02 aprile 2012

Ai piedi del Sass de Putia (1)

DSC 9200

Non sempre quando si parte per un'escursione si ha l'intera giornata a disposizione. E questa che vi sto per raccontare, ha subito drastici tagli proprio perché avevo a disposizione poco tempo (rientro alle 17 del pomeriggio a casa). Se poi ci mettiamo che la meta era a due ore da casa mia, ecco che ne esce un qualcosa in più di una toccata e fuga. Una cosa però l'ho messa in saccoccia: qui devo assolutamente tornarci in autunno. Si fan sicuramente foto da urlo con i larici ingialliti. Ma partiamo con il fotoracconto.

Siamo all'inizio della Val Badia, all'interno del Parco Naturale Puez-Odle. Arrivare qui non è proprio agevolissimo. Se guardate nella cartina, vi rendete conto che le arterie stradali che passano vicino a Longiarù (che è una frazione di San Martino in Badia), sono ridottissime. O si scende da nord passando per l'autostrada del Brennero, o si sale da sud passando per la Val Gardena. Altrimenti c'è l'elicottero.
Io parto presto. Sono le 7 quando esco di casa e carico lo zaino in auto. Fuori ci sono 2 gradi. Oggi ho cercato di vestirmi leggero perché farà piuttosto caldo. La prima cosa che faccio è scrutare l'orizzonte verso est. E quello che vedo mi da il via libera ad una giornata con tempo bello.

DSC 8885

Filo via per la statale praticamente deserta. Arrivo in Val di Fassa e mi fermo dal panettiere a prendere pane e il mio solito krapfen (che golosastro, tanto camminando smaltisco!). Il profumo della panetteria è inebriante e presto lo sarà anche l'abitacolo della mia auto. Proseguo verso i valichi dolomitici. Eccomi sui tornanti che salgono al Sella. Il sole schiarisce per bene le cime del Sassolungo.

DSC 8898

Arrivo sul Sella alle 7.39 circa e fuori dal mio finestrino ci sono -2°. Un po' pochino per una previsione di giornata data come calda.

DSC 8905

Scollino i 2200 del passo e scendo verso il Passo Gardena. Neve ce n'è ancora in giro. A chiazze è anche tanta.

DSC 8913

Davanti a me vedo il gruppo del Cir, dove ho fatto la mia prima ferrata.

DSC 8921

Dietro di me, la possente presenza del Sassolungo.

DSC 8922

Arrivo al Passo Gardena, poco più basso del Sella (2100 circa).

DSC 8923

Qui staziona un elicottero da turismo. Se volete farvi un giro, sapete dove rivolgervi.

DSC 8927

Mentre scendo verso la Val Badia, noto come siano ridotte le piste da sci già alle 8 di mattina: male. Non malissimo, ma male.

DSC 8933

Mi fermo in una macelleria a prendere lo speck per il mio panino. Poi riparto. Dopo due ore di viaggio, arrivo finalmente in zona. Entro nell'abitato di San Martino in Badia. Posti incantevoli e "fuori dal mondo".

DSC 8935

Ecco il paesino di Longiarù.

DSC 8942

Arrivo nella minuscola piazza del paese con annessa stupenda chiesetta e consulto i segnali dei sentieri.

DSC 8947

Sbaglio direzione ma poi trovo la piccola via che sale verso i prati ai piedi del Sass de Putia.

DSC 8945

A lato strada ci son baitine degne dei migliori presepi.

DSC 8950

Una stradina stretta ma in perfettissime condizioni, sale verso il cielo.

DSC 8951

La giornata è fantastica e la temperatura si è un po' alzata.

DSC 8953

Finalmente arrivo ad uno spiazzo. C'è un uomo che taglia legna nel silenzio più assoluto.

DSC 8957

Chiedo dove posso lasciare l'auto e gentilmente mi dice che dove l'ho messa non da problemi. Ora la mia escursione può iniziare, anche se sono in ritardo rispetto alla tabella di marcia. Oggi avrò solo 6 ore a disposizione e non potrò fare un granché. Però si va, e non vedo l'ora!! Non faccio in tempo a scendere dall'auto che una visione sulla mia destra mi cattura. Una mega distesa di crochi primaverili adorna un pratone inclinato a sud.  Che meraviglia!

DSC 8961

DSC 8958

Mi sdraio al suolo e scatto in libertà.

DSC 8974

DSC 8971

Nel frattempo mi chiedo come la natura decida la distribuzione dei fiori viola e di quelli bianchi. Combinazione di elementi chimici? Casualità? Fottori esterni?

DSC 8970

Devo proseguire. Il prato che sto percorrendo è in salitissima.

DSC 8969

Longiarù è già piccolo piccolo sotto di me. Là in fondo, il gruppo delle Odle.

DSC 8976

DSC 8979

Davanti a me sbuca all'improvviso,  nostro signore il Sass de Putia. Nonostante questo sia il lato a sud, la neve è ancora ben presente.

DSC 8977

Oggi succederà una cosa strana: per tutto il giorno non incontrerò anima viva, fatta eccezione quel taglialegna al parcheggio. Da solo a godermi tutto questo ben di Dio. Che spreco!

