04 luglio 2012

In vetta al Colbricon (3)

DSC 1691

Qui la prima parte. Qui la seconda.

Eccoci all'ultima parte di quest'avventura tra le scure rocce della Catena del Lagorai. Devo percorrere l'ultimo tratto di salita, quello più impegnativo e incasinato. Il dislivello non è tanto, ma la salita è da prendere con le pinze, perché pochissimo segnata e fatta completamente di roccia.

DSC 1620

Ecco, lì sopra c'è la cima e io devo trovare la traccia di sentiero che ci arriva.

DSC 1624

Sotto di me vedo molto bene tutto il Piccolo Colbricon.

DSC 1626

Però ora mi devo concentrare molto bene su dove metto i piedi.

DSC 1628

Come potete vedere da queste immagini, la parte terminale del Colbricon è letteralmente un cumulo di massi accatastati uno sull'altro.

DSC 1634

Alcuni danno l'idea di essere anche molto instabili. E son tutti più grossi di una lavatrice!

DSC 1635

DSC 1637

Tra i massi, ad un certo punto, sbuca pure un nascondiglio della Grande guerra.

DSC 1638

Ogni tanto trovo un segnale che perlomeno mi fa capire che sto procedendo nella direzione giusta. Ma sono molte le volte che mi fermo e retrocedo perché sbaglio direzione.

DSC 1639

E finalmente ho una felice visione. La croce di vetta! Non manca molto.

DSC 1642

Ancora pochi passi e...

DSC 1643

Sono arrivato! Vetta del Colbricon, 2600 metri sul livello del mare.

DSC 1653

Qui c'è un capitello molto artigianale dedicato ai caduti in Guerra.

DSC 1650

Alla mia destra posso vedere le Pale di San Martino che purtroppo sono coperte da nuvole e foschia.

DSC 1656

Dietro di me la Catena del Lagorai e le creste delle cime che continuano in direzione sud.

DSC 1658

Davanti a me vede i due laghetti di Colbricon che da quassù sembrano pozzanghere.

DSC 1659

Laggiù c'è San Martino di Castrozza.

DSC 1660

Ecco una panoramica del Gruppo delle Pale.

Schermata 07 2456113 alle 20 36 14

Alla mia sinistra, il Piccolo Colbricon illuminato dal sole, il quale a fatica, ma ogni tanto sbuca dalle nuvole.

DSC 1673

Ecco un particolare delle cime delle Pale immerse nelle nuvole.

DSC 1686

DSC 1685

Questo è il Mulaz.

DSC 1684

Dopo aver contemplato il panorama per un po', decido di scendere per mangiare. Stare qui sopra non è molto rilassante. Preferisco un comodo praticello in piano!

DSC 1698

La pendenza in discesa è decisamente alta.

DSC 1700

Ogni tanto sono nuovamente attratto dai fiori che crescono qua sopra.

DSC 1704

Nel post precedente vi ho tirato un bello scherzetto con il finto fiore rarissimo. Ci avete creduto?

DSC 1705

DSC 1707

Con il sole l'ammasso di rocce che compone la cima del Colbricon, risalta meglio.

DSC 1708

Se guardate le nuvole, vi rendete conto che l'inquadratura non è storta. E' proprio così pendente, questa parete.

DSC 1712

DSC 1724

Da qui vedo ancora la croce.

DSC 1725

Ecco, sono arrivato in un posto in piano e qui mi scelgo questo angolino per mangiare in santa pace. Sono già le due e ho una fame bestia!

DSC 1728

Il menú di oggi prevede: panino col tonno, brioche semi-distrutta, passata di mela e cioccolato.

DSC 1730

Mentre mangio che ti vedo? Un mazzetto di Soldanelle che mi guardano. Ora percepisco tutta la differenza tra loro e le primule Vischiose.

DSC 1736

Dopo altri 15 minuti di relax, ricomincio a scendere. Ora il sole mi accompagna per tutto il tragitto.

DSC 1743

Gioco un po' con il polarizzatore. Guardate che magie può fare ruotandolo nelle varie angolazioni. Lo specchio dell'acqua può essere accentuato o esser nascosto del tutto.

DSC 1745

DSC 1746

La discesa è sempre molto più rapida della salita. E in poco tempo sono a metà strada. Ecco il Colbricon con la luce del pomeriggio.

DSC 1750

Un grosso cumulo-nembo copre il Cimon della Pala.

DSC 1751

Io scendo veloce tra i pietroni e i rododendri.

DSC 1752

Eccomi ai laghetti.

DSC 1767

DSC 1768

DSC 1777

Faccio ancora qualche scatto suggestivo.

DSC 1782

DSC 1786

DSC 1790

L'acqua qui è molto limpida.

DSC 1799

I turisti si rilassano vicino allo specchio d'acqua.

DSC 1802

Io mi dirigo verso il sentiero che porta al parcheggio e per poco non calpesto questo intruso.

DSC 1809

Ecco l'immagine degli abeti centenari che vi avevo promesso. Sono veramente altissimi e vecchissimi.

DSC 1817

Manca poco all'auto. Ammiro ancora per qualche istante le Pale tra le nuvole…

DSC 1822

...e il mio amico Colbricon da lontano, prima di slacciarmi gli scarponi e prepararmi per il ritorno a casa.

DSC 1827

Alla prossima avventura sulle Dolomiti, ragazzi miei.

Pin It

7 commenti:

Anonimo ha detto...

devi aver sputato sangue 'sto giro!!!
di panini era meglio che ne portavi na decina!!
complimenti ancora!!

massimo bdg

The Ashram of Roses ha detto...

è l' Eden,
ora capisco perchè le tue foto di recente mi danno una sensazione erot.... emhhh romantica !
( fortuna che non c' ero, però una nuotatina l' avrei fatta )

Momo ha detto...

massimo, mah, devo dire che ho fatto molta più fatica l'escursione scorsa su e giù fino alla Marmolada.

The Ashram, l'eden questo? ma se è tutta roccia! E lì dentro una nuotata non l'avresti fatta. L'acqua era gelata!

Moky ha detto...

Le tue foto sono sempre stupende.

Anonimo ha detto...

come sempre, le foto sono bellissime e la senzazione è quella di essere proprio lì, con lo zaino in spalla (anche se di fatto in studio a lavorare)!!!
complimenti.
p.s. per agosto ho in mente di raggiungere la cima del Cristo Pensante hai foto di quel percorso??

Anonimo ha detto...

ovviamente volevo scrivere sensazione

Momo ha detto...

Moky, troppo gentile! :-) Grazie!

Anonimo, sai che non sono mai andato sul Cristo Pensante?Ci ho sempre girato intorno. Mi devo decidere. Grazie dell'idea.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...