23 gennaio 2013

Enrosadira sul Sass dla Crusc (3)

Qui la prima parte, qui la seconda. 

Sto camminando verso il pianoro da cui fotograferò il tramonto sul Sasso Croce, ma prima di tutto ho una gran fame e non vedo l'ora di arrivare un un luogo asciutto. Laggiù vedo baite in quantità. E' lì che devo andare. Speriamo che il sentiero che sto percorrendo arrivi proprio lì.

DSC 9546

Un cartello mi ricorda che siamo nel Parco Naturale di Fanes-Sennes e Braies. 

DSC 9547

Questo invece è un tavolo da picnic leggermente sommerso dalla neve fresca. 

DSC 9548

Davanti a me inconfondibile, mi indica la direzione come un faro nella notte, il Sass da Putia. 

DSC 9549

Sto camminando su neve fresca e poco battuta da ormai un'ora e venti minuti, oltre alle due ore e mezza che ho fatto su strade innevate dal parcheggio al Santuario a 2045 metri. Ora sono molto vicino alle baitine dove sicuramente troverò da sedermi per pranzare. Ormai vedo i panini allo speck che volano!

DSC 9550

Ma ad un certo punto, l'amara sorpresa.  Sono fuori percorso! Devo raggiungere quella strada battuta e per farlo dovrò fare circa 500 metri in neve fresca. 

DSC 9556

Non c'è alternativa, mi preparo e affronto la "traversata". Esco dal percorso fatto dagli scialpinisti e le mie ciaspole spariscono sotto la neve fresca e farinosa. DSC 9555

Si sprofonda fino a metà coscia, e ritirare fuori la ciaspola da là sotto è mostruosamente faticoso. Faccio grosso modo 15-20 passi alla volta e poi mi devo fermare a riprendere fiato. E meno male che sono in leggera discesa!!! Dopo circa 15-20 minuti sono finalmente arrivato. 

DSC 9559

Ecco il Grand Hotel che mi ospiterà per pranzo. Sono le 14.10 e ho una fame assurda. 

DSC 9560

Apparecchio la tavola e attacco subito col panino allo speck che mi sembra il più buono che abbia mai mangiato. 

DSC 9562

Questo è il panorama che ho di fronte. 

DSC 9563

Ma a metà pranzo sorge un problema: ho freddo. La traversata su neve fresca mi ha fatto sudare molto, e nonostante abbia cambiato la t-shirt bagnata, ora non riesco a scaldarmi, anche perché sono fermo e in penombra. Decido di spostarmi sul sentiero e mangiare in piedi ma al sole. 

DSC 9564

Ecco la mia nuova postazione, tanto di qui non passerà nessuno per un bel po' di tempo. 

DSC 9565

Finito di pranzare, riprendo il cammino, che è l'unico modo certo per scaldarsi per bene, anche perché ho uno zaino che è un macigno. 

DSC 9568

DSC 9569

Ecco una magnifica cartolina dalla Val Badia.

DSC 9576

Come spesso succede, basta spostarsi di pochi metri, per far mutare prospettive, inquadrature e composizione fotografica. Ecco altri begli scatti. 

DSC 9581

Proseguo per il sentiero che fortunatamente è di nuovo largo e ben battuto. 

DSC 9590

Ora sto raggiungendo la collina da dove attenderò il tramonto. 

DSC 9594

Qui ci sono veramente tanti scorci molto scenografici. 

DSC 9599

DSC 9601

DSC 9603

Ci siamo quasi, ancora pochi minuti e sono arrivato. 

DSC 9606

Eccomi qui. Scatto subito qualche foto con ghiacciolo annesso. 

DSC 9613

Poi passo in modalità "tramonto". Ci tengo sempre a precisare che le foto che vedete non sono minimamente state ritoccate con Photoshop. Probabilmente con qualche accorgimento riuscirei a ottenere risultati ancor più "sorprendenti", ma preferisco lasciare le cose come stanno. 

DSC 9618

Sono le 16.08 e il sole cala velocemente. La parte bassa del mio stupendo panorama è già in ombra. 

DSC 9619

E questa è una panoramica composta da 4 scatti uniti insieme. 

Schermata 01 2456315 alle 23 16 05

Alcuni particolari del Sass con colori un po' esasperati ottenuti giocando con i tempi di scatto e il bilanciamento del bianco. 

DSC 9624

DSC 9625

DSC 9627

Anche dietro di me è già tutto in ombra, Sass da Putia compreso. 

