03 luglio 2012

In vetta al Colbricon (2)

DSC 1567

Qui la prima parte.

Bene, comincia la salita e ho subito la conferma che ci sarà da sudare parecchio.

DSC 1488

Il sentiero è molto in piedi e non c'è vegetazione alta, quindi questo vuol dire una solana pazzesca.

DSC 1489

La cima è là sopra che mi guarda. Non resta che iniziare la scalata. Si partirà dai 1908 metri del passo Colbricon, fino ai 2600 metri netti della vetta.

DSC 1491
Alcuni passaggi del sentiero che porta su.
DSC 1493
Sono circondato da mughi, rododendri in fiore e ginepri.
DSC 1494
DSC 1496
Ben presto sono ad una quota sufficientemente alta per scorgere la valle che ospita San Martino di Castrozza.
DSC 1497
Dalla parte opposta, quasi dietro le mie spalle, Il Castelaz, il Mulaz e le Pale di San Martino. Purtroppo oggi è molto caldo e la foschia la fa da padrone.
DSC 1498
Continuo a salire. Sto sudando come un cammello svizzero.
DSC 1499
Ora riesco a vedere il lago più grande sotto di me.
DSC 1500
Il sentiero è letteralmente in piedi. Finito questo tratto dovrei attraversare una radura decisamente meno impegnativa di questa, se la memoria non mi inganna.
DSC 1501
E infatti, eccola. Davanti a me si erge la muraglia del Piccolo Colbricon. Riprendo un attimo fiato e riparto.
DSC 1506
Il sentiero è sempre decisamente in salita, tra pietroni e vegetazione.
DSC 1510
Grondo. Nel senso che sudo talmente tanto che ho bisogno di una grondaia. Fortunatamente il sole si nasconde a tratti dietro questa scia nuvolosa che sembra nascere dal Colbricon.
DSC 1511
Il sentiero qui è ben visibile dai segnali bianchi e rossi. Senza quelli sarebbe dura non uscire dal tracciato. Qui non c'è una strada consumata dal passaggio degli escursionisti.
DSC 1514
I rododendri sono spettacolari. E qui oggi ne incontrerò moltissimi.
DSC 1515
DSC 1516
A questo tipo di "fiore" è meglio stare alla larga.
DSC 1520
La mia altezza è ormai tale per cui vedo entrambi i laghi e tutta la zona del Passo Rolle.
DSC 1523
Incontro un bellissimo mazzetto di Primula vischiosa. In un primo momento mi era sembrata la Soldanella, ma poi guardandola meglio ho capito che non lo era. Mai avrei sospettato che oggi, lungo il mio cammino, avrei incontrato un'enorme estensione di Primule Vischiose.
DSC 1524
Il sole si nasconde sempre più spesso, e questo non va bene per i miei scatti. Mannaggia! Eppure dalle altre parti vedo tutto sereno. Solita nuvola di Fantozzi?
DSC 1525
Un piccolo specchio d'acqua.
DSC 1526
Incontro il fiore preferito da mia mamma: la Genziana.
DSC 1532
la vedo crescere anche dentro i cespugli di Rododendro.
DSC 1534
Sono entrato in un'altra fase dell'escursione. Ora mi trovo proprio dietro la cima del Colbricon.
DSC 1539
Non ben sicuro della vetta giusta, proseguo sperando ci siano indicazioni chiare più avanti. Qui è tutto così selvaggio...
DSC 1541
Riecco le mie amiche Primule Vischiose. Ora le trovo in mazzi più grandi e folti.
DSC 1542
Queste sono vicino ad un piccolissimo corso d'acqua.
DSC 1552
Mentre queste sono caratterizzate da un colore molto più intenso delle altre.
DSC 1554
Salgo tra mega roccioni giganti.  In lontananza sento i fischi delle Marmotte che annunciano il mio arrivo. Spione!
DSC 1557
Alla mia destra il lunghissimo muraglione del Piccolo Colbricon. Meno male che era piccolo!
DSC 1559
La primula vischiosa inizia ad invadere ogni anfratto tra le rocce!
DSC 1560
Ora il percorso spiana di nuovo. E mi avvicino a chiazze di neve che nonostante i quasi 30 gradi, resistono ancora.
DSC 1569
Impronte di Marmotta sulla neve.
