11 aprile 2012

Titanic. 100 anni in fondo all'oceano.

17

E' paradossale che quello che era considerato il transatlantico più sicuro al mondo, giaccia da 100 anni a più di 3700 metri di profondità sui fondali completamente bui e fangosi dell'Oceano Atlantico del nord. Ed è altrettanto sorprendente che ancora oggi si parli così alacremente di questo affondamento catastrofico. Il Titanic (epico anche il nome scelto per la nave), è entrato a pieno titolo nelle leggende viventi della storia dell'umanità e tra 4 giorni, cadrà il centenario della sua fine. Percorriamo con immagini e notizie la storia (purtroppo molto breve) di questa meravigliosa nave. Il post penso sia molto esaustivo, soprattutto a livello di immagini. Mi scuso per le eventuali inesattezze riportate.

Questa avventura ha inizio per merito o per colpa della concorrenza agguerrita tra due compagnie navali britanniche. Nel 1906, la Cunard line inaugurò i lussuosi e grandiosi transatlantici gemelli Lusitania e Mauretania suscitando scalpore. La White star line che operava con i suoi piroscafi proprio nelle stesse rotte della Cunard line, decise allora di varare il grandioso progetto Olympic Class, che prevedeva la costruzione di tre mega transatlantici gemelli ancor più grandi, veloci e lussuosi di quelli della Cunard.

Titanic 100 anni

Partì così la costruzione dell'Olympic, del Britannic e del Titanic, con interni e meccanica del tutto simili tra loro. Se analizziamo oggi il risultato di questo progetto, potremmo tranquillamente affermare che si sia trattato di un vero e completo disastro: l'Olympic fu varato per primo, nel 1910 e demolito nel 1935 dopo svariate peripezie navali. Il Titanic fu varato nel 1911 e affondato da un iceberg nel suo viaggio inaugurale un anno dopo. E il Britannic fu varato nel 1914 e affondato da una mina due anni dopo.
Ma torniamo al Titanic. La mega star dei mari fu costruita a Belfast in esattamente tre anni: 31 marzo 1909, 31 marzo 1912. Qui vediamo le centinaia di operai che presero parte alla sua immensa costruzione. Sullo sfondo, il Titanic che cresce. E' il 1910.

Titanic 100 anni

La nave alla fine farà registrare numeri da record: 269 metri di lunghezza, 28 metri di larghezza e 52 metri d'altezza. Velocità: 23 nodi (circa 43 kmh). Capacità di carico: 3547 persone. Per capire meglio la portata del mezzo di trasporto, ecco il confronto grafico (in spagnolo) con un altro gigante sfortunato dei mari dei nostri giorni: il Concordia della Costa Crociere.

Titanic 100 anni

Alcune rare immagini della costruzione del Titanic nel cantiere navale di Belfast.

Titanic 100 anni

Siamo agli inizi del 1909. La costruzione del Titanic comincia da qui.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Due delle tre gemelle in fase di costruzione: il Titanic (a sinistra) e l'Olympic (a destra).

Titanic 100 anni

Dopo due anni di lavorazione, il Titanic entra in acqua per la prima volta.

Titanic 100 anni

Il transatlantico lascia il cantiere navale per passare alla fase successiva di costruzione degli interni.

Titanic 100 anni

Ecco la nave in acqua ma ancora da completare.

Titanic 100 anni

Gli interni.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

L'allestimento di bordo comprendeva tra l'altro una piscina coperta di metri 9x4 nel ponte D su modello dell'Olympic (per la prima volta su una nave), una palestra, un bagno turco e un campo di squash. Le cabine di prima classe erano rifinite con la massima sfarzosità. C'erano 34 suites, ognuna delle quali dotata di soggiorno, sala di lettura e sala da fumo; ogni suite era arredata in stile diverso. Erano disponibili tre ascensori per la prima classe e, come novità, un ascensore anche per la seconda classe. La terza classe valeva la seconda sulle altre navi, ed era decorata con legno di pino verniciato di bianco, pareti smaltate e sedie di teak. Nel ristorante di terza classe era collocato un pianoforte.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

La locandina pubblicitaria della nave.

