17 maggio 2013

La furia delle acque

DSC 7735

Anche qui in Val di Fiemme, come in tutto il Nord Italia, ha piovuto molto nelle ultime ore. Proprio ora mentre vi scrivo sta comparendo un timido sole e il cielo si sta schiarendo. Dicevo che ha piovuto veramente tanto e il risultato è torrenti in piena, allerta della Protezione civile con alcuni corsi d'acqua sotto osservazione, ma per fortuna niente esondazioni o smottamenti. Qui in valle abbiamo il bosco (e che bosco! 60 milioni di alberi), che ancora una volta si dimostra amico dell'uomo, proteggendoci dalle frane. Sono stato poco fa a dare un occhio all'Avisio e anche alla cascata di Cavalese. Ecco cosa ho documentato. Qui siamo sulla fondovalle che porta a Ora. Acque limacciose e molto incazzate. 

DSC 7736

DSC 7740

DSC 7742

Percorrendo la bellissima ciclabile che scorre lungo l'Avisio, arrivo in altro luogo. 

DSC 7777

Il bosco è pazzescamente "nuovo", nel senso che ogni fogliolina che mi circonda è uscita da meno di 20 giorni e si vede. Oltre alla mega rinfrescata dovuta alla pioggia, sento un profumo di natura moltiplicato per mille. 

DSC 7778

Eccomi sulle rive del fiume che in molti punti si è allargato spontaneamente. 

DSC 7765

Qui c'è un ansa naturale con vortice incorporato. 

DSC 7766

DSC 7767

DSC 7768

DSC 7769

Anche i piccoli ruscelletti sono colmi tanto da esondare dal loro piccolo letto. 

DSC 7775

DSC 7776

Cadere ora in queste acque equivarrebbe a morire annegati quasi all'istante. 

DSC 7780

DSC 7781

Con una foto con tempi leggermente lunghi, potete immaginare la velocità con cui scorreva l'acqua in questo punto. 

DSC 7785

Qui sono alla confluenza di un torrente minore con l'Avisio. Da questo punto in poi il fiume scorrerà in giù per quasi 900 metri per poi arrivare in Val d'Adige ed immettersi nell'omonimo fiume. 

DSC 7788

DSC 7789

DSC 7793

Ma eccomi alla cascata di Cavalese, anch'essa molto molto arrabbiata. 

DSC 7747

DSC 7748

Mi sono avvicinato più che potevo al punto d'impatto della cascata. Qui il fragore era assordante, e c'era uno spostamento d'aria molto potente, senza contare che ci si lavava all'istante. 

DSC 7750

DSC 7755

DSC 7756

Forse con questo video in HD vi divertirete di più ad osservare la cascata. 

Forte eh!? Tra tutti gli elementi, forse l'acqua è quello che non puoi veramente fermare.
E nel frattempo le Pale di San Martino sono di nuovo bianche. C'è bisogno che vi ricordi che siamo oltre la metà di maggio?

DSC 7794

Pin It

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Le foto rendono bene,ma il video è tutt'altra cosa.....sembra di esserci.Sii prudente,non avvicinarti troppo! ! ! Ciao Frittella

Anonimo ha detto...

Qualche problema c'è stato pure qui..magari ne eri a conoscenza: a Panchià è franata la statale.
Buona giornata

Anonima

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...