07 dicembre 2010

Tramonto sulle Odle (2)

DSC_7783.JPG

Continua il racconto dell'escursione fatta sabato in Val Gardena. Qui la prima parte. 
Eccomi arrivato a questa baita sperduta nel nulla più totale. Almeno ho un punto di riferimento visivo.

DSC_7512.JPG

Mi accosto al muro per fare meno fatica ad avanzare nella neve.

DSC_7513.JPG

Sbircio dentro ad una delle finestre è ho la conferma di ciò che immaginavo: questa baita è nuovissima, addirittura da completare. Fortunato chi la possiede, direi.

DSC_7514.JPG

Proseguo ancora verso est nella nebbia.

DSC_7516.JPG

Ogni 30 passi mi devo fermare perchè ho il fiatone. Mi sembra di avanzare nel terreno lunare.

DSC_7517.JPG

Ecco dove sono diretto: laggiù verso il bianco totale.
DSC_7518.JPG
La baita alle mie spalle si allontana sempre più.
DSC_7522.JPG
Le Odle sono alla mia sinistra ed emergono lentamente dalla neve. Sto infatti salendo sui colli ai piedi delle Odle.
DSC_7527.JPG
Alla mia destra ho scorci molto fotogenici, non trovate?
DSC_7528.JPG
Guardate dov'è la baita.
DSC_7529.JPG
Mmh, c'è una recinzione sommersa dalla neve e io ci devo passare sopra.
DSC_7530.JPG
Anche se la recinzione è stata costruita sopra ad un muretto di pietre, riesco a passarla abbastanza agevolmente con indosso le ciaspole. Certo che la neve insieme al vento fa cose incredibili eh.
DSC_7535.JPG
Ultimi sforzi: seguo le orme di una marmotta che puntano verso l'alto.
DSC_7536.JPG
La furbetta ha casa proprio qui. Mi sa che non ha ancora molta voglia di andare in letargo. Ci sono evidenti tracce fresche del suo passaggio.
DSC_7538.JPG
Ecco tutta la strada che ho fatto con fatica, come una piccola formichina che deve attraversare un deserto.
DSC_7539.JPG
Cammino tra le nebbie create dai cannoni della neve e cumuli bianchi assolutamente intonsi.
DSC_7543.JPG
Scendendo capita di mettere i piedi in fallo. E quando cadi nella neve alta 70-90 cm ritirarsi su è un'impresa titanica. E' materialmente impossibile trovare appigli con le mani per farsi leva e sollevarsi. Sono stato circa 5 minuti ad impanarmi nella neve come una cotoletta prima di riuscire a rialzarmi.
DSC_7544.JPG
Ecco il buco che ho fatto. Non male, eh?
DSC_7545.JPG
La fisionomia delle Odle sta mutando mano a mano che mi sposto sulla loro destra.
DSC_7547.JPG
Sono arrivato in cima alle colline di neve. Ora devo scendere verso quella direzione. Devo trovare il rifugio Firenze.
DSC_7548.JPG
Ogni tanto mi giro indietro. Il tempo sembra tenere bene.
DSC_7552.JPG
D'un tratto esco da quella cortina di nubi che mi ha accompagnato per molto tempo.
DSC_7560.JPG
Ora riesco a vedere bene i monti davanti a me.
DSC_7564.JPG
