18 novembre 2013

Alla Baita Segantini (2)

DSC 4339

Qui la prima parte.

Eccomi arrivato alla Baita Segantini. Siamo a 2174 metri (anche se l’insegna della baita indica 2200) e le pareti delle Pale slanciatissime, sono proprio ad un passo.

DSC 4081

Il laghetto che c’è proprio di fronte alla Baita e ghiacciato ma solo un sottile strato. 

DSC 4083

DSC 4085

Alla Baita c’è solo il gestore che sta spazzando la neve dalla terrazza esterna e liberando le vie d’accesso. 

DSC 4084

Il perché la Baita abbia esattamente questo nome lo ignoro. Ho cercato sul web ma non ho trovato nulla. Se qualcuno sa qualcosa, si faccia avanti! :-)

DSC 4087

Ecco il laghetto ormai alle mie spalle. 

DSC 4088

Salgo le scale che portano all’ingresso. 

DSC 4090

DSC 4091

Poi decido di fare un giro nei dintorni. Infondo sono solo le 11 e io vorrei attendere il tramonto proprio in questa zona. Il tramonto è fra 5 ore e mezzo. Devo quindi trovare il sistema per passare il tempo, senza sprecarlo. 

DSC 4094

Primo obiettivo di giornata è salire alla Punta Rolle, che si trova poche decine di metri più su e proprio sotto il Cimon della Pala. Seguo questa traccia lasciata pochi minuti prima da uno scialpinista. 

DSC 4095

Lascio il gestore del rifugio al suo lavoro con la pala. 

DSC 4097

E girata la curva, ecco il sentiero che devo fare. Ora farò veramente da apripista. 

DSC 4098

Le neve è alta grosso modo 38-40 cm e avanzo senza fretta. 

DSC 4107

Dietro di me vedo il Mulaz.

DSC 4105

La Baita Segantini che si allontana. 

DSC 4104

Le cime delle Pale che si avvicinano. 

DSC 4108

DSC 4109

Guardate che spettacolo!

DSC 4111

Salgo ancora. 

DSC 4110

Ad un certo punto ho l’impressione di essere sull’Everest, nel senso che avanzo in neve fresca su una specie di cresta. 

DSC 4112

Sbuco su un pianoro. Ecco là in fondo il Colbricon.

DSC 4114

Sotto di me il Passo Rolle. 

DSC 4115

Decido di proseguire fino a quella vetta. Voglio vedere San Martino di Castrozza da qui e il resto delle Pale che non riesco a vedere. 

DSC 4121

Zummo sulla cima del Cimon della Pala. 

DSC 4127

Trovo altre impronte di sci e le seguo fino alla vetta. 

DSC 4128

Ci siamo quasi. 

DSC 4130

Arrivo sulla Punta Rolle. Qui non è ancora stato nessuno se non un animale di piccola taglia.  

DSC 4134

Mi guardo indietro. 

DSC 4135

E poi volgo lo sguardo in basso, oltre 500 metri più in basso. 

DSC 4137

Ecco San Martino là in fondo. 

DSC 4138

Alla mia sinistra, gli aspri pendii delle Pale. 

DSC 4131

Mi godo un po’ il panorama e decido la mia prossima meta. Ora mi dirigerò proprio sotto la parete del Cimone, in quella sella laggiù, per trovare altri scorci fotografici interessanti. 

DSC 4148

Abbandono la cresta nevosa e scendo. 

DSC 4161

DSC 4162

Arrivato quasi in zona, vedo avanzare da sotto una nube bianca. 

DSC 4164

Con una velocità inaudita, la nube che sembrava una piccola massa bianca, sale vertiginosamente e avvolge tutto. 

DSC 4167

E io sono proprio nel mezzo. Sto per essere avvolto completamente!

DSC 4168

DSC 4170

Meglio stare fermi e attendere il passaggio della nube, prima di finire in posti strani!

DSC 4171

DSC 4174

Dopo due minuti circa, ecco che forse qualcosa sta nuovamente cambiando. 

DSC 4176

La mia testa esce dalla nebbia e avviene un magico evento. 

DSC 4178

Che naturalmente non mi lascio sfuggire. Le nuvole corrono veloci sotto al Cimone salendo dal Passo verso la Val Travignolo. E’ fantastico. Questo momento avrei potuto immortalarlo meglio con un time-lapse. 