DSC 1571
Non vedo più la cima del Colbricon. Qui ci sono stato una sola volta e siccome la segnaletica è scarsissima, non so esattamente dove debba andare. Inutile guardare la cartina Kompass, perché non c'è segnato nessun sentiero che porta alla vetta.
DSC 1572
Proseguo dritto per capire meglio. nel frattempo il sole si decide a tornare fuori, sempre però a tratti.
DSC 1573
Salgo ancora.
DSC 1576
Da queste parti la Primula Vischiosa viene venduta in saldo. Venite gente, venite!!!
DSC 1577
Vecchissime rocce logorate dalle intemperie.
DSC 1578
Ora posso vedere oltre il Piccolo Colbricon. Quella è la Valle del Vanoi.
DSC 1579
Avanzo ancora un po' ma ormai sono certo di aver saltato la traccia di sentiero che porta alla cima.
DSC 1593
Nel frattempo incontro dei fiori. Indovinate un po?
DSC 1591
Poi all'improvviso mi compare davanti una caverna. Sicuramente artificiale e sicuramente risalente alla Prima guerra mondiale. Qui infatti ha avuto luogo uno degli scontri più aspri tra esercito italiano ed esercito austriaco.
DSC 1594
La caverna non è tanto profonda. So solo che dentro ci saranno 5 gradi!
DSC 1596
Trovo un'altra caverna.
DSC 1599
Devo decidere che fare. Provo a salire sul pendio che ho sulla mia sinistra. Dall'alto perlomeno capirò dov'è sta benedetta cima. Aggrappati alle rocce scorgo questi bellissimi Non ti scordar di me selvatici. Qui i fiori crescono in posti assurdi.
DSC 1603
la mia prossima meta è arrivare là sopra e capire dove sono.
DSC 1605
Dopo 10 minuti di salita per pratoni, mi appare davanti la vetta del Colbricon. Lo sapevo, sono andato un po' troppo avanti. Devo tornare indietro, anche se di poco. Circa 5-10 minuti di sentiero.
DSC 1606
Sotto i miei piedi inizio a vedere pezzi d'artiglieria di tutte le dimensioni. Un pezzo più grande di altri mi incuriosisce.
DSC 1607
E' un pezzo di ferro molto spesso, forse facente parte di una bomba. Io non sono certo un esperto in materia...
DSC 1609
Ecco altri frammenti. Questa roba è qui da oltre 90 anni.
DSC 1610
DSC 1612
DSC 1613
DSC 1636
DSC 1714
Sto per scendere dal pendio sbagliato, quando il mio sguardo si posa su una macchia chiara. Guardo meglio e stento a credere ai miei occhi!!! Un rarissimo esemplare di Madrigalis Rupestris Alpina Rosea!!!! Un fiore che sembrava esistesse solo nelle leggende montane e invece ce l'ho qui davanti agli occhi!!!
DSC 1587
Scatto una miriade di foto alla rarità botanica e proseguo, sicuro che nessuno vedrà questa bellezza, visto che non è presso un sentiero.
Dopo alcuni minuti di percorso a ritroso, ecco la traccia di sentiero che era proprio dove avevo notato la neve. Vedete anche voi il segno bianco e rosso su quella roccia al centro della foto? Assurdo che un escursionista debba fare la caccia al tesoro per scorgere i sentieri.
DSC 1617
La cima è la sopra che mi attende. Ancora uno sforzo e potrò esultare. Speriamo esca un po' di sole!!
A presto per la terza puntata!
Pin It

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Momo, sei sicuro del nome di quel fiore? Non l'ho mai sentito, puoi dare qualche riferimento in più? Ti ringrazio. Zdravo

Momo ha detto...

Zdravo, era una piccola presa per i fondelli. :-) Speravo qualcuno ci cascasse. Hihihi. Perdonami, non esiste nessun fiore super raro con quel nome.

Stefano ha detto...

Scusate l'ignoranza (mia, ovvio), non si tratta di un Ranuncolo Glaciale?

Momo ha detto...

Ste, si ci hai preso. :-)

Anonimo ha detto...

Mi sa che non ci è cascato nessuno...

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...