07 febbraio 2013

In Val Venegia sotto la neve (2)

Qui la prima parte.

Finito il pranzo, consiglio al gruppo di muoversi velocemente. Siamo un po' sudati e il rischio è di raffreddarsi velocemente. Inoltre siamo in una zona ventosa, una delle poche della giornata. Abbandoniamo quindi la Malga Venegiotta che ci ha "ospitato" e ci incamminiamo verso la parte alta della Val Venegia. 

DSC 0950

DSC 0952

DSC 0955

Sono le 13,30 e sta nevicando da ormai 6 ore. Il manto nevoso caduto oggi è ormai consistente e si fa sempre più fatica a proseguire, anche perché da qui in poi sono pochissime se non nulle le tracce da seguire.

DSC 0954

Ci addentriamo in un tratto boschivo. 

DSC 0956

Guardate questo ponticello com'è sommerso di neve!

DSC 0957

Intorno a noi è tutto ovattato. Si sentono solo i nostri passi che sbuffano nella neve fresca e farinosa e le nostre chiacchiere colorate. Anche se da qualche tempo le parole sono diminuite. La strada si è fatta più in salita e la neve alta crea attrito. Insomma, si fa fatica. 

DSC 0958
 
DSC 0960

La neve sugli alberi spogli, è come il borotalco. E ad un certo punto il vento lo fa volare ovunque. 

DSC 0961

Abbassiamo la testa e attendiamo che smetta questa bufera improvvisata. 

DSC 0962

Si riprende a marciare. 

DSC 0965

Attendiamo le due ritardatarie e poi filiamo in direzione Baita Segantini. 

DSC 0967

Ormai siamo sul pianoro di fianco alle Pale di San Martino. Loro sono qui a meno di 500 metri da noi, ma per colpa della nebbia, non vediamo nulla. Nei grandi massi presenti in zona, si può vedere tutto l'accumulo nevoso dei giorni scorsi. 

DSC 0968

DSC 0970

DSC 0971

Ormai è palese che la nevicata in atto non smetterà a metà pomeriggio come prometteva il meteo. Ci riposiamo di tanto in tanto e poi si riprende. 

DSC 0972

La difficoltà ora è capire dov'è il sentiero. Io guido il gruppo e sento quando esco dal sentiero perché la ciaspola sprofonda di 40-50 cm. Quando invece sprofonda di soli 20-30 cm, so di essere sulla strada giusta. Iniziamo a pensare di non riuscire ad arrivare alla Segantini. Mancano ancora 2,5 km e 234 metri di dislivello. Troppi in queste condizioni. E poi il tempo stringe. Tra solo due ore sarà buio. 

DSC 0974

Il gruppo si snocciola. La fatica si fa sentire. 

DSC 0973

Iniziamo i tornanti che salgono alla Segantini ma dobbiamo completamente inventarci il percorso. Il sentiero è perso. 

DSC 0977

Ormai siamo uno molto lontano dall'altro. 

DSC 0979

Poi il gruppetto di testa si ferma e dopo un veloce conciliabolo prendiamo la decisione (saggia) di tornare indietro. Sono le 15.05. 

DSC 0980

Strada facendo recuperiamo quelli che erano rimasti indietro, felici del nostro dietro-front.

DSC 0982

Gli ultimi tre del gruppo stanno tramando qualcosa. 

DSC 0983

Dopo esserci avvicinati, scopriamo che è in atto una distribuzione estemporanea di tè bollente. I visi si fanno più distesi e rilassati, anche se continua a nevicare molto. 

DSC 0986

DSC 0985

DSC 0984

Si riparte. Non possiamo indugiare troppo. 

DSC 0994

DSC 1000

Mi sa che stanotte sognerò neve, neve e ancora neve.

DSC 0996

DSC 0997

Lì ci sarebbero le Pale. Purtroppo si può solo lavorare di immaginazione. 

DSC 1003

Eccomi, in un autoscatto un po' maldestro.

DSC 1008

Le orme che abbiamo fatto all'andata sono quasi scomparse da quanto nevica!

DSC 1011

DSC 1010

DSC 1024

Addentrarsi in mezzo al bosco, vuol dire sprofondare fino al petto nella neve fresca. 

DSC 1026

Si ripercorre la strada fatta stamattina. 

DSC 1032

DSC 1034

Fermandoci di tanto in tanto ad ammirare il panorama. Per chi viene dalla città è uno spettacolo a cui non ci si abitua mai. 

DSC 1035

DSC 1036

Dopo oltre 10 km di camminata e 7 ore sotto una fitta nevicata, eccoci arrivati in zona malga Venegia, dove i miei compagni di avventura ceneranno al calduccio.

DSC 1047

DSC 1051

DSC 1052

E' il momento della foto di gruppo!

DSC 1058

Ed io, dopo aver salutato il gruppo ed essermi incamminato verso la macchina, arrivo al parcheggio che è praticamente notte. L'auto è ibernata e ricoperta di neve, ma in pochi minuti sono pronto a partire verso casa. 

DSC 1061

Il ritorno a valle sarà tranquillo grazie alle catene ancora montate.  

DSC 1068

E finisce qui questo ennesimo photoshooting che però aveva la particolarità di essersi svolto tutto sotto la neve. Solitamente rinvio sempre le giornate di foto con condizioni meteo non belle, ma oggi qualche spunto interessante lo si è colto. Peccato non aver visto spuntare il sole a fine giornata. Sarebbe stato indimenticabile. Ve lo assicuro. Alla prossima, gente!

Pin It

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Ah se sapevo che eri da quelle parti mi aggregavo al gruppo. Noi eravamo invece a Bellamonte e abbiamo fatto una camminata sulle piste del Lusia.
Il tempo era veramente brutto anche se la neve è sempre bellissima ... in val Venegia ci siamo andati sabato sera e abbiamo fatto il sentiero con le pile sulla testa. Magico!!
ciao e al prox photo shooting!
silvia

ArThu ha detto...

Grazie Maurizio, bellissimo racconto !! :)))
A presto; e come direbbe Buzz Lightyear di Toy Story: "verso l'infinito e oltre !!"

Andrea.

Anonimo ha detto...

complimenti ... veramente belle foto... sono senza parole...

poi in amo quesa parte del trentino...

Un saluto ..da un ammiratore..

Cristian (da Vigarano Mainarda (FE))

Momo ha detto...

Cristian grazie per i complimenti!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...