14 luglio 2011

Una serata al circo

DSC 6989Erano secoli che non mettevo piede sotto il tendone di un circo. Mi ricordo che da bambino abitavo in una palazzina di 3 piani che aveva di fronte a sè un grosso appezzamento di terra con erba incolta. Era l'unica zona verde nella mia zona e non era provvista di nulla: ne alberi, ne cespugli, ne niente. Solo erba più o meno alta, qualche fosso e stop. Lì ci passavo tanti pomeriggi, o con le biglie di vetro, oppure con la mia saltafoss color oro. Ma la vera festa era quando arrivavano le giostre o il circo. Io che avevo il campo davanti a casa e abitavo al secondo piano, potevo gustarmi tutto l'aspetto tecnico della faccenda: arrivo dei tir con su le attrezzature, montaggio, e organizzazione. Era un vero spasso. Tornando al circo, mi ricordo diverse famiglie circensi che sono passate da lì: il Circo Medrano, il circo Medini, il circo Togni, il circo Orfei (non mi ricordo quale, ce n'è talmente tanti), e sicuramente altri che non ricordo. Rammento invece molto bene le sere d'estate, quando lasciando la portafinestra aperta per il caldo, sentivo molto forte il ruggito delle tigri e dei leoni dal mio letto. Era una stranissima sensazione che però aveva un fascino unico. Dopo quegli anni ho messo piede in un unico meraviglioso circo, quello del Cirque du Soleil. Negli ultimi anni si è fatto un gran parlare degli animali utilizzati nei circhi e dei loro eventuali maltrattamenti, costretti in gabbie anguste e spostamenti continui. Certo, gli animali che "lavorano" nel circo non saranno certo contenti, anche se una volta nati in cattività e affezionati al loro padrone, è dura tornare indietro. Vero è anche che il circo senza animali difficilmente regge dal punto di vista finanziario. Esiste l'eccellenza del Cirque du Soleil ma è forse l'unica realtà che ce la fa e che riesce ad investire in atleti eccellenti, costumi sfavillanti e ambientazioni da sogno. Ma per stare a quel livello bisogna avere entrate enormi. 
I circhi normali simili a quelli delle famiglie circensi italiane, sono invece costretti a meravigliare le folle con i classici del circo: i cavalli, le bestie feroci e qualche new entry esotica.

Schermata 2011 07 14 a 14 59 48L'altra sera, è arrivato in valle il circo Bellucci, affiancato da Mario Orfei, connubio che ancora ora non ho ben capito.  Vedere un circo da queste parti è veramente una rarità. Fate conto che io sono qui da oltre 10 anni ed è la prima volta che ne incontro uno.

Cavalese2011

Il circo Bellucci, tra l'altro, è quello che all'inizio di quest'anno è passato alle cronache per essere rimasto intrappolato a Tunisi durante lo scoppio delle rivolte popolari, con gente che sparava per strada e manifestava in modo violento. Questo circo di modeste dimensioni, si è installato vicino alla partenza dell'ovovia del Cermis e lì è rimasto per 5 giorni. Con alcuni biglietti in mano che offrivano ingresso a 7 euro nei migliori posti possibili, mi son fatto tentare e dopo secoli sono tornato al circo. Ecco un veloce reportage fotografico tutto per voi. 
Il tendone del Circo Bellucci e Mario Orfei è abbastanza piccolo, però affascina ugualmente.

DSC 6892

I posti che mi hanno assegnato erano veramente i migliori. In pratica avevo i gomiti appoggiati al cerchio della pista.

DSC 6897

A presentare la serata, una ragazza straniera che dal mio punto di vista si è meritato un 4. Tempi morti a manetta, poca verve, e mosceria per tutta la serata. La metà delle cose che diceva, non si capivano.

DSC 6902

Per fortuna i numeri si reggevano da soli ed erano quasi tutti godibili. Il primo è stato Attilio Bellucci e i suoi bellissimi cavalli bianchi.

DSC 6903

DSC 6904

DSC 6905

DSC 6912

Ad intervallare gli spettacoli ci pensava lo sgamato nanetto clown Fagiolino.

DSC 6922

DSC 6916

Poi è stata la volta del giocoliere Alex, dall'argentina. Veramente bravo bravo.

DSC 6929

DSC 6944

Di seguito è arrivato Attilio Bellucci con i suoi animali esotici. Grande impressione, specialmente quando ti ritrovi a tre metri da serpenti giganti liberi...

DSC 6947

DSC 6951

e, sorpresa, un mega alligatore!!!

DSC 6955

Tirato fuori a forza dalla sua scatola magica,

DSC 6956

ha iniziato a spostarsi autonomamente per la pista.

DSC 6959

Poi, in una specie di gioco d'ipnosi, si è bloccato davanti al domatore.

DSC 6960

Alla fine dello spettacolo su comando del suo padrone, ha fatto dietrofront.

DSC 6962

ed è tornato a cuccia.

DSC 6964

Spariti i serpentoni viscidi, è comparso John Taylor! No, i duran duran non c'entrano nulla. Sto parlando dell'uomo cannone proveniente dagli Stati uniti. Con ritmi un po' blandi è stato gonfiato un mega materassone

DSC 6967

Il proiettile umano si è posizionato sopra l'imboccatura del cannone.

DSC 6970

DSC 6973

Ci si è infilato dentro.

DSC 6971

Ha salutato per l'ultima volta il pubblico.

DSC 6975

E con un botto allucinante è stato sparato con precisione al centro del materasso. Ecco il momento dell'uscita dal cannone. Altro non sono riuscito a beccare!

DSC 6976

Durante la pausa tra il primo e il secondo tempo ci è stata data la possibilità di visitare lo zoo dietro il tendone.

