11 agosto 2012

Alla conquista del Sass da Putia (1)

DSC 2930

Essendo a casa dal lavoro, ho un vantaggio che solitamente non mi posso permettere: la scelta del giorno in cui andare in escursione. E a farla da padrone è sicuramente il meteo con le sue bizze estive. L'estate è sicuramente bella, ma per trovare tempo stabile per tutta la giornata e cieli tersi senza foschie, vince a mani basse nostro signore l'autunno, con giornate memorabili e cieli azzurrissimi. Siccome questa prima mia settimana di vacanza è sempre stata abbastanza variabile, ho deciso di attendere quello che sulla carta era il giorno migliore, venerdì, con mattinata serena, e pomeriggio con qualche addensamento sui rilievi. Questo diceva Meteotrentino, che solitamente azzecca. Fiducioso mi sono alzato alle 6 con in testa la vetta del Sass da Putia, montagna avvicinata da me solo nell'aprile di quest'anno. In quell'occasione volevo circumnavigare il Sass ma per la troppa neve non mi è stato possibile. Questa volta il mio obiettivo era la vetta, non difficile e con una ferrata nella parte finale, anche se il mio percorso prevedeva 1230 metri di dislivello. Ok, partiamo!

Alle 7.45 sono al Passo Sella e qualche striatura di nuvola sta già sporcando il cielo. Il Sass da Putia è il Val Badia e per arrivarci ho più di due ore di auto da fare. 

DSC 2908

 Prima delle 9 scorgo il campanile di Longiarù, mia località di partenza a piedi. 

DSC 2909

 Eccomi arrivato al parcheggio della volta scorsa. Da qui si prosegue zaino in spalla. 

DSC 2911

E se la prima volta che sono stato qui, questo prato mi accoglieva con milioni di Colchici,

DSC 8961

ora è "solo" una meravigliosa distesa verde. 

DSC 2912

DSC 2913

Svoltato l'angolo vedo il protagonista di giornata: il Sass da Putia, monte che dalla sua vetta ha una stupenda vista a 360° e che si trova all'incrocio tra la Val Badia e la Val di Funes. La cima del monte, è all'interno del Parco Naturale Puez Odle. 

DSC 2914

Solitamente per giungere alla vetta si parte dal Passo delle Erbe, completamente dall'altra parte rispetto a dove sono io. Ma ho scelto questo versante, innanzitutto perché sempre al sole, e poi perché più vicino rispetto casa mia e meno frequentato dai turisti. Infatti, nonostante il pieno periodo vacanziero, incontrerò pochissime persone sulla strada verso la cima. 

DSC 2916

Arrivare ai piedi del Sass da Putia è estremamente semplice, grazie alla strada sterrata che sale comodamente ai prati circostanti il monte. Lungo la strada di questi tempi, quasi solo fioriture violacee.

DSC 2918

DSC 2923

Gli insetti sono nel pieno delle loro attività. 

DSC 2924

Ore 9.54. Il cielo verso il Sass da Putia si presenta così. Andiamo bene!

DSC 2925

Fortunatamente non si tratta di nuvole compatte, però iniziano a girarmi le balle di brutto. Questa mattina doveva essere completamente sereno in tutto il Trentino!

DSC 2927

DSC 2928

Eccomi! Ora sono sui prati ai piedi del Sass da Putia. Da qui posso scorgere la croce di vetta, anche se minuscolissima. Mi fa uno strano effetto il sapere di dover salire fin lassù.  

DSC 2933

 ma il mio sguardo è spesso rivolto al cielo. Guardate come siamo messi! Il mio non è timore di prender la pioggia, bensì il dispiacere di far foto con colori smorti e paesaggi spenti. Mi mette tristezza, senza considerare che non mi godo appieno l'escursione. Sono molto meteoropatico, si vede?

DSC 2934

E' che non c'è nulla da fare: questa situazione di luce per un fotografo come me, non è il massimo, anzi. 

DSC 2938

I colori risultano più spenti e meno saturi a discapito della resa finale. Un gruppo di eriche estive circondano un piccolo alberello di Cirmolo. 

DSC 2939

Ecco un tratto della strada che ho percorso. Qui è veramente bello e lo consiglio a tutte le famiglie. 

DSC 2937

Davanti a me il cielo è messo meglio. Là in fondo ecco le bellissime Odle. 

DSC 2941

Ma la mia direzione è questa, dove vedo nuvole che se prima sporcavano i cieli delle mie foto, ora potrebbero anche procurarmi una lavata inaspettata! Che cazz!

DSC 2943

Quella sulla destra è la cima del Sass da Putia. 

DSC 2945

Sono le 10.55 e il mio prossimo obiettivo è arrivare alla Forcella Putia posta a 2357 metri. Da lì vedrò dall'altra parte e scoprirò che cielo mi attende, visto che il vento fa arrivare da quella direzione le nuvole. 

DSC 2949

Ecco là in fondo la forcella. Ho un po' di salita da fare seguendo sempre la strada sterrata. 

DSC 2951

Il Sass da Putia, visto da sinistra è cambiato completamente. Quell'avvallamento che vedete, è dove dovrò salire io per arrivare alla vetta. 

DSC 2953

Qui si è alzato un certo vento fresco. Mi metto il pile, alla faccia di chi sta boccheggiando in città con 40°. Verso la forcella improvvisamente vedo uno squarcio di sereno. Sto tempo è tutto matto.

DSC 2955

Salgo verso la forcella affrontando una salita molto ripida. Continua la grande alternanza di sole e nuvole. 

