14 novembre 2009

La legna per l'inverno

Questa mattina dovevo partire per una delle mie escursioni in alta quota ma il tempo era veramente una cacca. Non minacciava pioggia ma era cupo e buio, sicuramente non le condizioni ideali per chi vuole fotografare.Mi ero anche comprato le ghette nuove, nere (ma guarda che caso) da poter usare in caso di sentieri innevati.
Tutto rimandato a sabato prossimo, sperando di non avere qualche rivista da impaginare. E così dal piacere sono passato magicamente al dovere. Alle 8.20 è arrivato il carretto della legna e così ho passato tutta la mattina a sistemarla all'aperto perchè si asciughi per bene.E' legna già tagliata, scarto di produzione di bancali che vengono fabbricati qui in valle.
Va benissimo per le stufe ad ole, sia come misura (non deve superare i 30 cm altrimenti non ci sta nella camera di combustione) che come consistenza. La legna di inizio post invece, è più adatta per le cucine economiche.
Qui da noi la legna è una sacralità e la gente occupa tantissimo del proprio tempo libero per andare a raccoglierla nei boschi, selezionarla, tagliarla e accatastarla. Io ancora non sono stato preso da questa cosa, che è sicuramente vantaggiosa (il Comune assegna a chi ne fa richiesta, una fetta di bosco da ripulire dai rami, e dai tronchi già tagliati, tutto ciò gratuitamente) ma anche faticosa e pericolosa. Ogni anno si leggono sui giornali a decine gli incidenti che nei boschi capitano a contadini, boscaioli o improvvisati tali. Non è da tutti lavorare con la motosega, l'accetta e la roncola. Comunque, dicevo che ancora non mi sono fatto prendere quasi per nulla dalla passione della legna, forse anche perchè ci vuole tempo sia per accendere le varie stufe, che per preparare la legna. e così la mia ole lavora poco per non dire nulla.L'anno scorso l'avrò accesa 4 volte in tutto l'inverno. Ma ora vorrei iniziare a usarla di più. Lo scoppiettare della legna è sempre una sensazione piacevole. Anche la Bubina vorrebbe tanto il caldo tepore della stufa ad ole. Vero Boo?
Quando si sdraia in questo modo sembra un vitello. Ma vi assicuro che è perfettamente in linea. Non la faccio mangiare mai più del dovuto. A-rieccola che ronfa sul suo cuscino preferito.
(TPP 20 minuti) Pin It

4 commenti:

Pimpinella ha detto...

Bellissima la tua stufa, io ne ho una in pietra ollare in sala e una in ghisa nel bagno, le uso costantemente, certo è una fatica e sporcano ma...il caldo è incomparabile...e il gatto ci si piazza sempre immancabilmente davanti !
La tua Boo in quella foto , sotto la seggiola sembra proprio un cuscino con testa e zampe applicate ehehhe nelle altre foto si vede invece che e' una gatta molto shic.
Ciao Nik

Zion ha detto...

che bella la tua Boo!!! le sue foto mi fanno impazzire!!!!
la tua stufa è meravigliosa come vorrei avercene una anche io. peccato la usi poco, nel caso magari tu possa fare qualche foto alla stufa accesa sappi che sarebbe il mio sfondo natalizio per il desktop!!! sicuro!!! :D

Saint Andres ha detto...

Più che un vitello sembrava un tappettino :D ahah è fantastica quella gatta!!

Moky ha detto...

Bella bellissima, la gatta e la stufa... visto che la neve si e' fatta vedere anche qui (come tutti gli anni, nel weekend post-Thanksgiving), ora sembra anche a me di essere in inverno!!! Almeno per qualche giorno!!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...