06 agosto 2012

Lavoretti agostani

Buongiorno gente e buon lunedì a tutti! Come ve la passate? Io sono ufficialmente in vacanza. In queste 3 settimane di tempo che ho, cercherò di fare tante cose tra cui: escursioni sulle Dolomiti (ne ho in mente almeno tre), appuntamenti mondani in giro per la valle e per il Trentino, lavori che da molto rimando per mancanza di tempo. Il week end appena passato, l'ho utilizzato in parte proprio per uno di questi lavori. Il problema era questo:

DSC 2814

Siamo all'ingresso di casa mia, dove il vialetto di ingresso ha subito un assestamento piuttosto importante con conseguente formazione di una crepa e relativo scalino. In questo punto ci passiamo tantissime volte al giorno e il rischio di inciampare era concreto. Siccome ora c'è in giro anche una piccola bimba (la mia amatissima Avril), non vorrei mai che qualcuno inciampasse con lei in braccio cadendo rovinosamente a terra.

DSC 2815

L'idea di partenza era quella di sollevare uno ad uno tutti i cubetti della zona interessata per poi riposizionarli. La zona affossata era ampia e avevo già calcolato di rimuovere molti cubetti.

DSC 2818

Però si sa che tra il dire e il fare c'è sempre di mezzo una valanga di imprevisti che complicano la vita. Infatti inizio a rimuovere il primo cubetto di finto porfido (si perché i simpatici costruttori della casa, hanno optato per cubetti in cemento che hanno gli ultimi 2 cm fatti in polvere di porfido, giusto per risparmiare un po' e complicare la vita a me) e mi accorgo che il cemento tra un cubetto e l'altro non ha molta voglia di venire via senza prima aver scheggiato lo stesso cubetto.

DSC 2819

Anche con tutta l'attenzione del caso, tolgo il primo cubetto rovinandolo un bel po'. Fortunatamente ho una quindicina di cubetti di scorta, ma così non posso andare avanti. Mi dico che i prossimi sarà più semplice toglierli, visto che ho più spazio di manovra e vado avanti per la mia strada.

DSC 2820

Ne scheggio un altro e uno lo salvo.

DSC 2821

Vado avanti ancora. Gli scheggiati aumentano.

DSC 2822

Tolgo una discreta parte di cubetti aiutandomi anche con una nuova tecnica: svuoto la parte sottostante il cubetto composta da quei piccoli sassolini e uso un pezzo di legno per staccare con più delicatezza il cubetto dal cemento della fuga, visto che usare la mazzetta e lo scalpello risulta deleterio.

DSC 2823

DSC 2826

La tecnica non funziona sempre. Alla fine tolgo una quindicina di cubetti e decido di fermarmi.

DSC 2827

Per evitare di spaccare troppi cubetti, cercherò di riportare la superficie in piano utilizzando lo spazio creato finora per appianare lo scalino che si era creato. Dovrei farcela. Per il cordolo a bordo vialetto invece, non c'è nulla da fare. Rimarrà li così. Rimuoverlo vorrebbe dire spaccarlo tutto. E non possiedo ricambio. Inizio con il sistemare il piano sotto i cubetti. Aggiungo altra sabbia grossa per rialzare il tutto.

DSC 2828

Già che ci sono tolgo altro cemento crepato che vedo nelle vicinanze. Sistemerò anche questo anti estetico problema. Sapete no, che sono un precisino dell'estetica!

DSC 2829

Rimpiazzo i cubetti scheggiati con altri nuovi e pulisco quelli rimasti integri dal cemento che avevano attaccato. Inizio così a riposizionare i cubetti non senza fatica. Ritrovare gli incastri giusti non è semplice.

DSC 2830

Mi aiuto con una staggia di legno per verificare i piani e cerco di pressare abbondantemente i cubetti con il pezzo di legno usato in precedenza. Questo dovrebbe garantire che si ricrei nuovamente una situazione di assestamento e conseguente crepa.

