05 giugno 2011

Il concerto di Zucchero a Verona (4.6.11)

DSC 6261

Eccomi! Si parte gente. La direzione è Verona, si va ad assistere al concerto di Zucchero in Arena, ma anche a fare un po' di giretti interessanti nella città di Giulietta e Romeo. Un sacco di foto da vedere e curiosità da raccontare. Si va!

Parto da casa con un occhio al cielo. Succederà spessissimo nelle prossime 48 ore. Sono le 14.30 e tra circa due ore dovrei essere a Verona. Vista la panciotta vistosissima che "qualcuno" che è con me, si deve portare dietro, ho scelto di assistere al concerto in modo soft. Abbiamo quindi prenotato una stanza in un hotel a 5 minuti di cammino dall'Arena per poter pernottare in città dopo il concerto. E' uno degli alberghi convenzionati con le Sugar card che fungono anche da biglietto d'ingresso.

Sugar card

Si chiama Hotel Mastino, e per essere un 3 stelle in centro città è veramente notevole. Forse anche per il fatto che ci hanno assegnato una stanza in un complesso completamente nuovo, ma consiglio vivamente il posto a chiunque voglia andare a Verona. Comunque, alle 17.45, sono davanti all'Arena. C'è molta gente in Piazza Bra, che passeggia o che fa acquisti. Il cielo è quasi completamente sereno e ci sono la bellezza di 30 gradi. Fantastico!

DSC 6033

Confronto alle mie amate Dolomiti, mi sembra di essere in vacanza al mare. Si respira un'aria diversa, di vacanza, appunto.

DSC 6019Ecco l'ultima famosissima e fotografatissima fettina di anello esterno che una volta girava tutt'attorno all'Arena.

DSC 6043

Infatti quello che si vede oggi, non è nient'altro che lo scheletro interno del secondo anello, un po' quello che è capitato al Colosseo di Roma (sbirciate le mie foto del Colosseo, qui e qui).

DSC 6069

Il primo anello dell'Arena, quello più bello e alto, è stato abbattuto quasi completamente dai terremoti intorno al 1117. Ecco com'era l'Arena nella sua interezza.

Senza titolo 1

Un vero peccato oggi ci si debba accontentare del suo moncone. Passo davanti al cancello che porta nella pancia dell'anfiteatro romano. Riesco a vedere i tecnici sul palco che sistemano gli strumenti.

DSC 6044

Mancano però ancora quasi 3 ore al concerto, e siccome ho i posti numerati in platea, non c'è proprio nessun motivo di affrettarsi ai cancelli, che comunque apriranno solo intorno alle 19.30. Mi incammino in via Mazzini, al fianco dell'Arena, per un veloce giro di negozi.

DSC 6048

Il cielo è ancora splendidamente sereno, in barba alle previsioni che dicevano nuvoloso e temporali.

DSC 6049

Nella vasca di Verona, non manca proprio nessuna marca. Ormai, quando ci si appresta a girare i centri storici delle varie città italiane, bene o male si sa già quali saranno i negozi presenti. Una volta sopravvivevano anche marche sconosciute, panetterie, piccoli market... Tutto sparito per far posto ai franchising dello shopping.

DSC 6061

DSC 6056

DSC 6065

DSC 6070

E queste sono solo alcune griffe delle tante presenti nel viale. Alla fine di Via Mazzini sbuco in Piazzetta delle Erbe, che mi lascia veramente a bocca aperta, e che avrò la possibilità di fotografare meglio la mattina dopo.

DSC 6072

Qui la mia conbriccola si ferma a cenare. Siamo in 4 e ci accomodiamo in un Caffè convenzionato con la Sugar Card. Con 10 euro ci mangiamo un panino caldo, una bibita e un caffè. I 3/4 di noi però, scambia il caffè con un vasetto di una prelibatezza che su da noi in valle, manco sanno cosa sia: il gelato Häagen Dazs, gusto Macadamia Nut Brittle. Ammazza che booono! Erano secoli che non ne mangiavo.

