21 ottobre 2012

Tra i giallissimi larici della Val Gardena

DSC 6070

Ieri è stata una giornata da incorniciare: un paesaggio meravigliosamente colorato e un tempo favoloso. Che si può volere di più da un'escursione fotografica in montagna? Vi racconto tutta la giornata con l'ausilio dei miei scatti. Si parte!

Sono le 7.30 quando passo nei pressi di Moena e scorgo sulla mia sinistra l'alba che arriva sulle cime della Roda di Vael. 

DSC 6007

Il cielo è una distesa azzurra senza soluzione di continuità. Viaggio spedito verso la Val Gardena: mi attendono gli allievi del photoshooting di oggi, organizzato come sempre da Madeinthealps. La domanda che mi frulla per la testa da quando mi sono alzato (e cioè se il foliage dei larici sia già iniziato) trova risposta proprio davanti al panettiere dove mi son fermato a comprare il pane fresco per oggi. Là sopra, oltre i 2000 metri, vedo i larici ingialliti. Dovrà per forza essere così anche in Val Gardena. 

DSC 6010

Eccomi sui tornanti del Pordoi, verso il Passo Sella. Le strade sono deserte e la temperatura è di -1°.

DSC 6018

Saluto velocemente il Sassolungo. 

DSC 6024

Arrivato sul Sella, scendo velocemente verso Gardena.

DSC 6027

Qui la neve scesa all'inizio della settimana è rimasta quasi tutta. 

DSC 6028

Ecco là in fondo sulla sinistra, la zona in cui stazioneremo oggi. 

DSC 6031

Poco prima delle nove arrivo al punto di ritrovo e dopo aver incontrato i partecipanti di oggi, ci prepariamo per salire verso Col Raiser e le Odle. Dietro di noi, mano a mano che ci alziamo di quota, si apre un paesaggio da togliere il fiato.

DSC 6039

E' l'altopiano di Siusi, con i suoi monti spolverati di neve. Davanti a noi invece, compare una prima parte di Odle contornate dai meravigliosi colori dell'autunno. I larici oggi ci regaleranno scatti epici. 

DSC 6040

E non è certamente un modo di dire!

DSC 6048

Per arrivare in quota, percorriamo una ripida strada sterrata. 

DSC 6050

Dopo circa 30 minuti di cammino, sbuchiamo letteralmente in paradiso. 

DSC 6055

In questi meravigliosi prati, faremo il briefing teorico sulla fotografia in montagna per poi ripartire muovendoci a zig zag tra i prati punteggiati da malghe e larici. 

DSC 6061

Più andiamo avanti e più ci rendiamo conto che oggi sarà difficile non "scattare" ogni secondo. E' tutto meraviglioso, anche le temperature che salgono velocemente. E in giro non c'è un'anima!

DSC 6062

DSC 6063

DSC 6066

DSC 6067

Là in fondo ancora l'Alpe di Siusi e nascosto, il Sassolungo. 

DSC 6068

Qui siamo a circa 2000 metri e come vedete la neve è presente a chiazze e i prati sono abbastanza zuppi, ma non ovunque. 

DSC 6070

Con i miei compagni di avventura, facciamo prove di profondità di campo con il diaframma. 

DSC 6071

Quando troviamo larici che hanno ancora parte della chioma di colore verde, immortaliamo questa meravigliosa scala di colori. 

DSC 6074

Altro bel contrasto cromatico, oltre al cielo con i larici, la fa la presenza del cirmolo, con la sua chioma verdissima. 

DSC 6076

Sua maestàil larice, nel massimo del suo splendore cromatico. Questo stato di grazia dura ben poco: circa 15-20 giorni, a seconda delle precipitazioni e del freddo. Ma anche il vento può accorciare questo periodo. 

DSC 6077

Ad un certo punto, giro lo sguardo alla mia destra e scorgo uno specchio d'acqua. Impossibile lasciarsi sfuggire un'occasione del genere per fare alcune foto. 

DSC 6083

DSC 6080

Fotografare in queste condizioni non è affatto semplice. E infatti i miei amici se ne accorgono ben presto. Bisogna trovare il giusto equilibrio per non scurire troppo la parte del laghetto e non bruciare la zona delle montagne e del cielo. 

