22 dicembre 2009

Ai piedi dei mostri dolomitici (4)

QUI la prima puntata, QUI la seconda e QUI la terza.
Sono sopra i 2000 metri e la neve inizia ad essere un pò fastidiosa. L'altezza è aumentata e anche la consistenza. Non sento più lo strato duro sotto i piedi e sprofondo fino agli stinchi.
Da dove sono ora posso vedere benissimo il comprensorio sciistico del Belvedere, uno dei posti più belli per sciare qui in Val di Fassa.
Dalla parte opposta, il Sassolungo. Ai suoi piedi gli impianti del Col Rodella, che sono comunque uniti a quelli del Belvedere.
Entrambi fanno parte del famoso Sellaronda, il giro dei passi dolomitici con ai piedi gli sci. 40 km di piste stupende con paesaggi mozzafiato che si fanno in circa 3,30 ore (andando spediti) e che toccano 4 valli ladine (Badia, Fassa, Gardena, Livinallongo), 3 province (Bolzano, Trento e Belluno) e 4 passi (Campolongo, Gardena, Pordoi, Sella). Ecco la cartina del Sellaronda con i due sensi: quello orario e quello antiorario.
Ed ora fermatevi e ammirate questo panorama con tanto di spiegazioni (ingrandibile).
proseguo con il mio cammino. La mia meta è arrivare al rifugio Valentini a quota 2200 metri, ma la fame incalza e quindi mi sa che mi fermerò prima.
Salgo e di fronte a me "cresce" il Sassolungo. Non riesco a smettere di guardarlo, di ammirare le sue lastre dolomitiche appena spolverate di zucchero che si stagliano sul bianco della neve.

Fin dall'inizio della camminata ho seguito le orme di uno scialpinista che probabilmente sapeva dove fosse esattamente il sentiero su cui stavo camminando anche io. Ma mentre in basso il sentiero era chiaramente visibile per la sua conformazione, ora quelle tracce sono l'unico segno che posso seguire per esser sicuro di andare nella giusta direzione.
Sulla mia destra individuo una bella baita e decido di mangiare lì.
Per farlo però devo abbandonare le tracce dello scialpinista e "nuotare" nella neve fresca che mi arriva alle cosce.
Ce la posso fare. La baita faticosamente si avvicina. Intorno a me centinaia di metri quadri intonsi di neve freschissima.
Ecco le orme che lascio al mio passaggio. Praticamente entro nella neve fino alla vita, ma grazie al mio abbigliamento tecnico, non mi bagno minimamente. Qui il manto nevoso supera di gran lunga gli 80 cm.
Arrivo all'ingresso della baita, e come per magia il sole decide che vuole farmi un bel regalo: pranzo al sacco con vista spettacolare sulle Dolomiti.
Il mio pranzo frugale mi sembra un pasto da mille e una notte da tanto ho fame!
Taglio la baguette. Intorno a me un silenzio pazzesco. L'aria frizzante che mi accarezza la faccia e il mio stomaco che brontola.
Che vista, ragazzi!
Dopo aver mangiato riparto in direzione Rifugio Valentini.
Ritorno sulle orme dell'escursionista che mi ha preceduto in mattinata. Il meteo nel frattempo è di nuovo mutato. E' incredibile come cambi velocemente tutto in montagna.
Sono molto vicino al Sassolungo ormai.
E dietro di me, il nulla. Mi sembra di salire in paradiso.
Più avanti scorgo un ennesimo capitello in legno. Faccio una fatica abnorme a muovermi nella neve. Il fetente che mi ha preceduto invece, con l'aiuto degli sci d'alpinismo è passato come se niente fosse. Forse è ora che mi metta ad imparare ad andare con gli sci d'alpinismo...
Metto il tele alla D90 e scatto alcune foto al rifugio Toni Demetz incastonato tra le cime del Sassolungo a 2860 metri.
Incredibile dove han costruito sto rifugio.
300 metri sotto di me c'è la civiltà. Ecco le piste del Col Rodella.

E molto più lontano, quelle a Pecol del Belvedere
Più su scorgo il Gran Vernel (a destra) e la Marmolada (a sinistra).
Avanzo a fatica e sono quasi dell'idea di tornare indietro, anche perchè il tempo non migliora e sono le 13.30. L'ipotesi di attendere il tramonto in quota e scendere col buio sta sfumando. Questa meraviglia l'ho scattata grazie a 3 minuti di sole deciso.
Alla prossima e ultima puntatona!
(TPP) 1 ora e 40 minuti.
Pin It

5 commenti:

Anonimo ha detto...

e certo che a piedi nella neve ......
ma le ciaspole? ( ps : io non le amo ma per chi non sa sciare ... )ciao

gino ha detto...

come sempre spettacolari ed emozionanti grande Momo!Gino da perma

Anonimo ha detto...

Ciao,io sono nuova di questo blog,ma credo che d'ora in poi lo visiterò spesso...adoro la fotografia soprattutto quando il soggetto è la natura. Le tue foto sono davvero bellissime.
Chiara (Firenze)

Anonimo ha detto...

Quindici giorni fa ero a Corvara per una piccola vacanza e i luoghi che hai fotografato li ho fatti con gli sci...ma visti nelle tue foto sembrano ancora più belli. Complimenti davvero, continua a deliziarci con queste magnifiche vedute.
Renzo (Toscana)

Momo ha detto...

Anonimo, non pensavo sinceramente di trovarmi davanti a così tanta neve fresca e sentieri non battuti. E poi ho delle ciaspole veramente scomode da portare in giro. Ma Babbo Natale in qualche modo provvederà...

Gino, grazie mille!!!

Chiara, felicissimo di fare la tua conoscenza. Spero rimarrai tra le pagine di Squarciomomo a lungo!

Renzo, cavolo, quanti nuovi toscani! Benvenuto anche a te Renzo! E grazie per i complimenti!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...