14 gennaio 2010

Tour de Ski 2010 (2)

Continuo a raccontarvi attraverso i miei scatti, il mio week end tra i campioni dello sci nordico. Io nella veste di fotografo ufficiale, loro nella veste di atleti. Qui la prima puntata.
Dopo la gara femminile inizia subito a ruota quella maschile che ha visto campioni quali Pietro Piller Cottrer, Christian Zorzi, e Giorgio Di Centa protagonisti importanti nelle edizioni passate.
Ma al via quest'anno i campioni italiani non sono tra i favoriti. Zorzi non è neppure stato convocato, Cottrer non è in forma e Di Centa non è tra le primissime file. La gara parte.

Gli allenatori seguono la competizione dai monitor di servizio lungo la pista.

Ecco nelle primissime posizioni Gaillard col numero 8, Lukas Bauer con il 7 e Cologna con il 4.

La gara prevede 6 giri per un totale di 15 km. Io vado all'arrivo ad attendere i primi. Ecco i loro indumenti al riparo dalla pioggia che continua a cadere incessante.

Il mio obiettivo decide di appannarsi di nuovo e vi risparmio le decine di foto che ho fatto in queste condizioni. Nel frattempo Lukas Bauer vince la gara e il primo degli italiani è Valerio Checchi, sedicesimo. Eccolo all'arrivo.

Di Centa si è piazzato al 21° posto e Fabio Pasini al 40°. Eccolo.

Il vincitore di giornata Bauer assapora la gioia della vittoria.

Le interviste di rito.

Poi la premiazione.

Ma il leader di Coppa del Toru de Ski rimane Petter Northug, norvegese che oggi è arrivato secondo con un distacco di mezzo minuto e che per questo è decisamente attapirato.

Alla fine delle gare è festa.

Poi lentamente cala la sera e smette di piovere. Io sono in giro senza pause dalle otto della mattina, più di dieci ore.

I bimbi giocano nello snow park adibito a loro.

Ecco la torta che ricorda le cento gare disputate in questo stadio.

Per festeggiare l'evento si organizza una cosa molto carina: cento piccole mongolfiere verranno fatte partire dalla piana in mezzo allo stadio.

Nel frattempo si disputa anche la gara di fondo della combinata fatta dai ragazzi che la mattina avevano saltato ai trampolini. Ecco i primi tre piazzati.

I 100 volontari si dispongono in cerchio

Ecco le mongolfiere da vicino.

Il funzionamento è semplice: si accende il piccolo cubetto infiammabile al centro della croce di metallo.

Si capovolge la mongolfiera appoggiandola per terra e si attende che l'aria al suo interno diventi calda e sollevi il tutto.

Sarà stato per il freddo o l'umidità, ma il lancio delle 100 mongolfiere è stato tutto tranne che sincronizzato.

Il cielo lentamente (troppo lentamente) si riempie di lumini.

La festa finisce con i fuochi d'artificio che risultano praticamente invisibili all'intero pubblico per la presenza di nubi bassissime nel bosco antistante lo stadio.

Verso le 21 ricomincia a nevicare, ma è ora di tornare alla base al calduccio. Domani sarà un altro giorno di gare.

Panoramica ingrandibile.

(TPP) 35 minuti.

Pin It

2 commenti:

Zion ha detto...

decisamente un bel ragazzo quel Petter Northug!!!
:D

Zion
ps certo che dev'essere stato sfiancantissimo!!!! e come hai fatto per la pipì???

Momo ha detto...

Zion, hahaha sapevo che qualche donzella sarebbe cascata nella rete di Petter! Si, in effetti è proprio un bel ragazzo. nel prossimo e ultimo post arriveranno altre foto che lo riguardano!
Per quanto riguarda la pipì, ho una resistenza cosmica. Semplicemente non la faccio anche se mi scappa. :-)

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...