21 gennaio 2013

Enrosadira sul Sass dla Crusc (1)

Finalmente ecco un po' di tempo per raccontarvi per filo e per segno, la mia ultima escursione sulle Dolomiti. Questa volta sono andato in Val Badia, in un luogo che avevo visitato solo un'altra volta grosso modo un anno fa. Sto parlando dei prati intervallati a boschi ai piedi del Sass dla Crusc, il monte più famoso della valle. Partiamo con il foto-racconto!

Esco di casa che è ancora buio. Mi attendono grosso modo due ore di viaggio e non so in che condizioni troverò i passi dolomitici dopo le nevicate dei giorni scorsi. In Val di Fassa noto meno neve in paese rispetto alla Val di Fiemme. 
DSC 9369

Arrivo a Canazei, le strade non sono proprio pulitissime, ma la neve sui tetti non supera i 10 cm. A casa mia invece, siamo abbondantemente sopra i 30. Stranezze della montagna. 

DSC 9373

Eccomi all'attacco dei tornanti che portano ai passi Sella e Pordoi. Non so ancora da che parte andrò, perché il caso voglia che per arrivare a Corvara, punto di congiunzione del giro dei 4 passi, ci sia solo uno scarto di due o tre minuti di tempo, tra lo scegliere di passare dal Pordoi, oppure lo scegliere di transitare sul Sella. In ogni caso i cartelli mi dicono che i passi sono entrambi aperti. La strada invece, si dimostra subito insidiosa, e con gli pneumatici che ho io (sono un po' usurati dal tempo), non è il massino. 

DSC 9374

Mano a mano che salgo, la situazione peggiora. 

DSC 9378

DSC 9381

DSC 9382

Però la voglia di fermarmi 20 secondi per fotografare il sole che tocca le cime di quelle montagne, non mi passa. 

DSC 9384

Arrivato al bivio, decido per puro istinto di passare per il Pordoi, e col senno di poi, devo dire che ho avuto un gran c…, perché arrivato a Corvara, scoprirò che il Passo Gardena era chiuso!!! Ecco i due percorsi che girano attorno al massiccio del Sella: uno va verso il Pordoi, passa da Arabba e dopo aver valicato il Passo Campolongo, arriva a Corvara. L'altro passa per il Sella, percorre il Passo Gardena, arriva a Colfosco e poi a Corvara. Differenza tra i due percorsi: due-tre minuti di orologio misurati con il navigatore TomTom.

Schermata 01 2456313 alle 22 46 46

Avrei dovuto tornare indietro fino al Sella, riscendere un pezzo e risalire per il Pordoi, percorrendo tutto il giro dall'altra parte. Assurdo. Eccomi in uno degli ultimi tornanti del Pordoi. In tutto son 23. 

DSC 9385

In cima un mezzo spazza neve è al lavoro per ripulire i parcheggi e la strada dalla poca neve caduta nella notte. 

DSC 9388

Da qui scatto due foto verso sud-est. E' una meraviglia. DSC 9389

DSC 9390

Ma ecco il momento dello scollinamento al Passo Pordoi. Qui neve ce n'è proprio tantina. 

DSC 9392

Il cielo da questa parte non è proprio il massimo eh. Comunque le previsioni danno ampie schiarite dalla tarda mattinata. Sono fiducioso. 

DSC 9393

La strada che scende dal Pordoi verso Arabba è messa ancora peggio di prima. Dovrò andare veramente piano, altrimenti...

DSC 9394

Guardate a lato strada che muri di neve!

DSC 9398

DSC 9400

Il sole a quest'ora crea bellissimi giochi di luce. Ecco il Piz Boè intorno alle 8.20 del mattino.

DSC 9397

Altre suggestive immagini.

DSC 9395

DSC 9405

Arrivo ad Arabba. Qui si che c'è tanta neve anche in paese. 

DSC 9407

Sono ancora parecchio lontano dalla meta. Riprendo a salire verso il Passo Campolongo. 

DSC 9408

Eccomi al passo. 