Titanic 100 anni

Il Titanic è quasi pronto per il varo.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Dopo un totale di tre anni, il 31 marzo 1912, il Titanic viene consegnato dall'armatore. Alla consegna il transatlantico costò circa 7 milioni di dollari (400 milioni di dollari odierni). La propulsione era a vapore (era un piroscafo, a differenza delle successive imbarcazioni - definite motonavi - dotate di motori diesel), con quattro cilindri contrapposti invertibili a triplice espansione (macchine alternative) più una turbina Parson a bassa pressione. Le macchine alternative del Titanic e dell'Olympic restano le più grandi mai costruite, occupavano quattro piani in altezza sviluppando quasi 38 MW (51.000 CV) di potenza e muovevano le due eliche laterali. La turbina muoveva la sola elica centrale.
Le 29 caldaie, aventi un diametro di 5 metri ciascuna, erano in grado di bruciare circa 728 tonnellate di carbone al giorno. 
Solamente tre dei quattro fumaioli erano funzionanti, il quarto aveva solo la funzione di presa d'aria e fu aggiunto per rendere la figura della nave più imponente; erano dipinti in giallo e nero, come voleva la tradizione della White Star, mentre il rosso era il colore della Cunard.

Ed ecco il Titanic in tutto il suo splendore (immagine ingrandibile) dirigersi verso il porto di Southampton da dove inizierà la sua prima ed ultima traversata oceanica.

Titanic 100 anni

Il capitano Edward John Smith che per il viaggio inaugurale fino a New York, comandava la nave. Per lui, il viaggio del nuovo transatlantico costituiva l'ultimo comando prima del pensionamento, e rappresentava il coronamento di una lunga e brillante carriera durata oltre 40 anni.

Titanic 100 anni

Il biglietto di sola andata per New York, in prima classe, costava 3.100 dollari dell'epoca (circa 70.000 dollari odierni), quello di terza classe solo 32 dollari (circa 700 dollari odierni); inviare un telegramma privato di 10 parole dal servizio telegrafico di bordo costava 2 dollari (l'equivalente di 50 dollari odierni). 
Sono le ore 12 del 10 aprile 1912 e il Titanic sta per partire da Southampton (Regno Unito) verso New York. A bordo ci sono 922 passeggeri, oltre agli 892 membri dell’equipaggio e 568 tonnellate di merce.

Titanic 100 anni
Dopo avere attraversato La Manica il Titanic arrivò in serata a Cherbourg, in Francia, dove sostò con tutte le luci accese. Allo scalo francese salirono altre 274 persone, poi la nave si mosse verso Queenstown (oggi Cobh) in Irlanda, dove caricò numerosi emigranti irlandesi (127 per la precisione). Ripartì da Queenstown verso New York alle 13.30 dell'11 aprile 1912 con 2208 persone a bordo.

Una ricostruzione di quegli attimi.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Tra i passeggeri è presente anche Thomas Andrews, progettista del Titanic. Era imbarcato proprio per supervisionare eventuali problemi di navigazione. Morì insieme agli altri passeggeri, si dice volontariamente.

Titanic 100 anni

Ecco l'intero tragitto compiuto dal Titanic nei giorni 10, 11, 12, 13 e 14 aprile 1912.

Titanic 100 anni

Qui vediamo com'è oggi il cantiere navale di Belfast dove fu assemblato il Titanic.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Questa è con molta probabilità, l'ultima foto scattata al Titanic prima della tragedia.

