23 aprile 2010

Apple e i suoi mouse.

Inutile girarci tanto in giro, dopo averlo comprato e provato per svariate settimane, posso affermare che il nuovo magic mouse di Apple ha qualche pecca che lo rende un prodotto perlomeno discutibile.
Il design non si discute, ci mancherebbe, mai visto un mouse tanto bello e fascinoso, ma in quanto all'uso giornaliero ho riscontrato diversi problemi.
PROBLEMA 1: L'ERGONOMIA
Magic mouse è basso, molto basso, troppo basso. La mano, quando si accovaccia sopra un mouse solitamente ha una posizione di pseudo rilassamento, con:
A) Base del palmo della mano appoggiata al mousepad
B) Pollice (a sinistra) e dito anulare e dito mignolo (a destra) ben aderenti lungo i fianchi del mouse
C) Dito Indice e dito medio appoggiati sopra il mouse.
Questa posizione ti permette di non stancare le dita.
Con magic mouse invece, la tendenza è quella di tenere questa posizione:
A) Base del palmo della mano su mousepad
B) Pollice e anulare solo appoggiati sui fianchi sottili del Magic Mouse
C) Dito indice che sfiora la superficie superiore di Magic Mouse
D) Dito medio sollevato dalla superficie superiore di Magic Mouse per timore di toccare le parti sensibili del mouse
D) Mignolo alzato in aria come conseguenza della posizione di dito indice e dito medio
Inoltre la conca interna della mano non percepisce più la gobba del mouse perchè troppo in basso e questo fa perdere stabilità nell'impugnatura del mouse stesso.
Questa posizione stanca i nervi delle dita abbastanza velocemente con tendenza allo sgranchimento della mano più volte in un ora.
PROBLEMA 2: LA FUNZIONALITA'
Usare Magic mouse con il browser è eccezionale, perchè la velocità di scroll delle pagine è sensazionale, soprattutto se si attiva la funzione di scorrimento dinamico (le pagine hanno un abbrivio che termina dopo qualche istante dal rilascio della spinta con le dita sul mouse)
Ma con i programmi di grafica c'è il rischio di impazzire, soprattutto con inDesign. Non so quante volte ogni ora mi ritrovo a dovermi incazzare perchè inavvertitamente si attiva lo spostamento del quadro di lavoro.
Probabilmente sfioro la superficie superiore del mouse con lo spostamento delle dita e la conseguenza è l'allontanamento immediato dall'area di lavoro dove stavo operando. Ero intento a correggere un testo a pag. 21? Con un colpetto mi ritrovo due pagine sotto. Ho provato a verificare nelle preferenze se fosse possibile ridurre la zona sensibile della parte sopra del Magic mouse, ma non c'è nessuna regolazione.
Al massimo si può disattivare la funzione di scorrimento dinamico che migliora leggermente le cose, nel senso che quando capita di toccare dentro la superficie, lo spostamento involontario si riduce di gittata.
Però così non si riesce a lavorare sereni. Sei sempre sul chivalà nello stare attento a non sfiorare il guscio.
Guardate questo video e rendetevi conto se non ho ragione. Osservate la posizione delle mani
Questo problema evidentemente non lo sento solo io se questo tipo si è inventato e commercializza su scala mondiale questo accrocchio veramente orribile per ovviare al problema.
Dal punto di vista design non lo comprerei mai, però probabilmente riempie quel vuoto che si crea tra palmo e dorso del mouse e permette di pilotare il Magic mouse con maggior controllo e meno stress per la mano.
PROBLEMA 3: L'AFFOLLAMENTO DELLE FUNZIONI
Magic mouse è in grado di fare un sacco di spostamenti semplicemente usando le dita sulla sua superficie superiore che in pratica è un enorme tasto unico, ma questo più che un vantaggio in alcune circostanze diventa uno svantaggio. Il fatto è che tutte le gesture sono incentrate in un unico posto e alcune di esse o va a finire che non le usi proprio (vedi spostamento in tutte le direzioni con la punta del dito), oppure eviti di adoperarle per la posizione scomoda della mano sul mouse (vedi sfogliamento pagine destra e sinistra).
PROBLEMA 4: L'ALIMENTAZIONE A BATTERIA
Il precedente Migthy mouse con batterie era una sanguisuga di energia. Le batterie duravano circa un mesetto e poi dovevi sostituirle. Con Magic Mouse pensavo avessero adottato un sistema di spegnimento automatico dopo un tot di minuti di inutilizzo. Invece non è così. Ad onor del vero devo dire che effettivamente una gestione delle batterie più sapiente ora è stata implementata. Il mouse entra in una fase di stop temporaneo se non è usato e consuma meno batterie. Comunque, dopo una settimana di utilizzo e lasciando acceso il mouse 24 ore su 24, la percentuale delle pile era intorno all'82%. Ora, ad un mese e 10 giorni, sono al 54%.
Per me è una menata il dover spegnere ogni volta il mouse con l'apposito tasto sul retro, anche perchè se ti ricordi di spegnerlo dopo che hai messo il mac in stop, come spesso succede, appena spegni l'interruttore del mouse ti si riaccende il mac! Allora devi aspettare ancora qualche istante e rimettere il computer in stop.
Ho quindi deciso di non spegnere mai il magic mouse e ora vediamo quanto dureranno le pile al suo interno (due stilo).
Alla fine di questa lunga disamina non mi resta che dare un VOTO 10 al design del Magic Mouse targato Apple, ma un VOTO 4,5 nell'uso quotidiano.

