19 novembre 2012

Tardo autunno al Rosengarten (1)

DSC 6718

Eccomi a raccontarvi la giornata di ieri, passata tra i boschi e i pratoni a duemila metri ai piedi delle grandi pareti del Catinaccio. Questa volta non devo fare levatacce tremende, visto che la meta è molto vicina e motivi per partire presto non ne ho. Con calma, dopo essere passato dal panettiere e dal macellaio, mi dirigo verso il Passo Carezza. Quasi in cima, compare davanti a me il Latemar bello imbiancato. Anche le piste da sci cercano di prepararsi alla stagione invernale imminente, ma con scarsi risultati. 

DSC 6559

Dopo pochi minuti, eccomi al passo. C'è il deserto dei Tartari. 

DSC 6561

Oggi non ho un percorso fisso da compiere, così anche il punto dove lasciare l'auto, lo decido all'ultimo minuto. Scelgo il Passo Nigra, che è comunque sull'unica strada che scorre ai piedi del Catinaccio ed è grosso modo in mezzo alla lunga bastionata ovest della catena del Catinaccio. Parcheggio l'auto e uscendo "assaggio" i -4° delle 9 del mattino. Prendo una strada forestale che so mi porterà verso gli alti prati della zona. 

DSC 6562

DSC 6563

Qui ci sono molte zone in cui il sole non batte più da parecchie settimane e dove la brina la fa da padrone. 

DSC 6564

DSC 6565

DSC 6567

Ma centro metri più in là scatto anche foto come questa. Eì il potere del sottobosco che ripara e protegge dai violenti cambiamenti climatici. 

DSC 6574

DSC 6575

Già avevo avuto modo di accorgermene, ma ora ne ho la certezza: i larici hanno inesorabilmente perso tutti i loro magnifici aghi giallo/arancio. 

DSC 6590

E quindi oggi niente foto tipo quelle dell'escursione scorsa in Val Gardena, fatta circa un mesetto fa.  

DSC 6584

Immortalo le belle scie di uno dei tanti torrentelli che incontro. Qui il ghiaccio fa cose mirabolanti. 

DSC 6595

DSC 6597

DSC 6607

DSC 6601

DSC 6610

DSC 6611

DSC 6616

DSC 6619

Più avanti abbandono la strada sterrata per salire più ripidamente attraverso un sentiero. 

DSC 6621

Sul mio cammino incontro questa bella scultura di legno improvvisata. Qualche romantico boscaiolo avrà voluto lasciare il suo ricordo con la motosega. 

DSC 6622

Finalmente, dopo tanto bosco, i miei occhi vedono la luce e le splendide pareti dolomitiche del Catinaccio. 

DSC 6626

Davanti a me vedo le Crode di Ciamin illuminate dal sole basso di novembre. 

DSC 6628

Ormai sono sugli alti prati che dominano la Val di Tires. Ecco cosa vedo da quassù, anche grazie alla giornata completamente senza nuvole. 

Schermata 2012 11 18 alle 23 30 19

A sinistra si vedono Corno Bianco e Corno nero, poi tutte le vallate sottostanti, e là in lontananza, tutte le Alpi austriache. Più in basso, qualche larice giallo è rimasto ancora. 

DSC 6640

Proseguo per il mio sentiero. 

DSC 6644

Dopo qualche metro, alla mia destra noto una presenza ingombrante...

DSC 6645

La punta aguzza di una delle tre Torri del Vajolet. Oggi saranno loro le protagoniste, insieme al massiccio del Catinaccio. Dopo poco, ecco spuntare anche le altre punte.

DSC 6649

Io nel frattempo sono arrivato alla meta che mi ero prefissato per oggi: un mega pratone, proprio sotto le Torri del Vajolet. Ecco dove sono in questo momento, indicato da un punto rosso. 

Schermata 2012 11 18 alle 23 40 38

E' qui che attenderò il tramonto questo pomeriggio. Il fatto è che sono solo le 11.50.

DSC 6650

Ecco le Torri viste dal pratone. 

DSC 6654

Mi guardo un po' intorno. Incredibile questo larice che piuttosto di perire, ha appoggiato i suoi rami al suolo, come farebbe un corridore stanco e privo di forza per non mollare. 

DSC 6659

Trovo dei funghi che sono un pezzo di marmo: completamente congelati. 

DSC 6660

Salgo un po' verso le torri. Guardo l'orizzonte da qui. In quella conca lontana, c'è Bolzano. 

DSC 6665

Sono quasi sotto le pareti di roccia spolverate di neve. 

DSC 6666

Che belle le torri da quaggiù. 

DSC 6667

Ritorno tranquillamente verso il pratone. Il terreno sotto i miei piedi è veramente molto duro da tanto è ghiacciato. Ormai direi che tutto è pronto per le grandi nevicate invernali.

DSC 6676

Decido che posso anche pranzare e individuo un bel blocco di radici dove sedermi. 

DSC 6677

Questo è il panorama che mi concederò durante il pasto. Non male, direi!

DSC 6699

Ecco il mio pranzo giornaliero. 

DSC 6683

A domani per il resto del racconto e per le altre foto. 

Pin It

3 commenti:

Zion ha detto...

foto magiche. La brina così spessa non l'ho mai vista wow!

Nik ha detto...

Che bella giornata hai trovato! Curioso di vedere la seconda parte...

Momo ha detto...

Zion, la brina qui ha dimensioni da Alice nel paese delle meraviglie!

Nik, fotograficamente non un gran bottino. Tra l'altro ho provato a settare la macchina fotografica in un modo diverso. Voglio vedere se riesco a raggiungere un grado di nitidezza maggiore. Poi mi dirai.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...