20 giugno 2012

Ai piedi della Marmolada (3)

DSC 1279

Qui la prima parte. Qui la seconda.

Dopo essermi rifocillato, mi sbrigo a radunare le cose e a ripartire. Mi sono drammaticamente accorto che sono le 13.25 e sarà durissima arrivare al Passo Ombretta e tornare alla macchina entro le 17.30, mio orario limite di oggi. Ingrano la quarta e salgo verso la Marmolada. Devo fare quasi 700 metri di dislivello in salita.

DSC 1221

Il sentiero è inizialmente abbastanza docile, ma poi inizia a salire brutalmente con tornanti secchi.

DSC 1224

I miei quadricipiti, già provati dalla salita al Passo San Nicolò e la discesa fino alla Malga Contrin, mi lanciano sinistri avvertimenti. Questa foto vi aiuta a capire meglio la strada che ho già fatto. E manca tutto il percorso fatto dall'auto al Passo San Nicolò!

DSC 1230

Salgo ancora. Il ghiacciaio della Marmolada rilascia acqua in quantità. Ecco l'ennesimo torrente che scende dall'alto.

DSC 1226

Una panoramica da dove sono in questo momento. Alla mia sinistra ci sono le pareti del Col Ombretta. Alla mia destra quelle del Gran Vernel. Davanti a me il Col Ombert e il gruppo Cima Uomo (quello con la neve).

Schermata 06 2456099 alle 16 45 36

Sono le 14. Sono sfinito e penso che devo anche tornare indietro e che non è tutta discesa. Mi concedo ancora t15 minuti di salita poi dovrò fare dietrofront, ed è ormai evidente che non riuscirò a raggiungere il Passo Ombretta e i suoi stambecchi. Mannaggia, ho perso troppo tempo in giro a fotografare.

DSC 1237

Finisce la parte ripida del sentiero che ho fatto decisamente in poco tempo. Forse che forse arrivo al passo per il rotto della cuffia? Dovrebbe essere lì, in quella insenatura là sopra. Mi ricordo un mega ghiaione...

DSC 1241

Ma dopo altri 3 minuti di cammino un cartello mi stronca decisamente i miei piani. Stando a quello che leggo, ho ancora un'ora!!! di cammino per arrivare al passo. Orca, non ricordavo così tanta strada. Proseguo ancora un po' per forza d'inerzia. Mi spiace un sacco non poter procedere.

DSC 1242

L'ambiente qui sopra è veramente bello, selvaggio, unico. Mi fermo ad un altro torrente per dissetarmi. Sono stanchino.

DSC 1244

DSC 1245

Questa sarebbe la via della continuazione, ma io devo tornare a casa. Mi attendono ore di cammino e le mie gambe non sono molto contente. Neppure i miei piedi.

DSC 1246

In meno di 15 minuti sono nuovamente nella zona dove ho pranzato, ma ho un attacco di crampi ai quadricipiti. Non posso fermarmi perché il dolore aumenta. Proseguo tra gli urletti. Sembro uno che cammina scalzo sui ceci.

DSC 1248

Saluto la parete sud della Marmolada. La prossima volta non mi freghi: partirò da Alba di Canazei, salirò per la Val Contrin e ancora su fino al Passo Ombretta. Molta meno strada da fare.

DSC 1252

Quando posso evito il sentiero e cammino sull'erba: i piedi fan meno male.

DSC 1257

Fotografo ancora scorci che all'andata ho tralasciato.

DSC 1262

DSC 1263

Poi comunque la luce è cambiata rispetto a stamattina. Ecco il gruppo del Sassolungo.

DSC 1264
Inizio la salita che porta al Passo San Nicolò. Le gambe fanno male.
DSC 1269
Sogno divanoni su cui sdraiarmi, mari in cui tuffarmi, letti in cui dormire per ore.
DSC 1271
Lo stranissimo fiore del Rododendro. Ha sempre l'aspetto di un fiore tormentato da piogge, parassiti o altro. E invece è proprio fatto così.
DSC 1272
Ad un certo punto crollo su un prato e faccio una pausa. Bevo e nel frattempo ammiro davanti a me le meravigliose fattezze della Cima Ombretta.  Ditemi se avete mai visto una montagna più strana di questa.
DSC 1273
Ecco tutta la Val Contrin e là in fondo si vede Alba di Canazei.
DSC 1277
Proseguo l'interminabile salita verso casa.
DSC 1278
Ne manca ancora di strada da fare...
DSC 1280
Ma dopo due ore esatte da quando ho deciso di tornare indietro, eccomi in zona Passo San Nicolò. Sono semi-distrutto.

DSC 1286

Saluto per l'ultima volta la Marmolada e il Gran Vernel
DSC 1285
Arrivo al Rifugio del Passo San Nicolò e trovo un gruppo di persone intente ad osservare e annotare le cime che stanno davanti a loro. Chi sono? Boh, sinceramente non capisco cosa stiano facendo. Orienteering?
DSC 1293
In ogni caso io devo andare. Mi attende una nuova durissima discesa. E per le punte dei miei piedi non sarà una festa. Un ultimo scatto al Passo San Nicolò, e via.
DSC 1296
Riecco la Val S. Nicolò.
DSC 1297
DSC 1300
Non vedo l'ora di arrivare alla macchina. Queste sono le ultime immagini che scatto alla valle.
DSC 1303
DSC 1304
DSC 1309
Ormai cammino come uno storpio. I piedi sono infuocati e doloranti. Devo aver esagerato con i chilometri. Poi. a poca distanza dalla macchina, mi viene un'idea geniale: un pediluvio al volo! Ecco il torrente che fa per me.
DSC 1310
Tiro via tutto alla velocità della luce (sono un po' in ritardo, ma soprattutto cerco refrigerio), e immergo i piedi nel torrente.
DSC 1312
Ad un certo punto diventa tutto bianco, vedo gli angeli turchesi che mi sollevano e volo via con loro. I miei piedi rimangono nel torrente e non capisco… Poi mi rendo conto che sto soffrendo come non mai. Ho tenuto i piedi in acqua per circa 7-8 secondi ma è stato sufficiente per sentire un dolore pazzesco. E' come se mi stessero triturando i piedi sotto una pressa. L'acqua gelata del torrente li ha presi a cazzotti con una violenza inaspettata. Tiro fuori i due stoccafissi e soffro per 5 minuti, poi torno a vivere. E solo allora inizia un senso di piacere ai miei arti inferiori. Morale della favola: se proprio volete farvi un pediluvio in alta montagna, non immergete i piedi per più di 5 secondi in acqua. Scatto un ultima foto e raggiungo la macchina.
DSC 1313
Alla fine avrò percorso circa 19 km. Le gambe mi faranno male per tutta la sera e anche il giorno dopo. Sto proprio invecchiando.

Itinerario ciclabile 1650001 - powered by Wandermap
Alla prossima escursione!
Pin It

5 commenti:

Germana ha detto...

spettacolo :)

Stefano ha detto...

Bel giro Momo, belle foto.
Grazie per averci portato con te a passeggiare nel paradiso.

Anonimo ha detto...

ottime foto Momo, complimenti ancora..
gambe?! tutto ok??!!

ciao
massimo bdg

Anonimo ha detto...

Dai Momo, con un pò più di allenamento e abitudine la prossima volta porterai a compimento lo stupendo anello! Ciao Zdravo

Anonimo ha detto...

Bellissime foto!! I ragazzi che hai fotografato seduti a fare delle annotazioni sono studenti di geologia dell'università di Bologna, riconosco il mio professore di rilevamento geologico, il signore in piedi con la maglia gialla!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...