E' probabile che con più attenzione, con uno studio più approfondito delle "gesture" e con un pò di abitudine, questi fastidi diminuiscano, però pur sempre restano.
D'altro canto nella sua storia con i mouse la Apple ha dimostrato di non andare assolutamente d'accordo. E per paradossale che possa sembrare, è stata proprio Apple ad introdurre per la prima volta nella storia dei computer, il dispositivo di puntamento che poi abbiamo imparato a conoscere sotto il nome di "mouse".
Ripercorriamone velocemente tutte le tappe.

STORIA DEI MOUSE APPLE
E' il 1983, un giovanissimo Steve Jobs e il suo compagno di avventure Steve Wozniak presentano il primo mouse Apple. Si chiama Mouse Lisa. Verrà ritirato dal mercato nel 1987.
Subito quindi Apple parte con un mouse ad un tasto unico e rimarrà per sempre così anche quando più avanti i concorrenti adotteranno il doppio tasto. Ecco il mouse Lisa accompagnato da una versione molto simile chiamata Apple II mouse che non si discostava molto dalla prima.
Nel 1987 arriva Apple Desktop bus Mouse
Questo mouse sparì dal mercato nel 1993 ed è stato il primo mouse Apple che io abbia mai usato. Tutto sommato comodo e funzionale.
Siamo arrivati a Apple Desktop Bus Mouse II, una versione riveduta e corretta del precedente.
Sicuramente più stiloso e carino da vedere, ma anche da impugnare. Ottimo mouse.
Arriviamo al 1998 e con la comparsa dei primi iMac colorati arriva lui.
Forma assolutamente bella ma non per un mouse e poi era estremamente scomodo da usare. Non controllavi l'angolazione del mouse e ti ritrovavi il filo di lato. Cassato due anni dopo.

