23 febbraio 2011

"L'ombra dello scorpione" si allungherà fin nelle sale cinematografiche

Stephen King

Ho passato gran parte della mia post adolescenza a leggere i libri di Stephen King. Avevo quasi sempre un suo volume nella valigetta rigida che mi portavo dietro nei miei viaggi giornalieri in treno diretto in ufficio. Tra la calca odierna mi trovavo un angolino, aprivo a fatica la valigetta e tiravo fuori il libro di King. Da quel momento non esisteva più il chiacchiericcio, non esistevano le fermate nelle varie stazioni, il controllo dei biglietti o altro. Io ero immerso completamente nella storia che mi si parava davanti, pagina dopo pagina. Quando il racconto era in una fase cruciale la lettura continuava anche la sera, prima di addormentarmi e fino a quando gli occhi non ce la facevano più a stare aperti. Di king ho letto tanto, quasi tutto a partire da It, il suo libro più celebre e conosciuto. Un tomo di 1200 pagine che però non è il mio preferito tra i libri di Stephen.

Stephen_King

La lista di libri di King che ho letto comprende: Carrie, Le notti di Salem, Shining, La zona morta, L'incendiaria, Cujo, Pet Sematary, Christine - la macchina infernale, Gli occhi del drago, Misery, Le creature del buio, La metà oscura, Cose preziose, Il gioco di Gerald, Dolores Claimborne, Insomnia, Rose madder, Desperation, La bambina che amava Tom Gordon, L'acchiappasogni, L'ombra dello scorpione, Buick 8, La lunga marcia, L'uomo in fuga, Il talismano, On Writing, Stagioni diverse, Quattro dopo mezzanotte, It.
Mancano all'appello le ultime opere, quelle dagli anni 2005 in poi. Ad un certo punto le storie di King mi avevano assuefatto. Il sistema narrante era sempre lo stesso e dopo aver letto 30-40 pagine io sapevo già dove il racconto andava a parare. Ho iniziato a trovare King un po' scontato e non molto creativo. Compravo i suoi ultimi libri solo perchè c'era in copertina il suo nome. E allora ho smesso.
Tra i libri che ho letto quelli che più ho preferito sono stati: Misery, It, Shining, Cose preziose, L'ombra dello scorpione. Quest'ultimo mi ha letteralmente sconvolto.

Stephen King

Ho comprato il libro diverso tempo dopo dalla sua pubblicazione (1978) e l'ho acquistato in edizione integrale nel 1990 che rispetto alla edizione normale aveva circa 450 pagine in più. Il libro ha oltre 940 pagine di carta sottile e righe fitte fitte. Mi ricordo che fin da subito la storia mi ha preso enormemente e ho ancora stampato nella memoria un foglio su cui annotavo tutti i nomi dei protagonisti. Si, perchè una volta arrivato a 20-30 nomi di personaggi, ho deciso di farmi un elenco perchè iniziavo a non capirci dentro niente. Una volta che i personaggi morivano o scomparivano, facevo un pallino rosso a fianco al loro nome. Un po' macabro, ma efficace. Superata la metà il libro è letteralmente decollato e non sono stato più capace di fermarmi. Leggevo ogni volta che potevo, avidamente, velocemente, senza tralasciare nulla, fermandomi a ragionare su ciò che avevo appena scoperto. Ad un certo punto e all'improvviso mi sono ritrovato a 60 pagine dalla fine e mi è presa un'angoscia pazzesca. Non riuscivo ad immaginare come avrei fatto senza la continuazione all'infinito di quella vicenda. Ancora 60 pagine e poi mi aspettava il baratro. Ero entrato talmente tanto dentro la storia che ne ero rimasto invischiato fino ai capelli. Alla fine del libro mi son sentito orfano per una settimana. Atroce. Atroce davvero. Oggi ho scoperto tra l'altro che Lost, la strafamosa serie TV finita lo scorso anno e ambientata su un isola sperduta, è stata fortemente influenzata da questo romanzo che gli autori si sono bevuti a più riprese. Ecco spiegato il motivo per cui ho adorato sia l'uno che l'altro. 
Dopo molti anni il libro un poì impolverato mi è ricapitato tra le mani e ho meditato sul fatto che fosse di gran lunga il miglior scritto di Stephen. Non mi sono mai avvicinato molto allo Stephen King reale, quello bruttino, con gli occhialini e il capello un po' trasandato. Ho sempre visto King attraverso le sue storie e le sue conclusioni finali, i suoi ringraziamenti alla fine di ogni libro che avevano sempre qualche aneddoto curioso al loro interno. Ecco perchè l'altro giorno sono andato in cerca di foto grandi che lo ritraessero.
Stephen-King.jpg Ho trovato anche una foto della sua casa nel Maine, dove poi sono ambientate quasi tutte le sue storie. Eccola qui, una casa come tante, con un aria però un po' sinistra anche grazie a quei pipistrelli sulla recinzione.

