31 dicembre 2013

Sui pratoni del Pralongià in Alta Badia (1)

Schermata 2014 12 31 alle 15 44 22

Buongiorno ragazzi! In queste ultime ore del 2013 mi prendo una pausa dai preparativi per l’ultimo dell’anno per raccontarvi, attraverso i miei scatti, l’escursione molto nevosa che ho fatto ieri in zona Armentarola, dopo San Cassiano e molto vicino al Passo Falzarego. Come al solito pubblicherò moltissime immagini, alcune di carattere descrittivo, altre di carattere paesaggistico. Partiamo! 
Ore 7 del mattino, cielo in prevalenza sereno, temperatura intorno ai -7°. Parto verso la Val di Fassa.  IN giro non c’è nessuno e ben presto sono a Canazei. Ecco là in fondo il Gran Vernel. Qui c’è poca neve, forse arriviamo a 10-12 cm. 

DSC 5904

Inizio la serie di 27 tornanti che mi porteranno sul Pordoi. Il cartello mi conferma che il Passo è aperto e agibile. 

DSC 5907

Mano a mano che salgo le strade peggiorano e devo un po’ rallentare. Il gruppo del Sella fa bella mostra davanti a me nelle prime luci del mattino. 

DSC 5910

Lo strato di neve aumenta con l’aumentare della mia quota. 

DSC 5912

DSC 5913

Quasi in cima al Pordoi calcolo approssimativamente 80-100 cm di neve. 

DSC 5914

Eccomi al passo. Tra poco questo parcheggio sarà preso d’assalto dalle migliaia di sciatori che alloggiano da queste parti per le vacanze natalizie. 

DSC 5917

Sto per scollinare in direzione Arabba. 

DSC 5919

Le strade sono pessime, anche se ho su gomme invernali nuove, meglio essere prudenti. 

DSC 5920

Ecco là in fondo la zona dove andrò oggi. Vedo parte della Tofana di Rozes avvolta nelle nuvole, poi i Sorapiss, il Lagazuoi...

DSC 5921

Alla mia sinistra sfila il pordoi con l’arrivo della funivia Sass Pordoi. 

DSC 5922

Qui di neve ce n’è proprio tanta. 

DSC 5925

Le prime cime illuminate dal sole. Uno spettacolo che mi rapisce a tal punto da fermarmi e scendere dall’auto, nonostante i -13°. 

DSC 5924

DSC 5930

DSC 5931

DSC 5936

DSC 5942

Mi avvicino sempre più all’abitato di Arabba. 

DSC 5940

Questo sarà il paese in cui vedrò il maggior strato di neve. 

DSC 5941

Proseguo verso Passo Campolongo. 

DSC 5946

Inizio a trovare i primi alberi abbattuti dalla neve, gli stessi che hanno tenuto Cortina al buio per oltre due giorni. 

DSC 5945

E finalmente entro in Alta Badia. 

DSC 5943

DSC 5948

Poi su verso il Passo Valparola. 

DSC 5949

DSC 5950

Zona San Cassiano, ormai alla fine dell’Alta Badia. Altra strage di alberi abbattuti. 

DSC 5952

Leggevo che quello che ha colpito il Bellunese è stato un evento eccezionale, per la nevicata ma soprattutto per le condizioni climatiche complessive: neve pesantissima, vento di scirocco, terreno non ghiacciato. Questo ha fatto cadere migliaia di piante, e alcune hanno colpito i fili dell’alta e della media tensione. Sono 14 i km di fili elettrici abbattuti e molti tralicci sono da sostituire. Ci vorranno diversi mesi per risistemare tutto, nel frattempo, ci penseranno i gruppi elettrogeni. ma torniamo a quella mattina. Quando l’alta tensione di Terna è saltata, alle 9.44 di giovedì 26 dicembre, 4 delle 10 cabine primarie dell’Enel presenti nel Bellunese si sono distaccate e 60.000 utenze non hanno più avuto corrente. Alle 14.53 di venerdì due delle 4 cabine sono state riattivate. Già prima della riattivazione siamo riusciti a dare corrente a 12.000 clienti, pur senza avere l'alta tensione attiva. Infine per la serata di venerdì 30.000 utenti avevano la luce, grazie ai gruppi elettrogeni e alle manovre di esercizio fatte sulla rete. Dopo che Terna ha ridato corrente, lavorando durante la notte e il giorno di sabato, quasi tutti i clienti riavevano corrente, ne mancavano 4000 che sono stati raggiunti nella giornata di domenica. Alle 16.30 del pomeriggio di domenica l’Enel ha completato il suo intervento. Ruggiano, dirigente responsabile di Enel Triveneto, sottolinea il lavoro enorme fatto dai tecnici dell’Enel, 400 alla fine quelli impegnati, arrivati da tutte le regioni del nord, ma anche dal centro Italia: «Erano 105 la mattina del 26, 230 la sera del 26, 400 domenica». Se le comunità locali contano dei danni enormi per questo black out, anche le perdite per l’Enel non sono di poco conto. Difficile fare conti ora e il dottor Ruggiano non vuole sbilanciarsi, ma si tratta di milioni di euro, forse dieci.