DSC 6088

Queste foto hanno colori così intensi, anche grazie all'uso del filtro polarizzatore, che abbiamo constatato essere abbastanza indispensabile in giornate come queste. Satura i colori e li fa diventare più brillanti. 

DSC 6089

Come dicevo però ai miei allievi, occhio a non abusarne, perché il filtro può creare del rumore fastidioso. Eccone la prova, osservando un piccolo pezzo di immagine qui sopra, ingrandita al 100%.

Schermata 2012 10 21 alle 21 27 15

Effetto acquarello, visto che con noi c'è anche una pittrice!

DSC 6093

Abbandonato il laghetto, facciamo esperimenti con il bilanciamento del bianco spostato sui toni caldi. 

DSC 6099

E qualche primissimo piano. 

DSC 6104

Ma lo sguardo, più di tutti, è sui meravigliosi colori dei larici. 

DSC 6106

Saliamo ancora, senza fretta e in tutta tranquillità. Vorremmo stare qui per sempre. 

DSC 6109

Continuo anche a suggerire di sottoesporre ogni scatto, per evitare di bruciare qualche parte di paesaggio. Con una varietà di tonalità tipo queste, è veramente facile cadere in errore. Si va dal nero del bosco, al bianco della neve. 

DSC 6111

Infatti qualche volta ci casco anch'io. Osservate le montagne più lontane dell'inquadratura qui sotto. Sono palesemente sovraesposte. 

DSC 6110

Anche questa foto è sovraesposta, anche se di pochissimo. 

DSC 6118

Ogni soggetto è buono per far pratica. 

DSC 6112

Osserviamo che una volta tanto, gli insediamenti umani si intonano benissimo in questo contesto naturale. 

DSC 6116

Guardate che bella questa baita. 

DSC 6117

Suggerisco continuamente ai miei allievi di girarsi indietro e di osservare tanto intorno a loro. Il fotografo dev'essere curioso. 

DSC 6121

DSC 6122

Troviamo anche un piccolo recinto con capre, pecore e mufloni. 

DSC 6126

La curiosità della capra è impressionante. 

DSC 6131

DSC 6140

DSC 6135

Tra uno scatto e l'altro s'è fatta una certa ora e lo stomaco brontola. Individuiamo una bellissima baita con tavolo e panche annesse e decidiamo che sarà nostra! 

DSC 6157

Il proprietario è nei paraggi ma una volta chiesto il permesso ci lascia pranzare senza nessun problema. 

DSC 6159

Eccoci qui appena finito il pranzo. Il caldo si è fatto veramente intenso e ci spogliamo delle nostre felpe. Ricordo che siamo a 2200 metri d'altezza e che è la fine di ottobre. 

DSC 6160

Ma non c'è tempo per cincischiare. Una volta radunata la nostra roba, si riparte. Dobbiamo salire ancora. Durante il tragitto facciamo altra pratica. 

DSC 6164

Faccio vedere cosa succede a far entrare i raggi del sole nell'obiettivo. 

DSC 6166

O a far foto in ombra quando all'orizzonte c'è molto chiaro. 

DSC 6168

Ora siamo soli, ma tra meno di 40 giorni, qui ci sarà molta neve (si spera) e molta gente. Adesso la situazione alla stazione di arrivo delle seggiovie, è questa. 

DSC 6174

Camminiamo verso Seceda, la nostra metà di oggi, ma siccome abbiamo ritardato, ci fermeremo prima. Altrimenti perderemmo il tramonto sulle Odle. 

DSC 6176

Troviamo anche qui bellissimi scorci, anche se a queste altezze i larici sono quasi scomparsi. Là in fondo scorgiamo il gruppo del Sella. 

DSC 6177

DSC 6180

DSC 6183

Alcuni scatti di prova per congelare l'acqua di un ruscello. 

DSC 6185

Poi si torna indietro, sempre con la digitale in azione. 

DSC 6201

Sono le 4 del pomeriggio e le ombre iniziano vistosamente ad allungarsi e la luce si fa più calda. 

DSC 6208

Passo in modalità bilanciamento del bianco con colori caldi. 

