07 agosto 2015

La ferrata Campanili del Latemar (2)

DSC 2264

Qui la prima parte. 
 Si prosegue dritti dritti verso la Forcella dei Campanili, che dista a circa 40 minuti da dove siamo ora. 

DSC 2238

Nel frattempo, l’umidità, anche se poca, inizia a formare piccole nuvole di condensazione. Sono le 9 in punto e il caldo inizia a salire. 

DSC 2240

Ormai siamo piuttosto lontano dal Rifugio Torre di Pisa. E’ grosso modo dove vedete quel quadrato nero che si staglia nel cielo che altro non è che un orrendo ripetitore passivo di segnale elettromagnetico. 

DSC 2251

La forcella si avvicina. Siamo ancora belli freschi e riposati. E la vista che abbiamo sulla nostra sinistra ci carica a mille. Guardate che roba! 

DSC 2253

Eccoci qui! Siete pronti a vedere cosa c’è al di là di questa selletta?

DSC 2256

Boom! Ecco il Catenaccio, il passo Costalunga e tutta la parte terminale della Val d’Ega.  

DSC 2257

Alla mia destra c’è l’attacco e l’arrivo della Ferrata dei Campanili che tra poco inizieremo. 

DSC 2258

Alla mia sinistra un’impressionante gruppo di guglie che si stagliano nel cielo. 

DSC 2261

Mio fratello si scatena con i selfie. 

DSC 2259

Prova ad immortalare anche il baratro. 

DSC 2260

Ma è arrivato il momento di imbragarci con l’attrezzatura da ferrata, casco compreso. Troppo spesso vedo miriadi di sprovveduti che affrontano questi percorsi con scarpe da tennis lisce, o peggio ancora senza imbrago e senza casco. Basta una minimissima imprudenza per far finire una splendida escursione in una orrenda fine. Lo sa bene anche questa marmotta che ci osserva da lontano. 

DSC 2266

Schermata 2015 08 07 alle 18 32 35

Ok, si parte. Il giro della ferrata inizia, percorrendola in senso anti-orario come abbiamo fatto noi, attraversando un ghiaione che fila via quasi in piano e taglia in due lo Schenon. 

DSC 2270

Qui imbrago e casco non servono, ma la prudenza è sempre fondamentale. Sotto di noi ci sono già parecchi metri di vuoto. 

DSC 2273

Ecco il paesaggio lunare alle nostre spalle. 

DSC 2271

DSC 2272

La poca vegetazione che incontriamo è quasi esclusivamente costituita da Cardi selvatici gialli. 

DSC 2275

DSC 2274

Eccomi in azione. 

Schermata 2015 08 07 alle 18 50 21

Alcuni passaggi del sentiero che stiamo percorrendo. 

DSC 2283

Sono le 10.10. Davanti a noi vediamo spuntare il Bivacco Rigatti, quella scatoletta arancio che vedete là in fondo. Il bivacco segna l’inizio della Ferrata dei Campanili vera e propria e anche l’inizio della via di ritorno per noi. 

DSC 2284

DSC 2285

Indovinate da che parte siamo passati? A rivedere la foto non lo riconosco neppure io. Però fa impressione. 

DSC 2286

Siamo quasi alla Forcella Latemar Grande, altra finestra che dà sul Catinaccio. 

DSC 2287

Ultimi metri di fatica. 

DSC 2289

DSC 2290

DSC 2291

Et voilà! Siamo in paradiso. 

DSC 2292

Entriamo al bivacco Rigatti a dare uno sguardo. 

DSC 2293

8 posti letto. Spartanissimo ma funzionale. 

DSC 2295

E’ ora di pranzare, anche se sono solo le 10.45. Essendoci alzati alle 5, abbiamo una fame da lupi.

Schermata 2015 08 07 alle 18 51 15

Dopo pochi minuti, arriva a raccattare qualcosa anche una coppia di Gracchi alpini. 

DSC 2297

Ma ora è tempo di iniziare a fare sul serio. Controlliamo l’attrezzatura e gli imbraghi e si parte per la ferrata. Ecco il punto d’inizio. La durata della ferrata è stimata in un’ora e mezza circa. 

DSC 2299

DSC 2298

Si inizia subito a tutto gas. Ecco un tratto verticale molto impegnativo. 

DSC 2300

Schermata 2015 08 07 alle 18 54 47

Questo è lo spettacolo che abbiamo alla nostra destra.

DSC 2301

Proseguiamo concentrati mentre ci guardiamo intorno. 

DSC 2302

Per chi non fosse avezzo alle ferrate, si tratta di percorsi caratterizzati da funi metalliche alle quali ci si assicura con una doppia corda grazie a dei moschettoni che si agganciano e sganciano (assolutamente mai contemporaneamente) ogni qual volta si incontra un chiodo fissato alla parete. Se si seguono le regole, non si è mai e poi mai in pericolo. 

DSC 2303

Quello che è certo è che chi soffre di vertigini è meglio che stia a casa. :-)

DSC 2304

Ecco il bivacco dopo 15 minuti di ferrata. 

DSC 2305

Arriviamo in un tratto decisamente impegnativo. Poi scopriremo che è in assoluto il passaggio più delicato di tutto il percorso. 

DSC 2308

Si tratta di oltrepassare un’impressionante canale con l’aiuto di corde e scale. Ecco un’altro escursionista dall’altra parte del canale. Se osservate la foto, potrete notare nella parte basse gli scalini metallici ancorati alla roccia. Facciamo foto nell’attesa che tre escursionisti passino nel canale per evitare di incontrarci a metà. 

DSC 2310

Eccoli mentre fanno gli scalini. 

DSC 2311

Visto la loro lentezza, io e mio fratello decidiamo di procedere. Si va!

DSC 2312

Ecco mio fratello alle prese con gli scalini. Paura eh?!

DSC 2314

Finito il tratto delicato, ci guardiamo in giro. Ecco il panorama alla nostra sinistra. 

DSC 2315

E quello alla nostra destra. 

DSC 2309

La via ferrata prosegue. 

DSC 2316

DSC 2317

Mio fratello fa lo splendido assicurato con l’imbrago. 

DSC 2318

Un momento di sosta. 

DSC 2320

Questa ferrata presenta parecchi pezzi che si fanno senza corda metallica perché il percorso si tramuta in sentiero in quota. Esposto, ma pur sempre sentiero. Li vedete i due omini a destra che ci stanno venendo incontro?

DSC 2324

DSC 2327

Tratti spettacolari della ferrata. 

DSC 2328

Nel frattempo il cielo si è rannuvolato un po’. Ma non minaccia assolutamente ne di far temporali, ne di piovere. 

DSC 2330

Finisce qui la seconda parte di questa avventura ad alta quota. A presto per la terza ed ultima parte. 

Pin It

1 commento:

Blogger ha detto...

eToro is the best forex trading platform for newbie and professional traders.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...