22 agosto 2013

Ai piedi del Pelmo (1)

DSC 0741

Questa mattina sono partito alla volta del passo Staulanza in Val di Zoldo, punto di partenza della mia escursione ai piedi del Pelmo. La zona era per me completamente nuova e per questo motivo ieri mi sono studiato per ore con l'aiuto di RealityMapViewer quello che avrei potuto vedere percorrendo i sentieri della zona. Alla fine ho scelto di fare il facile sentiero ai piedi del Pelmo come primo approccio alla zona. Per arrivare sul posto ho percorso il Passo S. Pellegrino intorno alle 8 circa. Il cielo era completamente sgombro da nubi, come nelle previsioni. 

DSC 0481

Purtroppo però, durante il corso della giornata il meteo farà le bizze. Dopo 40 minuti, eccomi ad Alleghe, caratteristico paese adagiato sull'omonimo lago. 

DSC 0485

Dopo altri 20 minuti, ecco comparire davanti ai miei occhi, l'inconfondibile sagoma del Pelmo. 

DSC 0487

DSC 0490

E dopo un'ora e 40 minuti di viaggio, eccomi al Passo Staulanza, metri 1766. 

DSC 0494

Il sentiero che farò oggi è il n. 472 e un pezzetto del n. 471, i quali mi faranno fare quasi il giro completo del Pelmo.  Percorrerò il giro in senso anti-orario, come fanno praticamente la totalità o quasi delle persone che vogliono fare quest'escursione. Parto che sono le 9.30. 

DSC 0495

Il primo pezzo del percorso si sviluppa sotto il bosco e non lascia intravvedere quasi nulla di ciò che si ha attorno. 

DSC 0497

Lungo il sentiero sono presenti numerosi ponticelli che aiutano gli escursionisti a passare le zone paludose. 

DSC 0498

Dopo una ventina di minuti, finalmente si apre un po' di panorama sulla mia destra. Riesco a vedere l'inizio del gruppo del Civetta, ma purtroppo un banco di nuvole basse mi copre la visuale. Sarà una costante per tutta la giornata. 

DSC 0500

Ecco il Civetta per intero o quasi. 

DSC 0506

Quello che avrei dovuto vedere era fatto grosso modo così:

Schermata 2013 08 22 alle 23 02 56

Il sentiero prosegue abbastanza noiosamente alzandosi gradatamente. 

DSC 0501

Il Pelmo lo vedo solo in rari casi e molto di sfuggita. Spero che più avanti la situazione migliori. 

DSC 0505

Ad un certo punto, dopo circa 30 minuti di cammino, incontro la deviazione verso le orme dei dinosauri. Non posso lasciarmi scappare questa occasione e mi incammino, anche se ho letto sul web che non ne varrà molto la pena. 

DSC 0507

La direzione è proprio contro la parete del Pelmo, quindi ci alzeremo di quota di parecchio rispetto al sentiero che stavo facendo. 

DSC 0509

Sinceramente non so cosa aspettarmi da queste orme di Dinosauro, ma la curiosità è tanta. Ora vedo tutto il lato Ovest del Pelmo. La parte destra è sporcata da nuvole bianche. Speriamo se ne vadano!

DSC 0512

Dopo circa 30 minuti di salita decisa, Sembra sia arrivato al luogo famoso. 

DSC 0515

Le impronte scopro essere sulla facciata di un grande masso piatto. 

DSC 0517

Eccole. 

DSC 0516

Fatico ancora un po' per raggiungerle e cerco di stare attento a non scivolare. Il terreno è inclinato e sdrucciolevole. 

DSC 0518

Eccomi qui. 

DSC 0519

Embeh! Tutto qui? Una serie di buchi su una roccia?

DSC 0520

DSC 0521

Guardiamoli un po' più da vicino, magari vediamo il segno di qualche zampata. 

DSC 0523

DSC 0526

Boh, sembra che i dinosauri che hanno lasciato queste impronte, fossero del tipo "piccola taglia", piuttosto che i mostri che siamo abituati ad immaginare. Magari era una cosa del genere.

NewImage

O anche più piccolo. Ecco una delle ormette da molto molto vicino. 

DSC 0527

DSC 0528

Vedete qualcosa? Io no! 
A presto per la seconda parte del foto racconto. 

Pin It

Nessun commento:

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...