DSC 6212

Altro errore che chiedo di non fare è quello di soffocare i paesaggi con tagli scriteriati o cieli poco presenti. La foto di paesaggio, ha sempre bisogno di spazi di "respiro". La foto qui sotto non va bene. 

DSC 6214

Questa invece, è ok. 

DSC 6216

Nikon e Canon, l'eterna lotta. 

DSC 6219

Ma non oggi, anzi ci si confronta e si impara a vicenda. 

DSC 6221

Lo spettacolo dei colori e delle ambientazioni, continua senza sosta. 

DSC 6223

Facciamo delle prove anche con i tempi lunghi inquadrando un ruscello. 

DSC 6229

E torniamo anche allo specchio d'acqua incontrato stamattina. La luce ora è cambiata. 

DSC 6237

Ma il nostro pensiero è ormai per il tramonto e per vederlo al meglio, ci stiamo allontanando dalle Odle 

DSC 6244

Bello questo scatto, peccato aver dimenticato lì quegli zaini nell'inquadratura. 

DSC 6246

Altro scatto frutto dell'osservazione attenta del territorio. Una piccola pozza in mezzo al prato e le Odle si riflettono alla perfezione. 

DSC 6247

Anche i miei allievi ci provano. Peccato quella jeep bianca!

DSC 6249

Altra foto ricordo. 

DSC 6253

Altra cosa da evitare sono gli oggetti indesiderati. Qui sotto è presente un cannone della neve. Ma si vede poco. 

DSC 6255

Sono quasi le 17.30. Dobbiamo salire per vedere bene il tramonto sulle Odle, per farlo prendiamo una strada che già conosco. 

DSC 6261

Altre inquadrature molto suggestive ci si parano davanti agli occhi. 

DSC 6269

Una volta arrivati alla quota desiderata, cerchiamo l'inquadratura perfetta. 

DSC 6275

Lascio i miei compagni momentaneamente e salgo ancora più in alto per pratoni. Ecco cosa vedo. Forse meglio riscendere un pò. 

DSC 6278

Non mi piace assolutamente dare un titolo alle foto, lo trovo banale. Ma per la foto qui sotto, devo fare un'eccezione.

"L'abbraccio"

DSC 6279

Decidiamo che qui va più che bene. 

DSC 6282

Altra foto di gruppo. 

DSC 6294

Verso ovest, nel frattempo, lo Sciliar si staglia nel rosso generale del sole che sta per sparire. 

DSC 6305

Le Odle si infiammano, ma non succede quello che mi sarei aspettato. 

DSC 6324

Guardate il tramonto che ho fotografato dalla stessa posizione nel mese di dicembre dell'anno scorso. 

NewImage

NewImage

NewImage

NewImage

E' probabile che la neve accentui di più determinati riflessi. Comunque ci accontentiamo e scendiamo verso le macchine, prima che faccia buio. Il cielo verso lo Sciliar è spettacolare. 

DSC 6336

L'ultimo scatto lo provo senza cavalletto per far vedere l'effetto seta su una cascatella d'acqua. 

DSC 6345

E' tempo di tornare a casa a fare una doccia e a riposarsi, pienamente soddisfatti della giornata appena trascorsa. Spero sia piaciuto anche a voi questo itinerario fotografico in Val Gardena. Al prossimo photoshooting.

Pin It

18 commenti:

Anonimo ha detto...

tu provochi e io ci casco caro mio!!
ieri ero ,per un photoshoot familiare, in val di Funes a fotografare il foliage..
bè, non mi sono proprio venute come le tue!!
che foto momo!!
complimenti
ciao massimo bdg

Momo ha detto...

Massimo, sono curiosissimo di sapere com'era messa la Val di Funes. Le caducifoglie erano ancora cariche di colore? E i larici in paese? Il tempo era bellissimo, mi sa che hai fatto belli scatti. Questo weekend, in qualunque valle dolomitica si andasse, c'era di che sbizzarrirsi, vero?

Mauro Tonon ha detto...

Grande giornata! Grazie per i consigli ed il tempo !
Ciao
Mauro.

