03 aprile 2012

Ai piedi del Sass de Putia (2)

DSC 9139

Qui la prima parte.

Sono presso Col Costacia, sulla cresta che delimita il lato sud dal lato nord del Sass de Putia. Il mio percorso dovrebbe proseguire verso nord, ma la neve, ancora abbondante, mi impedisce di andare oltre, senza contare che non ho molto tempo a mia disposizione.

DSC 9034

Quindi, mio malgrado, sono costretto a cambiare programma, che, lo ricordo, prevedeva la circumnavigazione completa del Sass de Putia. Qui sotto potete osservare bene vari percorsi: il rosso è quello che ho seguito come da programma fino al punto visibile nella foto qui sopra. Il verde è come sarebbe dovuta proseguire l'escursione. L'azzurro è quello che invece ho fatto in seguito.

Schermata 04 2456021 alle 10 55 47

Tra l'altro sul lato nord e quello ovest del Sass, avrei trovato sicuramente tanta neve, soprattutto dentro il canalone che culminava nella Forcella de Putia, segnato tra le parentesi viola qui sotto.

Schermata 04 2456021 alle 10 56 29

Ora che i piani sono cambiati, mi posso anche stravaccare perché penso che gironzolerò qui intorno fino all'ora di pranzo. Volgo lo sguardo oltre lo scollinamento, in direzione Passo delle Erbe, ed in effetti vedo molta neve.

DSC 9035

Continuo a guardarmi attorno e scorgo altre bianche Pulsantille, che in realtà si chiamano Pulsantilla Vernalis o volgarmente detta Anemone primaverile, anche se un Anemone non è.

DSC 9050

Questo fiore che fa parte della grande famiglia delle ranuncolacee, sboccia tra i 1200 e i 3000 metri su tutto l'arco alpino nel periodo da aprile a luglio, e comunque appena la neve sparisce dal suolo. E' tossica e protetta. Eccone un gruppo che sta per sbocciare. La loro stagione è proprio appena iniziata.

DSC 9052

DSC 9060

Mi rilasso per 5 minuti scaldato dal sole e poi riparto. Decido di stare sulla cresta che punta alla cima del Sass e salire un po'. Sono fuori sentiero ma qui non c'è proprio pericolo. Cammino in salita tra cirmoli, ginepri ed eriche in fiore.

DSC 9061

Alla mia destra lo sguardo spazia verso l'Alto Adige e le montagne austriache.

DSC 9062

Io procedo nei pratoni in cresta. Le folate di vento rompono un po' le scatole. Per mangiare dovrò trovare riparo.

DSC 9065

Oltre la cresta sulla mia destra c'è un bel salto!

DSC 9067

C'è parecchia neve e anche delle slavine cadute dal versante nord del Sass de Putia.

DSC 9068

DSC 9069

Le condizioni ambientali da queste parti sono particolarmente estreme per la vegetazione e alcuni vecchi alberi sono qui a testimoniarlo.

DSC 9071

Mi avvicino. Tocco il nostro amico secolare ormai morto. Chissà quante ne ha viste lui...

DSC 9073

Proseguo evitando accuratamente i blocchi nevosi.

DSC 9076

Ora ho davanti a me una bella salitona ciclopica, se voglio proseguire in cresta.

DSC 9078

Cammino ancora tra i cirmoli, così flessibili e profumati.

DSC 9081

DSC 9083

A guardarli, sembra che il rigido inverno non sia neppure passato di qui.

DSC 9086

Eccomi al super salitone. Lo affronterò dritto per dritto.

DSC 9088

E' la parte più faticosa di tutta la giornata ma lassù vedo la fine. Ci siamo.

DSC 9093

Arrivato in cima al protone, mi stravacco per terra e respiro a pieni polmoni.

