13 agosto 2012

Alla conquista del Sass da Putia (2)

Qui la prima puntata. 

Continuo a salire verso la vetta del Sass da Putia percorrendo la facile ferrata che la precede. In totale saranno 10-15 minuti di ferrata, non di più.  La fatica è pari a zero, il divertimento è massimo. L'unico inconveniente sono un po' le mani che dolgono a forza di stringere il cavo d'acciaio. Ci vorrebbero un paio di guantini. 

DSC 3033

Mi diverto a fotografare le persone che mi precedono e quelle che mi anticipano, visto che nessuno può fotografare me.

DSC 3028

 Alcune immagini sono molto spettacolari, ma vi assicuro che è tutta scena!

DSC 3029

DSC 3032

L'attacco della ferrata è là sotto. In pochissimo tempo mi sono alzato di parecchio. 

DSC 3035

 Non dovrebbe mancare ancora molto alla fine della ferrata. 

DSC 3037

 E infatti finisce ben presto e percorsi altri 100 metri di sentiero sassoso, ecco la croce di vetta!!

DSC 3045

Ci siamo, ragazzi!

DSC 3043

2875 metri raggiunti e conquistati. Non che siano il K2, ma son sempre soddisfazioni, no?

DSC 3047

Mi avvicino al libro di vetta. 

DSC 3048

 Per chi non lo sapesse, è usanza firmare il libro di vetta almeno la prima volta che si conquista una cima. Ogni montagna seria ne ha uno.

DSC 3050

Scrittura da gallina, ma la posizione era scomodissima. 

DSC 3052

Fotografo le baite sui prati sottostanti. Tra me e quelle baite ci sono più di 700 metri di salto. 

DSC 3063

Con l'autoscatto abbozzo una inquadratura che mi riesce a metà. Ci si accontenta. 

DSC 3086

In vetta c'è chi medita...

DSC 3064

…chi pranza in famiglia...

DSC 3083

… e chi si gode il panorama. 

DSC 3085

Sono le 12.42, è tempo di mangiare, ma io sono solito pranzare a valle, mai in vetta. Quindi mi armo di buona volontà e mi preparo a scendere. Devo raggiungere quelle baitine lì sotto. 

DSC 3077

La seconda cima del Sass da Putia, vista dalla vetta ufficiale. 

DSC 3078

Un ultimo sguardo alla Odle dall'alto

DSC 3088

E torno giù. Arrivederci Sass da Putia!

DSC 3089

Ripercorro la ferrata. Devo dire che la disesa in ferrata è sempre un po' più complessa: fune bassa, appigli non ben visibili. L'ideale è andare all'indietro, molti passaggi si risolvono da soli. 

DSC 3093

DSC 3096

DSC 3099

DSC 3101

DSC 3104

La biondina vestita in rosso porpora ha provato la ferrata per una decina di metri, poi aiutata dai suoi amici e alquanto terrorizzata, è tornata indietro non senza difficoltà. 

DSC 3106

DSC 3108

Beh, dai il sole mi ha tenuto compagnia per tutta la salita e discesa della ferrata. E' già qualcosa no?

DSC 3113

Chissà com'è che a scendere ci si impiega la metà del tempo. Però le gambe non è che facciano meno male: bisogna frenare il peso del corpo ad ogni passo. Le ginocchia non festeggiano. 

DSC 3115

Uella, sua maestà la Stella alpina! 

DSC 3116

E altre violacee fioriture. 

DSC 3118

DSC 3120

Son quasi giunto ai pratoni. 

DSC 3125

Rieccomi alla forcella Putia. Che casino!

DSC 3126

Proseguo in cerca di un praticello tranquillo dove mangiare. Davanti a me il Sass dla Crusc che domina Badia. 

DSC 3128

ma dietro di me… Ci risiamo, nuvole. E che nuvole!

DSC 3132

I colori si spengono nuovamente e tutto è più grigio. 

DSC 3134

Trovo una baita con piccolo laghetto accanto e ruscelletto annesso. Mi sembra un buon posto per pranzare. 

DSC 3137

DSC 3136

DSC 3139

Mi sparo un bel paninaro con speck e mi riposo un po'. 

