14 novembre 2011

Il giro della Croda da lago (1)

DSC 3753

La Croda da Lago è una vera e propria lama dentata che si estende da sud a nord, il gruppo montuoso fa parte delle Dolomiti ampezzane e offre il meglio di sé osservandolo da nord-ovest. Ieri ho potuto constatare che per osservare al meglio un dato gruppo montuoso è bene non stargli troppo addosso (era anche ovvio, no!), altrimenti si rischia una faticaccia immane per niente. In realtà la mia idea era quella di aggirare il gruppo e ad un certo punto svoltare e appostarmi sui lastoni di Formin, un ampissimo pianoro alla base della Croda da Lago, ed attendere il tramonto. Meno male non l'ho fatto! Avrei trovato un sentiero di ritorno strapieno di neve e decisamente a rischio di giorno, figurarsi di notte. La mia visione dai Lastoni sarebbe dovuta essere grosso modo questa:

Schermata 11 2455880 alle 11 08 22

Ma viste le condizioni del terreno (con neve dai 2 ai 50 cm di spessore) e lo scorcio non proprio esaltante, ho deciso di tornare all'auto e spostarmi per immortalare il tramonto da tutt'altra posizione. Questo è il giro completo che ho fatto. Il punto A indica il parcheggio dove ho lasciato l'auto. Il punto B, il luogo da cui ho fatto le foto del tramonto dopo aver percorso alcuni km un auto (percorso in verde).

Schermata 11 2455880 alle 09 41 47

Tutto il percorso visto da ovest.

Schermata 11 2455880 alle 09 49 48

Una visione della Croda da Lago dal versante sud.

Schermata 11 2455880 alle 09 47 56

Ma cominciamo col fotoracconto. 
La sveglia suona alle 6.30. Ora che son fuori di casa sono le 7. All'esterno ci sono -2° e un cielo assolutamente senza nuvole.

DSC 3536

Ecco la parete nord del Gran Vernel sul Passo Fedaia, è infarinata da un bel po' e rimarrà così fino a marzo inoltrato.

DSC 3539

Sopra i 2000 metri inizia a comparire la neve anche a bordo strada. Qualcosa mi dice che la troverò anche sul sentiero che dovrò fare a piedi.

DSC 3540

Alle 9.15 inizio la mia scarpinata. Percorrerò un totale di 11,8 km con un dislivello di 790 metri.

DSC 3547

DSC 3551

Per lunghi tratti sono immerso nel bosco e mano a mano che salgo (sono a 1800 metri) la vegetazione mi ricorda che la temperatura esterna è di -5°.

DSC 3558

DSC 3548

Il sentiero che percorro non è nulla di che, e per di più è tutto in ombra. Le uniche cose degne di nota che vedo, sono lontane da me. Mi riferisco alla Tofana di Rozes completamente baciata dal sole e che compare ogni tanto tra la vegetazione.

DSC 3552

Dopo circa 20 minuti scorgo davanti a me le prime guglie della Croda da Lago e un ponticello di legno.

DSC 3560

DSC 3561

Eccomi al punto cruciale del percorso. Ora devo decidere che fare. A sinistra salirei verso il lago Federa e il lato est della Croda da Lago, sicuramente esposto al sole a quest'ora. A destra salirei verso i Lastoni di Formin e tasterei il terreno in vista della mia sosta in attesa del tramonto. Infatti non conosco assolutamente il tipo di terreno che mi attende e fare un sopralluogo prima del buio sarebbe utilissimo. Decido invece di salire a sinistra, cercare di arrivare al lago e poi vedere cosa fare.

DSC 3562

Subito dopo il bivio, sul terreno inzia a comparire la neve.

DSC 3563

In lontananza ora vedo meglio ciò che mi circonda. Ecco la Tofana di Rozes e Punta Anna.

DSC 3564

Un po' più a sinistra, il Cinque Torri.

DSC 3565

Altra insidia con buio può essere questa.

DSC 3566

Sul sentiero c'è ghiaccio vivo fuoriuscito dal letto dei ruscelli che in questa stagione iniziano a congelarsi.

DSC 3567

Finalmente sto per sbucare al sole. Non tanto per il freddo (sto sudando!) ma per l'ambiente intorno a me, che sarà sicuramente più piacevole e accogliente.

DSC 3570

La cosa negativa è che ho proprio il sole di fronte, e dal punto di vista fotografico non è il massimo.

DSC 3578

Sbuco sul pianoro alla base della Croda da Lago e alla mia destra noto subito in lontananza Cortina D'Ampezzo.

DSC 3581

Si vede distintamente anche la Basilica con il caratteristico campanile bianco.

DSC 3582

Proseguo verso il lago Federa.

DSC 3585

Da questo lato della Croda, non dico che sia esate, ma poco ci manca. Guardate questi rododendri ed eriche, confrontati con la vegetazione incontrata all'inizio del percorso.

DSC 3587

Alla mia sinistra vedo monti molto famosi che io però non ho mai avvicinato. E' il gruppo del Sorapiss.

