18 giugno 2012

Ai piedi della Marmolada (1)

DSC 1131

Con un po' di ritardo, ma ecco il foto racconto della bella escursione fatta sabato e contrassegnata da una giornata meteorologicamente bellissima. Incerto se puntare ad una cima, con il rischio di trovare neve o stare sui fondo valle e godermi le cime dal basso, ho fatto rotta sulla sempre splendida Val S. Nicolò (ultima volta qui oltre due anni e mezzo fa), con in mente una meta: Il Passo Ombretta e i branchi di stambecchi che stazionano in zona. Era anche l'occasione buona per farvi vedere questi luoghi con foto a larghezza 800 pixel, visto che le precedenti escursioni in Val S. Nicolò, le ho fatte quando il blog aveva ancora le foto minuscole (ma come facevo a pubblicare quei francobolli??). Ok, è ora di andare: zaino in spalla e si parte!

La sveglia mi butta giù dal letto alle 7. Guardo fuori, verso est: non c'è una nuvola, ma c'è parecchia foschia. Fortunatamente durante la giornata sparirà velocemente. Arrivo in Val di Fassa. Che giornata, ragazzi!

DSC 1004

Dopo le solite tappe dal panettiere e dal macellaio, per pane e speck, in meno di 30 minuti sono già alla meta. Ecco la mia amata Val S. Nicolò, con i suoi fienili sparsi con una apparente casualità, i suoi pendii dolci e assolati, i suoi boschi rilassanti.

DSC 1011

Fotografare la valle di prima mattina è un casino, perché il sole te lo ritrovi proprio in faccia. Molto meglio se ti giri di spalle, verso Pozza di Fassa.

DSC 1016

In giro, quasi nessuno. lascio l'auto all'inizio della valle in un apposito parcheggio e mi incammino. La temperatura è già molto piacevole (15°) e non c'è vento. Là in fondo, si vede benissimo la punta del Col Ombert, conquistato nel settembre 2007.

DSC 1018

Mi guardo intorno. Non passo da qui da due anni, ma non è cambiato poi molto.

DSC 1019

I prati sono tutti fioriti. Tra le varie specie, mi colpisce sempre il Botton d'oro.

DSC 1022

Cammino sulla strada asfaltata senza nessuna difficoltà. Questo è un posto che consiglio soprattutto a chi non vuole faticare in montagna, perché con una fatica pari allo zero, sei in un posto fantastico.

DSC 1026

A lato della stradina, scorre il Rio S. Nicolò.

DSC 1030

Il sole ancora basso, regala scorci molto suggestivi.

DSC 1031

Sulle parti alte dei monti, noto ancora tante chiazze di neve. Forse ho azzeccato a non puntare a cime in questa stagione.

DSC 1032

Sono a metà valle. I fienili qui, sentono il peso degli anni.

DSC 1033

Ad un certo punto scorgo un movimento sulla mia sinistra. Tre marmotte si agitano nei pressi di una tana.

DSC 1037

Cento metri più avanti eccone un'altra. Avrò modo di fotografarle di nuovo e da più vicino.

DSC 1038

Entro nel bosco.

DSC 1040

E velocemente arrivo nella parte terminale della valle.

DSC 1042

Un bell'esemplare di Raponzolo orbicolare.

DSC 1046

Un'altra marmotta!

DSC 1053

Ad un certo punto inizio a salire verso la parte sinistra della valle, diretto al Passo San Nicolò. L' mi attende una visione spettacolare. La prospettiva verso la Val S. Nicolò, cambia.

DSC 1057

Il sentiero si addentra nel bosco e sale di brutto.

DSC 1058

La rugiada del mattino, unita agli straordinari giochi di luci e ombre dati dal bosco e dal sole, mi incantano. Guardate che meraviglia questo fiore.

DSC 1065

DSC 1069

Sono diretto verso una zona molto detritica.

DSC 1067

Arrivato in cima al crinale, esco da bosco e mi si apre una visione spettacolare.

DSC 1083

Questa parte del costone montuoso è tormentato dalle acque, dalla neve e dall'erosione più sfrenata. Quello che più impressiona è la pendenza delle pareti.

DSC 1076

Alcuni particolari.

DSC 1077

DSC 1078

DSC 1079

Proseguo nel mio sentiero.

DSC 1081

Dopo altri 15 minuti di cammino, sto per sbucare verso altri orizzonti.

DSC 1084

Eccomi qui. Il gruppo Cima Uomo, e a sinistra ancora il Col Ombert. Ma la parte più scenografica del percorso deve ancora arrivare.

DSC 1085

Proseguo per pratoni ancora più in alto.

DSC 1087

Ogni tanto fotografo le splendide fioriture del posto. Qui siamo a 2400 metri circa.

DSC 1089

Altri Botton d'oro. La loro altezza, rispetto a quelli incontrati all'inizio dell'escursione, è della metà! logicamente più in alto si va e meno favorevoli sono le condizioni climatiche.

DSC 1092

Ecco finalmente il Passo S. Nicolò. Ancora 5 minuti di cammino e ci siamo. Nel frattempo altri ragazzi salgono dal sentiero che abitualmente facevo anche io in passato. Oggi ho voluto sperimentare un'altra via.

DSC 1093

Questa è la parte terminale della Val S. Nicolò, vista dal Passo S. Nicolò.

DSC 1094

A presto per le altre immagini e per la continuazione del racconto!

Pin It

5 commenti:

Stefano ha detto...

Notevole Momo, vai con la seconda parte, non tenerci sulle spine !

Francyphoto ha detto...

Leggere i tuoi post e vedere le foto mi fa venire una gran voglia di partire. E invece devo aspettare settembre...speriamo passi veloce!!!

Anonimo ha detto...

Per fortuna ci sei tu,con queste meravigliose foto e racconti.Quest'anno niente vacanze altoatesine,mi piange il cuore e gli occhi.Ciao Frittella

Germana ha detto...

il panino, il panino nooooo
ogni volta che vedo quei panini (e per adesso sono a dieta) mi dimentico di tutte le bellissime foto che ho visto prima (perdonoooooo)
:PPPPPP

franchino ha detto...

Ci sono stato nel 2009, alla corte del famoso Nello...

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...