DSC 9629

Ora dovrò lottare con i tempi di ritorno in auto. Starò qui fino a quando il sole scomparirà completamente dal Sass dla Crusc, ma a quel punto avrò ancora pochi minuti prima che faccia buio. Secondo i miei calcoli, sono a circa 30 minuti dalla mia auto. In caso, accenderò la mia fidata lampada frontale e scivolerò nel buio innevato. Ore 16.34, solo il Sass dla Crusc gode ancora della luce del sole. 

DSC 9669

I colori sono magnifici. Ho fatto bene ad attendere tutte queste ore qui al freddo. 

DSC 9673

Decido di iniziare a scendere e cambiare nel frattempo varie inquadrature del tramonto. Si rivelerà una scelta azzeccata. 

DSC 9676

DSC 9677

DSC 9683

Scatto in libertà. 

DSC 9682

DSC 9684

DSC 9688

DSC 9689

DSC 9694

Ore 16.44, non manca molto alla fine del tramonto e dello splendido effetto Enrosadira. 

DSC 9700

Questa è l'altra fetta del cielo. 

DSC 9702

DSC 9704

Ecco gli ultimi scampoli di sole che se ne vanno. 

DSC 9715

Ora è tempo di rientrare velocemente!

DSC 9712

Ecco il mio sentiero che mi aspetta. 

DSC 9719

Un ultimo scatto al Sass prima che sparisca dalla mia vista...

DSC 9720

…e poi via verso valle. 

DSC 9721

Per scendere più velocemente zompetto con indosso le ciaspole. Il trucchetto funziona per un po', ma poi...

DSC 9725

mi ritrovo per terra come un salame imbiancato di neve. Ammazza che botta! Tre minuti per riprendermi e poi via di nuovo. Laggiù vedo la civiltà!!

DSC 9727

Ma purtroppo è la "civiltà" sbagliata. La mia auto non è qui. Devo scendere ancora, e guardando la cartina che ho in mano, capisco che devo fare ancora un pezzo di sentiero nel bosco. 

DSC 9730

Dopo altri venti minuti, eccomi al gruppo di case corretto. E' quasi buio. 

DSC 9732

Ecco l'ultimo scatto al Sass dla Crusc dal parcheggio dove ho lasciato l'auto. Sono le 17.26. 

DSC 9733

Ora mi attendono due ore di auto tra i passi dolomitici innevati. Percorso che farò lentamente e con prudenza. 

DSC 9735

Affrontando tutti i tornanti fatti questa mattina. 

DSC 9740

Bene ragazzi, spero vi siate divertiti. Io me la sono proprio goduta e sono soddisfatto del bottino fotografico. Ricordo sempre che le immagini che pubblico, non sono certo tutte degne di nota. Sul totale, ci saranno 8-10 scatti veramente meritevoli. Il resto è pubblicato per raccontare a voi lettori, le mie escursioni sulle Dolomiti. Grazie e alla prossima!

Pin It

7 commenti:

matteo musazzi ha detto...

ciao.premetto col dirti che ti seguo da tanto tempo e ti faccio i complimenti per il tuo blog e soprattutto per le splendide foto che condividi con noi.
anche io sono un appassionato di fotografia e amante per non dire di piu delle splendide dolomiti!!!!ma abitando vicino a varese le occasioni per viverle si riducono ad un paio all'anno. mi piacerebbe chiederti qualche consiglio sulla fotografia di montagna...
dove potrei farti le mie Mille domande? :)
grazie ed ancora complimenti!!
Matteo

Momo ha detto...

Matteo, grazie per i complimenti! Se vuoi puoi scrivermi una mail e risponderò volentieri a tutti i tuoi quesiti. La trovi nel mio profilo in alto a destra. Ciao!

Anonimo ha detto...

che combinazione...
anche io sono di varese...
Momo, complimenti per le foto, specialmente quelle dei tramonti che evocano atmosfere magiche...
se hai voglia, tempo e passione, ci fai un servizio sulla tua attrezzatura fotografica?
a presto!
andrea

franchino ha detto...

Complimenti come sempre Momo!

Anonimo ha detto...

Belle foto, ma io ti preferisco come fotografo di eventi. Secondo me la fotografia paesaggistica è una delle più difficili. Saluti Zdravo

calimera ha detto...

Che bellissima escursione momo....me la sono goduta tutta d'un fiato dalla prima all'ultima foto :D

MAJKA ha detto...

Ciao Momo!!!
Come al solito le foto sono stupende, e poi messe cosi' come un racconto ancora meglio !
Aspetto con ansia il tuo racconto dalla MARCIALONGA - e sempre travolgente!!!
Saluti da Majka

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...