DSC 6073

Proprio sul finire della cena all'aperto, improvvisamente si alza il vento. Che succede? Guardo il cielo e scorgo delle torri di nuvole, in gergo dei cumulo-nembi, che avanzano verso Verona e che non promettono nulla di buono. Merda! Mancano quasi due ore al concerto, se deve fare sto benedetto temporale, che lo faccia subito! Ci riavviciniamo all'Arena. La gente che ha il biglietto per le gradinate libere è già entrata a prendere i posti. Arrivato di nuovo in piazza Bra, rifaccio il punto della situazione meteo. Sembra che un fronte temporalesco stia sfilando alla destra dell'Arena senza intaccarla. Speriamo bene, stasera sarebbe il 3° concerto di Zucchero qui, e nei primi due è sempre filato tutto liscio senza manco una gocciolina, a dispetto delle previsioni che indicavano temporali.

DSC 6074

Ore 20. Entro in Arena. Le mie preoccupazioni per il controllo degli zaini contenenti apparecchiature fotografiche avanzate, sono inutili. Ormai ai concerti lasciano passare senza problemi anche le reflex professionali con obiettivi intercambiabili. Una volta non era così. Mi siedo al mio posto in platea, fila 24. Osservo il cielo. Il temporale molto nero che ho alla mia destra continua a non intaccarci. Prego in turcomanno che vada avanti così.

DSC 6077

Nel frattempo osservo il palco. Siamo davanti ad una mega valigiona di cartone, con incollati sopra i vari adesivi delle località dove il suo viaggiatore è stato.

DSC 6085

Tra queste c'è anche Vipiteno, in Alto Adige.

DSC 6122

La valigiona è fatta molto bene, ed è completa di serrature, maniglie e cinghie di pelle.

DSC 6129

Ma sinceramente non ho molto la testa orientata alla scenografia del palco. Guardo continuamente ciò che succede alla mia destra, e quello che vedo è terrificante. Però il temporale sembra stia sfilando via completamente senza toccarci.

DSC 6087

E' una gran fortuna, perchè io non ho mai visto nuvole incazzate come quelle.

DSC 6088

DSC 6091

Dietro di noi c'è addirittura qualche pezzetto di sereno!

DSC 6111

Sono le 20.45, mancano 15 minuti all'inizio del concerto, l'Arena si va riempiendo in ogni ordine di posto (anche stasera c'è il tutto esaurito per il re del blues). Ma all'improvviso il cielo cambia di nuovo. Arriva una nuova copertura nuvolosa, meno intensa della precedente ma stavolta è più compatta. E a 10 minuti dall'inizio del concerto arriva il primo tuono. Il pubblico urla e fischia per esorcizzare e impaurire il temporale. Ce la faremo?

DSC 6112

Mancano 3 minuti. E' tutto pronto. L'eccitazione nell'aria è palpabile, ma tutti guardano in sù.

DSC 6128

Si spengono tutte le luci e gli artisti si preparano ad entrare. Nello stesso istante inizia a gocciolare. Il pubblico, all'unisono apre gli ombrelli e indossa gli impermeabili.

DSC 6132

Che sfiga, ragazzi!

DSC 6133

Inizia il concerto. La prima canzone è Un soffio caldo. Ci vorrebbe proprio! La grande valigiona sul palco si apre lentamente e inizia a diluviare. Fate play e continuate a leggere.

Ecco la tracklist del concerto di Zucchero, ieri, 4 giugno 2011 all'Arena di Verona.