DSC 9094

Siamo solo io e la natura e cerco di prendere confidenza con essa. Mi comporto come se fossi nel divano di casa mia: rotolo, mi sdraio completamente, mi lascio andare, annuso, tocco l'erba, mi lascio avvolgere da tutto questo, fino ad entrare in simbiosi con quello che mi circonda. E' il mio modo per sentirmi a mio agio e per sentire i luoghi che visito, fisicamente miei. E' come se abbracciassi la montagna e lei si facesse abbracciare. E piano piano ogni filo d'erba diventa tuo, ogni fiore ti appartiene, la roccia ti chiama, la natura ti ama. Momenti di intimità che solo con la solitudine di un'escursione puoi cercare di provare. Nella foto qui sopra sono intento a contemplare il Sass dla Crusc, avvicinato appena un mesetto fa in un'altra escursione.

Mi rialzo un po' inebriato e riprendo a salire. Vorrei arrivare a quelle gugliette alla destra del Sass. (panorama ingrandibile).

Sass de Putia Panorama

Più su vado e più la neve aumenta.

DSC 9100

Seguo un recinto fatto per le mucche, per evitare che volino giù dall'altra parte.

DSC 9101

Alcuni scorci diventano prettamente invernali.

DSC 9102

Eccomi arrivato alle gugliette.

DSC 9103

DSC 9106

Sono a circa 2500 metri d'altezza e dalla temperatura delle folate di vento, si sente tutta.

DSC 9115

Il mio orologio fa le 12.15. Direi che è ora di mangiare. Qui sicuramente non sto: troppo vento. Vorrei sdraiarmi al tepore del sole e al riparo dal vento. Scendo un po' di quota. Arrivo in una zona dove la roccia affiora a spuntoni dall'erba. Qui direi che non è il caso di sostare. Sarebbe un po' scomodo.

DSC 9116

Trovo una paretina di roccia alta circa due metri che fa al caso mio. Sono protetto dai venti che arrivano da nord, al sole e con vista sul Sass de Putia.

DSC 9118

Ho una fame da lupi e già sento l'odore del pane fresco che arriva dallo zaino! Tempo 3 minuti ed è tutto apparecchiato.

DSC 9120

Questo è dedicato a voi. Dovreste sentire che gusto ha sto speck a questa altitudine e con quest'aria frizzantina.

DSC 9121

Non è da meno neppure la mia Pink lady. Croccosa e buonissima.

DSC 9123

Dopo pranzo mi appisolo un attimo, giusto il tempo di ricaricarmi. Sopra la mia testa, rocce chiare e cieli blu.

DSC 9126

E' ora di tornare verso la macchina, purtroppo. Inizio a scendere per pratoni. Sulla mia sinistra la Val Badia con il maestoso Sass dla Crusc e i prati dell'Armentara ai suoi piedi.

DSC 9127

Qui le rocce sembrano di carta crespa. L'erosione di acqua, ghiaccio e vento ha lavorato per secoli per ridurle così.

DSC 9131

Ci sono fessurazioni ovunque.

DSC 9132

Balzellon balzelloni, scendo per pratoni in cerca della strada che mi riporterà alla macchina.

DSC 9133

Altra zona dove le rocce danno spettacolo.

DSC 9134

DSC 9135

Ritrovo ancora esemplari di Pulsantille Vernalis.

DSC 9136

Ce né una devastazione!

DSC 9140

DSC 9146

DSC 9153

Ad un certo punto faccio fatica a non calpestarli.

DSC 9148

I pratoni davanti a me son ripidissimi.

DSC 9138

Ecco la mia stradina che mi aspetta.

DSC 9154

Una volta arrivato alla strada, prendo delle gran scorciatoie tra i prati. Si fa più fatica per colpa della pendenza, ma si risparmia tempo.

DSC 9162

I rami flessibili dei larici sono ancora dormienti. Prima di veder sbucare i suoi morbidi aghetti verde chiaro, bisognerà attendere almeno 15-20 giorni.

DSC 9160

Lo speck mi ha fatto venire una sete pazzesca. Se poi la visione di una fontana mi stuzzica ancora di più, è inevitabile dare l'assalto all'acqua fresca.

