26 febbraio 2012

Al santuario del Sass dla Crusc (1)

DSC 8181

Quando parti per un'escursione, non sai mai quello che troverai, soprattutto se la zona è a te sconosciuta o mai frequentata. Oltre a questo, non sai mai che tempo esattamente ti accoglierà e come andrà la giornata. Carico di queste consuete incognite, ieri mattina sono partito insieme a Marco, in direzione Val Badia per scorrazzare ai piedi del Massiccio Sass dla Crusc, il più importante gruppo montuoso della Val Badia, con in programma un servizio fotografico sulla neve con tramonto finale sulla facciata ovest del Sass. In fatto è che non avevo fatto i conti con le nostre amiche nuvole. Ma partiamo dall'inizio. 
Questa volta la partenza non è fissata molto presto, proprio perché la giornata è orientata al tramonto e poi la zona in questione è abbracciata dal sole solo dopo le 9.30. Il viaggio durerà circa 1.40 e prevede obbligatoriamente il passaggio dal Passo Sella o dal Passo Pordoi. Scegliamo quest'ultimo e tra i tornanti che salgono al valico, ci fermiamo a scattare alcune immagini. Ecco il gruppo del Sassolungo, avvolto in un surreale cielo azzurro elettrico.

DSC 7917

Alla mia destra, le punte del Sella.

DSC 7918

Scolliniamo sul Pordoi e immortalo la mitica funivia che porta a 2950 metri in meno di 5 minuti.

DSC 7919

Senza perder troppo tempo, iniziamo a scendere verso Arabba. La strada è un po' sporca di neve.

DSC 7921

Cartello abbastanza bizzarro, così com'è mezzo sommerso dalla neve.

DSC 7922

Nonostante sia stato un inverno scarsissimo di nevicate, qui sul Pordoi a bordo strada c'è una metrata di neve accumulata, anche se il vento forma accumuli molto irregolari.

DSC 7924

Ecco il Pordoi in tutto il suo splendore.

DSC 7925

Una delle piste che scendono ad Arabba. Questo passaggio fa parte del mitico Sella-ronda, il giro sugli sci che ti permette di circumnavigare completamente il massiccio del Sella.

DSC 7926

In lontananza mentre scendo in auto, scorgo il protagonista di giornata: il Sass dla Crusc. E veramente inconfondibile, con questa sua forma a scivolo.

DSC 7927

Ancora qualche tornante ed entriamo in Val Badia. Là in fondo, ancora il Sass dla crusc.

DSC 7930

Arriviamo a Corvara, ormai ci siamo quasi.

DSC 7931

Eccoci in Badia. A sinistra vedete il Sass dla crusc e in cielo vedo la cosa che più odio dal punto di vista meteorologico: la velatura nuvolosa. Noooooo, tutto ma non quello schifo che ammazza colori e paesaggi. Speriamo sia solo passeggera, oggi era previsto quasi sereno!

DSC 7932

Siamo arrivati: oggi scarpineremo tra questi boschi. Ho scelto questo posto proprio per la sua splendida alternanza di prati aperti e pezzi boschivi.

DSC 7933

Con l'auto ci addentriamo ancora un po' tra le viette del paese in cerca di un posto dove parcheggiare.

DSC 7934

Parcheggiamo e ci imbattiamo in un mondo che sembra lontano anni luce dal caotico trantran cittadino: un contadino trascina alcuni tronchi dentro la sua baita, con l'aiuto di una slitta

DSC 7935

Faranno questa fine.

DSC 7937

Poco più in là, altre baite. Qui un appassionato costruisce piccole baitine fantastiche.

DSC 7939

DSC 7938

Proseguiamo. Ci aspetta una bella salita.

DSC 7941

Passiamo ancora in mezzo ad altre casette.

DSC 7943

Poi d'improvviso inizia il sentiero e ci ritroviamo 40 cm di neve da scavallare.

DSC 7944

Camminiamo a fatica. Speriamo sta faccenda duri poco, altrimenti saremo costretti ad indossare le ciaspole.

DSC 7945

Ancora pochi metri e per fortuna la neve finisce.

DSC 7947

ma dopo alcuni tornanti, eccola più abbondante di prima.

DSC 7951

Ora le ciaspole sono indispensabili. Senza, si continua a perdere l'equilibrio e si rischia di bagnarsi gli scarponi. La neve infatti è molliccia, le temperature si aggirano intorno agli 8 gradi.

DSC 7952

Finito il sentiero ci ritroviamo in una strada asfaltata. Sgrunt! Questi sono gli inconvenienti del non conoscere le zone. Potevamo risparmiarci la strada fatta a piedi fino ad adesso.

DSC 7954

Superato quel gruppetto di case, si inizia a far sul serio. Imbocchiamo il sentiero 15A che ci porterà sul pianoro ai piedi del Sass dla Crusc. Siamo partiti dai 1593 metri del parcheggio, e arriveremo ad un massimo di 2045 metri del Santuario. Un dislivello complessivo di 640 metri.

DSC 7955

Se osservate bene la foto qui sopra, noterete una presenza in mezzo al sentiero. Ad un certo punto ha cominciato a seguirci un simpaticissimo cane, che continuava a precederci nella nostra camminata, ci aspettava quando non ci vedeva più e scodinzolava quando lo chiamavamo col fischio. Ce lo siamo portati dietro per più di 45 minuti!

DSC 7956

Saliamo ancora. Qui il tratto è abbastanza impegnativo e anche misterioso!

DSC 7957

Il cartello, in realtà, segnalava la possibilità di valanghe o frane. Ed in effetti...

DSC 7961

Finalmente sbuchiamo sul pianoro. Come potete, vedere il cielo non migliora, anzi.

DSC 7962

Si palesa in tutta la sua maestosità, mister Sass dla crusc. Ci togliamo le ciaspole: qui la neve è battuta, per fortuna.

DSC 7964

Proseguiamo tra le baitine e uno stupido sole pallidino. Che nervoso! Chissà come sarebbe stata questa giornata fotografica con 40 cm di neve fresca e un cielo azzurrissimo. Sigh...

DSC 7968

Il nostro amico scodinzola sempre davanti a noi.

DSC 7969

DSC 7972

Marco dice di essere fuori allenamento, ma per ora tiene botta.

DSC 7974

DSC 7975

Fine prima parte. Qui la seconda parte.

Pin It

Nessun commento:

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...