Ecco il rifugio Firenze. Quello sarà il mio punto di ristoro. Naturalmente il rifugio è chiuso. A ristorarmi dovrò pensarci da solo.
DSC_7565.JPG
Verso la Val di Fassa il tempo è sempre un po' arrabbiato.
DSC_7566.JPG
Invece qui dove sono io, è uno spettacolo. Guardate le dune di neve che meraviglia!
DSC_7568.JPG
Mentre scendo creo delle mini valanghine.
DSC_7570.JPG
Slalomeggio per non scendere troppo ripidamente.
DSC_7571.JPG
Qui ci saranno oltre 90 cm di neve.
DSC_7575.JPG
No, non è una foto sfuocata. E' che il soggetto a fuoco è un po' piccolino. Lo vedete?
DSC_7577.JPG
Il mio percorso continua giù per questi avvallamenti in mezzo ai Cirmoli innevati.
DSC_7579.JPG
DSC_7580.JPG
Ecco un particolare degli aghi del Cirmolo. Anche loro sono profumatissimi, come il legno di questo forte e coraggioso albero.
DSC_7584.JPG
Noto che sotto a molti Cirmoli, gli animali selvatici scavano in cerca di qualcosa da mangiare. Non dev'essere facile per loro nutrirsi quando tutto il terreno viene coperto dalla neve.
DSC_7591.JPG
Ora è slalom gigante allo stato puro. Scendo tra gli alberi inventandomi di sana pianta il percorso.
DSC_7594.JPG
Scendendo mi ritrovo nuovamente in mezzo alla nebbiolina dei cannoni. E i microcristalli di ghiaccio creano questo strano effetto arcobaleno circolare intorno al sole.
DSC_7601.JPG
DSC_7604.JPG
DSC_7608.JPG
DSC_7613.JPG
Ci siamo quasi. Le mie gambe gridano vendetta per tutta la fatica che stanno facendo. Sono ore che sto procedendo nella neve alta e sinceramente ho voglia di sedermi un po'.
DSC_7622.JPG
Come volevasi dimostrare il rifugio è chiuso e tutte le strade che portano qui sono impraticabili.
DSC_7630.JPG
DSC_7632.JPG
Questo direi che è il posto giusto per pranzare.
DSC_7635.JPG
Il lauto banchetto oggi offre il solito, con alcune varianti: focaccia e briosche al cioccolato.
DSC_7637.JPG
Si è mantenuta freschissima a -10°.
DSC_7638.JPG
Dopo pranzo riparto quasi subito perchè fermandosi il sudore si raffredda e inizio a sentire qualche brivido. Infatti dopo 10 minuti di camminata di nuovo in neve fresca, sto molto meglio.
DSC_7642.JPG
Ecco le Odle e un pezzo di Rifugio Firenze che si allontanano da me.
DSC_7647.JPG
Scendo molto velocemente. La mia meta ora è tornare alle piste da sci e cercare una postazione buona per fotografare il tramonto.
DSC_7653.JPG
DSC_7657.JPG
Sembra che sia esplosa una bombola di panna montata.
DSC_7659.JPG
La neve fa cose veramente strane alle volte.
DSC_7663.JPG
DSC_7667.JPG
Dopo circa 40 minuti sono tornato alle baite dove sono passato la mattina.
Questa è la cartina della zona con il percorso fatto da me, così riuscite a capire che giro ho fatto. In arancio vi ho segnato le Odle, in fucsia il mio percorso a piedi, e in blu il tratto fatto in neve fresca con le ciaspole.

