06 marzo 2011

18 km a piedi all'Alpe di Siusi (quasi per niente)

Schermata 2011-03-06 a 13.19.07.png

Non è stata una gran escursione quella di ieri all'Alpe di Siusi. I motivi sono i più svariati e ve li racconterò mostandovi le foto della giornata. Come accennavo ieri nel post di preparazione all'escursione, tutto quello che pianifichi può cambiare, una volta che si è sul posto. Si parte. 
La giornata è ancor meglio di quello che le previsioni avevano pronosticato: in cielo non c'è mezza nuvola e la temperatura è intorno allo zero. Punto dritto verso la Val di Fassa.

DSC_0962.JPG

Eccomi a Moena. Il traffico è tranquillo, nonostante la massa degli sciatori si stia preparando per assaltare le piste.

DSC_0965.JPG

Sono a Vigo di Fassa, ma già da qui si vede in lontananza il protagonista di oggi: il Sassolungo.

DSC_0967.JPG

Superato Canazei inizio a salire i mitici tornanti che portano al Sella e al Pordoi. Ecco in uno scatto "rubato", la cima innevata del Gran Vernel.

DSC_0971.JPG

Salgo tornante dopo tornante, la temperatura si aggira intorno ai -5°.

DSC_0974.JPG

Sbuco al sole. Sono intorno ai 2000 metri.

DSC_0975.JPG

Arieccolo. Il Sassolungo sfacciatamente illuminato dal sole.

DSC_0980.JPG

Svalico il Sella e mi fiondo verso la Val Gardena.

DSC_0990.JPG

Ancora 20 minuti ed arrivo al mio punto di partenza odierno. Eccomi a Monte Pana. Da qui si prosegue a piedi.

DSC_0994.JPG

Sono circondato da piste da fondo e da boschi.

DSC_0996.JPG

Salgo per una strada sterrata quasi completamente ghiacciata. Stare in piedi è un mezzo miracolo.

DSC_0997.JPG

Dopo 30 minuti sbuco all'inizio dell'alpe di Siusi e vedo le punte del Sassolungo.

DSC_1000.JPG

Ad un certo punto un rombo assordante. Arriva un bus con catene che sfreccia verso l'alto. Incredibile che un bus salga su per questa strada. Mi viene il leggero dubbio che mi sarei potuto risparmiare un bel po' di camminata a piedi.

DSC_1006.JPG

Proseguo per Saltria, che è al centro dell'Alpe.

DSC_1007.JPG

Eccomi entrato ufficialmente nell'Alpe di Siusi.

DSC_1008.JPG

Osservate questi ciuffi di abete rosso.

DSC_1011.JPG

Sapete chi è che combina questi disastri? Gli scoiattoli.

DSC_1012.JPG

Spezzano tutte le punte degli abeti in cerca di cibo. Il danno per l'abete è notevole, anche se si tratta soltanto di una specie di potatura non voluta.

DSC_1013.JPG

Ad un certo punto si para davanti a me lo sciliar con la strapiombante Punta Santner.

DSC_1014.JPG

Là in fondo innevatissima, si vede la catena che chiude l'Alpe a est.

DSC_1015.JPG

Ed ecco il Sassolungo alle mie spalle. A quest'ora è completamente contro sole e quindi quasi infotografabile.

DSC_1016.JPG

Proseguo per la mia strada infinita che alla fine sarà lunga oltre 6 km. Nel frattempo altri bus mi hanno più volte sfrecciato vicino. Mi sa che al ritorno ne approfitterò, se l'ultima corsa non è troppo presto. Anche perchè attendere il tramonto vorrà dire restare qui fino alle 18.

DSC_1017.JPG

Cerco scorci carini qua e là, ma non è che ci sia molto. Non nego che questo tipo di paesaggio da inverno "sfiorito" mi fa un po' schifo. Sugli alberi non c'è più neve e i prati ingialliti iniziano a fare capolino dai pendii. Troppe zone scurissime in contrasto con la neve sui prati. Non il massimo per fare belle foto, anzi.

DSC_1020.JPG

DSC_1021.JPG

Dopo essere clamorosamente volato per terra per colpa della strada ghiacciata (per fortuna senza conseguenze), arrivo in una zona dove il sole rende il percorso più agevole. Ora cammino quasi in piano avendo raggiunto i 1800 metri dell'Alpe.

DSC_1026.JPG

Eccoci a destinazione: questa è l'Alpe di Siusi. Un pò spelata a dire il vero.

DSC_1027.JPG

Mi aspettavo un po' più di neve e sicuramente non zone completamente senza.

DSC_1028.JPG

Dietro me c'è sempre il Sassolungo. Per poterlo vedere interamente devo allontanarmi da lui.

DSC_1030.JPG

Dovrei essere quasi arrivato alla fine della strada ghiacciata. Notare il bus che viaggia avanti e indietro. Poveri autisti che si devono smazzare sta strada tutto il giorno ogni giorno.