DSC 4180

Ancora pochi secondi, e finisce tutto. 

DSC 4184

Posso riprendere il mio cammino verso la selletta. Nel frattempo immortalo particolari delle immense pareti che ho davanti agli occhi.

DSC 4200

DSC 4196

DSC 4197

Ecco la mia scia. Prima ero su quella cresta a destra. 

DSC 4206

Salgo ancora su una cimetta innevata e immacolata. Mi spiace quasi rovinarla. 

DSC 4203

Quella là sotto è la Val Venegia, molto frequentata anche dal sottoscritto. 

DSC 4204

Si riscende verso la Baita Segantini!

DSC 4215

Qui non esistono sentieri. Si va ad istinto, tanto di pericoli non ce ne sono. 

DSC 4219

Un particolare del Mulaz. Ho fatto anche questa cima, appena venuto ad abitare in Trentino. Dev’essere stato intorno al 2000 circa. 

DSC 4222

Rieccomi alla Segantini, dove scopro che il gestore si è dato da fare col piccolo gatto delle nevi nei dintorni della Baita e sulla strada che porta qui. Meglio, farò meno fatica a tornare indietro!

DSC 4230

Sono le 12 in punto. Potrei anche fermarmi a mangiare, ma voglio appostarmi in un posto panoramico. Decido di salire sulla Costazza, una collinetta la cui sommità è a 2280 metri. Questa collinetta è proprio di fianco alla Baita Segantini. 

DSC 4231

Ecco il sentiero per arrivarci. Alè, altro allenamento per le mie gambe. 

DSC 4233

DSC 4240

Sotto di me vedo i tornanti che salgono dalla Val Venegia alla Baita Segantini. 

DSC 4238

Ecco il fondo della Val Venegia. 

DSC 4242

Davanti a me sbuca all’improvviso il Castelaz. 

DSC 4246

Guardate cosa sono questo gruppo di guglie sulle Pale. 

DSC 4252

Salgo sempre più in alto e sempre in neve fresca. 

DSC 4259

La vista da qui è pazzesca! Quella là in fondo è la Baita Segantini.

DSC 4260

E mò, beccatevi sta panoramica ingrandibile!

PanoramicaPale 2013

A presto per la parte finale del racconto!

Pin It

7 commenti:

Francyphoto ha detto...

Che spettacolo!!! io quest'estate ci sono stata in bici alla baita segantini e confesso che mi piacerebbe vederla anche con la neve, ma purtroppo ci sono ben 500 km che ci dividono:(
Momo, un'info tecnica, quante foto compongono la panoramica?

stephanie dupont ha detto...

che meraviglia ..e tutto cosi bello,limpido,si risente questo senso di immensa pace !!...e che montagne !!!

Momo ha detto...

Francy, se non erro sono 7 scatti.

Stephanie, ti consiglio di venire a vedere le Pale dal vivo. Ciao!

Anonimo ha detto...

wat een mooie foto`s ik ben blij dat ik mee mag genieten-------che bella foto ,mi fa piacere che posso gedere,molto bella nota

Calimera ha detto...

ciao momo, bellissima escursione :)
Io nome Segantini le è stato dato dal suo costruttore; Alfredo Paluselli (che, tra le altre cose, ha costriuto anche la capanna cervino).
Pausanelli, oltre a costruire la baita ha creato con le sue mani sia il lago che le sta di fronte che la strada per arrivarci e lì ha vissuto per più di 30 anni ed il busto in bronzo è lì in suo onore.
Il nome deriva da quello di un pittore dell'800 da lui ammirato, Giovanni Segantini.

Momo ha detto...

Ciao Calimera, si ho trovato anch'io le stesse notizie grazie ad un amico. Le riporterò nell'ultima puntata dell'escursione. Grazie!!!

luciano ha detto...

Seguo da qualche anno i toui servizi fotografici sulle dolomiti che trovo eccezionali e a mio parere forse i migliori che si possono trovare sul WEEB.Complimenti e continua con i tuoi sevizi a farmi rivedere i posti che ogni anno in estate per 15 giorni cerco di frequentare. Mi piacerebbe sapere quali obiettivi ti porti nelle tue escursioni. Usi un solo obiettivo tuttofare tipo 18-105. Ti ringrazio e di nuovo tanti complimenti e saluti da un tuo ammiratore, luciano

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...