The Ashram of Roses ha detto...

ma godono di buona salute sti abetini ?
il senso cromatico d' insieme è notevole, inutile dire che come commentatrice di un blog fotografico ci faccio una magra figura ad ammettere che ieri ho scordato la sony a casa...e le chiavi della casa in montagna....sempre a casa...insomma non c'è gara !
la foto dello specchio d' acqua è notevole ! per non parlare delle nike della Momina....me la mangerei !

Momo ha detto...

The ashram, se i larici godono di ottima salute? hehehe, va che è il loro processo stagionale normale. Stanno benissimo, fidati! Ma ti dimentichi tutto tu? Sarai innamorata, sicuro! Ogni tanto comunque, pubblica qualche foto su sto benedetto blog! Eh!

Landscapes75 ha detto...

Giornata fantastica sia dal punto di vista meteorologico che dell'ottima compagnia! Grazie ai consigli del nostro Maestro le mie foto ora hanno un'anima e ho fatto "pieno" di colori! Evviva! Grazie della indimenticabile esperienza..che ripeterò! Ciao!

The Ashram of Roses ha detto...

Benedetto blog !
bel titolo,
il punto è : che cercavo una casa e giardino in un posto divino,... se metti che sto a 700 mt di altitudine sul mare ( si dice così ? ohibò ), somiglia tanto a un eremo, e la mia idea era tutta votata a farne una struttura di ricez turistica ( in un posto dove il castello normanno e il chiostro medievale sono sede della giunta comunale )....
la prerogativa turistica è fiacca, e il mettermi in società con altre persone la vedo ostica,
dunque
anche il blog va lentino, forse cerco ispiraz da te
che il buon Jobs sia con noi !

Stnd ha detto...

Momo mi hai fatto male, molto male. Queste foto, la natura incontaminata, la giornata bellissima, le chiazze di neve, i colori... sto soffrendo a morte.
Avverti che questi post sono sconsigliati agli amanti delle Dolomiti deboli di cuore.
Voglio venire a vivere lassù!!!!!

Anonimo ha detto...

Bravo Stnd,Frittella

Momo ha detto...

Landscape, grazie a te per essere venuta. Sei stata un'ottima allieva!

The Ashram, ma chi ti ha consigliato di prendere sta benedetta casa? sembra sia tutto i contrario di quello che ti eri prefissata. Cavolo!

Stnd, guarda, non sarei venuti via più neppure io. E devi vedere che razza di giornata c'è anche oggi! Una cosa che non si può capire!!!

The Ashram of Roses ha detto...

l' ho scelta di mio dopo un' oculata riflessione interiore....si si va bhè ho detronizzato il prezzo scontandola del 25 % hanno accettato e l' ho presa, in città avrei potuto avere un bonissimo appartamentino di 80 mq, e visto che da te sulla val brembana le case costano un occchio,etc etc salut, niente bon è Essa, e ieri dopo un' immane fatica dei pollici ho scritto un post, una cascata di foto estive !

Nik ha detto...

Ciao Momo, la Val di Funes era così: http://www.nicolomiana.com/autunno-in-val-di-funes/

Le foto sono di questo weekend!

Momo ha detto...

Nik, porcaccia miseria!!! Che favolose immagini e che bel paesaggio. Che digitale usi? Ti faccio i miei più sinceri complimenti. Sono rimasto a bocca aperta.

Nik ha detto...

Ops, non mi ero accorto che avevi già visto il mio reportage, ho visto solo ora il tuo commento :)
Grazie Momo, uso una Canon 40D. La giornata splendida poi ha fatto il resto...

Momo ha detto...

Nik, l'ho visto solo dopo che tu mi hai commentato. Ti mando una bella mail per chiederti delle cose. Ciao!

Momo ha detto...

Nik, ho visto che non c'è la mail sul tuo blog. Dove ti scrivo?

Anonimo ha detto...

scusa momo puoi essere piu preciso riguardo l'inizio dell'escursione? da dove sei partito precisamente? cioè la salita al col raiser, da dove sei partito? perchè vorrei andarci anche io ma non capisco bene il punto di partenza.. grazie, pesaggio spettacolare e foto superlative

Momo ha detto...

Enrico, sono partito dal parcheggio della cabinovia del Col Raiser sopra Santa Cristina. È l'unica cabinovia, non puoi sbagliare.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...