DSC 9166

Ne approfitto in abbondanza, tanto nessuno mi presenterà il conto alla fine.

DSC 9167

Mentre scendo tra queste baite penso a come viviamo ammassati nelle nostre città e mi viene da sorridere. Se l'uomo e le sue abitudini, non fossero così incompatibili con la natura, vivere sparpagliati tra i boschi e questi pratoni, sarebbe meraviglioso.

DSC 9169

DSC 9173

DSC 9174

Mi ripeto ancora che qui devo assolutamente tornarci a metà ottobre. Sarà tutto giallo oro!

DSC 9175

Chiare fresche acque.

DSC 9180

DSC 9185

Sono quasi arrivato. Qui i prati sono nuovamente verdini e il contrasto con le cime ancora innevate è molto suggestivo.

DSC 9192

Molti scorci sono da cartolina. Vorrei avere questi scatti anche in versione estiva e invernale, con 2 metri di neve.

DSC 9197

DSC 9198

Dietro di me saluto il Sass de Putia. Con lui l'appuntamento è per giugno-luglio, quando la metà sarà la sua cima.

DSC 9200

DSC 9204

E riecco la civiltà. Quel piccolo trattorino rosso mi ricorda che non sono solo su questo pianeta!

DSC 9212

Ultimi scatti prima di salire in auto. Il Sass dla Crusc con i crochi primaverili visti anche questa mattina.

DSC 9214

Un ultima sorsata d'acqua alla fontana di legno...

DSC 9218

DSC 9220

E si risale in auto. Riecco Longiarù.

DSC 9228

Se volete dargli una sbirciatina ogni tanto, qui c'è una bellissima webcam molto panoramica.

Si torna a casa, ma prima di disfare lo zaino e rilassarsi, ancora qualche scatto sulla strada del ritorno. Qui siamo dietro il massiccio del Sella, in zona Passo Gardena. Questi sono i bastioni del Sella.

DSC 9232

Il gruppo del Cir, sempre sul Passo Gardena.

DSC 9234

DSC 9236

Il Pordoi, sul passo Sella.

DSC 9241

DSC 9245

Il ghiacciaio della Marmolada. A destra, il Gran Vernel.

DSC 9247

Iniziano i tornanti che scendono a Canazei.

DSC 9251

Il Pordoi in tutto il suo splendore.

DSC 9253

E con questa immagine si conclude qui questa ennesima escursione dolomitica. Spero vi siate divertiti anche se il percorso non è stato dei più esaltanti. La prossima escursione verrà fatta quando la natura si sveglierà del tutto e la neve avrà lasciato il posto ai verdi prati. Purtroppo l'appuntamento col Sass de Putia è rimandato, ma ora ho un idea più chiara di ciò che mi attende.

Ecco il percorso fatto a piedi. 11.2 km totali per un dislivello di 780 metri.


Itinerario ciclabile 1492522 - powered by Wandermap
Pin It

5 commenti:

Nik ha detto...

"Mentre scendo tra queste baite penso a come viviamo ammassati nelle nostre città e mi viene da sorridere. Se l'uomo e le sue abitudini, non fossero così incompatibili con la natura, vivere sparpagliati tra i boschi e questi pratoni, sarebbe meraviglioso."

Eh già!

Stnd ha detto...

Anche questo post è fantastico. Da iPad riesco a vedere tutte le foto perfettamente! Se vuoi posso fare delle prove con altre app. Adesso ho usato safari e spesso uso flipboard...

Zion ha detto...

mi piacerebbe vivere in mezzo ai boschi...chissà se sopravviverei, visto che sono così tragicamente cittadina, però sarebbe un sogno provarci!!!

delicate ha detto...

1- avrei fatto il bagno nella cascatina....e non dire che era ghiacciata perchè ne ho sperimentate anche di carsiche
2-il gruppo del Cir mi ha squarciata, e meritava molte più foto
3-il tuo lavoro è fighissimo

Anonimo ha detto...

Sì, il panino con lo speck è davvero notevole!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...