Titanic 100 anni

Domenica 14 aprile la nave viaggiava spedita verso New York. Erano accese tutte le 24 caldaie consentendo al Titanic di raggiungere una velocità di 22,5 nodi (42 km/h); il giorno seguente era prevista l’accensione anche delle 5 ausiliarie, con lo scopo di raggiungere New York già martedì sera. Secondo il regolamento doveva essere compiuta un’esercitazione con le scialuppe ogni domenica mattina ma quel giorno fu annullata per vento forte, che nel pomeriggio si calmò.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

L’inverno del 1912 era stato uno dei più miti di sempre e vi erano così molti più iceberg del solito e spostati molto più a sud: Smith scelse allora di spostare verso sud la navigazione rispetto alla consueta rotta utilizzata nei primi mesi dell’anno, anche se al momento dell’impatto la differenza era di appena 3/4 km. E infatti vennero ricevuti 6 avvisi iceberg nella sola giornata di domenica, gli ultimi due alle 21:40 e 22:30 quando Smith si era già ritirato per la notte. Inoltre alle 23:00 una nave mercantile, il Californian, provò ad inviare un secondo avvertimento ma fu bruscamente interrotto dai telegrafisti del Titanic, intenti a trasmettere messaggi privati.

Qui vediamo la probabile strada che ha fatto incontrare il Titanic con il maledetto e solitario iceberg.

Titanic 100 anni

Ma, nonostante i numerosi avvisi come pure la particolare situazione meteorologica (leggera foschia, assenza di vento, senza considerare che la Luna era nuova) e l’assenza anche di un solo binocolo o cannocchiale (erano stati dimenticati a terra), nessuno pensò di ridurre la velocità: in quel momento la nave copriva quasi 700 metri al minuto.

Titanic 100 anni

L’iceberg (in realtà di modeste dimensioni, la parte emersa aveva un’altezza di circa 15 m) venne avvistato alle 23:39, quando si trovava a meno di 500 metri dalla prua: il primo ufficiale Murdoch decise di virare a sinistra, di invertire i motori e di azionare la chiusura automatica delle paratie stagne, ma in tali condizioni l’impatto, che causò fessure di pochi cm per 90 m sulla fiancata, fu inevitabile. In effetti se si fosse deciso di non virare ma solo di frenare prendendo l’iceberg frontalmente, il transatlantico avrebbe subito diversi danni al settore di prua (che in ogni caso è strutturalmente più resistente), ma non sarebbe mai affondato. Probabilmente anche in un secondo caso il suo destino sarebbe stato diverso: cercando sì di scartare l’ostacolo a sinistra ma senza invertire i motori, operazione che rallentò la virata.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Alle 23:41 Smith era nuovamente sulla plancia ma dopo nemmeno un quarto d’ora dalla collisione c’erano già 4 metri d’acqua nei primi 5 compartimenti.

Titanic 100 anni

Dopo un’ispezione, a mezzanotte l’ingegnere Andrews disse chiaramente a capitano e ufficiali che la nave sarebbe affondata. Il primo segnale di soccorso, l’SOS, fu trasmesso alle 0:15, dieci minuti dopo Smith ordinò di riempire le scialuppe; l’ultima fu calata alle 2:05. L’orchestra suonò fino all’ultimo. I musicisti morirono insieme a Smith, Murdoch e Andrews.

Il Titanic si inabissò alle 2:20 di lunedì 15 aprile, dopo essersi spezzato in due: fino al ritrovamento di Ballard nel 1985 si era creduto che fosse colato a picco integro.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Con ogni probabilità, questo è l'iceberg che colpì il Titanic. L'immagine è stata scattata dalla nave posacavi Western Union Mackay Bennett che arrivò tra le prime sul luogo. Il capitano della nave, dichiarò che quello era l'unico iceberg in un ampissimo raggio di mare.

Titanic 100 anni

E queste sono le esatte coordinate dove è avvenuto il disastro.