DSC 2956

La strada verso Forcella Putia si trasforma in sentiero e incredibile ma vero, il cielo schiarisce di molto. E pensare che meno di 40 minuti fa volevo quasi tornarmene a casa...

DSC 2961

Eccomi alla forcella! Qui trovo una gran cagnara, a conferma che la maggior parte della gente sale sul Sass da Putia partendo da Passo delle Erbe. Sento molti tedeschi, ma anche inglesi e turisti dell'est. 

DSC 2965

Questo è l'altro versante del Sass da Putia, quello che guarda verso nord. Il cielo è variabile, nessun grande blocco di nubi minacciose in vista.

DSC 2966

Decido quindi definitivamente di salire alla vetta. Ho ancora da fare 500 metri di salita. Forza gente!

DSC 2968

DSC 2970

In meno di 15 minuti vedo già le baite sui prati come piccoli puntini. 

DSC 2973

Lo zoom al lavoro!

DSC 2972

Questo è invece l'affollato sentiero che porta alla vetta. 

DSC 2974

Mentre salgo, dietro di me le Odle si scoprono piano piano. 

DSC 2979

Il sentiero che porta alla vetta è semplice a alla portata di tutti. Basta aver voglia di salire. 

DSC 2980

Come avrete notato, il cielo si è nuovamente coperto. 

DSC 2982

Un passaggio su roccette. 

DSC 2986

Poi il sentiero riprende. 

DSC 2988

Guardo verso il basso. 

DSC 2989

Una panoramica di 3 scatti uniti che evidenziano le Odle.

Schermata 08 2456151 alle 16 39 43

Non manca molto alla cima. Eccoci in zona ferrata, tra poco il sentiero sparirà per lasciare il posto a funi d'acciaio e strapiombi. Ma la foto è fatta con lo zoom al massimo. Devo faticare ancora un po' per arrivare lì.

DSC 2996

Le nuvole forse mi lasceranno in pace per un po'!

DSC 2999

Sotto di me le guglie del Sass da Putia. 

DSC 3003

Più giù ancora, le minuscole baitine sui prati. Ammazza quanto siamo alti!

DSC 3007

Proseguo per il sentiero. La compagnia non mi manca!

DSC 3005

Alla mia destra c'è una seconda cima con croce, ma la vera vetta non è certo quella. 

DSC 3008

DSC 3009

Per raggiungerla dovrò salire da questa parte.

DSC 3010

Qui, il 50% degli escursionisti si ferma, intimorito dalla ferrata che gli si para davanti. In realtà non è così difficile, ci salgono anche i bambini! Ecco l'attacco della ferrata con il suo percorso (la parte visibile).

DSC 3011

Da queste parti ci sono un po' di strapiombetti. Se si soffre di vertigini, basta non guardare giù. 

DSC 3012

DSC 3013

Inizio anche io la ferrata. Nello zaino ho con me tutto l'occorrente per le ferrate: caschetto, imbragatura ecc…, ma decido che non li userò. La maggior parte delle persone sale senza imbragatura. In effetti questa è una delle ferrate più semplici che abbia mai visto, anche se molto spettacolare.

DSC 3016

La ferrata è sicuramente stata rimessa a posto di recente: gli attacchi e le funi sono tutti nuove di zecca. 

DSC 3017

DSC 3019

Sulla mia destra vedo strapiombi. 

DSC 3024

La bellezza delle ferrate è che non si fa fatica (sui sentieri sputi sangue molto di più!), ci si alza di quota molto velocemente, e la vista è molto panoramica. 

DSC 3025

DSC 3026

A riprova del fatto che la ferrata è semplice, ecco un gruppo di inglesi con bimba piccola al seguito, la quale rideva e si divertiva come non mai. lei era l'unica del gruppo ad essere assicurata col classico doppio moschettone. 

DSC 3027

A prestissimo per la parte finale del racconto. Non perdetelo! 

Pin It

5 commenti:

The Ashram of Roses ha detto...

la montagna è per tipi pacifici, mica per quelli come me, io gli farei causa a quel papy scavezzacollo, e devo dire che stavolta ho avuto le vertigini da seduta, ma dì un po' caro il mio pollino se ti ci aggrappavi alla ferrata col temporalino ? fortuna che ho fatto la danza del sole vè !

Stnd ha detto...

Come sempre foto spettacolari e il racconto è così coinvolgente che mi è venuto il fiatone a salire lassù. Mentre scorrevo le foto dicevo tra me e me che mi piacerebbe fare un'escursione con te ma poi mi viene il sospetto che non ce la farei, anche se sono abituato a fare questi percorsi trascinandomi decine di ragazzi lagnosi e per niente allenati...
Aspetto la seconda parte!

P.S.: la foto con la bambina imbracata mi ha fatto pensare a te, alla Moma e alla Mometta tra qualche anno!!!!

Momo ha detto...

The ashram, se c'era rischio temporale non sarei salito fino in vetta.
Stnd, massì che ce la faresti. Ne sono certissimo. Per la foto con la bimba, anche io ho pensato all'Avril. Chissà se le piacerà andare per sentieri... Ciao!

perlinazzurra ha detto...

Meraviglioso... E' uno dei miei primi ricordi di gita lunga, il Putia. Con i nonni abbiamo fatto più di una volta il giro. Era la montagna che vedevo ogni mattina dalla finestra della mia casetta a San cassiano. Non sono mai salita pero da lomgiaru, devo provarla! Chiara

Momo ha detto...

Perlinazzurra, provala perchè ne vale la pena. La ferrata è divertentissima. Fallo in questo weekend, il tempo sarà favoloso!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...