21 gennaio 2013

Enrosadira sul Sass dla Crusc (2)

Qui la prima parte. 

Sto salendo verso il Santuario di Santa Croce posto a 2045 metri di quota, proprio sotto il massiccio del Sass dal Crusc, o Sasso Croce in italiano. Sto salendo assolutamente a piedi, partito dai 1400 metri del paese di San Leonardo, sfruttando le strade e i sentieri battuti da motoslitte e scialpinisti. La giornata è soleggiata e le poche nuvole presenti, si stanno diradando. Il mio obiettivo è restare qui fino al tramonto, sfidando anche il freddo, visto che le temperature si aggirano intorno ai -10 circa. Il Sasso Croce è disposto molto bene per osservare il rossore del tramonto sulle sue pareti. Il massiccio non presenta guglie acuminate tipiche delle Dolomiti, ma è pur sempre un bel pezzo di roccia. Dove mi trovo ora ci saranno grosso modo 80 cm di neve, ma più in alto sono sicuro aumenteranno considerevolmente. 

DSC 9473

La lunga strada in forte pendenza che sto percorrendo, sta per sbucare da qualche parte. Che mi aspetterà là sopra? 

DSC 9474

Argh, la civiltà! Questa è la pista da sci che scendendo arriva a Badia. Il comprensorio qui è piccolo ma molto carino.

DSC 9475

Oggi poi con questa neve, dev'essere fantastico sciare. Tra l'altro non c'è nemmeno molta gente. 

DSC 9477

DSC 9478

In ogni caso, io continuo a salire verso l'ospizio di Santa Croce per una strada che corre parallela alla pista. 

DSC 9480

Inizio a scorgere panorami molto carini e suggestivi. 

DSC 9481

DSC 9488

Che maestosità.

DSC 9496

Oggi mi sono munito di ogni mezzo per affrontare la neve alta, anche le ghette, molto utili in queste circostanze. Infatti più avanti ne avrò estremo bisogno. 

DSC 9490

Dopo altri venti minuti, ecco il punto più alto che toccherò oggi. Questo è l'ospizio con annesso Santuario di Santa Croce. 

DSC 9501

Qui gli sciatori ci arrivano solo a piedi per rifocillarsi. 

DSC 9507

Eccoli qui, sti magnoni.

DSC 9510

Ammiro il Sasso Croce perché mai come ora gli sarò vicino nella giornata di oggi. 

DSC 9513

Medito sul da farsi. Mancano venti minuti alle 13 e ho fame, ma non voglio mangiare qui tra tutta questa folla. 

DSC 9514

Decido di proseguire verso Nord-est, avvicinandomi ai luoghi dove tra tre ore circa, attenderò il tramonto. Il sentiero che dovrò percorrere è segnato solo da una traccia sulla neve. Eccola.

DSC 9515

Il nuovo tipo di percorso non è proprio comodo: le tracce degli sci da alpinismo sono irregolari e i miei piedi fanno fatica. Ma proseguo senza tentennamenti. 

DSC 9520

Alla mia destra il Sass dla Crusc, è magnificamente illuminato dal sole. 

DSC 9524

Il mio percorso a piedi prosegue. Vorrei trovare una baita dove poter mangiare all'asciutto, senza dover sostare sulla neve, ma per ora...

DSC 9523

Ecco due baitine, forse ci siamo. 

DSC 9531

Mi avvicino e capisco che qui non c'è posto per me. Proseguo. 

DSC 9534

Le baite stuzzicano il mio appetito di fotografia. 

DSC 9532

Eh, qui è consigliabile scattare anche in verticale, per dare maggiormente l'idea della grandezza della montagna. 

DSC 9533

DSC 9535

Ora che sono sopra i 2000 metri, la neve è veramente tanta. Al suolo supera sicuramente il metro. E infatti, poco dopo, sono costretto a mettere le ciaspole. 

DSC 9536

DSC 9538

Si prosegue, mentre la mia fame aumenta a dismisura. Mi sto gradatamente allontanando dal Sasso Croce. A fatica procedo nella neve fresca. Questo tratto è stato battuto dagli scialpinisti, ma il vento ha riempito tutte le tracce di neve riportata. 

DSC 9539

Altra baita con qualche problema di geometrie. Anche qui mi è impossibile fermarmi. 

DSC 9540

A presto per la parte conclusiva del racconto, con tramonto finale. 

Pin It

2 commenti:

perlinazzurra ha detto...

La mia prima volta a sass de la crusc? Avevo sei mesi, ero nella cesta, provenivamo dal sentiero di san cassiano. Le foto ricordo mi mostrano sorridente ma ustionata in faccia dalla giornata, con grande spavento dei miei. Chiara

Anonimo ha detto...

Che foto ragazzi, sono le sette del mattino, guardo fuori e vedo ciminiere, nebbia e grigio e camion che passano ad inquinare l'aria. Per oggi è meglio guardare le tue foto.

Fabio Venezia

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...