Stephen King

 

Stephen King

Questa presumo sia una foto molto recente.

Stephen King

Un king decisamente invecchiato (oggi ha 63 anni) anche e soprattutto dopo il brutto incidente capitatole nel giugno del 1999. Un pickup l'ha letteralmente travolto mentre passeggiava a piedi lungo il ciglio della strada. KIng dopo l'impatto è davvero ridotto malissimo: polmone destro perforato, gamba destra fratturata in almeno nove punti (tra cui ginocchio e anca), colonna vertebrale lesa in otto punti; quattro costole spezzate,  lacerazione del cuoio capelluto. Insomma è vivo per miracolo, ma dopo 7 operazioni chirurgiche Stephen si rimette in piedi e torna a scrivere dopo una pausa di un anno.
Ma veniamo al motivo fondamentale per cui ho scritto questo post... Dai libri di King sono stati tratti tanti film più o meno riusciti (It non mi è piacuto per nulla, mentre ho molto apprezzato Misery) e ora è arrivato il momento proprio de L'ombra dello scorpione. La Warner Bros e la CBS si sono unite per mandare avanti il progetto e proprio in queste settimane è cominciata la lavorazione alla sceneggiatura. Voglio sperare che venga fatto un lavoro eccezionale, con un regista degno di questo nome e con mirabolanti effetti visivi che sottolineino il patos che ho provato leggendo il romanzo. 
Inutile dire che se non l'avete letto, ve lo consiglio caldamente.

Pin It

7 commenti:

eliana ha detto...

Di Stephen King ho letto solo Cujo.. e mi è bastato!!!! Mi faceva una paura pazzesca ma non riuscivo a smettere di leggerlo!!!!
E dai nella seconda foto la faccia da psicolabile un po' ce l'ha!!!

Eliana

Angelwings ha detto...

Ah vedi che ti dicevo che ci somigliamo :) Anche io mi sono nutrita di Stephen e pure nella pausa pranzo! Mi prendeva così tanto che finito il libro spesso accendevo tutte le luci di casa per andare da un punto all'altro la sera O_o il mostro era in agguato... A parte gli scherzi (ma era vero) trovo che a differenza di altri scrittori dell'orrore lui sia in primis un grandissimo scrittore. Traccia i personaggi con una precisione e una sensibilità che spesso alla fine del libro rimani triste perchè ti ci eri affezionato. A me era capitato con Jack viaggiante del Talismano e con il libro Insomnia. Ma anche It non scherza, quel mattone :)) Il film omonimo non era all'altezza. Non conosco l'ombra dello scorpione ma me lo procurerò, magari da infilare nel mio ebook. Il film omonimo invece credo sia già uscito nel 94, era con Sinise se non erro... So, goodnight perchè é tardino :)

Angelwings ha detto...

...e wow! che casa, ma sicuramente piuttosto normale. Anzi a parte la casa dicono sia una sua particolarità non essere mai stato un amante dei viaggi ed essere sempre rimasto attaccato in maniera viscerale al suo Maine, lui che potrebbe vivere in ben altri posti. Ora buonanotte davvero, se inizio a parlare di lui resto in piedi tutta la notte, magari con le luci accese!

Momo ha detto...

Eliana, hehehe in effetti hai ragione. Me lo trovassi davanti in un vicolo buio non so che reazione avrei.

Angelwings, hai ragione su tutta la linea! La cosa che sa fare meglio Stephen è proprio quella di descrivere minuziosamente i suoi personaggi tanto da farli sembrare reali. Comunque se vuoi leggere L'ombra dello scorpione e magari lo vuoi in formato ebook, prova un po' a cliccare il link che ho messo nel post. Chissà mai...

Saint Andres ha detto...

Ma è sposato? Ha figli? Perché io mi immagino un suo figlio sul letto che legge IT un po' impaurito e Stephen toglie la corrente e nella penombra della casa con la sua maschera da clown diIT entra in camera dei figli per fargli uno scherzetto -_-'' ahah

Angelwings ha detto...

Oh, grazie mille! Vò a vedere!

Angelwings ha detto...

Interessante il link, grazie. Ma ho visto che nella mia collezione di epub c'era già in effetti. Ma ancora sul computer. Non era ancora caricato sull'ebook. Quanto prima mi leggerò questa meraviglia :))

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...