DSC 8980

DSC 8981

Inizio a salire verso l'alto. Il percorso è una comoda strada bianca. Noto con piacere che qui i larici sono moltissimi. Chissà cosa dev'essere questo posto in autunno. Io mi prenoto già da ora.

DSC 8982

Le pendenza da queste parti non scherzano. Vedrete durante tutto il tragitto, enormi colline gobbose con odulazioni del terreno spettacolari e con pendenze veramente significative. Qui con la neve e il bob, c'è veramente da divertirsi!

DSC 8987

Sulla strada trovo un museo all'aperto dell'artigianato locale.

DSC 8991

DSC 8992

DSC 8993

DSC 8994

DSC 8996

DSC 8997

DSC 8998

DSC 9000

Incontro anche i primi blocchi di neve.

DSC 8995

Il posto è veramente spettacolare e completamente esposto a sud. Fotograficamente è notevole sia d'estate che d'inverno. Ma soprattutto in autunno, ne sono sicuro. Logico che con i colori odierni, così grigio-spenti, non dica poi un granché.

DSC 8999

DSC 9008

Segno nell'agenda e proseguo. Una volta salito a sufficienza, risbuca nuovamente alla mia vista il Sass de Putia.

DSC 9006

Ci sono baite ovunque. E c'è anche un bel vento a folate. Mi proteggo la gola, si sa mai...

DSC 9010

Sono arrivato al mio punto di svolta. Da qui dovrei iniziare il giro in senso anti-orario del Sass de Putia.

DSC 9011

Punto quindi alla mia destra, verso i pratoni ingialliti dal gelo e dalla neve invernale. Vediamo se il percorso si rivela interessante e soprattutto agibile.

DSC 9012

Incontro una ritardataria, o una gran anticipona. Questa genziana è fuori stagione. Che ci fa qui? Si sarà mica persa? Forse dormiva sotto la neve.

DSC 9016

Più salgo e più si delinea meglio la zona intorno a me. Là in fondo verso destra, spuntano anche le cime delle Odle. Le chiazze di neve però, aumentano. Il mio dislivello è già variato dai 1633 metri del parcheggio, agli attuali 2100 metri.

DSC 9017

Ancora qualche passo e mi accorgo che questi enormi pratoni gialli, nascondono in realtà un sacco di vita che non vede l'ora di farsi vedere. Ecco delle bellissime Pulsantille primaverili. Sono eccitato da questo ritrovamento, non sapendo che più in alto troverò milioni di esemplari!!!

DSC 9018

Proseguo su un comodo sentiero. Finalmente un po' di piano, si fa per dire.

DSC 9023

Ad un certo punto il terreno è nuovamente molto inclinato ma non il sentiero. Questa è una zona coperta dai venti e si vede. Qui la vegetazione ha trovato ottimo riparo. L'erica è bella fiorita, il mirtillo rosso ha foglie molto verdi. Sento addirittura l'odore fantastico della resina degli abeti, quel tipico profumo del bosco scaldato dai potenti raggi del sole estivo.

DSC 9024

Dietro di me il Sass de Putia chiama. Mi sto allontanando da lui per circumnavigarlo.

DSC 9028

Ecco la croce di vetta. Questa estate voglio proprio salirci. Magari già in giugno, così evito la ressa estiva.

DSC 9030

Eccomi arrivato alla selletta che mi porterà nel versante a nord del Sass. C'è neve, ragazzi.

DSC 9031

E non c'è manco una mezza impronta di persone già passate prima di me. Possibile???

DSC 9032

Provo a scendere e...

DSC 9033

Sprofondo fino all'inguine. Torno sui miei passi. E mò?

A presto per la seconda parte.

Pin It

6 commenti:

Anonimo ha detto...

belle foto momo

bentornato tra i sentieri
ciao
massimo bdg

Zion ha detto...

emozionante! non vedo l'ora di leggere il seguito. :-)

Stnd ha detto...

Bellissimo come sempre e leggerlo e vedere le foto sul retina display dell'iPad ha l'effetto dei libri patinati di fotografia...
Aspetto la seconda parte. Un abbraccio a tutta la famiglia!

Momo ha detto...

massimo, grazie, anche se questo periodo è un po' farlocco per le uscite fotografiche.

Zion, ;-) cercherò di concludere in modo altrettanto emozionante.

Stnd, grazie mille. Ma tu intendi con il NUOVO retina display? :-)))) Una cosa tecnica: a te non succede mai che non si carichino le foto del blog, su iPad soprattutto appartenenti a post corposi tipo questo?

Stnd ha detto...

Si intendo il Nuovo come "il Nuovo iPad"... hihihihih
Non mi succede mai. Le foto si caricano tutte benissimo. Considera che lo uso spessissimo sull'iPad per consultare il tuo blog dato che sei anche tra i blog che ho messo in "Flipboard"!

Momo ha detto...

Stnd, fetente!!! :-)
In ogni caso io ho problemi di visualizzazione delle immagini. Su 30 se ne caricano 8-10 e il resto rimane nero con l'iconcina al centro. Mi sa che son problemi di connessione. Però è strano. Stavo pensando di accorciare i posts in home e visualizzarli interi solo una volta cliccato il tasto "Continua...". Però il problema mi sa che non si risolve. Bah.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...