo specchio d'acqua. I contrasti tra i colori tenui della roccia, il verde lussureggiante e l'acqua, creano un quadretto irresistibile a qualsiasi macchina digitale giaccia nelle tasche del suo proprietario. Ma come vi dicevo prima, fotografare qui non è così semplice come possa sembrare.

Apriamo una veloce parentesi tecnica fotografica. Il rischio è di sovraesporre la montagna e il cielo, o di sotto esporre il bosco o le parti in ombra. Vediamo in pratica di cosa parlo. Quest'immagine è un buon compromesso, però le montagne e le nuvole sono sovraesposte anche se di poco.

DSC 9133

La voglia è quindi di sottoesporre così:

DSC 9134

La montagna ora è più brillante, esposta correttamente e definita, e anche il cielo è più saturo, ma abbiamo delle zone di immagine quasi completamente nere. E ciò non va bene. Stesso problema con immagini tipo questa:

DSC 9136

E' praticamente impossibile per una macchina fotografica esporre correttamente tutte le zone interessate. E allora si sottoespone (sicuramente preferibile alla sovraesposizione) e si schiariscono le zone scure con Photoshop, così:

DSC 9136

Chiusa la parentesi tecnica, continuiamo con la storia. Decido sin da subito di camminare lungo il lago nella sua parte in ombra, in modo da avere la parte al sole a disposizione e di conseguenza non avere il sole negli occhi. Guardando il lago con di fronte la Croda del Bec, il sole sorge alla sua sinistra e tramonta a destra.

DSC 9142

inizio la mia escursione in piano assoluto e con poca gente intorno a me. Intorno al lago c'è un comodissimo sentiero che per lunghi tratti si potrebbe fare anche in bici. Eccolo ben visibile a destra nella foto qui sotto.

DSC 9144

Mi sto avvicinando all'unica insenatura che il lago forma. Eccola visibile nella parte alta di questa immagine.

Schermata 08 2455785 alle 16 11 54

DSC 9148

Qui le acque sono quasi immobili.

DSC 9151

DSC 9150

Può sembrare un fattore di poca importanza, ma quando si fotografano specchi d'acqua, è fondamentale che la sua superficie sia calma, altrimenti i riflessi saranno poco visibili se non addirittura non riproducibili. Qui nell'ansa i riflessi sono perfetti. Là in fondo già vedete che l'acqua è increspata dal vento.

DSC 9158

La fine dell'insenatura. Non molto scenografica, eh?

DSC 9160

Proseguo. La macchina fotografica punta solo da quella parte, e fa bene!

DSC 9165

ma anche di fianco a me ci sono effetti interessanti. Ecco una riflessione quasi ipnotica.

DSC 9166

Il sentiero inizia a sollevarsi rispetto al lago.

DSC 9167

Questa è la sponda su cui sono appena passato.

DSC 9168

Qui si vede la chiesetta dell'albergo e il pontile delle barche.

DSC 9171

Davanti a me svetta la Croda dal Bec. La vedete lassù la croce a 2810 metri?

DSC 9140

I segni del tempo. Che spettacolo!

DSC 9175

DSC 9182

Più di mille metri di parete a strapiombo sul lago. Incredibile!

DSC 9183

Uno scatto in stile "bei tempi andati"

Schermata 08 2455785 alle 16 33 42

Finisce qui la prima parte del fotoracconto, ma non smettete di seguirmi perché le prossime foto saranno spettacolari e non si limiteranno al giro del lago. A prestissimo!
Qui la seconda parte.

Pin It

5 commenti:

delicate ha detto...

allora molti ti direbbero che a Milano a uno che scatta foto guidando in autostrada la patente la staccano a morsi, ma io non lo dico....
le foto sono straordinarie, ma di più il fatto che conosci il nome di ogni cima, non è che dici montagna nei pressi di zona x,
riguardo gli hotel non ho capito se fare questa pubblicità ti giova.....
io sono stata da quelle parti ma molti anni fa, monte Helm è su per giù lì ??? quand' è che ti sentiremo parlare...o meglio scrivere in tedesco ....zimmer, sterzing brixen ???

Zion ha detto...

che bello momo, il tuo post toglie fiato...sono shockata da tanta bellezza. vorrei vedere di persona quei posti!!!

Angelwings ha detto...

Che bello, è come esserci tornata! O quasi :(

Momo ha detto...

Delicate, hehe in effetti hai ragione, non si fotografa durante la guida. Ma sappi che sono super prudente. Mai fatto un incidente in vita mia, se si escludono piccoli tamponamenti.
per quanto riguarda i nomi delle montagne, è normale imparare i loro nomi e la loro conformazione. Sai che io saprei riconoscere decine e decine di monti solamente guardandoli in foto? E' così se ami la montagna. Una volta che ti sei avvicinato ad una di loro, è come se entrassi in simbiosi con lei, la assimili nella sua forma, nel suo aspetto e naturalmente ne impari i nomi di ogni suo elemento (passi, selle, punte, ecc...)
Il monte Helm, o Monte Elmo è proprio da queste parti, anche se io non lo conosco.

Zion, ho letto prima che lo hai già visto eccome!!! hehehe

Angels, eh non è proprio la stessa cosa. Comunque sempre meglio che niente. Ciao!

puffetta mia ha detto...

30.3.2013 stupendo incantevole anche d'inverno in quei posti ci si lascia proprio il cuore e una meraviglia ad occhi aperti .........ci tornero' troppo bello

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...