DSC_1031.JPG

Prima inquadratura decente della giornata. oggi la mia digitale fermerà il contatore delle foto a quota 274. Un po' pochine per il mio solito standard.

DSC_1032.JPG

Dopo un'ora e 40 di scarpinata, arrivo di nuovo in mezzo alla civiltà. Che tradotto significa: impianti da sci, alberghi, auto e gran cagnara.

DSC_1036.JPG

DSC_1038.JPG

Una prima inquadratura interessante del mega piano inclinato del SassoPiatto.

DSC_1040.JPG

Sono finalmente arrivato nel cuore dell'Alpe di Siusi e ora punto ancora più in alto. Devo farlo per forza se voglio inquadrare l'intero gruppo del Sassolungo. Passo tra le baite in mezzo alla neve.

DSC_1043.JPG

Alcune hanno i tipici recinti altoatesini che mi piacciono tanto.

DSC_1044.JPG

Questi turisti tedeschi hanno appena iniziato a scaricare le loro cose nella baita che useranno per le loro vacanze. Beati loro

DSC_1050.JPG
Arrivo al Rifugio Tirler, veramente molto carino.
DSC_1051.JPG
DSC_1052.JPG
Gli affreschi sono fatti molto bene.
DSC_1053.JPG
DSC_1054.JPG
DSC_1055.jpg
DSC_1056.JPG
Mi inoltro ancora per strade innevate. Con questo percorso arriverò oltre i 2000 metri.
DSC_1059.JPG
Davanti a me vedo le Odle e la conca sopra Santa Cristina. E' la zona dove ho passato l'intera giornata nella mia precedente escursione. Anche lì neve ne vedo ben poca.
DSC_1065.JPG
Ancora lo scivolone del Sassopiatto.
DSC_1068.JPG
Ecco dove sono diretto. Tra quelle baite lassù. Mi sa che stasera avrò la faccia bordò dal sole e da tutto il riverbero della neve che c'è qui.

DSC_1072.JPG

Mi avvicino a questa baita. Sento nell'aria un profumino misto di salsiccia, patatine fritte e frittelle di mele. Mannaggia, al mio pranzo manca ancora una mezz'oretta. Devo resistere.
DSC_1076.JPG
DSC_1077.JPG
Salgo ancora.
DSC_1082.JPG
DSC_1083.JPG
Ecco com'è cambiato lo scorcio sul Sassolungo. Ora si apprezza maggiormente la visuale. Dovrei però slittare tutto sulla sinistra per avere una visione più scenografica. E' quello che farò nel pomeriggio.
DSC_1086.JPG
Ho una sete bestia, ma non ho voglia di fermarmi ad aprire lo zaino. Allora mi mangio delle frittelle di neve.
DSC_1089.JPG
Che meraviglia di paesaggio. Qui si respira a pieni polmoni aria frizzantissima e sanissima.
DSC_1090.JPG
Questa è la cresta di Siusi, a fianco del Sassopiatto.
DSC_1101.JPG
Passo sotto la seggiovia. Gli sciatori mi guardano come un mezzo marziano munito di macchina fotografica.
DSC_1102.JPG
DSC_1103.JPG
Ecco le piste da sci. La neve non è il massimo ma neanche malaccio per essere quella di marzo.
DSC_1107.JPG
Sciare con la magnifica presenza del Sassolungo è sublime.
DSC_1110.JPG
Mmmmhh, ottima baitina per pranzare.
DSC_1118.JPG
Qui direi che è perfetto. Sono anche al sole, così non mi raffreddo.
DSC_1120.JPG
Guardate che paesaggio ho davanti mentre mangio. La punta Santner. Il rancio è sempre lo stesso, tranne piccole varianti.
DSC_1122.JPG
Ma voi non sapete con che razza di voglia sto preparando questo panino, dopo essermi sparato oltre 12 km a piedi.
DSC_1124.JPG
Finito il pranzo riparto subito. Non c'è un attimo da perdere, devo spostarmi alla sinistra del Sassolungo. Ecco i tipici cavalli con la slitta dell'Alpe di Siusi.
DSC_1129.JPG
Sono molto vicino alla Punta Santner. Sopra lì c'è l'altopiano di Siusi. Lì sotto invece, oltre l'orizzonte innevato, c'è Castelrotto. Gli spuntoni che vedete oltre la Punta Santner si chiamano Guardie del confine.
DSC_1130.JPG
Eccomi al rifugio Paradiso, recentemente ammodernato.
DSC_1133.JPG
Qui è evidente lo spelamento della neve.
DSC_1137.JPG
Mi sto lentamente spostando alla sinistra del Sassolungo. Sono le 14.50 e mi rendo conto che sarà impossibile rimanere qui fino al tramonto. Alle 19.15 devo essere a casa e con tutta quella strada ghiacciata da fare a piedi, calcolando che il tramonto si concluderebbe alle 18, arriverei a casa intorno alle 21.30. Mi piange in cuore ma è così.
DSC_1141.JPG
Proseguo per i boschi.
DSC_1152.JPG
Ogni tanto passa questo strano mezzo cingolato che porta i turisti ai rifugi in quota. Sembra di essere in guerra!
DSC_1157.JPG
DSC_1158.JPG
La visuale sul Sassolungo cambia ancora. Ora sono al centro esatto dell'Alpe di Siusi.
DSC_1163.JPG
Si avvicina l'ora dell'ultimo bus per arrivare alla macchina. Ho ancora tempo per qualche scatto.
DSC_1171.JPG
DSC_1196.JPG
Purtroppo devo mollare qui. Sono certo che mi stia perdendo la parte migliore della giornata, fotograficamente parlando, ma non posso farci nulla. Devo proprio andare.
DSC_1200.JPG
Sono le 16.25. Salgo sull'autobus che in cambio di 3 euro mi farà risparmiare un'ora e mezza di strada ghiacciata in discesa.
DSC_1204.JPG
Durante il viaggio avevo un po' di apprensione, perchè non è proprio normale viaggiare su un bus che scende per stradine impervie, con stapiombi sul bosco e strada ghiacciata. Ma arrivo comunque sano e salvo.
DSC_1209.JPG
Sul parabrezza, tanto per concludere la giornata alla grande, mi ritrovo una multina da 39 euro per non essermi accorto che lo spiazzo dove ho lasciato l'auto era a pagamento. Ma che cazz. Quelli dell'Alpe di Siusi sono veramente delle sanguisughe a livello di parcheggi. L'altra volta avevo pagato 20 euro per parcheggiare l'auto sopra Castelrotto. Mortacci vostri! Saluto malvolentieri il Sassolungo che da qui vedo così:
DSC_1210.JPG
E mi rimetto in auto. Dovrò risalire sul Passo Sella per tornare a casa e poi fare a ritroso la Val di Fassa. Ho mancato il tramonto sul Sassolungo e mi rifaccio in parte con quello sui bastioni del Sella che inquadro dai tornanti del Passo Sella.
DSC_1221.JPG
Eccomi in cima. Si riscende.
DSC_1228.JPG
Davanti a me la Marmolada.
DSC_1229.JPG
Eccola in tutto il suo splendore.
DSC_1232.JPG
Ancora le pareti del Sella illuminate dall'ultimo sole.
DSC_1236.JPG
Le sorprese oggi non sono finite. A tre tornanti da Canazei trovo una coda d'auto ferma piantata. Concluderò la giornata con 30 minuti di coda e arriverò a casa giusto all'orario stabilito.
DSC_1238.JPG
Ecco il percorso che ho fatto oggi. 18 km in tutto. Non ho potuto fare quello che volevo per mancanza di tempo. La prossima volta sarà il caso di attuare una tattica diversa se voglio attendere il tramonto. Devo per forza lasciare l'auto sopra Castelrotto e addentrarmi da lì verso l'Alpe di Siusi. Stare verso sinistra e aspettare gli ultimi raggi di sole. Non c'è altro modo per tornare a casa ad orari decenti.