DSC 3143

Dopo 5 minuti sento cadere delle gocce d'acqua. Ma porc...

DSC 3142

Dura poco, per fortuna, ma devo sbrigarmi. Ho ancora da fare molta strada. Riparto per la stessa stradina percorsa questa mattina. 

DSC 3149

Ecco il Sass da Putia ingrigito. 

DSC 3150

La situazione peggiore dal punto di vista nuvole è dietro di me. 

DSC 3152

Sulle Odle là sulla sinistra, vedo già acquazzoni in atto.

DSC 3156

Ecco, appunto: piove anche sopra la mia testa. Estraggo il poncio che ho nello zaino: perlomeno io, lo zaino e la digitale saranno all'asciutto. 

DSC 3160

Diluvia! Con la macchina fotografica da dentro il poncio faccio qualche scatto. Si alza pure il vento. Com'è che doveva essere il tempo oggi? Tutto sereno con qualche addensamento nel pomeriggio??? Grrrr!!

DSC 3161

DSC 3165

Tempo10 minuti e smette di piovere. Si calma il vento e davanti a me vedo il sereno. 

DSC 3168

E' il bello della montagna: nel giro di 5 minuti può cambiare tutto, sia in meglio che in peggio. Scendo per pratoni bagnati.

DSC 3172

DSC 3173

Ora esce pure un timido solino. Ecco il Sass da Putia appena conquistato. Meno male che non ero in ferrata con la pioggia. Le rocce possono diventare scivolose e ci si può far male. 

DSC 3177

DSC 3181

Assurdo! E' di nuovo estate. 

DSC 3184

DSC 3192

A passo spedito viaggio verso la macchina. Ora oltre che il poncio, mi son tolto anche il pile. Fa di nuovo un gran caldo. Il Sass dla Crusc mi guarda da lontano. 

DSC 3203

Che senso di pace che trasmettono questi luoghi. 

DSC 3207

DSC 3208

DSC 3209

Sono le 16.32 e arrivo all'auto. L'escursione è finita. In totale ho percorso 17 km con un dislivello di circa 1170 metri. Ecco il dettaglio di sola andata.


Itinerario ciclabile 1766627 - powered by Wandermap 

E qui alcune inquadrature del Sass da Putia estrapolate da RealityMapsViewer con segnato in rosso la strada percorsa da me. 

Schermata 08 2456151 alle 10 12 02

Schermata 08 2456151 alle 10 12 59

Una vista dall'alto.

Schermata 08 2456151 alle 10 13 38

E una da est. 

Schermata 08 2456151 alle 10 14 09

Insomma, questa escursione non ha riservato molti spunti fotografici. Le foto che vi ho pubblicato sono perlopiù di supporto al racconto. Mi sto accorgendo col passare degli anni che circumnavigare i monti, piuttosto che salirci in vetta, mi permette di raccogliere immagini molto più suggestive e interessanti. Comunque mi son divertito ugualmente. Alla prossima straordinaria avventura sulle Dolomiti. E vi assicuro che arriverà velocemente e sarà un bel 3000 piuttosto famoso. A presto. 

Pin It

8 commenti:

Anonimo ha detto...

heel mooie foto`s,wat een verhaal zeg

The Ashram of Roses ha detto...

ME-RA-VI-GLIO-SO e una foto quella di tutte le montagne l'ho presa, copiata, incartellata, trafugata ! lascio un fiorino-bacino !

Momo ha detto...

The ashram, ti è piaciuta così tanto questa escursione? Son contento ma non vedo particolari motivi di gioia. :-) in ogni caso, grazie!

Anonimo ha detto...

Momo, quanto dura il giro completo?

Luca

Momo ha detto...

Luca, non so di preciso, ma non è affatto corto. Avvicinamento al Sass dal paso delle Erbe + giro, direi che siamo sulle 5 ore.

Anonimo ha detto...

Bello! Grazie. Mi piacerebbe provare...

Ivan Ferrari ha detto...

Confermo le 5 ore (e 30) per il giro completo partendo (e arrivando) dal Passo delle Erbe, qui qualche foto: http://www.flickr.com/photos/ivanferrari/sets/72157635340440003/
Ciao!

Momo ha detto...

Ivan, grazie per la dritta!! Belle le tue foto!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...