Siamo nel 2000. E' la volta di Apple Mouse Pro, un mouse molto bello e che come forme torna un pò alle origini. E' il primo mouse senza pallina, sostituita da un puntatore ottico a laser. E' anche la prima volta che Apple oscura il tasto del mouse e fa diventare il mouse stesso un gigantesco tasto.
Eccolo nella versione bianca presentata nel 2003 ma sostanzialmente identico alla precedente. Molto bello il guscio trasparente con la melina sottostante.
In questi anni Apple introduce il mouse senza fili e successivamente viene presentato Mighty Mouse, il mouse con la clitopalla! Siamo nel 2005.
E' ufficialmente una specie di resa per Apple che si piega al volere degli utenti e introduce un elemento che dovrebbe sopperire alla mancanza della rotella di scorrimento. E così compare quella piccola sferetta di gomma che permette di spostarsi in ogni direzione ma che si rivelerà la maledizione di ogni mac user.
Infatti il web è strapieno di foto tipo queste corredate da spiegazioni su come pulire la palla che ha il maledetto vizio di incantarsi e di non scorrere più.
Questo mouse è ancora in commercio e per chi non volesse il mouse in dotazione con gli attuali mac (il magic mouse), c'è la possibilità di comprarlo ancora al modico prezzo di 49 euro.

E rieccoci a Magic Mouse arrivato tra noi nell'ottobre 2009. E' il primo mouse al mondo ad avere tecnologia multi-touch che permette comandi impartiti con una o più dita contemporaneamente. E per la prima volta Apple abbandona il filo per adottare solo ed esclusivamente la tecnologia Wireless. Il costo è di 69 euro, oppure lo si trova in bundle con tutti i nuovi mac.
Io attendo ancora qualche mese prima di dare un verdetto definitivo su questo mouse, ma il primo approccio non è stato incoraggiante. Mi piacerebbe conosce il giudizio di altri utenti mac.
Comunque sembra che Apple abbia "qualche" incompatibilità nel creare mouse degni di questo nome. Io non mi capacito del perchè l'azienda di Steve Jobs non riesca a ideare un mouse che abbia sia una buonissima capacità funzionale, che un estetica da urlo. Boh. E' così difficile?
Ecco alcune foto di gruppo dei vari mouse Apple della storia.
(TPP) 50 minuti.
Pin It

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Come si fa a leggere un post simile senza farti i complimenti?
Ma dormi la notte?
Bel reportage di immagini.
Ciao
Silvano

wild56 ha detto...

sono impazzitop col mighty mouse, si sporcava sempre la pallina e dopo un po' mi sono stufato e l'ho buttato nel cassetto, ora uso un logitech da 20 euro e mi trovo benone.

In negozio ho provato per 5 minuti il magic mouse, sembrava valido nello scroll ma poi mi sono accorto del sistema allucinante per cambiare pagina!

Intanto il mouse non sta fermo, è innaturale strisicare due dita e non hai nessun controllo, per cui torni indietro di 2 o 3 pagine invece di una. Demenziale. Il magic è rimasto in negozio, e ho comprato un altro logitech da 20 euro.

Anonimo ha detto...

credo che il problema sta nell'approccio che apple ha avuto nel progetto del nuovo mouse:
semplicemente ha sbagliato obbiettivo creando una specie di pad tipo computer portatile ma non un dispositivo da desktop. In più ho l'impressione che, per alcuni, il computer serva solo per sfogliare pagine e/o foto, cioè operazioni con comandi "grezzi" e non si pensa a chi utilizza CAD o fotoritocco dove i comandi devono essere più mirati....io uso per il mio CAD un logitech bello tozzo che riempie la mano e mi trovo benissimo ciao

eliana ha detto...

Confesso.. non l'ho letto tutto il post.. ma giuro.. mai.. e poi mai e poi mai avrei pensato di leggere qualcosa di così critico nei confronti di Apple scritto da te!!!!!
Buon we!

Eliana

Khassad ha detto...

@Anonimo: effettivamente dei colleghi che lavorano con programmi grafici di precisione (CAD e affini) mi dicevano che i mouse più adatti sono quelli fatti per videogiochi, che hanno anche 5600 DPI di precisione contro i massimo 1000 DPI dei mouse standard.