cartina-Odle.jpg

Maledetti cannoni! Le Odle sono quasi invisibili. Dovrò allontanarmi ancora per riuscire a vedere qualcosa.
DSC_7668.JPG
Alla mia destra le cime di Stevia incombono. Non dovessi riuscire a fotografare le Odle al calar del sole, ripiegherò su di loro.
DSC_7674.JPG
Odle nascoste.
DSC_7679.JPG
Il Sassolungo è ora libero dalle nubi. Sembra che tutto il cielo si stia liberando velocemente. Manca meno di un'ora al tramonto.
DSC_7681.JPG
Un bel controluce.
DSC_7682.JPG
Questa inquadratura mi piace molto. Sembra un puzzle!
DSC_7686.JPG
Rieccomi alle piste da sci. Gli sciatori si sfogano con le ultime discese. E' quasi ora di chiudere.
DSC_7688.JPG
Ancora i monti di Stevia.
DSC_7691.JPG
E' tempo di passare in modalità tramonto.
DSC_7694.JPG
DSC_7700.JPG
Mi sto allontanando sempre più dalle Odle avvicinandomi alla macchina, anche perchè quando tramonterà il sole non avrò molto tempo prima che faccia buio.
DSC_7702.JPG
Scendo lentamente e scatto verso Stevia.
DSC_7703.JPG
Forti contrasti. Ci tengo a sottolineare che tutte queste foto non sono state minimamente ritoccate con Photoshop.
DSC_7708.JPG
Tra meno di 15 minuti il sole sparirà all'orizzonte.
DSC_7709.JPG
DSC_7714.JPG
DSC_7715.JPG
DSC_7723.JPG
DSC_7726.JPG
Miracolo, sembra che la nebbiolina si stia dissolvendo. Ma io comunque da qui non riuscirò a vedere nulla se non mi alzo di quota.
DSC_7729.JPG
Il sole è sempre più basso e crea atmosfere magiche.
DSC_7730.JPG
DSC_7732.JPG
DSC_7734.JPG
Ad un certo punto individuo una strada battuta sull'altro versante che sale ripidamente. E' proprio l'ideale per inquadrare le Odle al tramonto!
DSC_7736.JPG
E in effetti ecco che da qui domino tutta la piana, Odle comprese.
DSC_7741.JPG
Eccole!
DSC_7742.JPG
Confrontiamo questa visione con quella delle Odle viste dal versante Val di Funes fotografato due anni fa.
Panoramica-Odle-10.jpg
Altro scatto fatto dalla Val di Funes, l'esatto opposto di dove sono ora.
DSC_1098.jpg
Disattivo il bilanciamento del bianco tarato sui tramonti e scatto con colori naturali.
DSC_7745.JPG
DSC_7746.JPG
Torno ai colori caldi che esaltano questi momenti magici.
DSC_7749.JPG
Sopra di me incombe la parete assolata dei monti di Stevia.
DSC_7754.JPG
Ma il mio soggetto sono loro. Il sole è già sparito dalla zona in cui sono stato tutto il giorno. Ora si tratta di aspettare che sparisca anche dalle pareti dolomitiche.
DSC_7757.JPG
DSC_7769.JPG
DSC_7770.JPG
DSC_7775.JPG
Più passano i minuti e più le cime si infiammano.
DSC_7777.JPG
DSC_7778.JPG
Riesco a vedere il tramonto anche sul Sella.
DSC_7779.JPG
Ecco ciò per cui sono stato qui ad aspettare tutto il giorno.
DSC_7784.JPG
DSC_7785.JPG
DSC_7787.JPG
DSC_7791.JPG
Alle mie spalle la sagoma inconfondibile del Santner sullo Sciliar.
DSC_7801.JPG
DSC_7803.JPG
E' incredibile come in meno di 2 minuti tutto cambi. Il sole è sparito dalle Odle e ora si torna a casa.
DSC_7805.JPG
Scendo velocemente la stradina trovata per puro culo e grazie alla quale sono riuscito ad ottenere quello che volevo.
DSC_7807.JPG
DSC_7808.JPG
Ancora qualche scatto verso le Odle che spariscono all'orizzonte.
DSC_7811.JPG
Ripercorro la strada di questa mattina.
DSC_7812.JPG
Non c'è fretta, la macchina è a meno di 20 minuti da qui, e ho ancora un po' di luce che mi assiste.
DSC_7816.JPG
I gatti delle nevi iniziano il loro lavoro su e giù per le piste.
DSC_7820.JPG

Le ovovie di fermano.
DSC_7822.JPG
mentre i cannoni proseguono imperterriti a sputare neve finta.
DSC_7824.JPG
Arrivo alla macchina che sono le 16.40. Ora mi aspetta più di un'ora di viaggio. Sono stanco ma contento. Anche oggi ho portato a casa un buon bottino.
DSC_7835.JPG
(TPP) 3 ore.
Pin It

10 commenti:

massimo BdG ha detto...

bellissimo post momo.. sei grande!
e le tue mini valanghine mi han fatto morire :)
ancora complimenti
ciao

Anonimo ha detto...

belle foto bravo. Comunque un consiglio: dalla traccia vedo che non avevi i bastoncini!!! E' un grave errore, e non capisco chi ti ha consigliato una cosa simile. Con le ciaspole bisogna assolutamente usarli! Migliorano notevolmente l'equilibrio (a maggior ragione in neve profonda), distribuiscono lo sforzo anche sugli arti superiori, regolarizzano il ritmo di marcia, insomma FAI MENO FATICA!