DSC 3586

Ma ci sono anche gruppi a me conosciuti, come le Tre Cime di Lavaredo.

DSC 3590

Ecco la splendida conca ampezzana con il monte Cristallo al centro dell'inquadratura.

DSC 3592

Ecco più da vicino Cristallo (a sinistra) e Tre Cime di Lavaredo.

DSC 3593

Sempre tra gli alberi in lontananza, vedo l'inconfondibile Croda Rossa.

DSC 3594

Il sentiero ora è in discesa.

DSC 3597

Guardate cos'è capace di fare la natura. Qui un bonsaista impazzirebbe ammirando le radici di quest'abete.

DSC 3599

Dopo 15 minuti scorgo là in fondo uno specchio d'acqua. E' sicuramente il Lago Federa.

DSC 3603

Siamo a 2046 metri d'altezza, proprio ai piedi della Croda da Lago, che però da qui non fa una gran bella figura di sè.

DSC 3606

La superficie del lago è quasi ghiacciata.

DSC 3607

Il fatto di avere il sole contro sta iniziando ad innervosirmi, non posso fotografare di fronte a me. E io lo frego!  Ecco il Becco di Mezzodì, 2603 metri.

DSC 3608

Il ghiaccio crea effetti pazzeschi nell'acqua.

DSC 3609

DSC 3610

DSC 3612

Una volta arrivato al lago devo necessariamente decidere che fare del resto della giornata, anche perché per ora il bottino fotografico è parecchio scarso. Visto l'orario (sono le 11.20) opto per il giro completo della Croda, anche perché non penso che dall'altra parte ci sia molta più neve che qui. Poi vedrò che fare per l'appostamento del tramonto. Ecco la strada che mi aspetta. Dovrò costeggiare la Croda, fino alla Forcella Ambrizola, a 2277 metri. Si parte!

DSC 3627

Saluto il Lago Federa che mi ha un po' deluso e proseguo. Forse passare di qui con i larici ancora giallissimi o un metro di neve, avrebbe cambiato il mio parere.

DSC 3629

Ho il sole sempre di fronte e fotografare è un gran casino. Ecco il sentiero in salita che sto percorrendo. Là sopra vedo neve a manetta. Sulla sinistra, il Becco di Mezzodì.

DSC 3641

Ora che sono più in alto, sulla mia sinistra vedo un gran panorama. Ingrandibile.

Sorapiss Panorama

Tutte zone che ancora devo esplorare. Ma quanto son grandi ste Dolomiti? Ho raggiunto nuovamente la neve. Siamo intorno ai 5 cm circa, ma aumenta sempre più.

DSC 3647

Sulla mia destra, la Croda è praticamente infotografabile.

DSC 3654

Salgo ancora. Entro in ombra e finalmente fotografo il Becco decentemente.

DSC 3656

Cortina è ai miei piedi!

DSC 3659

E la neve aumenta.

DSC 3664

DSC 3667

Finalmente arrivo alla Forcella. Sto per scoprire cosa mi aspetta dall'altra parte. Sarà strapieno di neve? Ci saranno i fiorellini sui prati? Dovrò tornare indietro e rifarmi tutta la strada già percorsa?

DSC 3668

Speriamo proprio di no. Sarebbe troppo frustrante.

DSC 3669

A prestissimo per la seconda puntata.

Pin It

4 commenti:

Oscar ha detto...

Abbiamo seguito lo stesso percorso a una settimana di distanza. Per mia fortuna io ho trovato un terreno molto piu' accogliente. E' un'escursione che mi sono riproposto di fare ancora, magari in estate, in quanto a me è piaciuta molto. Grazie per il reportage. Ciao Momo a presto!

Anonimo ha detto...

Ciao Momo! Bella questa prima parte, e bello il giro che hai scelto!!! l'ho fatto diverse volte e l'ultima è stata a fine ottobre. Ti confermo che il lago di Federa con i larici in veste autunnale ti avrebbe sicuramente colpito! ( http://www.flickr.com/photos/marcotassi/6296234867/in/photostream )
Attendo il seguito!
Marco (sono il Marco che riconobbe il dettaglio del Tempio di Minerva di Assisi che fotografasti durante la tua vacanza)

Momo ha detto...

Oscar, anche io voglio rifarla in estate. Devo aggirarmi di più sui lastoni di Formin e capire diverse cose.

Marco, complimenti per la foto. Veramente molto bella. Io devo dire che non ho prestato la dovuta attenzione al lago dal punto di vista fotografico. Ero di fretta e si vede. Male. Molto male!

delicaterose ha detto...

che bello
sono stata sabato nel paesino di Pietrastornina e ti ho pensato, come al solito non avevo la macchina fotografica con me, se mi avanza tempo metto le foto dei templi di paestum e delle grotte di castelcivita che ho fatto....con tutte le lezioni di fotografia che mi hai impartito ne sarà uscito qualcosa di buono, kisses...sei sempre mitico

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...