DSC 2831

Finalmente, dopo alcune ore di lavoro, posiziono tutti i nuovi cubetti.

DSC 2833

Il dislivello non c'è più, tranne nel cordolo laterale, ma lì non inciamperà mai nessuno.

DSC 2834

A questo punto non resta che preparare del cemento misto a sabbia al quarzo molto liquido e far colare il tutto dentro le fessure. In questi passaggio mi son scordato di fare delle foto, ma potete sempre vedere il risultato finale.

DSC 2836

Dopo aver colato il cemento, l'ho fatto asciugare per una mezz'ora per poi asportare la parte in eccedenza con una spugna bagnata, anche per evitare che i cubetti rimanessero irrimediabilmente sporchi di cemento.

DSC 2837

Bene, anche questa è fatta!

Pin It

8 commenti:

perlinazzurra ha detto...

Si', direi proprio che sei un esteta. Da buon ingegnere invece io mi chiederei il perché di questo scalino. Non avevano pressato bene? Non mi e' mai capitato di vedere una differenza di un cm a lavoro fatto... Ti si e' spostato davvero di molto. Non hai infiltrazioni? Se ti e' capitato per l'acqua ti potrebbe capitare anche da un'altra parte. So che non fa partendelmtuo modo di pensare, ma io avrei cercato una soluzione cementizia!!

Momo ha detto...

Perlinazzurra, Non so esattamente cosa sia potuto accadere, ma sono propenso nel pensare che sia anche un po' colpa del cemento che ho fatto mettere io tra i cubetti dopo circa due anni che eran stati posati. In origine (e qui puoi vederlo bene: http://fotomomo.blogspot.it/2008/03/house-construction-11.html) i cubetti erano posati con della sabbia al quarzo tra uno e l'altro. Ma siccome era veramente un gran casino tenere puliti i marciapiedi in quel modo, o optato per il cemento con penetrazione dello stesso tra un cubetto e l'altro di circa 2-3 cm. Forse questo ha legato i cubetti togliendo l'eventuale spazio di assestamento. Comunque negli anni scorsi ho anche avuto passaggi di acqua non controllata proveniente dal giardino e può essere che anche questo abbia inciso. Ora il problema acqua è stato risolto come puoi vedere qui: http://fotomomo.blogspot.it/2009/08/la-grondaia-intasata.html

e qui:

http://fotomomo.blogspot.it/2009/08/la-terra-putrescente.html

e posts seguenti.

Devo decidermi a creare un riassunto visivo dei posts divisi per argomento. Devo capire come fare...

perlinazzurra ha detto...

La cosa che mi lascia perplessa e lo spostamento coerente di tutta la fascia. Gli assestamenti non sono così ordinati, li c'e stato uno spostamento di taglio improvviso che ha coinvolto tutto il riempimento di cls. Quei cubetti vanno posti su uno strato di sabbia, hai detto bene! Ma il lavoro finale mi sembra che possa soddisfare l'occhio! Chiara

The Ashram of Roses ha detto...

il frate certosino della cioccolata dovevi fare, io ci sarei salata su a piè pari tutti i giorni, ora che inizio i lavori fuori ne vedrò delle belle, farò diventare il blog come uno schedario dei lavori, così mi darai un' occhiata da lontano....zzzzz....a sttembre con calma

The Ashram of Roses ha detto...

ma il ceppo ti serviva per sederti, per appianare o per che bò stava lì, una volta ci trattavi meglio con il lap minute la lap di momo

Anonimo ha detto...

buon lavorro tu avere a 10
goed gedaan je krijgt er een 10 voor
groetjes nannij

Anonimo ha detto...

e pensare che tra pochi giorni, la piccola di casa farà un anno... chissà cosa stai organizzando!

Eleonora

Zion ha detto...

che bel lavoro. Sei stato proprio bravo, invidio la tua voglia di fare! :-)

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...