Momo ha detto...

Massimo, grazie per i tuoi complimenti!

Anonimo, si, sono al corrente della cosa. Ma io sono un escursionista anomalo. Nelle mani non posso avere i bastoncini per il semplice fatto che le ho già occupate con la digitale. Sarebbe impensabile per me girare senza la digitale pronta a scattare. Non posso metterla al collo e ancor meno infilarla nello zaino. Io devo poter scattare ogni volta che "vedo" una possibile inquadratura o un soggetto che mi interessa. Senza contare che se vuoi cogliere animali selvatici al volo non puoi chiedergli di pazientare un attimo mentre armeggio con lo zaino nel tentativo di tirare fuori la D90.
In ogni caso so che i bastoncini regolabili mi aiuterebbero. Pensa che l'anno scorso ero lì li per comprarli, poi ho lasciato perdere...

Stnd ha detto...

Foto incredibili. Posti da sogno. Quando penso alle Dolomiti mi viene in mente le pisce da sci e i panorami che si possono godere durante le discese ma i posti solitari dove sei andato sono ancora più belli.
Una domanda: ma non hai paura di fare questi giri da solo in posti sperduti e fuori tracciato? Mentre vedevo le foto godevo dei luoghi del silenzio e della solitudine ma me la facevo anche sotto!!!!! In montagna poi il rischio è che il tempo cambi velocemente... insomma un'ansia!!!!

Anonimo ha detto...

WoW, senza parole!

Lara

Anonimo ha detto...

Ma vai in escursione solo soletto ?

No è pericoloso?

Anonimo ha detto...

Senza parole..stupende tutte soprattutto quelle al tramonto!!
Troppo forti le tue soste mangerecce ;) mi rendo conto che con tutto il freddo che subisci e la fatica che fai a scarpinare nella neve,il minimo è banchettare poi con un cestino ben fornito!
ps.ma non ti spaventa andartene tutto solo in quegli spazi immensi e deserti???
Cla

Zion ha detto...

Ecco, ho pensato anche io come Stnd al fatto che sei da solo...io ho una regola in montagna e cioè "mai da sola". Certo, non sono esperta come te nè conosco bene la motnagna come te che ci abiti! :-) Però non so...usi qualche precauzione? Per esempio, un satellitare, una nota scritta a casa con il tuo itinerario della giornata...qualcosa del genre...

Comunque il post è a dir poco strepitoso. Che magia.

Momo ha detto...

Grazie a tutti veramente dal cuore.
Vedo che avete a cuore la mia salute e questo non può farmi che piacere! :-) A parte gli scherzi, quando vado in escursione seleziono sempre percorsi non pericolosi. Evito le ferrate o le traversate troppo lunghe. A casa comunico sempre dove vado e cerco di chiamare ogni tot ora per dire che è tutto ok. Una delle prime cose che faccio quando arrivo in una nuova località è verificare che il cellulare abbia campo, altrimenti cerco segnale almeno per avvisare che il telefono non prende.
E' evidente che andare in montagna da soli possa essere non prudente, ma io dico che con una ottima cartina della zona in mano, un buon senso dell'orientamento e condizioni meteo sempre buone, è difficile succeda qualcosa. Certo, l'imponderabile è sempre dietro l'angolo, ma con questo spirito non ci si muoverebbe più di casa.
Io comunque prima di andare in escursione mi documento tanto, studio la conformazione delle montagne, i numeri dei sentieri che dovrò percorrere, ecc...

Anonimo ha detto...

davvero notevoli queste foto, onestamente ho esaurito gli aggettivi, sono bellissime, i luoghi sono fotogenici però tu hai un gran occhio fotografico, sicuramente ci avrai già pensato, ma hai del gran materiale per un libro. Grazie ancora per la bella escursione (pt1 e pt2). Devo dire che queste tue escursioni sono un ottimo test per la D90, le foto hanno dei colori incredibili. Hai usato pi
ciao
Federico

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...