10 marzo 2014

Enormi distese bianche sul San Pellegrino (1)

DSC 7480

Buonasera a tutti i lettori di Squarciomomo. Ecco uno degli appuntamenti che più attendete tra queste pagine: una delle mie foto-escursioni dalle Dolomiti. Decine e decine di immagini a 800 px che raccontano le mie giornate trascorse tra i sentieri dei fantastici posti che mi circondano. Questa volta l’escursione è un po’ particolare e diversa dal solito. Non vedrete rocce dolomitiche o boschi innevati, ma un gruppo montuoso piuttosto scuro e completa assenza di alberi. Partiamo con il racconto! 

Dopo molti, moltissimi dubbi sul luogo da visitare, ho scelto di andare a Fuciade, uno dei paradisi montani nei pressi del Passo San Pellegrino, dove lo sguardo spazia sulle Pale di San Martino e sugli enormi pratoni punteggiati dai fienili locali. Questo enorme alpeggio si trova a 1970 metri ed è proprio ai piedi del Cima Uomo. Qui avrò sole assicurato, neve in quantità e nessun pericolo di valanghe. 
Parto alle 7.30 di mattina, non troppo presto quindi, anche perché la meta questa volta è vicina a casa. In poco più di 40 minuti sono in marcia sulla comoda strada che porta al rifugio Fuciade, ottimo luogo dove gustare piatti ricercati e molto curati. Subito vengo colpito dall’altezza della neve presente.

DSC 7424

E’ impressionante vedere cartelli stradali e insegne varie, letteralmente sotterrate dalla neve. 

DSC 7425

DSC 7437

Poco più avanti incontro un vigile con gli sci (ebbene sulle Dolomiti succede anche questo!) che mi informa che questa strada è stata riaperta solo il giorno prima dopo una chiusura durata molto molto tempo. Sono quindi tra i primi a calpestare nuovamente questa via. 

DSC 7428

In effetti vedo tracce fresche di spazzaneve e poco altro. 

DSC 7431

DSC 7436

Il motivo della chiusura sono due o tre valanghe che hanno interessato la zona. Eccone una piccola. 

DSC 7430

Più avanti incontrerò quella grossa, a riprova che anche qui esiste pericolo in quel senso. Ma ora sembra che il manto nevoso si sia assestato e la strada sia di nuovo sicura. Certo è che la neve è proprio tanta tanta. 

DSC 7432

Gli ultimi cm son caduti solo 5 giorni fa e qui si può vedere il fresco spessore di 40 cm. Appena sotto, si vede lo strato di neve rossa caduta a fine febbraio, quando una perturbazione venuta dall’Africa ha colorato i cieli di rosso ed è piovuto/nevicato misto a sabbia del deserto. 

DSC 7433

DSC 7434

La giornata, come promesso dal meteo, è meravigliosa e la temperatura si sta alzando molto velocemente. Davanti a me vedo già il Cima Uomo, 3010 mt. 

DSC 7438

A lato l’arrivo della funivia Col Margherita a 2513 mt. 

DSC 7429

Per ora sono solo e cammino nella neve scricchiolante. Dopo circa 20 minuti arrivo ai primi fienili innevati.
E’ qui che mi rendo veramente conto di quanta neve ho sotto i piedi.  

DSC 7441

Lo spessore non è quello che si vede sui tetti, perché il tetto delle case fatica a mantenere gli strati di neve intatti, a causa del vento, dell’esposizione all’aria e al sole, ecc… Il vero spessore lo si capisce da quanto sono sotterrate le baite. 

DSC 7442

DSC 7444

Ecco il vigile di prima che se ne va tra le baite con i suoi sci ai piedi. 

DSC 7445

DSC 7448

DSC 7452

DSC 7447

A questo punto del percorso il panorama si apre completamente e lo sguardo è libero di spaziare. 

DSC 7455

Alla mia destra vedo parte delle Pale di San Martino.

DSC 7454

Eccole anche qui. 

DSC 7446

La funivia Col Margherita.

DSC 7456

Alla mia sinistra inizio ad intravvedere il pendio da cui è scesa una grossa valanga che comunque si è fermata prima di raggiungere la strada che sto percorrendo. Qui solo piccole slavine. 

DSC 7450

C’è neve a perdita d’occhio.

DSC 7457

Altri bellissimi scorci comprendenti i fienili di Fuciade e Cima Uomo. 

DSC 7459

DSC 7460

Il vigile (in basso a destra) e la vecchia valanga (a sinistra).

DSC 7461

Sembra il nome di un libro...

DSC 7464

Sono le 9.15 del mattino ma il sole sta già facendo il suo dovere sul manto nevoso. Siamo a quasi 2000 metri eppure la neve è lucida, segno che lo scioglimento è già partito da un po’.

DSC 7466

Procedo ancora, con calma e nel più assoluto silenzio. 

DSC 7467

DSC 7468

DSC 7469

Alcuni turisti e la motoslitta che li porta a casa, rompono questa magia. 

DSC 7470

Mi sto avvicinando al rifugio Fuciade. 

DSC 7474

Allarghiamo l’inquadratura. Che spettacolo!!

DSC 7475

Altri cartelli sotterrati.  

DSC 7478

I paesaggi qui sono fenomenali.

DSC 7476

DSC 7482

DSC 7481

Eccomi arrivato al Fuciade. Ma oggi non è certo questa la mia meta. 

DSC 7488

La minuscola chiesetta presente sul posto. 

DSC 7487

La mia meta oggi, è la stessa di quei signori là in fondo, ed è 500 metri più in alto rispetto a dove sono ora. 

DSC 7486

A presto per il resto del racconto!

Pin It

3 commenti:

Oscar ha detto...

Bellissime. Mi sembra di essere li'. Sono stato varie volte a Fuciade e ci ritornerei ancora molto volentieri. Bella in tutte le stagioni. Hai ricomprato l'obietivo? Ciao!

Anonimo ha detto...

wat een mooie foto`s weer, je hebt vaak vakantie daar

Momo ha detto...

Oscar, no, è quello di mio fratello. Resisto ancora un po'. :-)

Grazie Nannij!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...