24 giugno 2014

Mega tromba d'aria in Val di Fiemme

DSC 8932

Minuti di apprensione ieri sera intorno alle 20.30, quando il cielo si è fatto improvvisamente e velocemente nero verso ovest. Ho fatto appena in tempo a consultare il radar della pioggia installato nei pressi di Bolzano e vedere che una grossa macchia colorata si stava avvicinando a velocità sostenuta proprio nella mia direzione, che è iniziato un mix pazzesco di vento fortissimo e pioggia a secchi. Una vera e propria tromba d’aria che ha fatto danni qui nel mio giardino (grondaie allagate con cascate d’acqua strabordanti e uno dei miei vasi enormi che ho all’ingresso spaccato in due. Ma ha fatto danni soprattutto a poche centinaia di metri da casa mia, dove molti alberi anche di grosse dimensioni, sono volati a terra come fuscelli. Una delle zone più colpite è stato l’acropark che sorge alla fine della pista Olimpia del Cermis. Ecco le foto del luogo scattate poche ore fa. 
Ecco la zona interessata.  

DSC 8902

Molte le piante spezzate da vento lungo l’Avisio. 

DSC 8903

I cartelli della zona han subito danni anche loro.

DSC 8910

Ma il disastro maggiore è concentrato all’acropark del Cermis. 

DSC 8904

Gli alberi sono venuti giù con un effetto domino. 

DSC 8909

DSC 8905

Gli addetti al parco hanno già iniziato a tagliare le piante più pericolose. Qui doveva iniziare la stagione estiva tra pochi giorni. E ora non si potrà più utilizzare nulla di queste strutture che facevano divertire i ragazzi. 

DSC 8912

DSC 8913

Questa è la direzione da cui soffiava il vento. 

DSC 8915

DSC 8917

DSC 8918

DSC 8920

DSC 8921

Questa è la pista ciclabile che passa dietro l’acropark. Anche qui alberi abbattuti dalla furia del vento. 

DSC 8923

DSC 8924

In lontananza vedo i tecnici che sistemano i cavi dell’alta tensione abbattuti dagli alberi. 

DSC 8925

Ecco un’altra zona con alberi abbattuti. 

DSC 8926

Son tutti fusti che superano agevolmente i 20 metri. 

DSC 8927

E son stati spezzati come grissini. 

DSC 8928

DSC 8929

Questo è uno degli alberi più grossi. 

DSC 8930

DSC 8931

DSC 8933

 

DSC 8934

DSC 8935

Tra tutti gli alberi che c’erano in zona, proprio questo gruppo doveva cadere… Evidentemente le piante che ospitavano l’acropark erano rimaste esposte al vento più di quelle che si trovano all’interno del bosco. 

DSC 8936

DSC 8937

DSC 8938

Questo è quello che rimane della tenda blu dell’acropark. 

DSC 8941

DSC 8939

DSC 8940

A Ziano di Fiemme il vento ha anche scoperchiato un’intera palazzina. 

DSC 8944

Speriamo sia finita qui. La stagione dei temporali sta durando già da diversi giorni. 

Pin It

4 commenti:

Anonimo ha detto...

jeetje wat erg

iTommasini4u ha detto...

Speriamo che sia l'ultima sfortuna per quella zona ma la gente di montagna ha la capacità di rimboccarsi le maniche e lavorare sodo, velocemente. Ricordo il post che facesti sull'incendio nel teatro di Cavalese.
Ciao Momo

Zion ha detto...

Poverini, penso a quelli che lavorano al parco e che magari aspettavano l'inizio della stagione per avere uno stipendio! Non è giusto, ma come dice il commentatore qui sopra, speriamo si riprendano in fretta costruendone un altro, solido e sicuro.

Anonimo ha detto...

Mi dispiace molto per i danni al tuo bel giardino.La paura avrà fatto 90,la piccolina tutto bene?Ciao Frittella

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...