23 maggio 2011

Il giro d'Italia sul Gardeccia (prima parte)

Eccomi a raccontarvi l'epica giornata vissuta ieri nella valle del Vajolet, al cospetto del Catinaccio e delle magnifiche Torri del Vajolet. Purtroppo il tempo ha fatto i capricci, parecchi capricci, e ha rovinato quello che poteva essere un bellissimo giorno di sport in un luogo incantevole come pochi. Ma procediamo per gradi. Ieri in totale ho percorso circa 15 km con un dislivello di 700 metri circa. Ecco l'itinerario.


Itinerario ciclabile 991689 - powered by Wandermap

Mi sono svegliato decisamente prima dell'orario preventivato, perchè ho pensato alla chiusura delle strade e al parcheggio da trovare. Alle 7.20 passavo per Moena con traffico praticamente inesistente. 
DSC 5271

Più avanti, verso Vigo di Fassa, il cielo sopra il Catinaccio era terso con lievissime velature.

DSC 5274

Alle 7.35 arrivo a Pozza di Fassa e dopo aver trovato agilmente parcheggio e aver attaccato il cartello per Wouter fatto nei giorni scorsi allo zaino

DSC 5275

(nella foto una prova. Poi ho messo il cartello decisamente più in su, altrimenti rompeva durante il cammino), sono partito a piedi verso il Gardeccia.DSC 5278

DSC 5279

Il primo pezzo di strada prevedeva il raggiungimento del paese vicino, Pera di Fassa. Qui mi son fermato a prendere un paninazzo con lo speck e una dolcetto, mio unico pasto di tutta la giornata.

DSC 5280

Poco più avanti sono passato sotto la seggiovia che, volendo, mi avrebbe portato comodamente a meno di 20 minuti dal rifugio Gardeccia, punto d'arrivo della tappa. Ma perchè privarsi di splendidi paesaggi da fotografare e soprattutto un bel po' di km da fare a piedi per mantenersi in forma? :-)

DSC 5281

Al parcheggio della seggiovia c'erano alcuni tecnici RAI intenti a prepararsi.

DSC 5282

Un bellissimo TIR addobbato per l'occasione.

DSC 5283

DSC 5284

Ad un certo punto ho lasciato la strada principale per inoltrarmi verso la Valle del Vajolet. Io sono diretto verso quella magnifica bastionata di guglie.

DSC 5287

DSC 5289

Dopo pochi minuti, eccomi all'attacco del sentiero che mi avrebbe portato al congiungimento con la strada asfaltata dove sarebbe passato il giro. Come era stato ampiamente preventivato, niente bici da queste parti. Si sale sono a piedi.

DSC 5290

Ecco l'inizio del sentiero. La temperatura è frescolina, e la giornata è meravigliosa.

DSC 5291

Il cartello segna 2 ore all'arrivo al Gardeccia. Io, modestamente, coprirò l'intera distanza in un'ora e 8 minuti.

DSC 5292

Il sentiero è letteralmente in piedi!!! Infatti nel giro di 15 minuti trasudo l'anima.

DSC 5293
Ad un certo punto, sopra di me vedo gli inconfondibili striscioni di Trentino e Val di Fassa. Ci siamo.
DSC 5299
Finisce il sentiero e passo sull'asfalto.
DSC 5300
Questa strada è percorribile solo ed unicamente in bici o a piedi durante tutto l'anno (in inverno solo con mezzo idonei), non solo oggi con l'arrivo del giro.
DSC 5302
Davanti a me si stagliano in tutto il loro splendore, i Dirupi di Larsec. Sulla strada ci sono i loghi della Val di Fassa, alternati a quelli del Trentino. L'asfalto è nuovissimo.
DSC 5303
Ecco sulla sinistra il Catinaccio. Là sotto arriverà il Giro oggi.
DSC 5306
DSC 5307
Per ora non c'è quasi nessuno in zona. Sono pur sempre le 8.27 del mattino e all'arrivo dei corridori mancano 9 ore.
DSC 5310
Io nel frattempo mi godo la natura. I botton d'oro sono in piena fioritura.
DSC 5311
Il passaggio di mezzi del Giro aumenta ad ogni minuto che passa. Eccone uno, che poi scoprirò stesse trasportando un pezzo di arrivo, completamente ancora da montare!
DSC 5312
Continuo a salire. Questa strada non molla mai. Non vorrei essere nei panni degli atleti, dopo essersi sparati due passi dolomitici.
DSC 5314
DSC 5315
Anche la natura si veste in rosa per salutare il Giro.
DSC 5316
Che magnificenza. Altro che salire in seggiovia!
DSC 5317
Proseguo. Sono oltre metà strada. L'asfalto qui non è più nuovo e la carreggiata è di soli tre metri.

DSC 5320

I pochi turisti presenti prendono fiato. hehehe.

DSC 5323

Nei prati è un esplosione di Genziane. Ne vedo ovunque.

DSC 5321

Non manca molto ormai alla fine di questa salita, che in totale misura circa 6,5 km.

DSC 5326

Ecco il Gardeccia.

DSC 5327

Il punto ristoro degli alpini della zona.

DSC 5328

DSC 5329

DSC 5330

Qui la strada è ancora più stretta e sempre in salitissima.

DSC 5333

Dietro ad una curva, compaiono loro: le Torri del Vajolet. Magnifiche!

DSC 5334

 

DSC 5336

Ormai ci siamo, mancano solo 500 metri.

DSC 5337

DSC 5340

Non sono l'unico che ricorderà Wouter oggi.

DSC 5343

Qui è ben visibile il Catinaccio d'Antermoia, quello con la macchia nera. A destra, le torri del Vaiolet.

DSC 5345

Ecco la zona d'arrivo!

DSC 5347

I preparativi sono nel loro culmine massimo. Qui è quasi ancora tutto da montare. Incredibile, io pensavo fosse già tutto pronto.

DSC 5348

DSC 5349

Ecco l'arrivo completamente ancora da allestire.

DSC 5350

DSC 5351

Questo è il famoso rifugio Gardeccia, dove si svolgerà il Processo alla tappa.

DSC 5353

Fa un certo effetto vedere il "carrozzone" del Giro d'Italia a pochi metri dalle protette Genziane montane.

DSC 5354

A più tardi per la continuazione dell'avventura!

DSC 5362

Qui la seconda parte.

Pin It

1 commento:

Saint Andres ha detto...

Ricordo bene di averle viste quelle scritte sull'asfalto, bellissimo, mai come in questo post mi è sembrato di essere stato in quei posti ieri!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...