20 gennaio 2008

Le Odle d'inverno

Eccomi qui. E' già tardi ma voglio lo stesso raccontarvi la mia escursione di ieri. Mi sono svegliato alle 6 e sono uscito di casa che stava iniziando a fare chiaro. Faceva freddo (-5°) e il cielo era leggermente velato. Dopo esser passato dal panettiere per prendere del pane e un krapfen son partito alla volta della Val di Funes. Sono arrivato lì esattamente in un ora di macchina. La prima tappa è stata la visita alla chiesa di San Giacomo, strafamosa e fotografatissima perchè dietro ha proprio il gruppo delle Odle e davanti un pratone immenso. La cosa negativa erano le condizioni di luce con cui ho dovuto aver subito a che fare.Sono così incazzato per il risultato di queste prime foto, che ho trasformato questa qui sotto in BN per non vedere la mancanza di contrasto e la dominante azzurra ovunque. Comunque, già per arrivare qui ho attraversato il pratone sprofondando nella neve un bel pò.C'erano circa 70 cm di neve fresca e molto farinosa. Il sentiero che ho percorso era interamente battuto ma mi sono comunque messo le ciaspole. Ho subito trovato anche tre compagni di viaggio con cui ho fatto un bel pò di strada. Le Odle, mano a mano che passavano le ore non si illuminavano nemmeno un pò per colpa dello spesso velo di nuvole che copriva quasi tutto il cielo.Lo spessore della neve sulle baite.Il sentiero che ho percorso. Interamente immerso nel silenzio e nella sensazione ovattata tipica della neve. Indescrivibile. L'intento era quello di portarmi in quota per fotografare il gruppo delle Odle da più angolazioni nell'attesa che arrivasse il momento del tramonto. Qui in queste prime foto erano le 10 di mattina al tramonto mancavano ancora 7 ore!
Primi spunti interessanti. Ecco le Odle viste dai pratoni alti che hanno ai suoi piedi. In questo momento guardando il cielo ho sperato che si aprisse tutto completamente, ma mi sbagliavo.Stupendo scorcio della zona composto da 10 scatti uniti. (cliccare per ingrandire)Queste due foto qui sotto, già carine per conto loro per l'armonia che hanno e la tranquillità che emanano, sarebbero state stupende con la presenza del sole. Viste le condizioni di luce, una volta raggiunta una malga a 2000 metri di altezza e finita la strada battuta, ho deciso che era ora di scendere per mangiare. Ho preso in prestito uno slittino e mi sono fiondato quasi al punto di partenza.Mi sono appostato in un cantuccio e ho cominciato a mangiare in santa pace. Pane fresco con formaggino, tonno, passato di mela, e un krapfen marmorizzato dal freddo.Intanto ammiravo le pareti delle Odle davanti a me con il teleobiettivo. Ecco l'effetto pandoro. Immaginatelo con il sole... (bastardo Giugliacci, avevi messo completamente sereno!)Finito di pranzare son tornato a valle e ho posato la slitta alla malga di partenza. Altre persone salivano sempre armate di slitte. Ho ripreso la macchina e mi sono cercato un posticino per aspettare il tramonto.Questa è l'inquadratura tipica dal paese di Santa Maddalena. Il cielo continuava ad essere una cacca! La Val di Funes in tutto il suo semi-splendore (!)Una volta individuata la zona dove fotografare il tramonto, ho deciso di farmi un pò di km a piedi dato che avevo ancora 3 ore di tempo. Ho imboccato una strada che portava ad un passo chiuso per neve. Ecco cosa ho visto.Al posto delle auto, le piste da fondo!Ritornato in zona Odle il cielo aveva mollato un pò della sua velatura e un pochino di luce solare iniziava a "scaldare" le pareti rocciose.Dapprima deboli, pallidi raggi di sole e poi mano a mano che l'altezza del sole scendeva, aumentava la sua forza come spesso succede.Ecco l'intero gruppo in una panoramica di 7 scatti uniti (cliccare per ingrandire).Ecco alcuni particolari ripresi con il teleobiettivo. Dal vivo era tutto molto suggestivo. L'effetto dello strato leggero di nuvole che solitamente impedisce belle foto durante il giorno, favorisce invece spettacolari tramonti grazie al riflesso del sole sotto di esse nel momento del tramonto.Le colorazioni si fanno sempre più rosa e delicate anche quando il sole è completamente scomparso dalle pareti rocciose.Son ripartito per casa alle 17,30 circa. Totale degli scatti: 450 circa. Pin It

6 commenti:

Moky ha detto...

Bellissime foto. Bellissime le montagne.

Saint Andres ha detto...

Mamma mia! Bellissimi paesaggi davvero! Sei molto fortunato a stare da queste parti!

Momo ha detto...

Moky, grazie mille!

Saint, son fortunato io ma tu non sei messo mica male, no. Sei in una delle regioni più belle d'Italia, ad un passo dal mare e dalle montagne. Che vuoi di più? :-)

Alessandra ha detto...

sono completamente stupefatta!
sorpresa da tanta bellezza!
meraviglioso racconto fotografico.
Sorrido felice per questo incontro casuale ... dopo un anno che hai postato queste foto ... io sorrido felice guardando le tue foto.
Grazie.

Alessandra

Momo ha detto...

Grazie a te, Alessandra. Con una sola frase mi hai illuminato il viso.
Torna a trovarmi!
Ciao.
Momo

tatiana ha detto...

sono innamorata delle Odle spero un giorno di poterci andare spettacolare che meraviglia fotografare questi spettacoli naturali!!! Ciao Tatiana 1 novembre2009 19:40

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...