10 ottobre 2010

Un funghettino qui, un funghettino là

Questa mattina sveglia presto e cestini alla mano sono andato a funghi. Ebbene si, la stagione non si è ancora conclusa anche se il periodo del re dei funghi, il porcino, è invece finita da un pezzo qui a 1000 metri. Ma la mia ricerca non contemplava il porcino...
Mi piace andare a funghi sulle dolomiti perchè i luoghi dove vado sono sempre molto belli e suggestivi, abituato invece com'ero a cercare nelle campagne milanesi e del varesotto dove non sempre l'ambiente era il massimo dal punto di vista ecologico e paesaggistico.

Ma torniamo a noi. L'oggetto della mia ricerca tra i boschi ha un nome e cognome ed è Armillaria mellea o comunemente detto Chiodino. E' il fungo per eccellenza che ha accompagnato la mia infanzia. Non so quante migliaia di volte con mio padre si partiva con il rampino e le borse per la raccolta dei funghi in cerca del pregiato bottino. Il rampino doveva servire per estirpare i rovi pieni di spine sotto i quali molto spesso si nascondevano i Chiodini a ciuffi. Quando mi sono trasferito qui in Trentino le mie abitudini in fatto di funghi sono cambiate anche perchè ero nella terra del Porcino. Ma soprattutto perchè mai e poi mai avrei immaginato che il Chiodino crescesse anche a queste altitudini. E invece...
A pochissimi chilometri da casa mia sono entrato nel bosco e quasi subito sono comparsi i primi esemplari, freschi e giovani.

A differenza del porcino che solitamente è solitario, il Chiodino ama la compagnia e quindi spessissimo dove ce n'è uno ce ne sono altri. Anzi solitamente crescono in ciuffoni.

Pensate che il Chiodino è un parassita dei ceppi d'albero e delle piante. Infatti quando trova habitat ideale attacca la base del tronco e cresce copioso fino ad ammazzare la pianta succhiandole tutto il succhiabile causando marciume radicale e fibroso nella pianta. Finita quella si propaga ad altre piante continuando la strage. Simpatico no?

In ogni caso il Chiodino è un fungo molto buono con cui si fanno ottimi risotti. E' bene però cucinarlo molto bene fino a far diventare la sua carne nera, altrimenti diventa un po' indigesto.
Questi sono tutti esemplari molto giovani quando la loro forma richiama proprio un chiodo, e da qui il nome volgare.

Naturalmente non c'era solo il Chiodino nel bosco. Erano tantissime le specie più o meno conosciute che ho incontrato.

Purtroppo mi sono imbattuto anche in alcuni porcini molto vecchi che ho dovuto lasciare sul posto.

La stagione come dicevo è finita a metà settembre e di conseguenza anche l'assalto dei turisti che ogni anno fanno incetta in ogni dove. Come potete vedere non si poteva proprio salvare nulla.

Altro esemplare vecchissimo.

Vicino al porcino solitamente c'è anche l'Amanita Muscaria che si dica sia un segna brisa, cioè segnala che in quel luogo è presente anche il Porcino.

sappiate che se provate a mangiarlo partiranno disturbi gastro intestinali a manetta, formicolio, allucinazioni, delirio, manie suicide ecc.. Non è il caso eh!

Comunque sia è un fungo esteticamente meraviglioso

Poi mi sono portato in altre zone del bosco vicino ad un corso d'acqua

dove ho trovato una serie di funghi gigantissimi. Mi sembrava di essere Alice nel paese delle meraviglie.

E poi altri Chiodini.

Altra zona e altri chiodini.

E poi, andando verso l'auto per tornare a casa, a meno di 15 metri dalla macchina ho trovato questa meraviglia.

C'è voluto un bel po' per raccoglierli tutti.

Ed ecco il bottino finale.

(TPP) 45 minuti.

Pin It

4 commenti:

Anonimo ha detto...

permetti una critica: presumo che il porcino molto vecchio e quel fungo enorme, tu non li abbia raccolti per mangiarli...MOMO MOMO...i funghi se non raccolti per essere mangiati, devono essere lasciati dove sono..Credo proprio che tu lo sappia..
Vedere ogni anno il sottobosco distrutto da persone (e credo proprio non sia il tuo caso) che non riescono a rispettarlo e che non si rendono conto di disturbare l'equilibrio di un ecosistema, suscita in me una rabbia incredibile.
Molti credono di avere una mazza da golf al posto del bastone e che qualsiasi fungo sia una pallina degna di essere colpita..che nervi!!

Momo ha detto...

Caro anonimo, gli unici funghi che ho raccolto quel giorno sono stati i chiodini, come vedi bene dall'ultima foto che ho postato. Gli altri, li ho rimessi esattamente nella posizione dov'erano, stando attento a non capovolgere il fungo. Eì l'unico accorgimento che va preso in questi casi, perchè, come saprai, si deve favorire il rilascio delle spore dalla parte sottostante del fungo. Penso di aver rispettato il bosco molto più di quelli che disboscano centinaia di metri quadri per fare delle stupide piste da sci. E con questo ho detto tutto.

Anonimo ha detto...

Lungi da me il volerti accusare di un qualcosa!!! Chiedo venia se questo è trapelato.. c'erano due frasi nel commento che sottolineavano il fatto che ti reputo intelligente in tal senso: "Credo che tu lo sappia " e "credo proprio non sia il tuo caso" ...ho solamente preso spunto da una tua foto per manifestare la mia rabbia nei confronti di persone che non rispettano la meraviglia che ci è stata affidata..che siano i funghi piuttosto che un fiume..
ti chiedo scusa per averti utilizzato come capro espiatorio.

Momo ha detto...

Tranquillo, nessun problema! :-) Ciao!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...