DSC 6978

E qui per la prima volta ho visto la famosa tigre albina del circo Bellucci.

DSC 6982

Le tigri viste da meno di due metri, sono veramente impressionanti. Hanno zampe mostruose e un vocione possente. Che meraviglia di animali!

DSC 6988

Ecco lo strano contrasto dell'ambiente montano con quello del circo, e le Pale di San Martino che fanno da sfondo sfondo.

DSC 6990

Struzzi.

DSC 6993

Lama.

DSC 6995

Zebre.

DSC 6997

Cammelli.

DSC 6998Il secondo tempo è cominciato con lo spettacolo delle tigri. A fare il domatore, Emidio Bellucci, il fratello di Attilio. Avevo la gabbia a meno di un metro!

DSC 7018

DSC 7002

DSC 7006

DSC 7013

Dopo una lunga pausa per la rimozione della gabbia dalla pista, è arrivata la spagnola Nuria, con i suoi giochi aerei.

DSC 7023

DSC 7026

DSC 7029

Poi il contorsionista Cesar dall'Equador.

DSC 7035

DSC 7036

DSC 7038

DSC 7039

Il tipo è riuscito ad infilarsi dentro una scatola di 40 cm di lato. Impressionante.

DSC 7048

Di seguito è arrivato il numero che mi ha più meravigliato. Quello con i pappagalli di Anthony Zatta. Traspariva in lui il grande amore per questi animali e poi i volatili compivano giri elegantissimi volando sopra le teste degli spettatori. Una scena al limite del commovente.

DSC 7049

DSC 7053
DSC 7063
DSC 7061
DSC 7066
Due ore di spettacolo che alla fine direi piacevole e abbastanza ricco. Certo, i circhi seri sono un'altra cosa: mancavano i trapezisti e la struttura era un po' modesta, ma comunque divertente.
Pin It

6 commenti:

delicate ha detto...

a volte penso che restare un giorno senza un tuo post è difficile da sopportare, bello il fatto che fotografi tutto e hai tutta questa pazienza di inserire le foto, ......ma solo sulle Dolomiti uomini come te ?

Anonimo ha detto...

A me gli animali nei circhi(e negli zoo)...hanno sempre fatto tanta tanta pena...non pagherei neppure un centesimo per vederli così diversi da come dovrebbero essere...mi ci intristisco troppo...

Maos ha detto...

Detesto i circhi che mettono in scena il diverso e l'esotico come fossero fenomeni sensazionali. Andavano bene quando facevano leva sull'effetto "ooohhh!" che scaturiva dall'ignoranza della gente di 500 e rotti anni fa.

Odio la messa in scena dell'uomo contraddistinto dal nanismo come se fosse una tigre o un puma, mi rammarica profondissimamente vedere come ancora oggi questa gente voglia farci passare il perpetrare di questo lavoro come "passione e amore per gli animali", quando di tutto ciò - ed è lapalissiano - non c'è assolutamente nulla (I CAMMELLI SULLE DOLOMITI???).

Benvengano i circhi che sfruttano la bravura di atleti seri e preparati, ma lo sfruttamento degli animali in questi teatrini - perchè di quello si tratta, poche ciance - andrebbe sancito per legge alla pari del maltrattamento.

Ti saresti probabilmente divertito ugualmente, o anche di più, ammirando le evoluzioni di atleti e le mirabolanti peripezie di giocolieri e comici, non credi Momo?

Ricordatevi le parole del Mahatma: "il grado di civiltà di un popolo può facilmente essere misurato dal rispetto che esso nutre nei confronti del regno animale". Viene da pensarci su...

Momo ha detto...

Delicate, hehe, che bel complimento che mi hai fatto! Riuscissi a fare post sempre interessanti per tutti, sarebbe la perfezione. Grazie!

Anonimo, condivido il tuo punto di vista. E' per questo che ammiro i circhi tipo Cirque du soleil.

Maos, sottoscrivo anche il tuo ragionamento, basta che non sia estremo dalla parte opposta. L'effetto "oohh", per i tanti bambini che entrano per la prima volta al circo, c'è ancora e molto molto marcato. E ti assicuro che l'altra sera i bimbi presenti erano il 50% del pubblico. Tu mi dirai, che si possono portare i bambini ai parchi faunistici a vedere questo tipo di animali. Io però metto sullo stesso piano dei circhi sia i parchi faunistici che gli zoo. Ma anche gli acquari eh. Sempre di animali selvatici sfruttati dall'uomo stiamo parlando. Certo, il circo da questo punto di vista è più estremo, ne sono consapevole. Se fosse per me li chiuderei tutti i circhi che lavorano con animali, ma ti ripeto: sono tantissimi i bambini ma anche gli adulti che grazie al circo si avvicinano per la prima volta a questo tipo di "visione". Poi, come in tutte le cose, c'è il direttore di circo che è una bestia e tratta i suoi animali malissimo, e c'è invece quello che li cura col massimo rigore, proprio perchè li ama e, aggiungiamoci, sa che sono la sua fonte di guadagno.

Maos ha detto...

Se ne può discutere. Certo ragionare mettendo sullo stesso piano un parco faunistico dove, per fare un esempio limitante e stupido ma pur sempre congruo, una giraffa gira libera in un ambiente di 2000 mq e un circo dove o stesso animale ha "l'ora d'aria" nel tendone, perchè poi sta in gabbia 22 ore su 24 non mi pare molto corretto...

Premettendo comunque che io trovo superati e inutili anche i parchi faunistici, zoo e affini. E che preferisco di gran lunga gli animali alle persone, in generale... :-)

Anonimo ha detto...

Spero che Popina non si sia spaventata troppo allo scoppio del cannone. Ciao Frittella

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...