12 agosto 2013

In vetta allo Sciliar (1)

DSC 9848

Buongiorno gente, eccomi finalmente a raccontarvi, attraverso le mie immagini, com'è andata l'escursione di sabato scorso che mi ha portato sulla Cima Pez a 2563 metri d'altezza, il punto più alto dello Sciliar, monte simbolo dell'Altopiano di Siusi e dell'intero Alto Adige. Partiamo con il fotoracconto.

Arrivare al punto di partenza di questa escursione è stato un po' elaborato. Prima di tutto ho ritardato appositamente la partenza di circa due ore perché sapevo che la mattina, fino alle 10 circa, sarebbe stato nuvoloso, con un netto miglioramento nei minuti successivi. Questo ha fatto si che arrivassi in zona Siusi intorno alle 9.45. Qui si sono un po' complicate le cose. Arrivato al punto A che vedete qui sotto la cartina, ho trovato un blocco. Informandomi meglio all' Info point che c'era lì, ho saputo che sarei potuto passare se fossi arrivato prima delle nove e sarei potuto salire al parcheggio del Compaccio con la mia auto pagando poi un pedaggio giornaliero di 14 euro.

Schermata 2013 08 12 alle 12 30 57

Se anche voi verrete da queste parti in futuro, scoprirete come calcare i sentieri dell'Alpe di Siusi, sia affare piuttosto caruccio, tra parcheggi e impianti di risalita. La zona è molto protetta dal punto di vista traffico veicolare, e non c'è altro modo per arrivare qui sopra se non a piedi. E la cosa non è così agevole. Comunque, tornado a noi, vengo a sapere che quindi, dopo le 9, è possibile salire all'Alpe (il punto C) solo con autobus (a pagamento) o cabinovia in partenza dal punto B. Visto che l'autobus mi passa proprio sotto il naso nel momento in cui sto per uscire dall'info point e appurato che il prossimo passaggio è tra 40 minuti, decido di riprendere l'auto e scendere al punto B, dove arrivo alle 10.20. 

DSC 9488

Qui acquisto andata e ritorno al prezzo di 14 euro (ma guarda, lo stesso costo del parcheggio là sopra), mi informo sull'ultima corsa (alle 19) e salgo al volo verso Siusi. 

DSC 9489

Dal mio ovetto di colore blu, fotografo il parcheggio sottostante. Si riempirà completamente durante la giornata, segno che questa località è molto frequentata e ambita, soprattutto dalle famiglie, e poi capirete il perché.

DSC 9490

Nonostante i brutti riflessacci della plastica delle vetrate dell'ovetto, immortalo quello che sarà il protagonista di oggi: lo Sciliar. 

DSC 9492

Con l'aiuto di RealityMapsViewer, straordinario software di cui ho già parlato molte volte, vi faccio vedere l'intera zona e il percorso che farò oggi. 

Schermata 2013 08 12 alle 12 06 57

Intanto fate caso alla conformazione dell'Altopiano di Siusi: straordinaria e assolata superficie collinare di circa 52 Km quadrati, che si aggira tra i 1800 e i 2100 metri circa. Questo è un alpeggio (cioè adibito a pascolo del bestiame) tra i più vasti d'Europa, ed è delimitato a nord dalla Val Gardena, che qui sopra vedete a sinistra, a sud-est dal massiccio dello Sciliar, e a nord-est dal Gruppo del Sassolungo. In giallo vi ho segnato i due impianti che prenderò oggi. In rosa, il percorso a piedi che intraprenderò. Dopo circa 10 minuti, eccomi nella splendida Alpe di Siusi. 

DSC 9494

Alla mia destra, lo Sciliar. 

DSC 9495

Davanti a me, la altrettanto spettacolare visione dell'alpe. 

DSC 9499

Appena arrivato cerco il sentiero n. 4 e mi dirigo da quella parte. Passo tra locali e hotel molto ben tenuti.

DSC 9496

In particolare uno attira la mia attenzione. Ha un giardino bellissimo con laghetti e ponticelli.

DSC 9498

Inutile dire che con quello sfondo laggiù, il tutto è ancora più bello.

DSC 9497

Rifotograferò l'hotel anche al ritorno e vi dirò come si chiama. Proseguo la mia strada verso una seggiovia che devo prendere per arrivare al mio vero punto di partenza di oggi. 

DSC 9500

Passo vicino ad un orto alto atesino con la tipica staccionata. 

