16 luglio 2012

La torta della nonna by Momo

DSC 1966

Erano mesi che volevo provare a farla, e la passata domenica è arrivata la giusta occasione. In casa tutti gli ingredienti, e la piccola Avril a dormire pacifica nel suo lettino. E allora eccovi procedimento e ricetta della Torta della nonna, un grande classico che non tramonta mai. 
La ricetta che troverete qui sotto è un insieme di 3 ricette: la frolla è stata fatta seguendo ingredienti e procedimento della frolla della Moma. La fragranza e il sapore del suo composto sono ormai consolidati e famosi in tutta la valle (la fanno anche nei B&B della zona!). La crema pasticcera è stata fatta seguendo la ricetta presente su un libro professionale tutto dedicato ai tiramisù che ho acquistato tempo fa. Il procedimento finale e i tempi di cottura (attenzione, grandi variazioni tra un forno e l'altro!) sono quelli suggeriti da Giallo Zafferano, una mezza istituzione nell'ambito culinario sul web. Eccovi la ricetta, accompagnata da alcune foto. 

Partiamo con la frolla.
Ingredienti:
120 gr. di zucchero
300 gr. di farina
150 gr. di burro
2 tuorli +un uovo intero
1 buccia di limone
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito per dolci

DSC 1890

Versate la farina sulla spianatoia, tagliate il burro a cubetti ed amalgamate il tutto con la punta delle dita fino a formare un composto sbriciolato. Formate una fontana con il composto ricavando un incavo al centro. Aggiungete lo zucchero, l'uovo, i tuorli, il sale, la cannella e la scorza di limone grattuggiata. Dopo aver amalgamato il tutto unite il lievito in polvere setacciato. Lavorate bene l'impasto e formate una palla che sarà avvolta nella pellicola e fatta riposare in frigorifero per circa un'ora.

DSC 1891

DSC 1893

Ora occupiamoci della crema pasticcera.

Ingredienti:
400 gr. di latte intero fresco
100 gr. di panna liquida
150 gr. di tuorli
150 gr. di zucchero semolato
20 gr. di amido di mais
18 gr. di amido di riso
1 bacello di vaniglia

Portate a bollore il latte, la panna e i semi di vaniglia (per estrarli, sezionare il bacello di vaniglia per il lungo, aprirlo e premere strisciando per tutta la lunghezza del bacello, fino ad estrarre i piccoli semetti neri) in una pentola abbastanza capiente per contenere anche gli altri ingredienti (zucchero, amidi e uova). 

DSC 1895

Nel frattempo montate nella planetaria con frusta i tuorli e lo zucchero, fino ad ottenere una consistenza spumosa.

DSC 1894

Poi incorporate gli amidi sempre montando. Versate il composto sopra il latte bollente, amalgamate bene il tutto con la frusta. 

DSC 1896

Togliere dal fuoco appena vedete dei bollori vulcanici che salgono in superficie e dopo qualche minuto versate la crema su una teglia per farla raffreddare, avendo l'accortezza di coprirla con una pellicola per alimenti a contatto con la crema, altrimenti farà crosticine che non vogliamo. 

DSC 1897

E' arrivato il momento di estrarre la frolla dal frigo e di iniziare a costruire la torta vera e propria. Seguite il procedimento indicato nella pagina di Giallo zafferano, fino ad ottenere un risultato simile a quello che vedete nella foto qui sotto. La tortiera dovrebbe essere all'incirca di 24-26 cm di diametro. Ricordatevi di imburrare molto bene tutta la superficie!

DSC 1937

Io consiglio di non esagerare con lo spessore della crema pasticcera. Una cosa giusta. Coprite il tutto con l'ultimo strato di frolla e bucherellate la superficie. 

DSC 1942
 
Cospargete la superficie della torta con del latte e guarnite con gli immancabili pinoli. Così resteranno attaccati alla frolla. 
 
DSC 1945
 
Cuocete in forno a 180° per circa 25 minuti. Giallo Zafferano dice 45 minuti. Con quei tempi io avrei trovato un carboncino nero al posto della torta. E' probabile che i forni siano molti diversi l'uno dall'altro. La regola allora è osservare la torta. Deve diventare come nella foto qui sotto. Dorata. 
 
DSC 1949
 
Spolverate con lo zucchero a velo e mettere in frigo. Questa torta va servita fredda, non calda. E' solo così che si apprezzeranno gli aromi contenuti. Anche la conservazione dev'essere fatta in frigo. Ricordatevi che c'è la crema pasticcera all'interno. 
 
DSC 1964
 
Il sapore di questa torta, non è proprio quello che ho gustato negli Autogrill, con quel deciso sapore di limone e pinoli che sovrastano il resto. Questa versione è più casereccia, la frolla è buonissima e la crema pasticcera è delicata e gustosa, non certo quelle creme pasticcere che sanno tantissimo di industriale, o di limone e basta. Fidatevi: questa è una crema super buona. Buone scorpacciate a tutti! Qui ne è già sparita la metà!
 
DSC 1967
 
Pin It

10 commenti:

Anonimo ha detto...

io volere fare ma dificele, tu ance scrito in englese perche chente egaal me pocco capire
ha ha ma guardare bellisimo bravo
tanti saluti nannij

Zion ha detto...

sbavo, sembra buonissima. <3

Anonimo ha detto...

Così i tuoi bei propositi di calo di peso vanno a farsi benedire Momo! Saluti Zdravo

Stefano ha detto...

Mi hai dato un ottimo spunto per provarla nei prossimi giorni ...
L'unica cosa che temo è che con il caldo la crema pasticcera possa dare fastidio e allora prendo la palla al balzo per personalizzare la torta. Ho già pensato anche al nome: "strudel non strudel".
Vedendo che nella frolla c'è la cannella e sopra la torta ci sono i pinoli, posso sostituire la crema pasticcera con la marmellata di mele e vaniglia che avevo fatto quest'inverno.
La versione con la crema la tengo per la stagione più fresca...
Grazie per lo spunto !

Anonimo ha detto...

T_T mi viene da piangere da quanto è bella e buona questa torta.

Non puoi farmene una e spedirmela? xDD

Un'abbraccio momo!!!

Kyrie.

Germana ha detto...

Prova la variante con il gelo di melone dentro! Qui in sicilia è un must ;)
Ma quanto tempo per farla...
Mi sa che la tua versione con la crema pasticcera la provo prima in autogrill (ghghghg)
bravo Momino

The Ashram of Roses ha detto...

io ti odio
e mi è venuta voglia di una corrida

Momo ha detto...

Nannij, non è difficile, provaci!

Zion, è buonissima, specialmente il giorno dopo.

Zdravo, ma fottiamocene della bilancia per una volta! :-)

Stefano, hai ragione, ma sai qui stamattina ci son 12 gradi! Bella idea però la tua!

Kyrie, hehe, mi sa che non arriverebbe intera, anche se recentemente ho spedito una crostata in Toscana e non ha perso nemmeno una briciola!

Germana, Gelo di melone? Omamma, devo documentarmi. Mi ispira.

Delicate, a te il caldo intenso fa male eh! :-)

Anonimo ha detto...

ciao Momo! ho provato la tua ricetta....veramente ottima!
e così nella mia cucina si respira un pò di Trentino!

Elena (prov di VT)

Momo ha detto...

Elena, grazie per la tua visita e per aver provato la torta. Buone scorpacciate pure a voi!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...