Torniamo a noi. Ancora pochi km e dopo due ore di viaggio, arrivo all’Armentarola. Posteggio vicino all’albergo Gran Ancei.

DSC 5953

E subito dopo l’albergo, inizia il paradiso. I miei occhi si riempiono di questa meraviglia. Un senso di pace mi pervade ammirando bellissima atmosfera creata dal sole ancora molto basso: sono le 9.14 minuti. 

DSC 5955

Faccio qualche passo verso una pista da sci deserta. I miei scarponi scricchiolano sulla neve farinosa. Fa decisamente freddo. 

DSC 5957

Ecco l’albergo nei pressi del quale ho posteggiato. Dietro di lui la magnificenza delle Dolomiti. Ecco a voi le Conturines. 

DSC 5959

Questo magnifico gruppo prende il nome dalla cima più elevata Cima Cunturines che misura 3064 mt. Il monte è famoso in tutta Europa per il ritrovamento negli anni 80 di resti di un grosso orso vissuto 30-60.000 anni fa e non ancora conosciuto. E’ stato così chiamato Ursus Ladinicus visto che il suo ritrovamento in una grotta delle Conturines è in pieno territorio ladino. Qui per approfondimenti. 

DSC 5961

DSC 5964

In questa zona gli alberi sono ancora carichi della neve caduta 4 giorni fa. 

DSC 5969

DSC 5970

Resto incantato delle meraviglie naturali che vedo in ogni dove. 

DSC 5968

Le casette, i bosco rado, le cime dolomitiche, la tanta neve. Non manca proprio nulla per soddisfare il fotografo paesaggista. 

DSC 5978

DSC 5979

 Inizio a dirigermi verso il sentiero che mi porterà alla meta di oggi: l’atipiano di Pralongià, 500 metri più in sù di dove sono ora. 

DSC 5982

Nel totale silenzio sciano dei fondisti su piste perfettamente preparate. 

DSC 5985

DSC 5987

DSC 5992

DSC 5993

Io invece, cammino spedito. Incontro altri alberi abbattuti dalla neve e alcuni ancora in piedi per miracolo. 

DSC 5984

DSC 5988

DSC 6007

DSC 6008

Noto che la neve è appiccicata agli alberi soprattutto da un lato. Deve aver tirato molto vento durante la nevicata. Questo cartello conferma la mia tesi. 

DSC 5995

Ora che mi sono allontanato un po’, riesco ad apprezzare l’intero gruppo Conturines. 

DSC 5997

DSC 6001

Questa invece, è la valle che inizialmente volevo visitare oggi. Per fortuna ho cambiato idea, perché là dentro è tutto completamente in ombra. E io, fotograficamente parlando, amo il sole. Anzi, ne sono quasi dipendente. 

DSC 6000

 Ecco la mia strada. Per ora procede in piano e con me ci sono pochissime altre persone. 

DSC 6002

Il sentiero è quello giusto: 24B. 

DSC 6004

A presto per il resto dell’avventura!!!

Pin It

1 commento:

Anonimo ha detto...

Bellissime immagini e spettacolari paesaggi!!! Bravo Momo! Ne approfitto per farti gli auguri di buon anno a te e famiglia!
ilaria e.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...