Le lance di salvataggio non vennero calate in mare a pieno carico (le prime con soli 20/30 di passeggeri, pur essendo state collaudate per 65): furono così portate in salvo solo 711 persone. Quasi una ventina furono le imbarcazioni che quella notte ricevettero l’SOS, incluso l’Olympic, che però si trovava a 750 miglia di distanza dalla gemella ferita a morte. A prestare i soccorsi fu la nave di linea della Cunard, il Carpathia, che invertì la rotta e a tutta velocità (17,5 nodi, tre in più rispetto a quella per cui era stato progettato) si diresse verso il Titanic, preparando durante il viaggio le scialuppe e invitando i propri passeggeri a rimanere in cabina per non intralciare le operazioni: ma si trovava a 58 miglia a S-E e arrivò sul posto solo alle 4 del mattino, oltre 1 ora e mezza dopo l’inabissamento. E’ invece da sempre avvolta nel mistero la ragione per cui non rispose alla richiesta di aiuto il Californian, che si trovava a sole 19,5 miglia dalla scena del disastro: avrebbe potuto raggiungere il piroscafo in un terzo del tempo impiegato dal Carpathia, ovvero ben prima delle 2:20. Ecco alcune immagini scattate dalle navi arrivate in soccorso in zona, la mattina del 15 aprile.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Dei 711 sopravvissuti, 203 erano di prima classe, 118 di seconda, 178 di terza, più 212 membri dell’equipaggio (ovvero 1 su 4 circa): in termini percentuali, in prima classe si salvò il 97% delle donne e il 33% degli uomini, in seconda l’86% e l’8% rispettivamente, in terza il 46% e il 16%. Il tasso totale di sopravvivenza fu del 32,3%; perirono 1523 persone. Un disastro marittimo di tali proporzioni verrà superato soltanto nel 1980, quando un traghetto filippino urtò una nave cisterna provocando 4'375 vittime.

Ora il Titanic giace nella completa oscurità a 3787 metri da 100 anni. Il relitto è stato esplorato varie volte a partire dal 1985 e sono stati fatti vari scatti fotografici e molte ore di riprese, soprattutto da parte di James Cameron, il regista di Titanic, vero appassionato di esplorazioni subacquee e innamorato pazzo del Titanic.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Recentissimamente a questo materiale si sono aggiunte foto ad altissima definizione che hanno chiarito ancora meglio in che condizioni sia il relitto e dove siano posizionati tutti i suoi pezzi.

Titanic 100 anni

Nella mappa qui sotto sono spiegati in dettaglio i pezzi più grandi della nave. A questa pagina del National Geographic, trovate la mappa interattiva.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Queste stupende immagini sono il frutto di un mega collage di centinaia di scatti fotografici.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Una ricostruzione del relitto.

Titanic 100 anni

In questi giorni è in programmazione su National Geographic Channel HD (canale 403 di Sky), History Channel HD (canale 407 di Sky) e su Sky 3D (canale 209 di Sky), un'ampia e variegata serie di documentari sul Titanic. Sottolineo specialmente quello in collaborazione con James Cameron, molto tecnico e interessante.

Titanic 100 anni

E prima o poi doveva accadere anche che si aprisse un asta degli oltre 5000 oggetti recuperati dal sito del naufragio e appartenuti alla mitica nave. Proprio oggi, 11 aprile 2012, si aprirà la mega asta per accaparrarsi un pezzo di storia del Titanic.

La collezione che andrà all'incanto comprende da pezzi di arredamento, porcellane, bottiglie a oggetti personali dei passeggeri, come un paio di occhiali o una spilla. Gli oggetti sono stati recuperati in diverse spedizioni a cominciare dal 1987, l'ultima nel 2004, e hanno richiesto un lungo e faticoso lavoro di ricerca a quattromila metri sotto la superficie del mare. Si tratta di un'asta piuttosto complicata, perché secondo un'ordinanza del giudice gli oggetti non possono essere venduti singolarmente, ma devo essere acquistati da un compratore che acconsentirà di garantire la giusta conservazione della collezione, nonché di renderla disponibile occasionalmente a visite pubbliche. Ecco le foto di alcuni degli oggetti all'asta.

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Titanic 100 anni

Questo grosso pezzo dello scafo, è stato recuperato separatamente dal resto degli oggetti.

Titanic 100 anni

Ora è conservato a Los Angeles pesa ben 15 tonnellate ed è visibile a tutti presso il "Titanic: The Artifact Exhibition" all'Hotel Luxor Resort & Casino.