1. Soffio caldo
2. Il suono della domenica
3. Soldati nella mia città
4. E' un peccato morir
5. Vedo nero
6.Oltre le rive
7. Un uovo sodo
8. Chocabeck
9. Alla fine
10. Spicinfrin boy
11. God bles the child
12. Bacco perbacco
13. Baila
14. Overdose d'amore
15. Il mare...
16. Dune mosse
17. Diamante
18. Il volo
19. Occhi
20. Con le mani
21. Solo una sana e consapevole...
22. Diavolo in me

Bis:
23. Hi-de-ho
24. Un kilo
25. Così celeste
26. Miserere
27. Per colpa di chi?

DSC 6136

Zucchero è seduto sul suo trono e ci saluta. Che tempismo sto tempo di cacca!

DSC 6137

Ecco la valigia che si apre.

DSC 6138

Mi attrezzo contro la pioggia. Non posso far finta di niente, se mi inzuppo è un casino. E poi ho la digitale da proteggere. Indosso il mio impermeabile e metto lo zaino sotto il sedile. Con una busta di plastica mi copro le gambe. Siamo tutti seduti, chi con ombrelli, chi con impermeabili. Speriamo smetta presto.

DSC 6141

E' ufficialmente il mio primo concerto sotto l'acqua.

DSC 6143

DSC 6144

Alla terza canzone è il diluvio. Apro anche l'ombrello, ma è peggio. Meglio senza, altrimenti ci si lava di più. Rapidamente mi bagno i jeans, il fondo dello zaino, le mani, un po' la digitale. Zucchero al microfono, visto l'acquazzone, urla: "Fregatene Verona!". Tutti scoppiano in un fragoroso urlo che scaccia la pioggia battente. E fortunatamente l'acquazzone dura solo altri 5 minuti. Poi altri scrosci veloci durante il concerto, ma dalla metà in poi, usciranno addirittura le stelle. Zucchero ringrazierà il pubblico più volte per la fedeltà e ci regalerà due canzoni non previste.
Ora concentriamoci sul concerto. E' la prima volta che sono così lontano dal palco e devo mettere a punto il mio bagaglio tecnico per fare foto decenti.

DSC 6145

La mia distanza dal palco penso si aggiri intorno ai 35-40 metri. Tutte le foto che vedete, tranne quelle panoramiche, sono state fatte con un 70-300 mm. La digitale ha sempre scattato in manuale, con gli ISO impostati sugli 800. Con un valore inferiore è impensabile fare foto non mosse. Oltre a questo, ho impostato una forte sottoesposizione e una focale sui 5,6. Quello che sono riuscito ad ottenere su oltre 400 scatti, lo vedete in questo post. Non male, per uno che doveva combattere con: pioggia, ombrelli, movimenti dei vicini, teste, braccia, gomiti, buio, ecc...

DSC 6160

Alcune foto, tipo quella qui sotto, sono leggermente mosse, ma viste così rimpicciolite, si nota poco.

DSC 6179

La scenografia scelta da Zucchero per questo tour, oltre alla valigiona e i due ledwall laterali a forma di specchio ovale, prevede un muro di fondo in cui sono proiettate varie immagini e scritte. La cosa particolare è che il muro dove vengono proiettate le immagini, non è piatto. Dalla sua superficie si alza in rilievo la sagoma di tre archi, che vengono anche proiettati nella stessa identica posizione.

DSC 6205

Con questa tecnica si ottiene un bellissimo effetto 3d che cambia completamente ad ogni canzone.

DSC 6252

DSC 6305

DSC 6331

Ho trovato Zucchero molto carico, ma anche meno scatenato del solito. Un po' riflessivo nella prima parte del concerto, e molto preso durante la seconda parte. La sua gestualità durante i vari brani era pazzesca. Ti faceva vedere che lui la musica ce l'ha nel sangue, che il blues gli scorre nelle vene. Si avvicinava agli strumenti e li assecondava con le mani, con le braccia. Suonava la chitarra, la pianola o la batteria accompagnando le note con il suo corpo. Guardate cosa intendo.

DSC 6256

DSC 6255

DSC 6257

DSC 6320

DSC 6338

Che forza!
Ora eccovi una carrellata di immagini scattate durante il concerto.

