01 dicembre 2013

Al mercatino di Natale di Bolzano

DSC 4791

Fate play qui prima di iniziare a leggere. 

Buonasera gente! Oggi, sono stato al mercatino di Natale di Bolzano nel suo primo giorno di apertura vero e proprio, dopo la serata inaugurale di ieri. Il cielo era grigio e la temperatura si aggirava intorno ai 3 gradi, ma quello che non mi aspettavo era sin da oggi un bel pienone di gente, sia al mercatino che in centro sotto i portici. Ma ecco il reportage fotografico di giornata. 

Visto il già grande afflusso di persone presente al mercatino, decido di andare per negozi e tornare qui più tardi. A portata di mano mi capita per primo il negozio Sacher, l’unico al mondo al di fuori dei due presenti a Vienna e Salisburgo nei rispettivi Hotel di super lusso. 

DSC 4799

Ogni volta che scendo a Bolzano questa è una tappa spesso obbligata, perché amo alla follia la torta originale Sacher. Ecco il negozio di Bolzano. 

DSC 4797

Entriamo! 

DSC 4792

Qui c’è ogni ben di dio, ma io sono andato dritto filato sulla confezione di Sacher che più amo, quella formata da 8 piccole Sacher quadratine. Un finger food sacheriano. Vediamo alcune immagini tratte dal sito originale Sacher.

Ecco la torta nel suo formato classico prima di essere glassata col cioccolato. Qui la stesura della immancabile marmellata all’albicocca. 

Schermata 2013 11 30 alle 22 07 29

E’ il momento della favolosa glassa.

Schermata 2013 11 30 alle 22 07 49

Schermata 2013 11 30 alle 22 07 58

L’attento confezionamento. 

Schermata 2013 11 30 alle 22 08 08

Con l’originale scatola di balsa firmata. 

Schermata 2013 11 30 alle 22 08 16

Ecco la torta nel suo aspetto finale con confezione di vendita. Le torte hanno una scadenza piuttosto breve, (circa 15 giorni), quindi alcune volte succede di non trovarne al negozio. Il prezzo di una torta di queste dimensioni è di 29,50 euro.

Schermata 2013 11 30 alle 22 08 28

Ecco la carta con cui vengono chiuse. 

Schermata 2013 11 30 alle 22 08 36

E questo è il mio formato preferito. La glassa intorno alla pasta si moltiplica, la grandezza è quella giusta per addentarla piacevolmente. 

Schermata 2013 11 30 alle 22 08 43

E questa è la classica visione della Sacher, accompagnata da un ciuffetto di panna. 

Schermata 2013 11 30 alle 22 08 51

Per concludere il discorso Sacher, ecco l’Hotel di Vienna.

Schermata 2013 11 30 alle 22 10 08

Schermata 2013 11 30 alle 22 10 56

Schermata 2013 11 30 alle 22 11 04

E quello di Salisburgo, dove ho alloggiato una notte. 

Schermata 2013 11 30 alle 22 13 04

Schermata 2013 11 30 alle 22 12 28

Questo è il sito originale dove è possibile ordinare la Sacher. Diffidate delle migliaia, ma che dico, milioni di imitazioni che girano per il mondo.

Schermata 2013 11 30 alle 22 15 04

Ma torniamo a noi e al nostro mercatino di Bolzano. Procedo per le vie del centro, in attesa che si smaltisca un po’ di gente al mercatino.

DSC 4800

Arrivo in Piazza delle Erbe, forse la più suggestiva piazza di Bolzano. 

DSC 4810

Qui si svolge ogni giorno un mercato che vende in prevalenza frutta, verdura e fiori. Uno spettacolo per la vista. Oggi era un po’ tutto inerente al Natale. 

DSC 4805

DSC 4806

DSC 4807

DSC 4808

DSC 4802

DSC 4801

DSC 4809

Proseguo per i famosi portici del centro. 

DSC 4811

DSC 4812

Entro da Sportler Alpin, un negozio di abbigliamento e attrezzatura sportiva incentrato sugli sport alpini. 

DSC 4814

Qui fanno bella mostra di sé statue in legno a grandezza naturale che raffigurano i più grandi scalatori delle Dolomiti. Una specie di museo all’interno del negozio. Ecco le statue. 

DSC 4831

DSC 4817

DSC 4816

DSC 4819

DSC 4818

DSC 4820

DSC 4821

DSC 4822

DSC 4823

DSC 4824

DSC 4825

DSC 4826

DSC 4827

DSC 4828

DSC 4829

DSC 4830

Continuate a sentire musica natalizia con questo stupendo brano: 

Altro bel negozio da vedere se passate da queste parti nel periodo di Natale è il mega negozio dedicato quasi interamente ai presepi. 