DSC 9502

Oggi le mucche la faranno da padrone. Altrimenti che alpeggio sarebbe?

DSC 9505

Dopo 15 minuti, arrivo alla mia seggiovia. Eccola lì.

DSC 9506

Dopo aver sborsato altri 5,50 euro di sola andata, salgo sulla seggiovia che procede molto lentamente. 

DSC 9507

Questo mi permette di fotografare il panorama che cambia velocemente di fianco a me. 

DSC 9509

DSC 9515

Ecco un particolare di Punta Santner (2413 mt), lo spuntone di roccia staccatosi dallo Sciliar. 

DSC 9521

Vista la posizione dello Sciliar rispetto al sole, so che dovrò sfogarmi con le foto all'andata, perché nel pomeriggio la facciata sarà tutta in ombra o contro sole. Ecco un particolare di Cima Pez, la meta di oggi. Il dislivello totale in salita sarà di 750 metri. 

DSC 9525

Che bellezza e che colori! Ogni volta mi dico che faccio super bene ad intraprendere le escursioni solo in caso di tempo stabile e soleggiato. 

DSC 9526

Ancora Punta Santner e i paesi sottostanti, tra cui Siusi e Castelrotto. Là in fondo, le alpi austriache. 

DSC 9529

Dopo oltre 10 minuti, ecco la fine della seggiovia. Sono in località Spitzbühel a 1915 metri. 

DSC 9532

Guardo verso valle da dove son partito. Là in fondo, le Odle e il Seceda. Le vedrò sicuramente meglio in quota. 

DSC 9535

Questo posto è veramente un paradiso. 

DSC 9536

Inizia l'escursione vera e propria. Gambe in spalla si parte verso il rifugio Bolzano. 

DSC 9537

Stranamente, la prima parte del percorso sarà in discesa (circa 100 metri slm) e piegherà verso destra, fino ad arrivare ai piedi dello Sciliar da dove inizierò a salire. 

DSC 9540

Mi sento così rilassato e in pace con me stesso in mezzo a questi curatissimi prati. Alla mia destra sempre lui, lo Sciliar. 

DSC 9539

Alla mia sinistra, l'Alpe di Siusi e, là in fondo, il gruppo Odle-Puez. 

DSC 9541

I prati qui nei dintorni sono tenuti maniacalmente. 

DSC 9552

Questa stradina in discesa, mi porterà fino a quel pendio roccioso.  

DSC 9557

La parte di tracciato iniziale la consiglio anche a mamme con passeggino al seguito. Paesaggio incredibilmente bello e percorso semplice da fare.

DSC 9558

La mia macchina continua a scattare. Buon segno. 

DSC 9560

DSC 9561

Vedo una rarità protetta: un giglio rosso (Lilium bulbiferum) sul ciglio della strada. 

DSC 9565

Da questa immagine si vede bene la pendenza che sto facendo per arrivare ai piedi dello Sciliar. 

DSC 9570

Ma di strada da fare ne ho ancora un bel po'.

DSC 9572

DSC 9573

Incontro delle bimbe che espongono la loro collezione di sassi. 

DSC 9577

DSC 9578

Piccoli e veloci trattorini rasano l'erba. 

DSC 9580

DSC 9583

Questo tocco rende ancora più bello il paesaggio. Indubbiamente un grande prato verde e rasato è sufficiente per trasmettere relax e bellezza. 

DSC 9584

Oggi sarò in buona compagnia per tutto il giorno. Molti turisti hanno scelto di salire al rifugio Bolzano. E li capisco: con un cielo così!

DSC 9588

DSC 9591

Aquilonisti.

DSC 9593

A presto per la seconda parte!

Pin It

3 commenti:

Stnd ha detto...

Gli scarponcini sono nuovi? (nell'ultima escursione dicevi che ti facevano davvero male in punta). Come vedi anche se non scrivo ti seguo sempre e i miei pensieri e le mie preghiere ci sono sempre per tutti voi! A presto!

Momo ha detto...

Stnd, ciaooo! Come stai? Sono contento che tu mi segua sempre. Felice davvero. Per quanto riguarda gli scarponcini, ci arriverò! Abbi fede. E' proprio il caso di dirlo. :-)

maria rosa ha detto...

MomoEscursioni: la mia agenzia di viaggi! Aspetto con ansia la seconda parte, l'ho fatto lo scorso anno, ma lo voglio rivivere...

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...