DSC 9411

Dopo aver fatto i tornanti verso Corvara non senza brividi per la tenuta dell'auto, arrivo in Alta Badia. E là in fondo vedo già il mitico Sass dla Crusc. 

DSC 9413

Potenti mezzi spara neve in azione. 

DSC 9416

Arrivo nei pressi di Badia, e qui faccio una sosta per fotografare un evento naturale capitato a dicembre. Sto parlando di una frana, di grandi dimensioni, con andamento lento ma distruttivo, che ha sfregiato i bei boschi della zona e sconquassato 3-4 case riducendole ad abitazioni da abbattere. 

DSC 9419

La frana è visibile molto bene dalla statale che porta verso Pedraces. 

DSC 9420

Guardate che devastazione. E pensare che la neve caduta ha coperto quasi tutto. 

DSC 9421

DSC 9422

DSC 9423

DSC 9432

DSC 9433

DSC 9437

DSC 9439

 

DSC 9438

Abbandono questo sfregio della natura causato da infiltrazioni d'acqua nel sottosuolo, e mi dirigo verso la mia meta di partenza odierna. Oggi il mio zaino peserà un bel po', tra viveri, attrezzatura fotografica, treppiede e ciaspole. Ma questa è la dura vita del fotografo di montagna. 

DSC 9441

Ecco il piccolo paese di San Leonardo, punto da cui parto a piedi. La giornata è bellissima, anche se c'è ancora qualche nuvola ad est. 

DSC 9444

DSC 9443

Inizio a salire attraverso strade completamente innevate. Spero per le mie gambe che il percorso che ho in testa, sia interamente battuto, altrimenti saranno guai anche se ho le ciaspole. In quota ci saranno anche 100 cm di neve fresca. 

DSC 9446

Ecco la mia direzione. Mi attendono più di 600 metri di dislivello da percorrere. 

DSC 9448

Questo è il mio percorso nei primi chilometri. 

DSC 9451

DSC 9452

DSC 9453

Per ora mi sta andando bene, la neve è battuta da mezzi di vario genere, nonché da scialpinisti. 

DSC 9457

Ora le pendenze si fanno acide!

DSC 9459

DSC 9460

Ci sono circa -13° C, ma sto sudando come un cammello svizzero. 

DSC 9462

La strada che sto percorrendo ora è stata pressata da una motoslitta. Mano a mano che salgo, il Sass dla Crusc diventa sempre più visibile. E la neve aumenta. 

DSC 9466

DSC 9465

Mi giro indietro e scorgo un panorama spettacolare. Riconosco là in fondo sulla destra, il Sass da Putia, già scalato da me questa estate. 

Schermata 01 2456313 alle 23 37 35

A prestissimo per il seguito del racconto. Manca ancora praticamente tutto il meglio!

Pin It

6 commenti:

Anonimo ha detto...

bentornato alle tue (nostre)sempre amate escursioni!
ciao
massimo bdg

Anonimo ha detto...

oh santo paradiso...è davvero un paradiso...tutte molto belle ma,la terzultima e la penultima per me sono eccezionali.....

Stnd ha detto...

Da quando due anni fa ho fatto un testa coda con la macchina che aveva preso la discesa di casa mia per uno scivolo, quando vedo la neve per la strada mi prende un'angoscia, un tremore che diventa terrore. Ho comprato la Panda 4x4 pere questo e spero di riuscire a guidare più tranquillo. Ma su quei tornati al Pordoi come hai fatto? In terra c'era ancora tantissima neve!
Le foto... che le dico a fare... sempre bellissime!

Momo ha detto...

Massimo, Anonimo, Stnd, grazie per i complimenti, ma aspettate, non ho fatto vedere ancora praticamente nulla! Stnd, io avevo pneumatici da neve e andavo a 30 all'ora. Nei tornanti anche a meno. :-)

Oscar ha detto...

Sono là con te. Foto emozionanti...come sempre. Ciao

Anonimo ha detto...

Momo...facci stare tranquilli, ti ci vuole una piccola 4x4, anche eventualmente la mitica nuova Panda, per i tuoi spostamenti ''nevosi''!!!!!
Un saluto e grazie per le foto!
XWB

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...