Titanic 100 anni

Concludo questa lunga carrellata con una piccola foto della tomba del vero Jack Dawson, il protagonista del film di Cameron interpretato da Leonardo di Caprio. Con lui morirono nel tragico impatto, 1523 innocenti. E' il caso di ricordarsene ogni tanto.

Titanic 100 anni

Qui trovate info sulla commemorazione dei 100 anni dall'affondamento e info sui vari speciali TV.

Titanic 100 anni

Pin It

20 commenti:

Anonimo ha detto...

Bravo!
bellissimo servizio!
Alex

karina ha detto...

Momo...credo che con questo tu abbia superato te stesso...davvero meraviglioso!!!!!

Anonimo ha detto...

Bellissimo resoconto, complimenti!
Solo una piccola correzione, Jack Dawson non è mai esistito e la pietra scura è di JAMES DAWSON un ragazzo di 23 anni che lavorava a bordo del Titanic. Il numero 227 è quello di catalogazione del corpo ritrovato in mare... prima di lui furono ripescate 226 persone. Nessuno chiese di lui, e fu sepolto in Nuova Scozia a ricordo di tutte le vittime di quell'incidente.
A parte ciò, l'articolo, le foto e tutto l'insieme sono frutto di un ottimo lavoro di ricerca e sintesi. Complimenti ancora!!!

Silvia.

Anonimo ha detto...

Mi unisco ai complimenti!!! Sappiamo di certo chi aiuterà nelle ricerche la piccola Avril quando andrà a scuola.... :-)

Davvero bellissimo!!
Clea

Momo ha detto...

Hehe, grazie ragazzi. In effetti fare questi posts implica un sacco di tempo e ricerche in ogni angolo del web. Si poteva fare sicuramente moooolto meglio, ma il mio tempo è sempre limitato. Quello che mi interessava era l'essere esaustivo dal punto di vista immagini. Se volete approfindire l'aspetto storico e sapere tutto sull'affondamento del Titanic, vi consiglio di consultare la pagina di Wikipedia. E' completa e ricca di particolari.
Grazie a tutti per i complimenti!

Momo ha detto...

Silvia, grazie per la tua precisaizone. Come vedi, sul signorino Dawson ne sai molto più di me.

Anonimo ha detto...

Momo, come te il Titanic mi ha sempre affascinato ed ho sempre cercato info dall'età di 11 anni (purtroppo oggi ne ho quasi 37... tristezza! :o)) e ho letto miriade di libri, ero un topo di biblioteca! Ora, so che non potrò mai sapere tutto ma non mi fermo ed in ogni viaggio che faccio cerco sempre materiale ed info maggiori. Dawson l'ho scoperto in un viaggio e come te credevo fosse un ricordo nato dal film ed invece, con stupore una sig.ra mi ha raccontato la vera storia di quel monumento. Cmq complimenti per tutte le immagini trovate, io ho faticato molto e non ne ho trovate di così belle sulle camere di prima classe! Complimenti per essere riuscito a fare un sunto preciso delle fasi più importanti di questa tragedia, dev'essere stato veramente difficile.
Per caso hai le foto delle suite degli Astor, Gordon ecc...???
Sei appassionato anche di altre storie o storia? Ad esempio, l'affondamento dell'Andre Doria, oppure l'olocausto ecc...?
Sei uno in gamba e mi piacerebbe leggerti ancora.

Con ammirazione e rispetto,
Silvia.

Momo ha detto...

Silvia, sei proprio una vera appassionata stile James Cameron! Complimenti a te. Le foto che mi hai chiesto non le ho, però dai un occhio qui:
http://www.nmni.com/Home/Shop/Shop-Search.aspx?searchText=titanic&path=/Home/Shop/Products/Photographs

Per la seconda domanda che mi fai... mi appassiono a molte storie, soprattutto se corredate da immagini di una certa qualità. Negli anni scorsi ho fatto posts sull'olocausto, sull'11 settembre, sul Vajont e altri. Prova a cercarli tra i più di 5000 posts presenti. :-) Ciao!

Anonimo ha detto...

