07 agosto 2015

La Ferrata Campanili del Latemar (1)

DSC 2373

Eccomi a raccontarvi la splendida giornata di ieri, passata tra le meravigliose guglie del Latemar, il gruppo dolomitico più vicino a casa mia (solo 20 minuti). Questo splendido complesso di roccia, è formato perlopiù da roccia calcarea del Triassico, e da Dolomia. Il Latemar è un gigantesco atollo fossilizzato perfettamente conservato, e spesso camminandoci attraverso, mi sono immaginato queste incredibili guglie sommerse sotto le acque dei mari tropicali. 
Ma passiamo alla nostra escursione. Ecco il mega anfiteatro del Latemar, visto dall’alto.

Schermata 2015 08 07 alle 10 27 43

Questo è grosso modo il percorso che andrò a descrivervi visto da due angolazioni. 

Schermata 2015 08 07 alle 10 31 04

Quello segnato in rosa è il Rifugio Torre di Pisa, uno dei riferimenti nell’escursione di oggi. 

Schermata 2015 08 07 alle 10 34 41

Ed ecco la cartina della zona ingrandibile. 

Cartina Latemar

Questa escursione l’avevo programmata anche 5 anni fa, non riuscendo però neppure ad iniziare la ferrata per un problema di vesciche piuttosto grosso. Qui il fotoracconto di quella durissima giornata.
Questa ferrata ha un’avvicinamento piuttosto lunghetto, quindi suggerisco di partire molto presto la mattina e con tempo stabile. Io alle 6.30 ero già in cammino verso i pratoni del Latemar.

DSC 2169

Sono partito da Pampeago, lasciando l’auto in uno dei tanti posteggi in zona. Le temperature per oggi si prevedono molto bollenti (33 gradi in valle a 1000 metri) e con un cielo così ci sarà da schiattare di caldo anche oltre i 2500 metri. Ora però si sta divinamente con una temperatura che è intorno ai 14 gradi.

DSC 2172

A quest’ora non c’è anima viva, mentre il sole inizia ad illuminare le prime cime. Questa è la Pala di Santa. 

DSC 2174

Oggi potrò sperimentare il mio nuovo obiettivo 18-300 mm tra i sentieri, visto che da quando l’ho preso non ho più fatto escursioni degne di nota. Per farvi vedere la potenza di zoom che ha, eccovi il Latemar inquadrato con l’escursione focale impostata a 18mm. 

DSC 2173

E questo è il Rifugio Torre di Pisa, proprio in vetta al Latemar, fotografato dalla stessa posizione in cui ho fatto la foto precedente. Arrivo al passo Feudo, a 2121 metri, qui il sole ci saluta per la prima volta. 

DSC 2179

Dico, “ci” perché oggi non sono solo. Con me è venuto mio fratello. In ferrata è sempre meglio non essere soli. 

DSC 2191

Qui al Feudo incontriamo una bizzarra ma simpaticissima giostra. 

DSC 2184

Proseguiamo a passo molto spedito, verso il Rifugio Torre di Pisa, che è 550 metri più in alto!

DSC 2185

Ore 7.30. Ad un’ora dalla nostra partenza, siamo già in alta quota. 

DSC 2193

Ora però si inizia a fare sul serio. Ci attende il pezzo di sentiero più ripido della giornata. 

DSC 2194

La Pala di Santa, con i suoi 2488 metri ci guarda col naso all’insù. 

DSC 2198

Che meraviglia vedere i prati che si stagliano in un cielo così. Dopo tanto tempo riassaporo tante sensazioni legate alle escursioni in montagna che avevo un po’ dimenticato. 

DSC 2199

Sulla nostra destra, delle pecore pascolano sul bordo di un dirupo. Contente loro...

DSC 2200

Noi invece, siamo prossimi alle pareti rocciose del Latemar. 

DSC 2201

Ecco là sopra il Torre di Pisa. 

DSC 2202

Una panoramica della catena del Lagorai, ripresa dal Latemar. 

Panoramica dal Latemar

Ma eccoci giunti al Torre di Pisa. Tempo totale dalla macchina: 1.40 minuti.

DSC 2214

Il tempo di ammirare il panorama e la strada che ci attende, e ripartiamo. Ecco la nostra meta: Quella mega montagnona che prende il nome di Schenon, e non è difficile capirne il perché, con quella “schiena" che scende giù dritta dritta.

DSC 2215

Ora però ci concentriamo su quello che abbiamo nelle nostre immediate vicinanze. Stiamo infatti per addentrarci tra le mille guglie appuntite di questa splendida catena montuosa, inserita con merito (dal 26 giungo 2009) tra le meraviglie dolomitiche dell’Unesco. 

DSC 2216

Una tra le guglie più famose è quella che da il nome al rifugio che abbiamo appena oltrepassato. E’ la Torre di Pisa, così chiamata perché come il monumento dell’omonima città, pende. Eccola là in centro. Ora ci avvicineremo di più a lei. 

DSC 2217

Percorriamo la cresta sommitale che ci porterà in zona Ferrata dei campanili del Latemar. 

DSC 2218

E dopo alcuni minuti, ecco la Torre di Pisa. 

DSC 2220

DSC 2221

Non c’è che dire. E’ proprio una meraviglia della natura. La sua altezza totale immagino si aggiri intorno ai 20-30 metri. 

DSC 2223

Proprio di fianco alla Torre di Pisa, troviamo un’altro famoso monumento roccioso: la finestra del Latemar. 

DSC 2225

Ecco mio fratello intento a “sorreggere" la struttura. Speriamo non cada nulla!

DSC 2227

Proseguiamo il nostro cammino tra altre bellissime guglie. 

DSC 2230

DSC 2235

C’è anche la luna in questa magnifica mattina in alta quota. 

DSC 2231

DSC 2245

Alla nostra destra, le montagne creano un effetto spettacolare. 

DSC 2233

Il nostro sentiero ora, è relativamente in piano e andiamo via belli spediti. 

DSC 2236

Ecco lo Schenon in tutto il suo splendore. 

DSC 2237

Qui la stessa immagine, ma con segnata la ferrata che ci attende. Come potete vedere, la ferrata (della durata di 1,30 ore), si sviluppa tutta sul lato sud della montagna. Io invece ero convinto, osservando la cartina, che il ritorno della ferrata (è un anello) si svolgesse, nel lato nord, dove ci sono le pareti strapiombanti che danno verso il passo Carezza in zona Catinaccio. 

DSC 2237

Ecco due immagini tratte da RealityMapsViewer che ci fanno vedere molto bene la parete strapiombante del Latemar. In giallo vi ho segnato la vie che PENSAVO FOSSE QUELLA DA FARE. 

Schermata 2015 08 07 alle 13 02 15

Schermata 2015 08 07 alle 13 02 54

Per questo motivo la ferrata mi ha parzialmente deluso. Ma continuiamo col racconto. A fra poco!

Pin It

1 commento:

Anonimo ha detto...

che dire Momo!!sei ripartito col botto! bellissime foto!!
ciao
massimo bdg

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...