05 gennaio 2015

5 giorni nella magica Parigi (5)

Prosegue il mio racconto fotografico che narra i 5 giorni passati a Parigi a metà del mese scorso. Qui la prima puntata, qui la seconda, la terza e la quarta

Sono le nove di mattina di una piovosa giornata parigina. Siamo già davanti alle porte ancora chiuse del Musée D’Orsay, 

DSC 0127

Con la nostra Museum pass evitiamo qualsiasi tipo di coda e velocemente entriamo nel museo. Qui continua la storia che cronologicamente si interrompe al Louvre. E’ infatti in questa spettacolare ex stazione ferroviaria che sono conservati i migliori capolavori dell’impressionismo e del post-impressionismo. 

DSC 0100

Il luogo dove sono esposte sculture e dipinti è veramente suggestivo e non fa che avvalorare ancora di più le opere stesse. 

DSC 0103

Tra le prime opere che si incontrano, c’è lei, la statua della Libertà di Auguste Bartholdi in versione ridotta, alta poco più di tre metri. Questa versione, fatta dall’artista una ventina d’anni dopo aver completato quella di New York, è rimasta per 115 anni ai vicini giardini del Lussemburgo qui a Parigi. E dal 2011 è stata portata qui al riparo. 

DSC 0104

 

DSC 0108

Sopra di noi si erge in tutto il suo splendore uno dei tanti mega orologi del museo. 

DSC 0105

DSC 0106

Le sculture meravigliose in questo luogo sono veramente tante e sono ancor più belle illuminate dalla luce naturale che arriva dalle vetrate in alto. Guardate questo capolavoro di semplicità e allo stesso tempo di grande maestria. 

DSC 0110

DSC 0111

DSC 0112

DSC 0113

In un angolo del museo è stato dato ampio spazio ad una splendida ricostruzione del quartiere dell’Operà a Parigi, quello dove alloggiamo noi. 

DSC 0114

A fianco, si può anche ammirare uno stupendo spaccato del Operà Garnier, uno dei più incredibili e sfarzosi luoghi di Parigi. E a dirlo, mi viene un po’ da sorridere. Prima o poi, capirete il perché.

DSC 0116

DSC 0115

Ecco la navata centrale del museo. 

DSC 0120

Da qui si ammira ancora meglio l’orologio dorato.

DSC 0118

Entro in uno dei cafè e la suggestione aumenta. 

DSC 0121

Attraverso l’orologione che da sull’esterno, vedo chiaramente il Sacro Cuore. 

DSC 0122

DSC 0123

E anche parte del Louvre. 

DSC 0125

DSC 0126

La nostra visita prosegue tra le meraviglie di Van Gogh, Degas, Manet, Monet, Cézanne, Renoir, ecc… , opere che non potrò fotografare, purtroppo. Neppure senza flash. 
La nostra giornata prosegue all’Invalides, e precisamente al Musée de l’armée, semplicemente uno dei più grandi musei militari al mondo. 

DSC 0128

Il motivo principale della nostra visita (a parte il fatto che ci possiamo entrare gratuitamente), è la tomba di Napoleone. Abbiamo poco tempo da passare qui, perché ci attende un appuntamento tassativo alle 14.
Mentre entriamo, alle nostre spalle vediamo una zona di Parigi che purtroppo non faremo in tempo a visitare da vicino: Il ponte Alessandro III, il Grand Palais, e il Petit Palais. 

DSC 0129

Sotto questo immenso cupolone dorato, c’è il grande sarcofago che contiene le spoglie di Napoleone Bonaparte. 

DSC 0130

David Napoleon crossing the Alps Malmaison1

Eccolo! E’ interamente fatto di quarzite rossa della Finlandia. Il sarcofago contiene, come una matriosca, 6 bare una dentro l’altra, fatte nell’ordine dalla più interna alla più esterna: Lamiera, mogano, piombo, piombo, ebano e quercia. 

DSC 0131

Questa è la cupola soprastante.

DSC 0134

Insomma, qui giace uno dei più importanti condottieri di Francia, nonché probabilmente la figura storica più emblematica di tutta la storia francese. 

800px Ingres Napoleon on his Imperial throne

Ecco alcuni scatti fatti al museo militare. 

DSC 0135

DSC 0136

DSC 0137

DSC 0138

DSC 0139

DSC 0140

DSC 0141

DSC 0142

DSC 0143

DSC 0144

DSC 0145

DSC 0146

Ma il nostro tempo è terminato. Ci attende il mostro di ferro! Tour Eiffel, arriviamooooo!!!!
A presto per il prossimo post! 

Pin It

1 commento:

iTommasini4u ha detto...

Che meraviglia Parigi, che meraviglia il Museo d'Orsay.
Purtroppo i recenti problemi hanno portato alla ribalta Parigi sotto una veste che non le appartiene.
Ho apprezzato le quantità di "etnie" che ci convivono, la trovo una delle città più belle al mondo sotto infiniti aspetti, sono un amante dei Macaron (io ho puntato su Pierre Herme), abbiamo soggiornato per 5 giorni all'Hotel Du Louvre, anch'esso comodissimo.
Attendo con ansia il seguito del tuo racconto .. bravissimo come sempre, mi mancavano i tuoi post.
Stefano

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...