Li cercherò molto volentieri anche perchè da ciò che hai scritto, probabilmente ci accomunano vari interessi. L'olocausto è sempre stato un mio punto fisso fin dalle elementari ed ho avuto la fortuna di aver potuto parlare anche con vari sopravvissuti. Nella diga del Vajont fece vari sopralluoghi mio padre nel post incidente e quindi crescendo non passò inosservata anzi... L'11 settembre... che aggiungere a questa data? Umanamente non ci sono parole per i familiari delle vittime, ma troppi misteri vi girano attorno.

Momo hai mai affrontato una ricerca sullo Still life nella fotografia, ricercato però solo sulla natura morta o più specificatamente sul cibo?

Grazie per aver "affiancato" la mia passione a quella di J.Camerun ma purtroppo non avendo le sue facoltà non potrò mai andare così a fondo con le ricerche, come pure per l'Andrea Doria!
Ciao e a presto :o)

Silvia.

Anonimo ha detto...

Caspita! Questo sito è fatto proprio bene!!!!

Momo ha detto...

Anonimo, allora diventa fan di Squarciomomo si Facebook!! :-) Ciao!

Anonimo ha detto...

Ciao, ottima documentazione;
peccato che si siano persi così tanti anni.
Si poteva recuperare il relitto tanti anni prima del ritrovamento, e inserirlo in un museo adeguato.
Sarebbe bello che tutto il mondo, mettendo un tot. per ogni persona, potesse favorire la costruzione di un titanic identico a quello che ormai è in lenta distruzione.
Si sprecano tanti miliardi per far divertire i politici, e non si pensa proprio a qualcosa del genere. Mah!.
ciao a tutti.

Anonimo ha detto...

La mia domanda è molto semplice e rigorosamente terra terra;l'impatto si poteva evitare o,c'è stata una volontà ben determinata affinkè il fatto succedesse?Lo sò,a qualcuno può far male ma,dovevo farla.Ciao un sorriso!

CYBERMOTORS ha detto...

è difficile per me provare ammirazione, visto la marea di ciarlatani e complottisti che giornalmente vedo in giro per i social network... in questo caso però mi inchino e ti porgo i miei più sinceri complimenti per tutta la documentazione che pazientemente hai raccolto e catalogato, hai fatto un lavoro degno di un vero ricercatore, con umiltà...senza troppi fronzoli superflui ( cosa che altri, in cerca di protagonismo, al contrario non fanno ) le foto che hai pubblicato finalmente rendono giustizia a quella che, meritatamente è divenuta una leggenda della storia di tutta l' umanità... spero.... mi auguro che anche nel futuro, tanti come te abbiano lo stesso interesse e la stessa parsimonia che tu hai dimostrato nel documentare in modo semplice, sintetico e preciso questa storia che , ahimè per disgrazia, è divenuta parte della coscienza collettiva... non posso fare altro che augurarti i miei migliori auspici e esortarti a continuare sempre su questa strada... ripeto.... hai fatto un ottimo...magistrale e esemplare lavoro.

grazie di cuore per questo magnifico viaggio nel passato...

un cordiale saluto da Ivan Pes ( Cbm Cybermotors )

Momo ha detto...

Ivan, grazie di cuore a te del bellissimo commento! Sei un appassionato del Titanic?
Ciao!

Malina ha detto...

Complimenti vivissimi per questo articolo ricco di dettagli, immagini e curiosità. Grazie e complimenti ancora, è uno degli articoli più belli che io abbia letto fin ora :)

Momo ha detto...

Grazie Malina, molto gentile da parte tua!

Marta ha detto...

Veramente un bell'articolo, ma... due piccole correzioni :
-quella è la tomba di un altro ragazzo, ma che tutti credono Jack Dawson
-i cannocchiali erano chiusi nell'armadietto di un membro dell'equipaggio, che dovette andare via, e , nella fetta di raccogliere le sue cose, per sbaglio, portò via la chiave.

Marta ha detto...

Ops... ho scritto fetta invece di fretta! Scusate l'errore... XD

Marta ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...