@Eliana: Dobbiamo ringraziare Momo per questo post e secondo me dovrebbe ringraziarlo anche la Apple, perchè è l'opinione obiettiva di un utilizzatore assiduo di melaprodotti e permette di sapere in che direzione il prodotto può essere ulteriormente migliorato. :)

Turin ha detto...

Il mouse adbII era di uno scomodo terribile per chi arrivava dalla versione precedente, tant'è che in molti preferivano il modello vecchio.
La storia si ripete

Momo ha detto...

Silvano, esagerato! hehe, ci ho messo un pò a costruirlo, quello è vero, ma è pur sempre un ammasso di foto e testi.

Wild56, alle volte Apple dovrebbe essere un pò più pratica e meno fighetta. :-)

Anonimo, concordo con te, per i professionisti, per chi usa il computer per lavoro, non è il mouse dei sogni, questo è certo. E non costa neppure poco.

Eliana, hehe, hai ragione, forse sono stato troppo duro? :-)

Khassad, quando ce vò, ce vò. Non si può fare i talebani del mac, non credi?

Autore ha detto...

io l'ho usato da un mio amico (che tra l'altro fa il grafico) e ne sono rimasto entusiasta. lo trovo anche molto riposante rispetto agli altri maus. stessa impressione del mio amico.

CyberLuke ha detto...

Normalmente sono parecchio critico nei confronti di Apple, pur essendone un utilizzatore da sempre.
Ma, stavolta, mi sono innamorato dell'oggettino al primo contatto.
È diventata una droga: non riesco a staccarmici.
È il migliore mouse che abbai mai usato (e li ho usati tutti, da quello del primo Macintosh 128k al Mighty, che, se si riusciva a tenere pulita la sferetta, non era affatto male).
Leggendo il punto uno della tua recensione, mi rendo conto che non tutti lo impugnano allo stesso modo.
Io – ad esempio – tengo la mano posata sul tavolo e solo la punta delle dita sul mouse.
È una posizione per me comoda e naturale, non ho dovuto fare prove per metterla a punto: è venuta e basta.
QUI ho pubblicato una recensione completa, ad ogni modo.
È sempre interessante leggere di esperienze differenti, comunque ;)

Drywood ha detto...

Ciao Silvano, complimenti per questo lavoro di storia dei mouse Apple!

Volevo chiederti un parere: che tu sappia, esiste qualche utility per OS X capace di "abilitare" funzioni di scorrimento sull'Apple Mouse Pro (bianco, quello del 2003 del Power Mac G5)?

Intendo, ad esempio, che tengo premuto un tasto (per esempio SHIFT) e se muovo il mouse su o giù anziché muoversi il cursore scorre la pagina?

Se non esiste, secondo te, usando tal mouse in Windows, è possibile riuscire a fare un programma residente in ram in grado di offrire una funzione del genere?

GRAZIE!

pittinicchio ha detto...

Ciao bello questo post,
ti ho trovato cercando informazioni sul magic mouse in quanto dopo 9 mesi ho la mnao a pezzi distrutta temo una tendinite.. non è comodo per chi lavora, come altro potrei mantenerlo dovrebbe essere spontanea l'impegnatura e invece si cambia impugnatura troppo spesso alla ricerca del giusto compromesso.
L'apple mouse pro invece era ottimo.. quasi quasi torno a quello ci sto pensando seriamente.. a volte per star meglio uso la penna grafica su tavoletta wacom gigante.. mi sfondo la spalla ma almeno alterno come rovinarmi!
E poi dicono che zappare è dura.. anche restare anni al computer è duro.
ciao

Momo ha detto...

pittinicchio, mi spiace per la tua tendinite! Fossi in te avrei già cambiato mouse da un pezzo. E' troppo importante poter lavorare comodamente. Comunque io alla fine ho fatto pace con il magic mouse. Ho installato una piccola utility che mi ha risolto un sacco di problemi. Magari aiuterà anche te. Si chiama MagicPrefs e la puoi scaricare da qui: http://magicprefs.com/. Provala!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...