DSC 6229

DSC 6243

DSC 6245

DSC 6249

DSC 6254

DSC 6263

DSC 6270

DSC 6285

Il momento di Diamante, la mia canzone preferita. nel ledwall, Delmo con la nonna. Se la canzone di prima fosse finita, guardate le immagini sentendo questa.

DSC 6291

DSC 6292

DSC 6293

DSC 6307

DSC 6309

DSC 6316

DSC 6317

DSC 6320

DSC 6333

DSC 6335

Quando è stata l'ora di Diavolo in me, Zucchero ha indossato una maschera demoniaca!

DSC 6346

DSC 6367

E faceva l'indemoniato.

DSC 6374

DSC 6384

DSC 6387

DSC 6393

Dopo due ore di concerto senza interruzioni, Zucchero ha salutato ed è sparito dal palco. Nel ledwall però, sono continuate a comparire tutte le frasi che fanno parte del suo mondo.

DSC 6406

E poi è apparsa questa.

DSC 6407

Dopo un urlo fragoroso, Zucchero ricompare e ricomincia la festa! Stavolta è seduto davanti ad un vecchissimo pianoforte. Arriva una delle due canzoni non previste nella scaletta.

DSC 6413

DSC 6418

DSC 6445

Poi è il momento di "Così celeste", un'altra meraviglia targata Zucchero.

DSC 6458

Le prime file del parterre, hanno avuto il culo di potersi alzare e andare sotto il palco.

DSC 6462

Tocca a "Miserere" e all'omaggio a Luciano Pavarotti, un passaggio del concerto sempre molto sentito da Zucchero.

DSC 6473

DSC 6474

DSC 6481

DSC 6485

Dopo questo toccante momento, arriva l'ultimo scatenato ballo di massa. "Per colpa di chi?" Zucchero non si risparmia, e fa anche la coreografia della canzone. Fortissimo!

DSC 6489

DSC 6490

DSC 6496

DSC 6497

I bravissimi musicisti di Zucchero.

DSC 6523

DSC 6525

Siamo all'ultima canzone. Lentamente la valigia inizia a chiudersi e volano in aria tanti coriandoli.

DSC 6527

DSC 6529

Zucchero ci ringrazia ancora per esser stati sotto l'acqua per lui. Sembra non voler andare via più. Ripete più volte: "vi voglio bene!".

DSC 6531

Ma alle 23.30, dopo 2 ore e mezza di concerto, tutto finisce veramente. Zucchero si è dimostrato ancora una volta un animale da palcoscenico. Lui si diverte come un pazzo a suonare per le folle e lo si vede lontano un miglio. Questo penso sia il 5° concerto di Zucchero che vedo, e penso proprio non sarà l'ultimo.

DSC 6534

La gente lentamente esce dall'Arena, abbandonando i tanti impermeabili usa e getta comprati in fretta e furia durante il diluvio.

DSC 6535

DSC 6539

L'Arena ancora una volta ha ospitato uno spettacolo entusiasmante.

DSC 6540

La luccicante Verona accoglie le migliaia di fans di Zucchero che lentamente si disperdono in ogni dove.

DSC 6544

Io troverò ancora il tempo per qualche spuntino fino ad arrivare in albergo intorno alle 1.30 di notte. 
La mattina dopo sveglia alle 8.30. Sopra Verona splende il sole e la temperatura è di 26 gradi.

DSC 6545

Prima di tornare a casa, ci sta uno sguardo veloce alle meraviglie di questa città.

DSC 6546

DSC 6548

Ragazzi, che gelaterie!

DSC 6549

Rieccomi in Piazzetta delle erbe. Scatto a manetta.

DSC 6550

DSC 6585

DSC 6578

DSC 6583

DSC 6576

DSC 6580

Poi mi dirigo al vicino Balcone di Giulietta. Saranno più di 20 anni che non torno qui.

