05 febbraio 2013

In Val Venegia sotto la neve (1)

DSC 0926

Eccomi finalmente a raccontarvi com'è andata l'escursione di sabato scorso, un photoshooting svolto completamente sotto una fitta nevicata che ha lasciato al suolo oltre 30 cm di neve fresca, che si è aggiunta a tutta quella già presente (circa un metro e mezzo). Le immagini che vedrete risentiranno di questo fattore meteo ma avranno un loro perché. Certo, sarebbe stato meglio fosse uscito un sole misto a nubi a metà giornata, ma non è accaduto. 
Ok, partiamo col fotoracconto!

Parto da casa e come promesso da 3B meteo, nevica.  Eccomi a Predazzo con strade già imbiancate alle 8,40. 

DSC 0835

Inizio a salire verso il passo Rolle e la nevicata è più intensa. 

DSC 0843

Nei pressi della diga di Fortebuso a Paneveggio le strade sono circolabili solo con gomme da neve o con catene. 

DSC 0848

Io, prima di partire, ho montato subito le catene e sono salito in tutta tranquillità.

DSC 0861

Eccomi al Centro visitatori del Parco di Paneveggio. 

DSC 0852

E poi al bivio per il Passo Valles. Manca poco all'arrivo. In giro non c'è un cane. 

DSC 0854

Ed eccomi a destinazione. Qui attenderò il gruppetto che oggi condurrò lungo tutta la Val Venegia. 

DSC 0864

Dopo qualche decine di minuti di ritardo dovuto alla nevicata in corso e alle strade un po' sporche, eccoci pronti a partire.

DSC 0863

Siamo tutti muniti di ciaspole, giacche impermeabili, pranzo al sacco e tanta voglia di addentrarci in questa bianca avventura. 

DSC 0865

Faccio un veloce breefing che inizio esattamente così: "Ragazzi, benvenuti in Val Venegia, benvenuti nel video di Last Christmas!". Spiegate alcune nozioni tecniche e pratiche, carichiamo gli zaini in spalla e partiamo. Da qui inizia la nostra ciaspolata che avrà una lunghezza totale di circa 10 km. 

DSC 0866

Subito trovo scorci suggestivi e molto fotografici. 

DSC 0867

Ecco indicata la strada che dovremmo percorrere.

DSC 0869

DSC 0873

E di buona lena ci mettiamo in marcia nel silenzio più assoluto. Solo il nostro chiacchiericcio interrompe l'ovattata atmosfera da fiaba.

DSC 0877

DSC 0876

DSC 0884

DSC 0883

La temperatura si aggira intorno ai -3° ma camminando con le ciaspole ci si scalda molto ma molto in fretta. 

DSC 0885

Dopo circa 25 minuti di cammino in falso piano, arriviamo alla radura dove solitamente si svela il bellissimo panorama sul gruppo delle Pale. 

DSC 0891

Ma oggi le Pale sembra siano andate altrove. Non si vede nulla. 

DSC 0892

Ecco cosa si dovrebbe vedere da questo punto in una foto scattata due anni fa. 

NewImage

Ecco la malga dove questa sera al ritorno dalla ciaspolata, i ragazzi mangeranno tutti insieme coccolati da un camino acceso. 

DSC 0895

Proseguiamo sotto la neve, mentre la nebbia impedisce qualsiasi visione all'orizzonte. 

DSC 0898

 

DSC 0902

DSC 0908

Si cammina su tracce lasciate da altri in precedenza, ma prima di questa fitta nevicata. Sono quindi tracce destinate a sparire velocemente.

DSC 0911

Un tavolo da picnic sommerso dalla neve. 

DSC 0913

La strada che stiamo percorrendo ci porterà ai piedi delle Pale di San Martino e poi su, verso la Baita Segantini, nostra metà di oggi. 

DSC 0915

DSC 0916

DSC 0917

Incredibile! Si vedono per pochi istanti le sagome ingombranti del massiccio delle Pale. Ma dura veramente poco. Intorno alle 15 le previsioni dicono che smetterà di nevicare e forse arriverà qualche raggio di sole. Magari!!

DSC 0918

Più procediamo e meno tracce troviamo. E più neve è presente. E più fatica si fa. 

DSC 0923

Giungiamo alla baita ora abbandonata, che venne utilizzata per girare il film Mirka, con Gerard Depardieu. 

DSC 0928

Poco lontano scorgiamo già la Malga Venegiotta, rigorosamente chiusa ma che spero ci permetterà di pranzare al riparo dalla neve. 

DSC 0932

DSC 0937

Siamo tutti molto affamati, forse è per questo che abbiamo inconsciamente accelerato il passo. 

DSC 0940

Mi rendo subito conto che trovare un posto riparato per 10 persone non sarà semplice. 

DSC 0943

Anche l'atrio principale è sbarrato. 

DSC 0944

Vicino ci sono dei capanni per la legna, ma sono sommersi di neve. Qui tira anche un vento non molto simpatico. DSC 0945

Alla fine ci appostiamo contro il muro di una legnaia in mattoni. 

DSC 0949

Non proprio una sistemazione da gran Hotel eh? Forse era meglio fermarsi alla baita di Gerard. 

DSC 0947

Questa volta, fare il panino allo speck con una nevicatona in corso, non è stato semplice. 

DSC 0948

A presto per la seconda e ultima parte!
Pin It

2 commenti:

Carolina Belloc ha detto...

bellissimo. posti che conosco ed a cui sono molto legata. mi piacerebbe tanto partecipare alle tue escursioni armata di macchina fotografica....

rompina ha detto...

mamma mia...avevo ragione a parlare di foto in condizioni estreme!!! :oS

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...