DSC 4833

DSC 4832

DSC 4834

All’intero del negozio ne troverete di meravigliosi e per tutte le tasche.

DSC 4835

DSC 4836

Torno verso Piazza Walther, dove c’è il mercatino principale. 

DSC 4840

La folla non si è proprio volatilizzata eh! Anzi.

DSC 4841

DSC 4842

Entro nella sezione laterale e un po’ più intima del Mercatino.

DSC 4843

DSC 4848

DSC 4849

DSC 4844

DSC 4845

DSC 4846

DSC 4847

DSC 4850

DSC 4851

DSC 4852

DSC 4853

DSC 4854

Faccio un’altro giro nei dintorni e vado verso il bellissimo Duomo di Bolzano in stile gotico. Qui vicino c’è il palazzo che il Comune usa come calendario dell’avvento. 

DSC 4855

DSC 4889

DSC 4857

DSC 4858

Riecco la piazza del mercatino fotografata da altra angolazione. 

DSC 4859

DSC 4860

DSC 4861

DSC 4864

DSC 4865

DSC 4866

DSC 4867

DSC 4868

DSC 4869

DSC 4871

DSC 4872

La pancia brontola. E’ ora di un’altro rito irrinunciabile del mercatino di Natale di Bolzano: il panino con Speck e formaggio del Rifugio Almhitt. La prelibatezza l’ho scoperta ormai dieci anni fa, proprio visitando questo mercatino. C’era una casetta che più delle altre aveva coda per mangiare. Avvicinandomi ho potuto constatare che vendevano solo ed unicamente panini imbottiti di formaggio fuso o formaggio fuso e speck. Ho provato quest’ultimo e da quell’anno io mi sogno questo panino anche durante il resto dell’anno. 

DSC 4877

Gli ingredienti sono semplici e sono tre: pane di segala, formaggio Pusteria della Valle Omonima prodotto da Mila e speck dell’Alto Adige. Eccomi in coda in attesa di divorare il panino accompagnato dalla immancabile tazza di vin brulè.

DSC 4873

Ed ecco come vengono fatti i panini. Il formaggio è posto a mezze forme su speciali sostegni che grazie a delle resistenze, lo sciolgono gradatamente. 

DSC 4878

Dovete assolutamente provarlo. Andate dove c’è la coda e lo troverete. 

DSC 4875

Ecco le tazze del Vin brulè, ogni anno diverse e ogni anno immancabile preda delle grinfie di mia mamma che ne fa la collezione. 

DSC 4870

E il pasto si conclude con un dolcetto a caso! 

DSC 4882

Altro giretto tra le casette del mercatino. 

DSC 4884

DSC 4885

La vendita del famoso strudel alto atesino. 

DSC 4886

Ma sinceramente la Moma lo fa nettamente più buono. 

DSC 4887

DSC 4888

DSC 4890

Le immancabili caldarroste. 

DSC 4891

DSC 4896

DSC 4898

DSC 4900

DSC 4901

DSC 4902

E con questi angioletti si conclude qui la visita virtuale al mercatino di Natale di Bolzano 2013. Spero di avervi dato l’idea dell’atmosfera che ho respirato oggi. 

Pin It

6 commenti:

stephanie dupont ha detto...

ohhhhhhhhhhhhhhhhh c est magnifique!!!!....penso che quando la mia famiglia dalla francia viene una settimana qui a natale andremo a vederlo,ma quante belle cose da vedere e mangiare....favoloso il tuo post..grazie ....!!! ...bella domenca...

Anonimo ha detto...

je hebt het mooi laten zien hoor bedankt

Anonimo ha detto...

OHHHHHHHH.Frittella

Anonimo ha detto...

Che belle immagini! Il panino e la sacher poi!!!!!!!!!!!!!!!!! Carinissime anche le statue! Ciao ciao
Ilaria e.

Stefano ha detto...

Bello, caratteristico, d'atmosfera.
Lo visitai per la prima volta nel 1990 e da allora non non ne posso fare a meno ma purtroppo nel tempo - a mio modestissimo parere - anzichè migliorare è peggiorato e prodotti hanno sempre più l'aspetto del "Made in PRC". Peccato.

Anonimo ha detto...

Ciao Momo, ho letto che lo strudel della Moma è il migliore in assoluto.Se non è gelosa della sua ricetta perchè non la condividi? Grazie Frittella

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...