Schermata 2011-03-06 a 10.02.33.png

La cartina della zona.

DSC_1245.jpg

Se devo trarre dei lati positivi dalla gita di oggi, direi questi:
1) ho fatto un bel pò di movimento perdendo un chilo netto. 
2) Ho testato a fondo i miei scarponi e posso finalmente dire che il problema ai talloni è definitivamente risolto
3) Mi sono abbronzato mica male

Ecco, per il resto giornata da dimenticare. Per fare foto indimenticabili all'Alpe di Siusi, io suggerisco di recarsi sul posto appena dopo una copiosa nevicata e con una giornata di sole splendente. Gli alberi saranno pieni di neve, come i tetti delle baite. Certo, uscire dai percorsi battuti è un gran problema. Lo era anche oggi, perchè sprofondavo fino alle cosce e si fa una fatica maledetta per fare pochi km. Quindi l'ideale è sfruttare i percorsi invernali che solitamente vengono battuti e trovare delle buone inquadrature. Alla prossima!

Pin It

3 commenti:

Saint Andres ha detto...

Noooo Momo, Bear Grylls dice sempre che se sei in montagna e hai sete non devi mai mangiare la neve, i cristalli di ghiaccio potrebbero causare delle lesioni alla bocca con conseguenti dolori. Oh, se lo dice lui... :D

Comunque dai, ho visto delle foto davvero belle, rinnovo sempre i miei complimenti non solo per gli scatti anche per il modo in cui tu racconti le tue passeggiate, è bellissimo!

Sliding ha detto...

dispiace che non sei riuscito ad ottenere completamente quello che volevi...ma hai fatto comunque una gran bella passeggiata e l'hai documentata come sai fare solo tu, facendoci sentire lì con te! ;D

Angelwings ha detto...

Ci hai fatto fare una bella gita, che invidia!! E rivedere innevati anche se poco i posti dove sono stata quest'estate mi ha fatto un immenso piacere. Grazie come sempre! Peccato per la multa. Sanguisughe!!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...