30 maggio 2014

Al Parco faunistico Natura Viva (2)

Riprendo il post di alcuni giorni fa, per continuare a raccontare attraverso le immagini, la mia giornata al Parco Natura Viva di Bussolengo. Qui la prima parte. 

Dopo aver osservato divertito lo spazio adibito ai Suricati, arriviamo in una zona dove si concentrano vari animali.  

DSC 7884

Ecco delle Bertucce

DSC 7876

Due Sitatunga, una specie di antilope anfibia nota per i salti altissimi che fa quando è in fuga nella savana. 

DSC 7879

Poi passiamo dalle testuggini giganti africane. Gli adulti possono raggiungere i 90 kg di peso. 

DSC 7881

Poi è la volta della Gru della Manciuria, una delle Gru più rare al mondo. Spesso questi parchi faunistici fungono proprio da ambiente protetto per la conservazione della specie, più che mostra di animali per i visitatori.

DSC 7895

Incontro anche l’elegante cigno con tutta la sua famigliola. 

DSC 7887

DSC 7889

Sono ormai le 11 e il sole inizia a scaldare veramente. Eè tempo di abbandonare momentaneamente gli animali, perché ora è previsto l’incontro con Licia Colò che spiegherà l’iniziativa sposata da Thun per la salvaguardia del Panda Rosso. Arriviamo giusto in tempo per sentirla parlare. 

DSC 7897

Donna ancora affascinante, devo dire, nonostante i suoi 51 anni. Io l’ho conosciuta, un po’ come tutti, con la trasmissione per bimbi "Bim Bum Bam” condotta insieme al mitico Paolo Bonolis. 

DSC 7923

Dopo i discorsi di rito, Licia si presta a scattare foto e firmare autografi. 

DSC 7927

DSC 7928

Mentre siamo tutti intenti a seguire Licia, succede l’imprevisto: il protagonista di giornata, mister Panda Rosso, decide di fare la sua apparizione in pompa magna, scalando il grande albero sotto cui stazioniamo. E tutti si fermano come per magia ad osservarlo in silenzio. 

DSC 7900

I Panda Rossi (4 in tutto) sono qui dal 1992 e si nutrono principalmente di bambù che viene coltivato direttamente  dentro il Parco in grandi quantità. Sono originari dell’Himalaya ma anche del Tibet e di parte della Cina. I Panda Rossi qui ospitati si sono trovati talmente bene e a proprio agio che ogni anno fanno nascere diversi cuccioli. Ma non bisogna dimenticare che questa specie è rara e a rischio estinzione. Ecco perché occorro fondi per sostenerne la cura e il mantenimento. 

DSC 7901

Altra particolarità dell’animale è il suo secondo nome: Huo Hu, che in cinese significa Volpe di Fuoco. E infatti è proprio il Panda Rosso ad aver ispirato i creatori di Firefox, il celebre browser per navigare, nell’assegnargli questo nome. 

DSC 7913

DSC 7920

Bellissima la sua coda molto caratteristica.

DSC 7916

Nel frattempo, poco più in là, nel tendone adibito all’arte del dipingere, la Thun ha messo a disposizione delle copie grezze di Panda Rosso da dipingere con i colori acrilici. 

DSC 7958

I risultati però non sono sempre quelli sperati. 

DSC 7960

Anche noi riusciamo ad avere la nostra copia di Panda Rossi da dipingere a casa con comodità. 

DSC 8112

DSC 8113

DSC 8114

E’ tempo di riprendere il giro! E lo facciamo subito col botto. Eccoci nella zona della tigre siberiana. Non è semplice vederla, perché la zona a sua disposizione è molto grande, ma in questo frangente sono molto fortunato, perché sta per arrivare proprio vicino al vetro dove mi trovo. 

DSC 7961

E’ un’esemplare veramente spettacolare. Grossa, leggiadra ed elegante. 

DSC 7962

Tra me e lei c’è solo uno stupido vetro. Che paura!

DSC 7967

La visione purtroppo non dura molto. 

DSC 7970

Dopo questo spettacolo, ne osservo uno decisamente meno bello: l’avvoltoio reale indiano, specie gravemente minacciata dall’estinzione. 

DSC 7976

E’ la volta del Tamarino imperatore, piccoli primati veramente buffi. Forse ve li ricorderete nella saga de “I pirati dei Caraibi” con quel fulminato di Johnny Depp. 

DSC 7977

Schermata 2014 05 29 alle 22 29 05

Insieme a questo, c’è anche il Tamarino dalle mani rosse. Ecco mamma e figlio che vagano uno sopra l’altro. 

DSC 7985

DSC 7989

Dopo esserci rifocillati di frutta a volontà, proseguiamo dentro l’ambiente preistorico, dove sono stati predisposti molto dinosauri a grandezza naturale. Ma di questo vi parlerò nell’ultima puntata del racconto. A presto!

Pin It

3 commenti:

iTommasini4u ha detto...

Belle foto Momo, sembra che lavori bene il nuovo obiettivo, a quando la prima uscita sui monti ?
Ciao,
Stefano

Anonimo ha detto...

mooie foto`s buono foto`s egaal Artis in Amsterdam

Momo ha detto...

Stefano, è vero sembra lavori bene, ma per testarlo al meglio devo fare un'uscita in montagna. Spero presto di poter andare.

Nannij, ciao!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...