DSC 6551

Impressionante come siano conciati questi muri.

DSC 6553

Dopo un piccolo tunnel...

DSC 6554

Ecco spuntare il cortiletto che ospita il balcone.

DSC 6574

DSC 6568

E qui il solito rituale con la statua di Giulietta.

DSC 6566
DSC 6565
DSC 6563
DSC 6561
E' arrivato il tempo di tornare tra le mie amate montagne. La domenica volge al termine. Prima di arrivare a casa, beccherò un'altro acquazzone in autostrada. E son soddisfatto così, altrimenti l'unico momento di pioggia di tutto il week end sarebbe stato solo ed unicamente quello di inizio concerto.
DSC 6596
Pin It

9 commenti:

max ha detto...

ciao, io vado all' arena domani sera, ultima tappa...........ti ho usato come guida ( per esempio non sapevo se si potevano portare gli ombrelli, ecc ecc)....pero' poi ho saltato la parte dello spettacolo vero e proprio ( per non rovinarmi la sorpresa...)
In ogni caso ottimo lavoro....

Momo ha detto...

Escort, grazie infinite! Non era facile in quelle condizioni portare a casa foto decenti.

Max, hehe, hai fatto bene a saltare la parte di racconto del concerto, anche se non ho rivelato chissà che cosa. In ogni caso buon concerto a te!

Daniela ha detto...

Bellissime le foto, emozionante il racconto: ho rivissuto ( senza il brivido della pioggia ) il concerto al quale ero stata la sera prima. Grazie per le parole spese sulla mia bellissima città. Cosa ti devo dire: che sono già 3 volte che mi riguardo il tutto? OK, te lo dico; e adesso me lo vado a riguardare un'altra volta. GRAZIE

Anonimo ha detto...

Non mi ricordavo del concerto.... ero a Verona anche io!!!!
Belle foto e tutto spiegato benissimo!
Ciao
Ba

Anonimo ha detto...

Ho rivissuto tutto esattamente...non eravamo insieme ma abbiamo vissuto gli stessi momenti , visto le stesse immagini, fatte le stesse foto, vissuto le stesse emozioni esattamente in sincronia..anche il temporale in autostrada...e aspettiamo con ansia allo stesso modo il prossimo concerto da vedere..perchè il bleus non muore mai..!!

Oscar ha detto...

Reportage in stile Momo: splendido! Se lo vede Zucchero ti fa i complimenti come te li sto facendo io. Ciao!

Germana ha detto...

belle foto e bel racconto, come sempre :)
Scrivi sempre delle tue amate Dolomiti e sto seriamente prendendo in considerazione la possibilità di un viaggetto in Trentino, questa estate. Coi bambini al seguito mi sembra potabile, ci saranno sicuramente dei posti o degli spazi ad hoc per loro, per non parlare delle belle passeggiate in montagna.
Insomma, tutto 'sto preambolo per scriverti: ma un post dedicato al Trentino? con i paesini più belli da visitare in 7 giorni? con chicche varie che solo un amante e abitante del posto può suggerire?
Se lo hai già scritto mi dai il link?
ciao e buona giornata!
g.

Momo ha detto...

Germana, grazie per i complimenti! Sempre ben accetti. Riguardo quello che mi chiedi, in realtà tutto il blog è un continuo di consigli su posti e manifestazioni da vedere in Trentino. Dovrei farti un elenco dei posts più interessanti... In effetti dovrei fare un post riassuntivo ma mi manca il tempo! Magari ti scrivo via mail che è meglio. Appena ho un attimo di tempo, sono da te.

Marco D'Orazio ha detto...

Complimenti!!!! è bellissimo!!!!
È veramente magnifico! tra fan si comprende, c'ero anch'io quello 04 giugno 2011 tutto davanti ad in prima fila sotto la pioggia ma quale felicità!!!
Dal Belgio,
Marco D'Orazio.

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...